La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 1 U.O.A. di NPI I disturbi di apprendimento Dott.ssa Paola Cavallo

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 1 U.O.A. di NPI I disturbi di apprendimento Dott.ssa Paola Cavallo"— Transcript della presentazione:

1 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 1 U.O.A. di NPI I disturbi di apprendimento Dott.ssa Paola Cavallo I disturbi di apprendimento Dott.ssa Paola Cavallo

2 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 2 APPRENDIMENTO: alcuni concetti di base E un processo: –connesso alla funzione di adattamento degli esseri viventi allambiente –implica cambiamento continuo Nellinterazione di sistemi complessi (bambino e il suo ambiente) –numerose sono le variabili –difficili sono le previsioni

3 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 3 APPRENDIMENTO: alcuni concetti di base Lapprendimento di nuove abilità richiede –strutture innate efficienti (geneticamente determinate) –motivazione –ambiente favorevole (relazioni affettive, esperienze) Un sistema in equilibrio –dà maggiori garanzie di successo –è in grado di strutturare da sé soluzioni adattive

4 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 4 ALCUNI DATl NOSOGRAFICI Le categorie principali problemi di apprendimento secondari, associati a condizioni neuropsichiatriche conclamate: ritardo mentale disturbi generalizzati dello sviluppo psicologico (autismo,etc.) disturbi della personalità disturbi gravi della sfera emotiva

5 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 5 ALCUNI DATl NOSOGRAFICI Le categorie principali difficoltà aspecifiche di apprendimento (learning difficulties) disturbi specifici di apprendimento (learning disabilities)

6 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 6 DIFFICOLTA ASPECIFICHE DI APPRENDIMENTO (Learning difficulties) riguardano il 10-15% della popolazione scolastica possono manifestarsi allinizio delliter scolastico o a iter scolastico inoltrato esprimono una difficoltà di adattamento allimpatto con le richieste scolastiche o ad un aumento della complessità (2° ciclo delle elementari o 1° media)

7 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 7 DIFFICOLTA ASPECIFICHE DI APPRENDIMENTO (Learning difficulties) sono associate a fattori diversi: problematiche ambientali, sociali, familiari (scarsità di stimoli relazionali, povertà esperienziale, disordini della scolarità) ritardi mentali lievi o livelli cognitivi limite (QI < 85) disturbi dellarea emozionale con manifestazioni subcliniche (quadri depressivi minori, disturbi dansia di separazione, quadri di inibizione)

8 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 8 DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO(Learning dysabilities) riguardano il 2-4% circa della popolazione scolastica sono più frequenti nei maschi sono disturbi di sviluppo, ovvero accompagnano il bambino nel suo percorso evolutivo

9 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 9 DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO(Learning dysabilities) si manifestano fin dallinizio dellesperienza scolastica e accompagnano il bambino nel suo percorso di scolarizzazione tendono a migliorare nel tempo, ma spesso lasciano qualche traccia nelladolescenza e nelletà adulta hanno manifestazioni molto variabili come severità in quanto esprimono variazioni della distribuzione normale lungo un continuum

10 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 10 DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO(Learning dysabilities) leziologia non è chiarita del tutto, ma si suppone siano implicati fattori biologici (geneticamente determinati) che portano allo sviluppo di una peculiare architettura neurofisiologica e/o neurobiochimica,e che interagiscono con fattori non biologici (ambientali, relazionali) Le caratteristiche del disturbo possono modificarsi a livello di espressione clinica nel corso dello sviluppo. (Disturbo specifico di linguaggio => Disturbo specifico di lettura e scrittura => Disturbo dellespressione scritta)

11 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 11 DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO = DISTURBI PERVASIVI I bambini con DA spesso presentano organizzazioni cognitivo-relazionali peculiari. Sono bambini che funzionano in modo diverso dalla media dei coetanei. Tali differenze, che riguardano il modo di organizzarsi di fronte agli stimoli del mondo esterno, hanno conseguenze spesso molto evidenti sugli apprendimenti scolastici, ma si manifestano anche in altri ambiti della loro vita quotidiana.

12 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 12 DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (Learning dysabilities) DIAGNOSI CLINICA Il percorso diagnostico è articolato e complesso La diagnosi deve essere effettuata da operatori sanitari con formazione specifica

13 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 13 DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (Learning dysabilities) la diagnosi viene effettuata con criteri di inclusione e di esclusione le compromissioni devono essere specifiche e significative (-2ds dalla media); esistono protocolli appositi; Concetto di discrepanza le compromissioni NON devono essere il risultato diretto di altre condizioni patologiche (deficit cognitivo, deficit neurologico conclamato, problemi visivi o uditivi, disturbi emotivi) devono esserci state normali opportunità educative e scolastiche

14 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 14 CLASSIFICAZIONE ICD10 E una classificazione di tipo descrittivo-categoriale, multiassiale: ASSE I: Sindromi cliniche psichiatriche ASSE II: Disturbi da alterazione specifica dello sviluppo psicologico ASSE III: Livello intellettivo ASSE IV: Condizioni mediche ASSE V: Situazioni psicosociali anomale

15 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 15 CLASSIFICAZIONE ICD10 (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO) Si codificano sullASSE II come: Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche (F81) Disturbi specifici della lettura (F81.0) (Comprendono la Dislessia Evolutiva) Disturbi specifici della compitazione (F81.1) Disturbi specifici delle abilità aritmetiche (F81.2) Disturbi misti delle capacità scolastiche (F81.3) Altri disturbi evolutivi delle abilità scolastiche (F81.8) Disturbi evolutivi delle abilità scolastiche non specificati (F81.9)

16 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 16 DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO E COMORBILITA Sono frequenti le associazioni con altre sindromi cliniche e/o altri disturbi specifici: Sindrome ipercinetica (Disturbo dellattività e dellattenzione) Disturbi della condotta Disturbi specifici di linguaggio Disturbi evolutivi specifici della funzione motoria Disturbi della sfera emozionale

17 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 17 DISTURBI SPECIFICI DELLA LETTURA (DISLESSIA EVOLUTIVA) TIPOLOGIE Classificazione di Bakker Dislessia di tipo L Dislessia di tipo P Classificazione di Boder Dislessia disfonetica Dislessia diseidetica Dislessia mista Modello neuropsicologico-cognitivista Dislessia fonologica Dislessia superficiale

18 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 18 DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: LA PRESA IN CARICO ELEMENTI DI COMPLESSITA Il bambino che interagisce con il suo ambiente familiare e scolastico Il percorso diagnostico e di presa in carico Lintegrazione scolastica

19 28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 19 DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO: LA PRESA IN CARICO COME SEMPLIFICARE LA COMPLESSITÁ Modelli teorici esplicativi validati dalla comunità scientifica Percorsi di conoscenza del bambino articolati, flessibili, sperimentati Lavoro di integrazione in equipe: la centralità del bambino


Scaricare ppt "28/10/2003 Dott. ssa Paola Cavallo Neuropsichiatra Infantile 1 U.O.A. di NPI I disturbi di apprendimento Dott.ssa Paola Cavallo"

Presentazioni simili


Annunci Google