La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Approccio al bambino disabile Basato sul lavoro di equipe multidisciplinare, indispensabile per rispondere ai bisogni del soggetto in età evolutiva : Approccio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Approccio al bambino disabile Basato sul lavoro di equipe multidisciplinare, indispensabile per rispondere ai bisogni del soggetto in età evolutiva : Approccio."— Transcript della presentazione:

1 Approccio al bambino disabile Basato sul lavoro di equipe multidisciplinare, indispensabile per rispondere ai bisogni del soggetto in età evolutiva : Approccio clinico pediatrico Diagnosi neuropsichiatrica per la valutazione cognitiva, psichica, epilettologica Inquadramento psicologico con la somministrazione di scale valutative Presa in carico degli aspetti socio- relazionali Coordinamento delle attività educative

2 Perché occorre il pediatra ? Il pediatra deve assumere un ruolo trasversale tra le competenze che gravitano intorno al bambino Il bambino non è un piccolo adulto Il bambino disabile è un bambino Le malattie infantili, anche comuni, possono essere più complicate nel disabile Promuovere lo sviluppo nonostante la disabilità

3 Causa:Disabile si nasce? Cause connatali : infezioni, assunzioni di sostanze teratogene, sofferenza cronica Cause congenite: malattie eredo familiari, genetiche Cause perinatali: le problematiche legate al parto

4 Secondaria a:Disabile si diventa? Cause infettive che determinano lesioni cerebrali Incidenti anossici, ingestione di sostanze tossiche, traumi cranici Eventi traumatici distrettuali

5 Il bambino disabile e ….. Aspetti pediatrici: Alimentazione: quali problematiche rispetto a età e gravità Crescita: cosa significa? Le tappe evolutive Importanza della prevenzione Le acuzie

6 Il bambino disabile e il bisogno affettivo, relazionale Aspetti psicologici: Il bisogno affettivo anche nel grave Come laffettività produce risultati sulla crescita e la salute Coltivare relazioni per sentirsi amati e inseriti nel mondo che è di tutti. Esperienze di stimolazione sensoriale

7 Il disabile e la famiglia Aspetti sociali: Primo luogo daccoglienza Rete sociale di sostegno e aiuto: anche il sanitario può farlo Rapporto medico-famiglia: insieme per pensare al meglio per lui Saper comunicare i progetti e le diagnosi

8 Il bambino disabile e lOspedale Il Ricovero in struttura protetta Quando e perché in ospedale Lospedale sa accogliere il bambino disabile e le sue esigenze? Intergazione anche in Ospedale: vivere in corsia, giocare in ludoteca La cultura del disabile in Ospedale: esperienza al S. Paolo col servizio DAMA

9 Il bambino disabile istituzionalizzato Quando è necessario Il Centro Diurno: attività di giorno, a casa di sera La degenza piena: meno istituto più casa La casa famiglia: piccole comunità protette per letà evolutiva, sarebbe bello!!!

10 Siamo tutti disabili Ricordiamoci che: Disabilità = non abilità a fare qualcosa Chi di noi non è abile a fare qualcosa? Ergo: tutti siamo disabili! Assioma aristotelico


Scaricare ppt "Approccio al bambino disabile Basato sul lavoro di equipe multidisciplinare, indispensabile per rispondere ai bisogni del soggetto in età evolutiva : Approccio."

Presentazioni simili


Annunci Google