La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

AGGIORNAMENTI SUL MARKENTING OPD Cristina Giordano Op CDI – Milano Dr Michele Cervi Nidek Medical Milano 23 Febbraio 2010 OPD-Station Optical Path Difference.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "AGGIORNAMENTI SUL MARKENTING OPD Cristina Giordano Op CDI – Milano Dr Michele Cervi Nidek Medical Milano 23 Febbraio 2010 OPD-Station Optical Path Difference."— Transcript della presentazione:

1 AGGIORNAMENTI SUL MARKENTING OPD Cristina Giordano Op CDI – Milano Dr Michele Cervi Nidek Medical Milano 23 Febbraio 2010 OPD-Station Optical Path Difference STATION NIDEK MEDICAL s.r.l. Via Verdi, 17 Settimo Milanese (MI) Tel Fax

2 Migliorare le conoscenze di che cosa è lOPD Scan II Migliorare le conoscenza di cosa fa lOPD Scan II Ma soprattutto: Migliorare la comprensione di qual è il reale potenziale dellOPD Scan II Scopo di questa presentazione

3 PERCHE SONO 5 STRUMENTI IN UNO REFRATTOMETRIA REFRATTOMETRIA Autorefrattometro & autocheratometro TOPOGRAFO CORNEALE TOPOGRAFO CORNEALE ABERROMETRO ABERROMETRO Totale,Corneale e Interno. PUPILLOMETRO PUPILLOMETRO OPD STATION è una piattaforma lavorativa che integra più esami fondamentali Perchè OPD scan II e OPD STATION?

4 OPD Scan II station è uno strumento con un elevato numero di funzioni e di notevole profondità diagnostica,di conseguenza può risultare dispersivo. Fondamentale è quindi capire quali sono le esigenze di chi ci sta di fronte e di conseguenza scegliere il percorso informativo corretto. 1- Quali sono le soluzioni tecniche che stanno alla base di uno strumento come lOPD Scan II? 2- Quali tipi di indagine ci permette lOPD Scan II ? 3- Quali sono i punti di forza dellOPD Scan II 4- Qual è il target ideale dellOPD Scan II?e PERCHE?

5 LOPD scan II si basa sul principio della schiascopia dinamica (unico strumento ad utilizzare questo sistema), alla quale è affiancata la video topografia corneale, Tutto ciò permette di ottenere le misurazioni necessarie in diottrie Indaga su un area di 6mm acquisendo dati su di un totale di 1440 punti Dopo di che associa un colore a ciascuno potere sferico, questo permette di avere i dati che ricerchiamo direttamente in diottrie Potere Colore Quali sono i principi di funzionamento dellOPD Scan II?

6 Potere Colore Schiascopia Dinamica Un colore viene associato a ciascun potere sferico OPD Scan II - FUNZIONAMENTO

7 Permette alloculista di indagare le eventuali patologia dellocchio con 2 tipi differenti di indagine. Indagine refrattiva mappa topografiche Indagine aberrometrica mappe aberrometriche In questultimo caso permette di: Analizzare selettivamente le aberrazione dellocchio (totali,corneali, interne) Analisi della qualità visiva oggettiva Analizzare le singole aberrazioni o gruppi di aberrazioni fino all 8° grado Analizzare il potere accomodativo Raccogliere dati attendibili anche in occhi fortemente aberrati Assiale Istantanea Refrattiva Altimetrica OPD Internal OPD Wave Front Zernike PSF Tipi di indagine

8 CORNEAL NAVIGATOR Software che classifica le singole topografie in indici e classi di probabilità, rispetto alla deviazione standard. ASSIALE ISTANTANEA ALTIMETRICATARGET REFRATTIVO REFRATTIVA ABERROMETRICA ANELLI DI MISURA : 19 verticali, 23 orizzontali AREA DI MISURA : mm. RANGE DI MISURA : D RANGE ASSE : ° PUNTI DI MISURA : > DISCO DI PLACIDO TopografiaTopografia

