La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Antropologia della Musica Lezione 4 C. Sachs Le Sorgenti della Musica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Antropologia della Musica Lezione 4 C. Sachs Le Sorgenti della Musica."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Antropologia della Musica Lezione 4 C. Sachs Le Sorgenti della Musica

2 Idee e Metodi La nascita delletnomusicologia 1880 Baker: con la sua tesi fa della musica primitiva un argomento accademico · Inizia così ad affermarsi letnomusicologia · In Germania questa nuova disciplina fu subito elevata a dignità accademica. · I tedeschi diedero a questa disciplina il nome di Musicologia Comparata

3 1950 Si usa per la prima volta il termine Etnomusicologia · Successivamente si creano i primi archivi fonografici con cu si intendeva raccogliere e conservare registrazioni su cilindro di melodie esotiche.

4 Il Laboratorio dellEtnomusicologo Lattività delletnomusicologo si suddivide in: - Lavoro sul Campo - Lavoro a Tavolino La fonografia è indispensabile a chi lavora ormai nel campo etnomusicologico

5 I nastri magnetici dei nostri registratori offrono i vantaggi: 1. della trasportabilità 2. della maneggevolezza 3. di una resa eccellente 4. di una capacità illimitata di registrazione ininterrotta

6 - La misurazione dei suoni può essere effettuata con: Tecniche Acustiche: Sono sufficienti per la musica primitiva ma non per le raffinatezze della musica orientale Il suono viene misurato in base ad un suono campione ed il rapporto esistente tra queste note è deciso dallorecchio Hanno come base per la misurazione solo unottava e raramente raggiungono le gamme delle voci e degli strumenti

7 Tecniche Visive Si basano sullelettronica moderna Oscilloscopio: rende visibili e misurabili le onde sonore consentendo la riproduzione fotografica delle note e della melodia. Stroboscopio: è costituito da un disco diviso in settori bianchi e neri, è sensibile alla luce azionata dalla sorgente sonora, è regolato da un quadrante dove i raggi in senso orario indicano che il suono esterno è più alto dello standard interno mentre i raggi in senso antiorario indicano un suono più basso. Calcolatore elettronico: converte i fenomeni acustici in fenomeni elettrici, ad ogni suono corrisponde la frequenza espressa in cifre.

8 Con la nostra notazione musicale non è possibile trascrivere completamente certi brani di culture diverse. Per questo sono stati creati anche dei segni particolari: Esempio: Il punto coronato in basso indica labbreviamento di una nota e lo stesso segno posto tra parentesi indica un minore abbreviamento di una nota. Quindi segni tradizionali perdono il loro significato classico.

9 Per effettuare la trascrizione: 1.si può trasportare il brano un semitono sopra per evitare tante alterazioni 2.si devono evitare le indicazioni di chiave e si indicano solo le alterazioni che non si vogliono ripetere senza pensare ad una tonalità 3.bisogna scrivere gli accidenti necessari nellindicazione iniziale di chiave solo sul rigo o spazio destinato.

10 La Musica Primitiva A volte si rischia di descrivere le melodie primitive in base ai nostri concetti facenti parte di un sistema armonico del tutto estraneo al mondo primitivo. I più antichi brani musicali sono esclusivamente vocali e sono quindi Melodie pure. Melodie a Picco Hanno un carattere selvaggio e violento: dopo un passaggio brusco alla nota più alta in un fortissimo quasi urlato la voce precipita in basso con salti e cadute verso una pausa o un pianissimo cantato su una o due note bassissime, poi si ha un balzo vigoroso per recuperare la nota più alta. Quindi si ripetono i picchi.

11 Sono impossibili da trascrivere sul pentagramma. Sono presenti in Australia, Corea e Giappone. A poco a poco nelle melodie a picco basate sullottava come principio di base, il carattere selvaggio lasciò il posto ad unorganizzazione con distanze ricorrenti: quinte, quarte, terze. Rapidamente si perdono le caratteristiche di selvaggio e le melodie più recenti delineano modelli di forme più recenti di melodie a picco (lottava è la struttura portante e vi sono continui balzi verso lalto). Queste melodie si sono evolute sino a divenire formazioni di una semplice sesta.

12 Melodie ad Intervallo Unico Hanno una forma rudimentale. Consistono di due sole note cantate in alternanza. La voce crea un movimento a zig-zag. Non cè una regolarità nel movimento; vi è unaccentuazione o della nota superiore o di quella inferiore, può esservi una note predominante per importanza e frequenza ed una subordinata.

13 Le melodie appaiono quindi come una serie di intervalli e a seconda del tipo di intervallo che le caratterizza vengono definite: a)ad intervallo unico terzale b)per quarte c)per quinte I suddetti intervalli non sono uguali ai nostri ma di grande ampiezza e così nella trascrizione vengono segnati i cents per eliminare ogni dubbio. Queste melodie sono strutture vuote in quanto comprendono solo note strutturali distanziate dagli intervalli.

14 A volte vi sono delle Note addizionali: Affissi: aggiunti al nucleo dal di fuori, suffisso se aggiunto sopra, prefisso se aggiunto sotto. Infissi: note riempitive delle terze solo maggiori.

