La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Gestione e Progettazione in Agricoltura Antonio Mastropirro Esperienze e prospettive nellimpiego della confusione sessuale per il contenimento della tignoletta.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Gestione e Progettazione in Agricoltura Antonio Mastropirro Esperienze e prospettive nellimpiego della confusione sessuale per il contenimento della tignoletta."— Transcript della presentazione:

1 Gestione e Progettazione in Agricoltura Antonio Mastropirro Esperienze e prospettive nellimpiego della confusione sessuale per il contenimento della tignoletta della vite

2 LA LOTTA CHIMICA Trattamenti a calendario (fino a 20con insetticidi)Trattamenti a calendario (fino a 20con insetticidi) Ridotti a max 3/4 per ogni generazione carpofaga con il monitoraggioRidotti a max 3/4 per ogni generazione carpofaga con il monitoraggio Da qualche anno assistiamo ad un eccessiva attenzione posta sulla generazione antofaga ( impiego di regolatori di crescita )Da qualche anno assistiamo ad un eccessiva attenzione posta sulla generazione antofaga ( impiego di regolatori di crescita )

3 IL COMPORTAMENTO DELLA LOBESIA NEGLI AREALI VITICOLI PUGLIESI Ciclo Lobesia botrana Andamento del volo dei maschi adulti in un vigneto cv Italia a raccolta tardiva Rutigliano, 2003 FIORITURA 10/420/430/410/520/531/510/620/630/610/7 5/4 20/731/710/820/

4 FIORITURA Ciclo Lobesia botrana Andamento del volo dei maschi adulti in un vigneto cv Italia a raccolta di medio periodo San Ferdinando, 2006 IL COMPORTAMENTO DELLA LOBESIA NEGLI AREALI VITICOLI PUGLIESI

5 FAMIGLIASPECIENOME COMUNERIF. BIBLIO. ACTINIDIACEAEActinidia chinensisKiwiMoleas, 1988 ARALIACEEHedera helixEdera comuneStellwaag, 1924 BERBERIDACEAEBerberis spp. Stellwaag, 1924 Mahonia acquifoliumMahoniaRuiz Casrto, 1943 CAPRIFOLIACEAELonicera caprifoliumCaprifoglioGalet, 1982 Lonicera xylosteumCaprifoglio pelosoStellwaag, 1924 Viburnum lantanaViburnoStellwaag, 1924 CARIOFILLACEAEDianthus spp.GarofanoVasileva e Sekeskaya, 1986 Silene inflataSileneRuiz Castro, 1943 COMPOSITAEAchillea millefolium*AchilleaGalet, 1982 Chrysantemum vulgare*CrisantemoGalet, 1982 Taraxacum officinale*Tarassaco comuneGalet, 1982 CONVOLVULACEAEConvolvolus arvensis*Vilucchio dei campiGalet, 1982 CORNIACEAECornus masCornioloStellwaag, 1924 Cornus sanguineaCorniolo sanguignoMarchal, 1912 CRASSULACEAESedum album*Borracina biancaGallet, 1982 Sedum acre*Borracina acreGallet, 1982 THYMELAEACEAEDaphne gnidiumDafne gnidioMarchal, 1912 Passerina hirsutaTimelea barbosaKorashy DIOSCOREACEAETamus communisTamaroBalachowsky & Mesnil, 1935 EBENACEAEDiospyros kakiKakiStoeva, 1982 Elenco delle possibili piante ospiti della Lobesia botrana (tratto dalla tesi di dottorato di Nevile Maher) 1