9 Dr. Edoardo Ligabue MD Cristina Giordano Op Milano. oNelle valutazioni cliniche per la descrizione di irregolarità di curvature o asimmetrie oLanalisi topografica è solitamente utilizzata come screening per la valutazione delle forme distrofiche (cheratocono, degenerazione marginale pellucida) oCome screening nei pazienti potenzialmente candidati alla chirurgia refrattiva. o. Stephen D. Klice, Michael D. Karon, Michael K. Smolek: Screening Patient With the Corneal Navigator. Journal of Refractive Surgery Vol 21 September/October 2005 Topografia

10 oDurante la valutazione dei casi, pur avvalendoci di mappe topografiche e aberrometriche, talvolta non abbiamo elementi sufficienti per la diagnosi di un cheratocono. oWarpage corneali, esiti di CR, DMP, astigmatismi elevati, o edemi locali possono dare falsi positivi. Lanalisi topografica

11 oTuttavia la sola analisi delle mappe topografiche non è sempre esaustiva. oCi sono delle condizioni che possono portare ad aspetti topografici simili. Lanalisi topografica

12 La forma di una cornea ne caratterizza gli aspetti ottici e questi possono essere quantificati con indici numerici paragonati a un range di normalità. Questo sistema è utilizzato dal corneal navigator, un software diagnostico allinterno dellOPD OPD SCAN II e Corneal Navigator

13 NRM (Normal). Emmetropia, astigmatismo tra ± 0,50 D. AST (Astigmatism). Astigmatismo superiore allo ± 0,50 D. KCS (Keratoconus suspect). KC (Clinical Keratoconus ). PMD (Pellucid Marginal Degeneration). PKP (Penetreting Keratoplasty). MRS (Myopic Refractive Surgery). HRS (Hyperopic Refractive surgery). OTH (Underclassified variations). Corneal Navigator

14 Corneal navigator Indici di forma e di potere oValori compresi entro 2 deviazioni standard: NORMALI oValori compresi entro 2-3 deviazioni standard: SOSPETTI oValori maggiori 3 deviazioni standard: ANOMALI INDICI CHERATO REFRATTIVI O INDICI DELLA QUALITA OTTICA DELLA CORNEA

15 MesopicaFotopica LOS Line of sight Linea della vista (Fotopica o Mesopica) 3 Diametri pupillari 3 Distanza tra i due centri La pupillometria

16 Fotopica (rosa) + centro pupilla fotopica Mesopica (azzurro) + centro pupilla mesopica La pupillometria

17 La pupillometria è fondamentale per : Chirurgia refrattiva allo scopo di scegliere la dimensione della zona ottica su cui laser opererà poi lablazione Screening dei pazienti per limpianto di IOL multifocali Scelta della zona ottica della IOL Scelta della zona ottica della lente a contatto La pupillometria

18 ESEMPIO: USIAMO LA PUPILLOMETRIA NELLO SCREENING PREOP PER LA CH REFRATTIVA Rilevazione Diametro pupillare PREOP

19 ESEMPIO: USIAMO LA PUPILLOMETRIA NEL POST-OP CH REFRATTIVA PER VALUTARE IL RISULTATO REFRATTIVO POSTOP Valutazione del risultato refrattivo nella zona pupillare.

20 OPD, mappa dei poteri Tecnologia Espressa in diottrie Fronte donda PSF Zernike Equivalente OPD Scan II - ABERROMETRIA

21 Le aberrazioni ottiche possono ridurre la qualità della visione e sono causate dallirregolarità dei mezzi che la radiazione incidente incontra a partire dal film lacrimale fino ai fotorecettori retinici, facendo riferimento ad un modello matematico ideale. *C. Giordano, A. Mularoni: Aberrometria e lenti a contatto – Aberrometria: principi, strumenti, utilizzo clinico; SOI Novembre 2006 Liquido lacrimale Cornea Umor acqueo Cristallino Umor vitreo Retina centrale NO RIFLESSIONE Le aberrazioni ottiche

