La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Guardo eraanni Eraanno Guardo E pensare E pensare Guardo una foto di mia madre era felice avrà avuto tre anni stringeva al petto una bambola il regalo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Guardo eraanni Eraanno Guardo E pensare E pensare Guardo una foto di mia madre era felice avrà avuto tre anni stringeva al petto una bambola il regalo."— Transcript della presentazione:

1 Guardo eraanni Eraanno Guardo E pensare E pensare Guardo una foto di mia madre era felice avrà avuto tre anni stringeva al petto una bambola il regalo più ambito Era la festa del suo compleanno un bianco e nero sbiadito Guardo mia madre a quei tempi e rivedo il mio stesso sorriso E pensare a quante volte l'ho sentita lontana E pensare a quante volte… Le avrei voluto parlare di me chiederle almeno il perché dei lunghi ed ostili silenzi e momenti di noncuranza puntualmente mi dimostravo inflessibile inaccessibile e fiera intimamente agguerrita temendo una sciocca rivalità proverbiale egoismo eleganti premure e sontuosità nuove esaltanti vittorie feroce addio ingrata tempesta mite e insolito risveglio sarcasmo congenito amoroso contorno tacito requiem eccentrici culturisti sproloqui gratuiti spinosi indugi novembre inoltrato e nostalgico

2 Il mio amico Remo è cotto son troppe sere che va troppo in là e ci va di brutto troppe sveglie con un cerchio cane troppe fughe da dei letti solo per non dire ciao per non baciare mai. Se il cielo è vuoto o il cielo è pieno lui dice che ci guarderà da solo poi. Il mio amico Cico è cotto non l'ho mai beccato sciolto o ciucco, è così corretto che ogni tanto io lo invio a cagare ma bene o male fra il rosario e il valium io lo so cos'ha di cui non mi dirà

3 qualche ferita che qualche tua amica disinfetterà Certe Notti la macchina è calda e dove ti porta lo decide lei. Certe notti la strada non conta e quello che conta è sentire che vai. Certe notti la radio che passa Neil Young sembra avere capito chi sei. Certe notti somigliano a un vizio che non voglio smettere, smettere mai. Certe notti fai un po' di cagnara che sentano che non cambierai più. Quelle notti fra cosce e zanzare e nebbia e locali a cui dai del tu. Certe notti c'hai qualche ferita che qualche tua amica disinfetterà. Certe notti coi bar che son chiusi al primo autogrill c'è chi festeggerà

4 Dormi sepolto in un campo di grano non è la rosa non è il tulipano che ti fan veglia dall'ombra dei fossi ma sono mille papaveri rossi lungo le sponde del mio torrente voglio che scendano i lucci argentati non più i cadaveri dei soldati portati in braccio dalla corrente così dicevi ed era inverno e come gli altri verso l'inferno te ne vai triste come chi deve il vento ti sputa in faccia la neve fermati Piero, fermati adesso lascia che il vento ti passi un po' addosso dei morti in battaglia ti porti la voce chi diede la vita ebbe in cambio una croce

5 ma tu non lo udisti e il tempo passava con le stagioni a passo di giava ed arrivasti a varcar la frontiera in un bel giorno di primavera e mentre marciavi con l'anima in spalle vedesti un uomo in fondo alla valle che aveva il tuo stesso identico umore ma la divisa di un altro colore sparagli Piero, sparagli ora e dopo un colpo sparagli ancora fino a che tu non lo vedrai esangue cadere in terra a coprire il suo sangue e se gli sparo in fronte o nel cuore soltanto il tempo avrà per morire ma il tempo a me resterà per vedere vedere gli occhi di un uomo che muore

6 e mentre gli usi questa premura quello si volta, ti vede e ha paura ed imbraccia l'artiglieria non ti ricambia la cortesia cadesti in terra senza un lamento e ti accorgesti in un solo momento che il tempo non ti sarebbe bastato a chiedere perdono per ogni peccato cadesti in terra senza un lamento e ti accorgesti in un solo momento che la tua vita finiva quel giorno e non ci sarebbe stato un ritorno Ninetta mia crepare di maggio ci vuole tanto troppo coraggio Ninetta bella dritto all'inferno avrei preferito andarci in inverno e mentre il grano ti stava a sentire dentro alle mani stringevi un fucile dentro alla bocca stringevi parole troppo gelate per sciogliersi al sole dormi sepolto in un campo di grano non è la rosa non è il tulipano che ti fan veglia dall'ombra dei fossi ma sono mille papaveri rossi.


Scaricare ppt "Guardo eraanni Eraanno Guardo E pensare E pensare Guardo una foto di mia madre era felice avrà avuto tre anni stringeva al petto una bambola il regalo."

Presentazioni simili


Annunci Google