6 ERICACEAEArbutus unedoCorbezzoloStellwaag, 1924 EUPHORBIACEAEMercurialis annua*Mercorella comuneGalet, 1982 FUMARIACEAEFumaria officinalsFumariaGalet, 1982 PUNICACEAEPunica granatumMelogranoVasileva & Sekerskaya, 1986 SAXIFRAGACEAERibes grossulariaUvaspinaStellwaag, 1924 Ribes nigrumRibes neroMarchal, 1912 Ribes rubrumRibes rossoMarchal, 1912 LABIATAERosmarinus officinalisRosmarinoStellwaag, 1912 LILIACEAEScilla spp.ScillaBalachowsky & Mesnil, 1935 OLEACEAELigustrum vulgareLigustroStellwaag, 1912 Olea europeaOlivoTzanakakis & Savopoulou, 1973 UMBELLIFERAEFalcaria vulgaris*FalcariaGalet, 1982 PAPILIONACEAEMedicago sativaErba medicaRiuz Castro, 1943 Trifolium pratenseTrifoglioRiuz Castro, 1943 POLYGONACEAEPolygonum aviculare* Erba correggiola Galet, 1982 RANUNCOLACEAEClematis flammula Clematide fiammella Balachowsky & Mesnil, 1935 Clematis vitalba Vitalba Stellwaag, 1924 RHAMNACEAEZiziphus vulgaris Giuggiolo Marchal, 1912 Olivo 2

7 ROSACEAEAmygdalus communis Mandorlo Balachowsky & Mesnil, 1935 Cerasus avium Ciliegio dolce Stoeva, 1982 Crataegus sp. Biancospino Balachowsky & Mesnil, 1935 Malus communis Melo Stoeva, 1982 Malus pupila Melo Stavridis & Savopoulou-S, 1998 Prunus armeniaca Albicocco Stavridis & Savopoulou-S, 1998 Prunus domestica Susino Stavridis & Savopoulou-S, 1998 Prunus persica Pesco Stavridis & Savopoulou-S, 1998 Prunus spinosa Prugnolo Ruiz Castro, 1943 Rubus sp. Lampone Marchal, 1912 RUBIACEAE Gallium mollugo Caglio tirolese Ruiz Castro, 1943 SOLANACEAE Solanum tuberosum* Patata Galet, 1982 ANACARDIACEAERhus glabra Sommacco Stellwaag, 1924 VITACEAE Vitis vinifera Vite Parthenocissus quinquefolia Vite americana Marchal, 1912 * pianta non ospite secondo Luestner (1914), citata come pianta ospite da Galet (1982) Mandorlo Ciliegio dolce Pesco La pianta ospite prediletta è la vite, ma è in realtà una specie molto polifaga, capace di vivere su molte piante tipiche dellambiente mediterraneo tra cui lolivo,il mandorlo, il ciliegio, anche se non di tutte è conosciuto il ruolo che esercitano sullo sviluppo dellinsetto. 3

8 IL METODO DELLA CONFUSIONE SESSUALE

9 Le esperienze riportate sono il risultato di otto anni di applicazione della tecnica della confusione sessuale su vigneti uva da tavola in Puglia. I vigneti coperti per lanticipo della maturazione sono stati i primi in ordine cronologico Da quattro anni si conducono alcune esperienze su vite da vino allevata sia a tendone che a spalliera. Il prodotto che abbiamo selezionato con cui stiamo attuando il metodo è lo Shin-Etsu disribuito da CBC Europe

10 Miglioramento delle condizioni di vivibilità dei vigneti (intossicazioni) Possibilità di controllare meglio linsetto in zone ad alta pressione Residui La revisione europea delle sostanze attive (dir. 91/414) (riduzione drastica delle s.a. a disposizione fase non conclusa) Perché siamo giunti alla confusione: La viticoltura da tavola moderna richiede una importante serie di operazioni manuali. Poter lavorare in un ecosistema più pulito è perciò, prima di tutto, una grande priorità per gli addetti del settore. Le GDO che operano nel settore dellortofrutta ed in modo particolare delluva da tavola, sono sempre più interessate a commercializzare prodotti buoni, belli ma soprattutto a basso tenore di residui di agrofarmaci. Prodotto Coop - CoopItalia Naturama - Esselunga Percorso Qualità Conad - Conad Filiera Qualità Carrefour - Carrefour Rio Grande - Edeka Terra e sapore - Casinò Prodotto di filiera – Rinascente-Auchan Kaufland, Lidl, Coop Sizzera ecc.

