La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CONVEGNO NAZIONALE SIPSOT Sviluppo e salute psicofisica : fondamenti, percorsi e strumenti di intervento Lecce 22 maggio 2008 Famiglie che si confrontano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CONVEGNO NAZIONALE SIPSOT Sviluppo e salute psicofisica : fondamenti, percorsi e strumenti di intervento Lecce 22 maggio 2008 Famiglie che si confrontano."— Transcript della presentazione:

1 CONVEGNO NAZIONALE SIPSOT Sviluppo e salute psicofisica : fondamenti, percorsi e strumenti di intervento Lecce 22 maggio 2008 Famiglie che si confrontano con il limite: lesperienza del progetto TEPSDown Maria Grazia Foschino Barbaro Servizio di Psicologia Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII, Azienda Ospedaliera Policlinico Bari

2 Teoria dellattaccamento (Bowlby1969, 1973, 1980) Fattori protettivi Sensibilità materna Capacità autoriflessiva Qualità delle cure (Stern, Fonagy, Ferguson 2001)

3 Impotenza Inadeguatezza Stress familiare Il confronto con la disanilità

4 Sgomento Confusione Depressione Senso di colpa Fattori di rischio Dal bambino ideale al bambino con problemi

5 Fattore di rischio figura di attaccamento spaventata/spaventante, allorigine del pattern disorganizzato Main e Hesse (1990, 1992), il pattern disorganizzato porta, in età adulta, ad alterazioni dello stato di coscienza. Liotti (1991/2001) Dal bambino ideale al bambino con problemi

6 Ridotta capacità del bambino di inviare segnali chiaramente identificabili Fattori di rischio

7 Interferenze sulla capacità di riconoscere i bisogni del bambino e fornire cure adeguate ( Cassibba, van IJzendoorn 2005). Sensibilità materna

8 Lesperienza della sindrome di Down: Rifiuto Inadeguatezza Solitudine

9 Incremento di attaccamento insicuro e disorganizzato nei bambini con SD e con disabilità cognitive (Rogers, Ozonoff, Maslin-Cole, 1991; van IJzendoorn, 1992, 1999; Vaughn, 1994; Atkinson, Chisholm e altri 1999).

10 Qualità di vita Sviluppo psicofisico Riferimento Guida Comprensione Ascolto Speranza Rapporto OMS 2004

11 Integrazione dei processi terapeutici Psico-socio-sanitari per la tutela dei bambini down e delle loro famiglie TEPS- DOWN Ricerca finalizzata

12 TEPS DOWN – Unità Operative coinvolte ASL Brindisi – P.O. Perrino – Neonatologia Dr. Giuseppe Latini (Responsabile Scientifico) A.O. Univ. Senese, Policlinico LeScotte – UnitàTIN, Neonatologia Dr. Claudio De Felice I.RI.D.I.A. S.r.l. Ing. Pierpaolo Mincarone ASL Lecce – P.O. Fazzi - Ostetricia e Ginecologia Dr. Francesco Tinelli ASL Bari – P.O. Di Venere - GENETICA MEDICA Dr. Mattia Gentile ASL Bari –Monopoli Ostetricia e Ginecologia Dr. Pasquale Aquilino Università di Bari - UO Ginecologia e Ostetricia 4 Prof. Vincenzo DAddario A. O. Policlinico Bari - Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII Psicologia Dr.Ssa Maria Grazia Foschino Barbaro Università degli Studi di Siena – Dip. di Patologia Umana e Oncologia Dr. Giorgio Bianciardi ASL Bari - P.O. SanPaolo –Ostetricia e Ginecologia Dr. Vincenzo Marotta A.O. S.Carlo Potenza - Ostetricia e Ginecologia 1 Dr. Michele Principale

13 R. Marvin, R. Pianta Journa of Clinical Child Psychology, 1996 sicurezza del legame madre- bambino Non con la gravità della diagnosi, né con il l tempo trascorso dalla comunicazione Elaborazione della diagnosi Correlata con

14 Condivisione e sensibilità del pediatra (97%), Possibilità di parlare liberamente (95%), Possibilità di esprimere le emozioni (93%), Maggiori informazioni sulla sindrome (90%), Possibilità di parlare con altri genitori (87%). I bisogni dei genitori (Scarpe, Strass, Lorch, 1992)

15 RICONOSCIMENTO difficoltà dellesperienza; - cambiamento emotivo; - cambiamenti nella vita; - rinuncia alla ragione esistenziale della diagnosi (Perchè me?); realistica rappresentazione delle abilità del bambino; benefici e svantaggi dell'esperienza. Marvin, R. Pianta, Journal of Clinical Child Psychology, 1996 INDICATORI di RISOLUZIONE DIAGNOSI:

16 Sostenere la famiglia Percorsi assistenziali differenziati - in gravidanza -- da 0 – 3 anni -- da 3 a 6 anni -. Per età successiva

17 Servizi e disabilità

18 Immediatezza Presenza di madre e padre Spazio e tempo adeguati Evidenziare le peculiarità del bambino sulla sindrome Fornire informazioni sulle risorse territoriali Suggerire di comunicare ai familiari e amici Accettare la sofferenza di dare tali notizie

19

20 Noi siamo persone degne di ogni rispetto e abbiamo diritto di vivere le nostre vite nella società. Noi cercheremo di fare il nostro dovere sperando che voi rispettiate i nostri diritti


Scaricare ppt "CONVEGNO NAZIONALE SIPSOT Sviluppo e salute psicofisica : fondamenti, percorsi e strumenti di intervento Lecce 22 maggio 2008 Famiglie che si confrontano."

Presentazioni simili


Annunci Google