La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il nuovo Laboratorio di Tecniche Nucleari Applicate ai Beni Culturali Le tecniche fisiche per indagini nel campo dei Beni Culturali hanno avuto, negli.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il nuovo Laboratorio di Tecniche Nucleari Applicate ai Beni Culturali Le tecniche fisiche per indagini nel campo dei Beni Culturali hanno avuto, negli."— Transcript della presentazione:

1 Il nuovo Laboratorio di Tecniche Nucleari Applicate ai Beni Culturali Le tecniche fisiche per indagini nel campo dei Beni Culturali hanno avuto, negli ultimi 20 anni, un largo sviluppo grazie alla caratteristica di essere totalmente non distruttive: la maggior parte di esse, infatti, consente lanalisi di unopera darte senza effettuare prelievi e senza alcun danneggiamento. Il gruppo di Fisica Nucleare Applicata di Firenze si è specializzato in quelle tecniche che utilizzano acceleratori di particelle di bassa energia. Il nuovo Laboratorio al Polo Scientifico dellUniversità di Firenze è dotato di un acceleratore di tipo Tandem – interamente finanziato dallINFN - che verrà utilizzato per lo sviluppo e lapplicazione delle tecniche di Ion Beam Analysis (IBA) e per misure di Accelerator Mass Spectrometry (AMS). L. Carraresi, M. Chiari, M.E. Fedi, N. Gelli, L. Giuntini, N. Grassi, F. Lucarelli, P.A. Mandò, M. Massi, A. Migliori, S. Nava, F. Taccetti e N. Taccetti Ion Beam Analysis Le tecniche IBA consentono di analizzare la composizione di un campione, utilizzandolo come bersaglio per un fascio di particelle cariche accelerate. Rivelando i prodotti dellinterazione fra le particelle del fascio e gli atomi (o i nuclei) del bersaglio è possibile riconoscere e quantificare gli elementi presenti nel campione, cioè determinarne la composizione. fascio di particelle Radiazione caratteristica campione rivelatore segnale spettro di energia Le tecniche IBA principali sono: PIXE: Particle Induced X-ray Emission PIGE: Particle Induced Gamma-ray Emission RBS: Rutherford Backscattering Spectrometry tutte tecniche che possono essere realizzate portando il fascio-sonda in esterno, mantenendo quindi il campione da analizzare in atmosfera Analisi di antichi codici miniati Analisi di documenti di interesse storico Analisi di dipinti Analisi di ceramiche Accelerator Mass Spectrometry Nella AMS, il materiale da analizzare si usa come sorgente di ioni per un acceleratore Tandem. Gli ioni sono poi analizzati in massa, dopo laccelerazione. Grazie a una serie di fattori favorevoli legati al meccanismo di funzionamento del Tandem (tipo di sorgente, stripping degli ioni al terminale, elevata energia finale degli ioni da analizzare in massa) è possibile determinare isotopi rari in un campione con sensibilità elevatissima, fino a una parte su Applicazioni importanti si ritrovano in campo archeologico, geologico e ambientale. Nel campo dei beni culturali la principale applicazione è la datazione di reperti di interesse storico e archeologico con il metodo del radiocarbonio ( 14 C). Lacceleratore Per le misure di AMS il nuovo acceleratore è dotato di una sorgente a sputtering di Cs che può contenere fino a 59 campioni e di una linea di fascio di alta energia per la separazione degli isotopi rari attraverso filtri elettrostatici e magnetici. Per le misure IBA un iniettore a doppia sorgente permette di accelerare sia particelle leggere (protoni e alfa) sia ioni pesanti; dopo laccelerazione sono previste 9 linee di fascio, fra cui: Acceleratore Tandem Tensione terminale: 3 MV Iniettore a doppia sorgente per IBA Spettrometro AMS ad alta energia Linee di fascio IBA Iniettore AMS (59 campioni) Il laboratorio di preparazione campioni AMS I campioni da datare attraverso il metodo del 14 C con misure di AMS devono subire un opportuno processo di preparazione. E stato quindi allestito un laboratorio di preparazione per estrarre la frazione in carbonio dal campione e ridurla in forma di grafite. La grafite ottenuta è compressa in piccole pasticche che sono collocate nella sorgente a sputtering del Tandem. sviluppo e riparazione rivelatori altre tecniche standard di analisi di materiali linea di fascio esterno per IBA applicate ai Beni Culturali linea di fascio esterno per IBA applicate allanalisi di composizione del particolato atmosferico (polveri fini) linea di microfascio esterno (dimensioni del fascio dellordine della decina di micron) linea di fascio pulsato ai 100 ps Dalla misura della concentrazione attuale di 14 C si può misurare letà di un reperto di origine organica, cioè il tempo t trascorso dalla morte dellorganismo da cui proviene [ 14 C] 0 [ 14 C] 0 /2 T 1/2 [ 14 C] 0 /e = 8266 a Perché un acceleratore e non un convenzionale spettrometro? sensibilità fino a una parte su (eliminazione delle interferenze isobariche da atomi - 14 N - e molecole – 12 CH 2 e 13 CH) efficienza elevata: è sufficiente una quantità < 1 mg di materiale (misura micro-distruttiva) si datano reperti risalenti fino a anni fa Lanalizzatore elementare brucia il campione ed estrae da esso la CO 2 La CO 2 viene successivamente inviata alla linea di grafitizzazione Nel campo dei Beni Culturali conoscere la composizione dei materiali di unopera darte o di interesse storico è fondamentale, per diversi scopi. Ad esempio: Qui sopra, esempi di misure fatte negli anni scorsi col vecchio acceleratore ad Arcetri per ricostruire le tecnologie disponibili nei tempi passati e le fonti di approvvigionamento delle materie prime per una verifica di autenticità per effettuare correttamente un restauro Nel laboratorio sono disponibili anche facilities per:


Scaricare ppt "Il nuovo Laboratorio di Tecniche Nucleari Applicate ai Beni Culturali Le tecniche fisiche per indagini nel campo dei Beni Culturali hanno avuto, negli."

Presentazioni simili


Annunci Google