11 Bilancio insetticidi (al dicembre 2008) InsetticidiEsclusiInclusiValut.totale fosforganici carbammati piretroidi48517 neonicotinoidi-5-5 IGR - MAC32712 naturali altri94821 La revisione europea delle sostanze attive

12 Confusione sessuale Bacillus thuringiensis (var. kustaki e aizawai) Fenitrotion Fosalone Malation Clorpirifos metile Clorpirifos (1) Triclorfon Indoxacarb Spinosad Teflubenzuron Tebufenozide Flufenoxuron Lufenuron Metossifenozide Confusione sessuale Bacillus thuringiensis (var. kustaki e aizawai) Clorpirifos metile Clorpirifos Indoxacarb Spinosad Teflubenzuron Tebufenozide Flufenoxuron Lufenuron Metossifenozide Bilancio insetticidi (al dicembre 2008) La revisione europea delle sostanze attive

13 Incremento della superficie dei vigneti in confusione ( periodo 2001 – 2008 )

14 Il metodo si basa sullinterruzione della comunicazione chimica tra insetti della stessa specie una volta giunti a maturità sessuale

15 COMPETIZIONE VENT O CAMUFFAMEN TO Omogenea presenza di feromone sintetico Numero elevato di sorgenti artificiali emittenti quantità di feromone pari a quelle delle femmine Cardé (1990) e Sanders (1997) Competizione false trail following Mascheramento trail masking Affaticamento sensoriale habituation Il contatto con elevate concentrazioni di feromone riduce sia il livello di attivazione dei sensilli sia la risposta del sistema nervoso centrale Il meccanismo della confusione sessuale

16 senza DIFFUSORI.....

17 ....e con DIFFUSORI Viene generata una nube di feromone nel vigneto -non sono in grado di percepire il feromone liberato dalle femmine - non si hanno accoppiamenti - le femmine non vengono fecondate e non danno vita ai discendenti I maschi della Lobesia hanno le antenne (organi sensoriali) saturate: - non sono in grado di incontrare le femmine

18 Le aree sottoposte a confusione sessuale devono essere sufficientemente grandi: > 2 ettari Lapplicazione del metodo deve tenere conto dei seguenti aspetti : Numero di diffusori ad ettaro: , distribuiti uniformemente allinterno del vigneto (500 per vigneti a spalliera)

19 Come si distribuiscono i diffusori Rafforzamento ai bordi e testate

20 Le aree sottoposte a confusione sessuale devono essere sufficientemente grandi: > 2 ettari Numero di diffusori ad ettaro: , distribuiti uniformemente allinterno del vigneto (500 per vigneti a spalliera) Lapplicazione del metodo deve tenere conto dei seguenti aspetti : I diffusori si applicano poco prima dellinizio del volo della prima generazione della tignoletta

21 Prima dellinizio del volo della generazione antofaga Epoca di applicazione: FIORITURA 10/420/430/410/520/531/510/620/630/610/7 5/4 20/731/710/820/ marzo

22 mg/ha/h 10 15/402/525/521/610/724/707/816/824/831/814/ Applicazione diffusori il 15 Aprile 2000 August 27 th 10 15/302/525/521/610/724/707/816/824/831/814/ Applicazione diffusori il 15 Marzo 2000 August 24 th Dati Creso Piemonte - Dr. Aldo Galliano Sistema di rilascio in campo Epoca di applicazione:

23 Le aree sottoposte a confusione sessuale devono essere sufficientemente grandi: > 2 ettari Numero di diffusori ad ettaro: , distribuiti uniformemente allinterno del vigneto (500 per vigneti a spalliera) I diffusori si applicano poco prima dellinizio del volo della prima generazione della tignoletta Lapplicazione del metodo deve tenere conto dei seguenti aspetti : Monitoraggio

24 1)trappole a feromone Le trappole sono un utile strumento per il monitoraggio delle popolazioni in vigneti non sottoposti a confusione sessuale, nei vigneti in confusione la cattura di adulti nelle trappole è indicativo solo di incompleta efficacia del metodo 2)controlli visivi Il controllo dei nidi attivi prodotti dalle larve di prima generazione sui grappoli fiorali è il più semplice e sicuro. Lesperienza pratica ci fa ritenere che con infestazioni intorno al 10% sui grappoli fiorali, è opportuno prevedere un trattamento insetticida sulle larve della seconda generazione In seconda e terza generazione bisogna porre attenzione ad eventuali focolai allinterno del campo controllando la eventuale presenza di uova e larve Nel vigneto in confusione gli strumenti che utilizziamo per il controllo delle popolazioni sono:

25 Lapplicazione del metodo deve tenere conto dei seguenti aspetti : Le aree sottoposte a confusione sessuale devono essere sufficientemente grandi: > 2 ettari Numero di diffusori ad ettaro: , distribuiti uniformemente allinterno del vigneto (500 per vigneti a spalliera) I diffusori si applicano poco prima dellinizio del volo della prima generazione della tignoletta Monitoraggio Le condizioni meteorologiche (vento, alte temperature) possono influenzare lerogazione dei diffusori

26 Stagione Rilascio (g/ha/giorno) Concentrazione feromone (ng/m 3 ) Estate (30° C)4,320 Primavera (10°C)1,919 fonte CONCENTRAZIONE DI FEROMONE IN CAMPO IN FUNZIONE DELLA TEMPERATURA

27 Velocità del vento (m/sec) Rilascio (mg/hr/ha) Concentrazione feromone (ng/m 3 ) A. Area ventosa2,52351,2 B. Area calma12042,5 A/B2,51,150,48 In zone ventose è maggiore il rilascio di feromone ma minore la concentrazione in campo In zone calme è minore il rilascio del feromone ma maggiore la concentrazione in campo CONCENTRAZIONE DI FEROMONE IN CAMPO IN FUNZIONE DEL VENTO fonte

28 La pendenza può influenzare la uniforme concentrazione di feromone nellappezzamento in confusione Le aree sottoposte a confusione sessuale devono essere sufficientemente grandi: > 2 ettari (500 per vigneti a spalliera) Numero di diffusori ad ettaro: , distribuiti uniformemente allinterno del vigneto (500 per vigneti a spalliera) I diffusori si applicano poco prima dellinizio del volo della prima generazione della tignoletta Monitoraggio condizioni Le condizioni meteorologiche (vento, alte temperature) possono influenzare lerogazione dei diffusori Lapplicazione del metodo deve tenere conto dei seguenti aspetti :

29 Concentrazione di feromone (ng/m 3 ) Inclinazione di 10 gradi CONCENTRAZIONE DI FEROMONE IN FUNZIONE DELLA PENDENZA fonte

30 1.DIFFUSORE 1.SPOSTAMENTI PER VENTI (SPESSO STAGIONALI) 2.AMPIEZZA DELLAREA 3.EVAPORAZIONE - TEMPERATURA (STAGIONALE, AUMENTA IN ESTATE) 4.OROGRAFIA DEI CAMPI (PENDENZE) 5.FORMA DI ALLEVAMENTO 6.CONDIZIONI SPECIFICHE (STRADE, FIUMI, COLTURE E ALLEVAMENTI) 7.ASSORBIMENTO DEL SUOLO E PIANTE (STRUTTURA DEL FEROMONE) 8.DECOMPOSIZIONE (STRUTTURA DEL FEROMONE) B = PERDITE A = INPUT A – B = POCHI NANOGRAMMI m 3 A) INPUT DI FEROMONE IN CAMPO B) PERDITA DI FEROMONE IN CAMPO CONCENTRAZIONE IN CAMPO DI FEROMONE BILANCIO DI CAMPO

31 Nessun pericolo di resistenza Nessun pericolo di resistenza Perfetta selettività Perfetta selettività Linstallazione non richiede personale qualificato Linstallazione non richiede personale qualificato Viene favorito il controllo biologico degli insetti utili Viene favorito il controllo biologico degli insetti utili Facilitare il controllo della Lobesia (soprattutto nei vigneti di uva da vino meno interessati alle operazioni di defogliazione) Facilitare il controllo della Lobesia (soprattutto nei vigneti di uva da vino meno interessati alle operazioni di defogliazione) VANTAGGI

32 Minor esposizione agli insetticidi per gli operatori e lambiente Minor esposizione agli insetticidi per gli operatori e lambiente Si riduce il numero dei trattamenti chimici, non solo insetticidi Si riduce il numero dei trattamenti chimici, non solo insetticidi Si migliora la qualità delluva perchè si minimizzano gli effetti miscela Si migliora la qualità delluva perchè si minimizzano gli effetti miscela Uve con una quantità inferiore di residui di antiparassitari Uve con una quantità inferiore di residui di antiparassitari VANTAGGI

33 PROBLEMATICHE Abbiamo verificato che applicando questo metodo, e riducendo così luso degli insetticidi (fosforganici) per la tignoletta si possono verificare attacchi di Planococcus sspp (cocciniglie).