22 Laberrometria indaga sulle aberrazioni ottiche, cioè sui difetti di un sistema ottico. Locchio non è perfetto, presenta aberrazioni fisiologiche, in alcune situazioni si possono presentare però aberrazioni che si aggiungono a quelle già presenti creando discomfort nella visione Che cosa è laberrometria

23 IdealeIdeale AberratoAberrato WAVE FRONT Lo studio aberrometrico permette: Analisi della qualità ottica del sistema.Analisi della qualità ottica del sistema. Lo studio è finalizzato alla correzione dei difetti ottici presenti (chirurgia refrattiva, chirurgia refrattiva della cataratta, LAC).Lo studio è finalizzato alla correzione dei difetti ottici presenti (chirurgia refrattiva, chirurgia refrattiva della cataratta, LAC). Evitare di introdurreEvitare di introdurre nuove aberrazioni durante il trattamento correttivo. Lo studio aberrometrico

24 Total Wave Front Corneal Wave Front Internal Wave Front TOTALE. CORNEALE. INTERNA. 3 Scomponibili in gruppi attraverso i singoli polinomi di Zernike. 3 Il diametro è modificabile da 3 mm a 6 mm. 3 Gli ordini dei polinomi di Zernike sono selezionabili dal 3° all8°. 3 Scomponibili in gruppi attraverso i singoli polinomi di Zernike. 3 Il diametro è modificabile da 3 mm a 6 mm. 3 Gli ordini dei polinomi di Zernike sono selezionabili dal 3° all8°. 3 Scomponibili in gruppi attraverso i singoli polinomi di Zernike. 3 Il diametro è modificabile da 3 mm a 11 mm. 3 Gli ordini dei polinomi di Zernike sono selezionabili dal 3° all8°. LaberrometriaLaberrometria

25 TOTALE TOTALE = OPD Fronte donda totale OPD Fronte donda totale cornea (anteriore e posteriore), cristallino, corpo vitreo e retina. OPD- Scan II e OPD Station aberrometria OPD- Scan II e OPD Station aberrometria

26 CORNEA CORNEA = Superficie anteriore della cornea CORNEA Fronte donda corneale CORNEA Fronte donda corneale OPD- Scan II e opd Station aberrometria OPD- Scan II e opd Station aberrometria

27 INTERNAL INTERNAL = Internal OPD Fronte donda interno Superficie posteriore della cornea, ceristallino, corpo vitreo e retina. OPD- Scan II e opd Station aberrometria OPD- Scan II e opd Station aberrometria

28 Selezione delle aberrazioni TOTALSELECTION 2 Aberrazioni di alto ordine Risultato OPD- Scan II e opd Station aberrometria OPD- Scan II e opd Station aberrometria

29 Grafico di Zernike Coefficenti RMS per i diversi gruppi di aberrazioni OPD- Scan II e OPD Station aberrometria OPD- Scan II e OPD Station aberrometria

30 Mappa assiale LASIK per miopia con astigmatismo miopico

31 Valutazione aberrometrica nella chirurgia della cataratta PRE-OPPOST-OP

32 Specialisti nei trattamenti refrattivi sia in strutture private sia in strutture pubbliche Specialisti nella chirurgia della cataratta sia privati che pubblici Oculisti che eseguono analisi visive Oculisti che utilizzano frequentemente la topografia Ricercatori Contattologi CHI SONO I POTENZIALI UTILIZZATORI DELLOPD Scan II e OPD STATION

33 Specialisti in refrattiva PRE operatorio: - valutazione patologia - scelta pattern ablativo pesato su ogni singola aberrazione presente POST operatorio: - valutazione della compensazione del difetto refrattivo - valutazione delle possibili Aberrazioni indotte

34 Specialisti in refrattiva Analisi PRE intervento: Valutare separatamente le Aberrazioni corneali e quelle interne Valutare il peso delle singole aberrazioni (defocus, astigmatismo, Ab.sferica,…) Individuare in modo preciso le aberrazioni causanti maggior disturbo diottrico Simulare la qualità del Visus POST operatorio

