La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Borsista: Giuseppina Zacchia Docente: Chiara Zarra Tutor LNGS: Izabela Kochanek Tutor aziendale: Luca Scarcia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Borsista: Giuseppina Zacchia Docente: Chiara Zarra Tutor LNGS: Izabela Kochanek Tutor aziendale: Luca Scarcia."— Transcript della presentazione:

1 Borsista: Giuseppina Zacchia Docente: Chiara Zarra Tutor LNGS: Izabela Kochanek Tutor aziendale: Luca Scarcia

2 Che cos’è la criogenia? Settore della fisica che studia la produzione e le applicazioni delle bassissime temperature (sotto i – 150 °C o 123 K); per raggiungere tali temperature, la criogenia si serve dei cosiddetti fluidi criogenici, (azoto, elio, ossigeno, idrogeno) ideali per questo impiego a causa del loro basso punto di ebollizione. 2

3 Applicazione delle basse temperature: campo medico; campo astrofisico; campo aerospaziale; campo alimentare; liquefazione idrocarburi leggeri. 3

4 Attività svolta: procedure di sicurezza per l’utilizzo di liquidi criogenici/trasferimenti in dewar di azoto; p rocedura di raffreddamento di un criostato a diluizione/realizzazione del sistema wiring; utilizzo di pacchetti software : Office e CAD per la modellazione del criostato. 4

5 Procedure di sicurezza Utilizzo di guanti diatermici, visiera o occhiali, grembiule protettivo per scongiurare eventuali pericoli da contatto (ustioni, abrasioni, congelamenti, lesioni oculari, lacerazioni della cute, asfissia); accertarsi che il locale sia ben aerato per evitare un’eventuale sottossigenazione; uso di ossimetri in grado di rivelare la scarsità di ossigeno (criticità al di sotto del 19 %). 5

6 Raffreddamento criostato a diluizione 3 He/ 4 He Un criostato a diluizione = dispositivo criogenico che usa una miscela di due isotopi 3 He/ 4 He; sotto i 0.7 K si forma una fase ricca di 3 He e una povera di 4 He; fase di preparazione/raffreddamento/fase di circolazione e condensazione miscela; la diluizione refrigerante segue un ciclo continuo. 6

7 Attività di stage: gestione impianti criogenici ed ultracriogenici e relativa applicazione conoscenze acquisite; dossier tecnico sulle varie fasi di costruzione e smantellamento dell’esperimento ICARUS. 7

8 Punti di forza Punti di debolezza Esperienza diretta nell’uso di impianti criogenici. Introduzione di corsi formativi sulla materia. 8

9 9


Scaricare ppt "Borsista: Giuseppina Zacchia Docente: Chiara Zarra Tutor LNGS: Izabela Kochanek Tutor aziendale: Luca Scarcia."

Presentazioni simili


Annunci Google