15 Le parole che accompagnano le musiche primitive non hanno importanza in quanto il senso ostacola il flusso della melodia. Per esempio le recitazioni liturgiche si svolgono su ununica sola nota per non sviare lattenzione dalla parole sacre. Alcune imitazioni musicali ricordano le pitture trovate nelle caverne. Il canto era considerato un ottimo mezzo per parlare alle potenze della sorte e della prosperità e conteneva limpulso delle lotte delluomo contro le forze ostili che minacciano la sua vita.

16 Allorecchio degli occidentali i canti primitivi appaiono innaturali e pieni di manierismi insoliti. Non vi è una terminologia appropriata per esprimere ciò che udiamo. Vi sono vari stili a seconda delle situazioni: 1)Stile Tremulo: semichiusura dellepiglottide combinata con una ripercussione della gola stessa 2)Stile Nô: tipico del Giappone, estremamente gutturalizzato e nasalizzato. La parte superiore della lingua blocca la faringe quasi completamente, la bocca quindi fa da risonanza, la respirazione è poco profonda e la voce non animata dal vibrato.

17 Gli Strumenti Musicali Lo studio degli strumenti musicali è vitale nello studio della musica orientale e primitiva. I popoli della fase arcaica non possedevano strumenti perché gli inizi della musica sono stati puramente vocali. Luso degli strumenti risale alla tarda età paleolitica; la musica strumentale inizia come atto percussivo del corpo, gli inizi furono essenzialmente ritmici, le prime percussioni hanno una funzione prevalentemente di accompagnamento. Agli strumenti vengono attribuiti dei significati in base al loro colore, la forma, il suono, il materiale.

18 Sistemi di Classificazione degli Strumenti Esistono diversi sistemi per classificare gli strumenti musicali. Nel 1914 due musicologi tedeschi, Erich von Hornbostel e Curt Sachs, svilupparono il sistema che da loro prende il nome e che, con qualche aggiornamento, è quello attualmente più usato. Il sistema Hornbostel-Sachs classifica gli strumenti suddividendoli in classi, gruppi e sottogruppi, in base alla modalità fisica con cui viene provocata la vibrazione che genera il suono.

19 Il sistema è particolarmente comodo in quanto permette l'inserimento di strumenti provenienti da qualsiasi tipo di cultura (un problema molto sentito dagli etnomusicologi), ed è sufficientemente elastico da consentire l'inserimento di nuove "caselle" di classificazione a qualsiasi livello: infatti, alcuni decenni dopo la sua formulazione, è stato necessario introdurre un'intera nuova classe, quella degli elettrofoni - gli strumenti che generano il suono grazie a circuiti elettronici - accanto alle quattro primitive degli idiofoni (oggetti solidi, sonori già in natura), dei membranofoni (che possiedono membrane tese su una delle loro superfici), dei cordofoni (gli strumenti a corda) e degli aerofoni.

20 CLASSECARATTERISTICHEESEMPI Idiofoni percossi scossi sfregati pizzicati campana, xilofono, castagnette sonagli, maracas armonica a cristalli, sega scacciapensieri, carillon Membranofoni a percussione a sfregamento a risonanza timpano, tamburo caccavella kazoo, pettine e carta velina Cordofoni semplici composti arco musicale, cetra, pianoforte viola, violini, liuti, chitarra, arpa Aerofoni a imboccatura naturale ad ancia semplice ad ancia doppia a bocchino a serbatoio d'aria flauti diritti e traversi clarinetto, sassofono oboi, corno inglese, fagotto tromba, trombone, corno zampogna, organo, fisarmonica Elettrofoni Elettromeccanici Semielettronici Organo Hammond Chitarra elettrica

21 Gli strumenti musicali si dividono poi in: a)Maschili b)Femminili c)Maschili femminili Strumenti Maschili Tromba: Suono aggressivo e minaccioso Essendo a forma di tubo ha una connotazione fallica E uno strumento connesso con la guerra Con essa si effettuano gli scongiuri per invocare la rinascita e la resurrezione dopo la norte

22 Flauto: Rappresenta lorgano genitale maschile e per questo non può essere visto dalle donne e dai bambini Quelli lunghi ed ampi hanno un suono ruggente ma smorzato Quelli corti e stretti hanno laggressività di un fischietto. Strumenti Femminili Strumenti a Corde: Hanno un suono fragile, sommesso ma aggressivo. Hanno bisogno di avere una cassa di risonanza per essere udibili Strumenti Maschili Femminili Hanno una doppia connotazione per la loro forma e la loro funzione

23 A volte gli strumenti vengono usati a coppie: quello più lungo è femminile mentre quello più corto è maschile I musicisti jazz attribuiscono un significato di maschile e femminile ai due colpi di tamburo.. I flauti variavano le loro dimensioni e la distanza tra i fori a seconda del lugo di appartenenza; un paragone tra i vari tipi consente lidentificazione della provenienza e della datazione di un flauto Le forme elementari di musica strumentale sono le melodie ad intervallo unico e quelle costituite da semplici passaggi simili a scale.