35 Specialisti in refrattiva Analisi POST intervento: Valutare se la compensazione del difetto refrattivo è stata raggiunta Valutare linduzione di aberrazioni causate dal rimodellamento corneale. Valutare nel tempo lorigine delle diverse complicanze insorte nel sistema diottrico (definire se le problematiche derivino dalloperazione eseguita o magari da problemi di cataratta)

36 Specialisti in cataratta PRE operatorio: - semplice diagnosi della patologia - scelta della IOL ottimale POST operatorio: - controllo del posizionamento della IOL - identificazione delle possibili problematiche indotte

37 Specialisti in cataratta Analisi PRE intervento: Attraverso lanalisi dellaccomodazione riusciamo ad ottenere informazioni sullo stato del cristallino Valutando le aberrazioni corneali abbiamo informazioni utili nella scelta della IOL: Asferica: valore di asfericità necessario Torica: valore di compensazione del solo astigmatismo e posizionamento Multifocale: posizione e luce dei fuochi.

38 Specialisti in cataratta Analisi POST intervento: Valutazione delle problematiche ancora presenti e identificazione delle cause (IOL o problemi corneali) Valutazione del corretto posizionamento della IOL: Tilt - dislocamento, Coma - decentramento extraassiale, Defocalizzazione – decentramento assiale.

39 Concetto di un unico strumento per più funzioni incorporate fino a 5 funzioni. Chi vuole dare Plus valore al proprio centro, può acquistare un OPD SCAN II avendo anche un ritorno economico. E frequente il caso in cui durante gli esami refrattometrici si evidenzi la necessità anche di procedere ad un esame Topografico. Con lOPD SCAN II si può procedere immediatamente non dovendo ricorrere ad un altro STRUMENTO SPECIALISTI CHE FANNO ANALISI VISIVA

40 Esempio da suggerire agli utilizzatori: Oculisti che fanno circa 600/700 Topografie annue: Esami di Topografia 700x 30 Euro Ticket minimo ad esame totale fatturato Euro sufficiente a finanziare un OPD SCAN in 3 4 anni 100%100% Sia in Ospedale che negli Studi privati Specialisti che utilizzano la topografia

41 ContattologiContattologi PRE applicazione: - valutazione patologia - scelta RPG con miglior indice di correzione POST applicazione: - valutazione della compensazione del difetto di interesse - valutazione del corretto posizionamento - valutazione delle possibili Aberrazioni indotte

42 Le LAC sono da sempre indicate per la correzione delle aberrazioni ottiche corneali.* Soprattutto per le aberrazioni di ordine elevato difficilmente compensabili con lenti oftalmiche.** Lesame aberrometrico viene eseguito in fase pre-applicazione. Durante i controlli di feed-back come monitoraggio della stabilità dei dati nel tempo. * C. Bianchi, M. Campanelli: Diagnosi e terapia delle aberrazioni corneali indotte dale lenti a contatto (transitorie e permanenti) –Contattologia Medica – Edizioni SOI (Novembre 2003) **Pascall Allione et all: Varilux® Physio: tecnologie di punta al servizio della vista – Ottica Fisiopatologica – ISSN – Anno XI numero 2 giugno DOGMA Perche aberrometria e LAC?

43 Mappa Pre Mappa Post Differenziale: compensazione delle aberrazioni HO Efficacia dellapplicazione di LAC?

44 Adesso che abbiamo individuato chi sono i principali fruitori di OPD Scan II cerchiamo di conoscere meglio i challenger presenti sul mercato! Zeiss I.perimeter Luneau L80 Ziemer Maxwell Z Wave Orb Scan Tracey


Scaricare ppt "AGGIORNAMENTI SUL MARKENTING OPD Cristina Giordano Op CDI – Milano Dr Michele Cervi Nidek Medical Milano 23 Febbraio 2010 OPD-Station Optical Path Difference."

Presentazioni simili


Annunci Google