34 Applicazione della confusione nel mondo (dati 2006) InsettoColturaSuperf. (ha) Paesi Pectinophora gossypiella Cydia pomonella Grapholitha molesta Lobesia botrana Eupoecilia ambiguella Ricamatori* Synanthedon** Keiferia lycopersicella Zeuzera pyrina Chilo suppresalis Lymantria dispar Altri Totale Ha *A. orana, P. heparana, A. ljungiana etc. ** S. myophaformis, S. tipuliformis, etc. cotone melo, pero, noce pesco, melo, susino vite fruttiferi, tea fruttiferi, ribes pomodoro pero, olivo riso Forestali ,000 USA, Israel, Mexico, Spain USA,IT,FR, SA, Arg., Australia USA, Australia, Italy, S. Africa Germany, Italy, E, CH, F, A, P Germany, Italy, Swiss, Austria Japan, USA, Italy USA, New Zealand, Japan Japan, Mexico Spain, Portugal, Italy Spain USA Japan, USA, Canada, S. Africa Oltre Ha di forestali e Ha di colture agrarie

35 InsettoColturaSup. (ha) C. pomonella C. pomonella + Ricam.* G. molesta L. botrana L.b. + E. ambiguella Zeuzera pyrina, S. tipuliformis Totale Ha melo, pero pesco, susino melo vite melo, pero, ribes ,000 Oltre il 13% dellimpiego mondiale sulle colture agrarie Applicazione della confusione In Italia (dati 2008) * A. orana, P. heparana, A. ljungiana etc.

36 Applicazione della confusione sessuale in Europa – Vite (dati 2008) Totale ha

37 Applicazione della confusione sessuale in Italia – Vite (dati 2008) Totale ha

38 Incentivi di natura economica Piano di Sviluppo Rurale (PSR) Regione Emilia Romagna Azione 1 - Produzione Integrata prevede erogazione contributi per le aziende che adotteranno sistemi di Difesa Integrata Avanzata (DIA) per la protezione delle produzioni frutticole, sono obbligate ad utilizzare la confusione sessuale per la difesa nei confronti dei principali insetti dannosi delle colture frutticole Azioni del PSR Risorse OCM Ortofrutta Le OP possono percepire forme di sostegno per lacquisto di mezzi tecnici a basso impatto ambientale. Piano di Sviluppo Rurale (PSR) Regione Friuli Venezia Giulia Azione 2 - Conduzione sostenibile dei seminativi e dei fruttiferi prevede lerogazione di contributi per le aziende frutticole che intendono utilizzare, per il controllo dei lepidotteri carpofagi, le tecniche a basso impatto ambientale: disorientamento e confusione sessuale;

39 La confusione sessuale per ora è un aiuto alla difesa ma può trasformarsi in una necessità in quanto: la legislazione in materia di agrofarmaci si fa sempre più restrittiva ( tutela degli operatori, dellambiente, del consumatore) anche il mercato pone maggiori attenzioni alle produzioni rispettose del consumatore e dellambiente CONCLUSIONI

40 Se dobbiamo soddisfare il mercato e la giusta propensione alla crescita del settore facciamolo ponendo la massima attenzione alla nostra salute CONCLUSIONI

41 Bilancio fungicidi -1 (al dicembre 2008) FungicidiEsclusiInclusiValut.totale anilino-pirimidine-3-3 benzimidazolici22-4 CAA-314 derivati stagno2--2 fenilammidi1225 ftalimidi-2-2 guazatine--22 La revisione europea delle sostanze attive

42 Bilancio fungicidi - 2 (al dicembre 2008) FungicidiEsclusiInclusiValut.totale morfoline1225 QoI-66 triazoli ditiocarbammati16-7 rameici--55 naturali-3811 altri La revisione europea delle sostanze attive

43


Scaricare ppt "Gestione e Progettazione in Agricoltura Antonio Mastropirro Esperienze e prospettive nellimpiego della confusione sessuale per il contenimento della tignoletta."

Presentazioni simili


Annunci Google