La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 SISTEMI ORGANIZZATIVI COMPLESSI 8 ottobre  Roma 24 settembre- 12 dicembre 2012  C.d.L magistrale: Comunicazione d’impresa 2° anno 9 crediti (inclusi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 SISTEMI ORGANIZZATIVI COMPLESSI 8 ottobre  Roma 24 settembre- 12 dicembre 2012  C.d.L magistrale: Comunicazione d’impresa 2° anno 9 crediti (inclusi."— Transcript della presentazione:

1 1 SISTEMI ORGANIZZATIVI COMPLESSI 8 ottobre  Roma 24 settembre- 12 dicembre 2012  C.d.L magistrale: Comunicazione d’impresa 2° anno 9 crediti (inclusi crediti Laboratorio) Orario: lunedì Sani magna Martedì 11-14“ Mercoledì 9-11“   Stanza 111 (ex B4) Via Salaria113, tel.: ricevimento mercoledì

2 2 Lavoro di gruppo gli articoli verranno divisi in base 1.A quale tema fa riferimento? A.Finanza B.Politica (nazionale, Ue, internazionale ) C.Economia (imprese - Tnc Pmi-, lavoro/disoccupazione- ambiente D.Società: disuguaglianze/welfare movimenti sociali E.Cultura (nazionale-cosmopolita) /ruolo mass media

3 3 2.Di quali paesi si parla? A.Mondo B.USA e Canada C.Centro-Sud America D.Asia E.Unione europea F.Centro-Nord Europa G.Europa mediterranea H.Italia

4 4 3.Prevale → A. l’analisi della crisi B. l’indicazione delle vie d’uscita? 4.L’autore è A.Giornalista B.Economista C.Sociologo D.Altro (specificare)…………….. 5. Fonte A.Rivista scientifica B.Giornale (cartaceo e/o on line) C.Sito internet

5 5 Formare i gruppi  In base a 1 e/o 2, eventualmente 3.  4. e 5. servono a valutare  Rilievo dell’articolo  Diffusione  vostre fonti di informazione

6 6 Che fare? I° una scheda dell’articolo in base alle 5 domande 1.Argomento e contenuto 2.Paese 3.Prevale analisi o vie d’uscita dalla crisi? 4.Autore chi è? E’ un liberista, un riformista o che altro? 5.Fonte? II° confronto con le altre schede del gruppo e con le analisi che vi ho presentato III° che cosa manca?

7 7 Il lavoro di gruppo si svolgerà soprattutto in aula  Ogni studente fa una scheda di un articolo scelto nell’ambito di uno stesso tema  Le schede si confrontano tra loro, oltre e con i libri sulla crisi presentati a lezione  Si valuta se il materiale raccolto è sufficiente (opinioni e fonti diverse, indicazioni di vie d’uscita dalla crisi)  Si elabora un breve power point per presentarlo a metà novembre

8 8 la settimana scorsa Diversi approcci sistemici alla crisi Hopkins e Wallerstein, L’era della transizione Joseph E. Stiglitz Bancarotta L’ECONOMIA GLOBALE IN CADUTA LIBERA Gallino È possibile incivilire il finanzcapitalismo?  Necessario, ma non sufficiente ridurre il dominio della finanza  Alla ricerca di un contro movimento (Polanyi)

9 9 Polanyi K., 1974 (ed. or. 1944), La grande trasformazione, Einaudi Testo interdisciplinare, tra la storia, l’economia la sociologia e antropologia  Capovolge l’idea che la società di mercato sia il punto di approdo naturale della società umana → estrema artificiosità di un’economia sottratta al controllo sociale e destinata a chiudersi con una crisi violenta  Società di mercato innaturale (≈ eccezionale) rispetto alla storia precedente (occidentale e non), ma un mercato regolato è più utile della pianificazione socialista

10 10 Il mercato del lavoro, della terra e della moneta sono artificiali  Non sono merci perché non sono stati prodotti per essere venduti  la terra è solo un altro nome per natura  lavoro = attività umana che si accompagna alla vita stessa → la sua trasformazione incide sulle relazioni di parentela e vicinato  Moneta è un simbolo del potere d’acquisto Eppure questi 3 “mercati” artificiali sono ambiti necessari all’economia di mercato→ ma non possono essere lasciati a se stessi, pena la distruzione della società

11 11 I danni di una fede cieca nel progresso spontaneo Tale fede ha accompagnato l’industrializzazione, come emerge dalla storia della rivoluzione industriale inglese ↓  Tra gli interventi in controtendenza →legge delle 10 ore di lavoro del 1847 in GB opera di reazionari illuminati Tale rivoluzione avviene nel contesto della pace dei 100 anni ( ) ↓ 1.equilibrio di potere tra le grandi potenze → cade con la guerra 2.Base aurea internazionale → finisce con la crisi del ‘29 3.Mercato autoregolato e stato liberale a livello nazionale → finisce col fascismo o socialismo e provoca la grande crisi

12 12 Il mercato autoregolato è un’uto- pia: la grande crisi ne è il frutto  E’ impossibile autoregolare i mercati a livello internazionale → infatti i singoli stati tra il 1879 e il 1929 seguirono politiche protezionistiche + tentativi di guidare la moneta centralmente senza riuscire a controllare la finanza internazionale  Durante e dopo la crisi vi furono governi popolari o reazionari fino alla guerra