24 I brani musicali sono caratterizzati da: a)Ritmo: indica lorganizzazione del tempo. Si basa sulla nozione precisa delle unità temporali divise da intervalli uguali che si ripetono b)Forma: indica il fluire organizzato di un brano musicale nel suo complesso In Europa si osserva la crescita delle forme musicali intorno al XVII secolo (danze, responsori in collettivo, variazioni)

25 La Concezione dellarte Nelletà postneolitica i primitivi distinguono tra buoni e mediocri esecutori, tra composizioni di basso ed alto valore. Un passo verso larte si compie quando i gruppi di un villaggio celebrano competizioni musicali i cui vincitori vengono premiati con applausi o doni materiali. In molte civiltà arcaiche linvenzione musicale è un dono naturale ma nessuno canta le canzoni di altre persone: questo diritto può essere acquistato solo con il denaro ed altri equivalenti; i moderni diritti musicali vengono applicati per la prima volta nel 1831 a Washington.

26 LEvoluzione dei Modelli per Seconde, Terze, Quarte e Quinte Con il passar del tempo le melodie ad intervallo unico sono state sottoposte ad un processo di ampliamento trasformandosi così in motivi più complessi. Le melodie per terze vengono definite Melodie a Fanfara e Melodie Triadiche anche se questi termini non sono molto appropriati. Per stabilire quale delle note sia la più importante bisogna ricorrere alla statistica, contando quante unità di tempo sono assegnate ad ogni unità dello schema.

27 Dai modelli a due intervalli è possibile passare ai modelli a tre intervalli sempre mantenendo lintervallo di terza. Si creano così delle Catene di terze triple, quadruple in cui sono però assenti le funzioni tra le note che vi sono in una scala. In questo modo si ha una concatenazione disorganica di intervalli SIMILI (le terze di una catena sono maggiori e minori per formare ogni due una quinta perfetta).

28 Le quarte doppie possono accoppiarsi in due modi: 1- Per Disgiunzione: le due quarte sono separate da un tono e la gamma tonale è unottava 2 -Per Congiunzione: le due quarte hanno in comune la nota centrale. · Si parla di Modulazione: il termine indica lo spostamento dalla congiunzione alla disgiunzione. ·

29 Le catene per quarta segnano il passaggio dal mondo primitivo ad una cultura superiore e sono particolarmente diffuse nellarea degli Indiani del Nord America. · I concatenamenti per quinte sono rari perché quando la melodia per quinte si espande non supera lottava e così si crea una quarta che forma unottava sopra la quinta iniziale.

30 Le Melodie Centriche Sono delle melodie che, movendosi liberamente verso lalto e verso il basso, ritornano sovente alla stessa nota di mezzo che funge da iniziale e finale e nucleo centrale. Per sapere se ci si trova davanti ad una melodia centrica si ricorre alla statistica: quando la nota centrale è più frequente di ciascuna delle due note esterne si parla di motivi centrici. Una melodia non è centrica quando è per lo più ascendente. Le melodie centriche raggiungono il culmine nelle fioriture, difficili da eseguire.

31 Polifonia Alcune regioni del mondo tra cui larea malese- polinesiana, caucasica e polinesiana hanno creato delle forme di polifonia simili a quelle europee. Polifonia: Il termine indica lesecuzione e la percezione simultanea di più note. E verticale quando si riferisce allarmonia, agli accordi percepiti in dissonanza e consonanza. E orizzontale quando si riferisce al contrappunto, cioè a linee melodiche simultanee.

32 Monofonia La moderna monofonia si ritrova nel mondo primitivo come stadio finale di quella che era la polifonia. Monofonia Parallela:: canto di una melodia su due o tre diverse altezze percepibili. Le parti vocali si svolgono con un intervallo che mantengono immutato per tutto il brano o per parte di esso (di solito si tratta di un intervallo di ottava). Bordoni: note sostenute sopra o sotto la melodia, definite anche Note pedali.

33 Eterofonia Si ha in ogni composizione in cui note diverse vengono udite simultaneamente. Tutte le cadenze principali giungono allunisono o allottava. Il numero delle voci giunge fino a 5 ma solo 2 o 3 hanno lalternanza dei cantanti. Lesecuzione ha un certo fascino dovuto allimpressione di libertà individuale.

34 Poliritmia Il termine indica cambiamenti di ritmo successivi nella stessa linea melodica. Hemiola = la più semplice forma di ritmo incrociato

35 La Musica Professionale Nelle culture primitive non esiste la distinzione tra dilettante e professionista. I professionisti che esistono nelle società complesse sono suddivisi in due categorie: 1.Ritmi incrociati. Sono semiprofessionisti e se fanno parte della banda di un re o di un capo raggiungono la professionalità. 2.Cantori: il motivo centrale della loro fama risale nel fatto che essi rappresentano la memoria sonora del loro popolo.

36 In Sudan i menestrelli ed i cantori erano visti come vagabondi e buffoni privi di orgoglio e modestia. La musica primitiva non è costretta a combattere la mancanza di senso musicale.


Scaricare ppt "Corso di Antropologia della Musica Lezione 4 C. Sachs Le Sorgenti della Musica."

Presentazioni simili


Annunci Google