13 13 La libertà in una società complessa “ La debolezza congenita della società del XIX secolo non consisteva nel fatto che era una società industriale, ma che era una società di mercato” (Polanyi, 1944, p.313)  Lavoro, terra e moneta vanno tolti dal mercato → la loro regolazione non mina la libertà ma spesso la estende↓  cambiamenti interni ai paesi, ma anche nelle relazioni tra paesi che possono essere di cooperazione, anziché essere egemonizzate da poche grandi potenze  la scoperta della società è l’ancora della libertà → è il riconoscimento di un limite che come quello della morte ci fa più maturi e veramente liberi

14 14 Chi può cambiare le cose?  Marx pensava alla classe operaia dei paesi più sviluppati  Polanyi pensava al contro-movimento che cercava di proteggere la società dall’ecces- siva espansione del mercato tra il sec.XIX e il XX: non era un soggetto politico unitario. → I migliori risultati si ottennero con la legislazione antitrust dal 1890 al 1920 e poi il New Deal tra il 1932 e 1939 negli usa

15 15 Chi può cambiare le cose oggi?  Non c’è un contro-movimento unitario Ma diverse realtà: Le Ong I governi di sinistra dell’America latina La Federazione europea o mondiale dei sindacati Le associazioni contadine di resistenza in America latina, Africa e Asia

16 16 Il ruolo dell’Europa in un momento di grande cambiamento mondiale Europa: un’identità da rafforzare secondo la proposta di Castells del 2000

17 17 Una trilogia per comprendere la società come sistema complesso: economico, dei gruppi sociali e entità politiche Castells M, La nascita della società in rete, Egea, 2002 (ed or.1996)  Castells M,Il potere delle identità, Egea, 2003(ed. or.1997  Castells M, Volgere di millennio, Egea, 2003 (ed or. 2000) → Europa un’identità da rafforzare

18 18 Castells: un autore molto particolare Respinge la cultura postmoderna per il suo  nichilismo intellettuale,  scetticismo sociale e  cinismo politico. Crede nella razionalità, nel potere liberatorio dell'identità che non deve essere ostaggio del fondamentalismo.

19 19 La nuova società (post-fordista)  Per Castells è un cambiamento epocale: nasce la società in rete, che altri chiamano società della conoscenza ( o capitalismo cognitivo) Obiettivo → conoscere il mondo partendo dalle tecnologie, ma sapendo che la ricerca dell'identità ha un potere pari al cambiamento tecnologico

20 20

21 21 L'integrazione europea

22 22 Cittadini ostili all'unificazione

23 23 anni '90, relativa stabilità

24 24

25 25

26 26  Vi sentite cittadini europei?  Come considerate l’unione europea?  Manca identità?

27 27

28 28

29 29 Come l’Italia si è rapportata alla strategia di Lisbona  2006 primo rapporto sullo stato di attuazione della strategia (18/10/2006) ritiene l’istruzione elemento fondamentale per migliorare la qualità del lavoro e combattere l’esclusione sociale → necessità di investire in capitale umano, migliorando la qualità dell’istruzione  2007 (30/10) necessità di rilanciare la ricerca notando che l’Italia è agli ultimi posti con 3 ricercatori per 1000 lavoratori mentre la media Ue e di 6 x1000 → piano straordinario di assunzioni di ricercatori universitari negli Enti di Ricerca + FIRST fondo investimento ric. scientifica e tecnologica

30 30

31 31

32 32 La nuova strategia Europa 2020 (del 2010): OBIETTIVI PRINCIPALI 1.tasso di occupazione popolazione anni dal 69% al 75%; 2.investire il 3% del PIL in R&S, migliorando nel settore privato 3.definire un nuovo indicatore dei progressi in innovazione; 4.– ridurre tasso abbandono scolastico al 10% (è 15%) →

33 33 La nuova strategia Europa 2020 (del 2010): OBIETTIVI PRINCIPALI 2 5.portare la quota della popolazione anni in possesso di un diploma universitario dal 31% ad almeno il 40%; 6.– ridurre le emissioni di gas a effetto serra del 20% rispetto ai livelli del 1990 o del 30%, 7. portare al 20% la quota di energia rinnovabile nel nostro consumo finale di energia e migliorare del 20% l'efficienza energetica; 8.– ridurre del 25% il numero di europei che vivono al di sotto delle soglie di povertà nazionali, facendo uscire dalla povertà più di 20 milioni di persone

34 34 CRESCITA INTELLIGENTE SOSTENIBILE INCLUSIVA  Intelligente → innovazione, istruzione, società digitale  sostenibile → "Un'Europa efficiente sotto il profilo delle risorse” modernizzando il nostro settore dei trasporti. Una politica industriale per l'era della globalizzazione"  inclusiva → OCCUPAZIONE E COMPETENZE LOTTA ALLA POVERTÀ

35 35 Buoni propositi, ormai spariti?  Se ne tiene conto, quando si fanno proposte contro la crisi?


Scaricare ppt "1 SISTEMI ORGANIZZATIVI COMPLESSI 8 ottobre  Roma 24 settembre- 12 dicembre 2012  C.d.L magistrale: Comunicazione d’impresa 2° anno 9 crediti (inclusi."

Presentazioni simili


Annunci Google