La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Pari opportunità, un percorso di evoluzione sociale Liana M. Daher Sociologa – Università di Catania.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Pari opportunità, un percorso di evoluzione sociale Liana M. Daher Sociologa – Università di Catania."— Transcript della presentazione:

1 Pari opportunità, un percorso di evoluzione sociale Liana M. Daher Sociologa – Università di Catania

2 Il significato pari opportunità non significa soltanto eguaglianza davanti alla legge, ma anche diritto ad unequa distribuzione di benefici e di risorse sociali

3 Obiettivo delle politiche di pari opportunità è garantire a tutti: la possibilità di accesso a risultati uguali nel lavoro e nella rappresentanza politica è eliminare: gli effetti di discriminazione e di disuguaglianza creati o perpetuati dalle regole esistenti

4 Metodi ridurre i divari occupazionali e salariali promuovere sistemi di valutazione delle capacità personali e delle competenze professionali Al fine di valorizzare lapporto di ogni genere di persona nei contesti organizzativi e sociali

5 Da dove nasce il problema? differenze di genere fenomeni migratori minoranze razziali minoranze religiose omosessualità disabilità

6 Le politiche di pari opportunità In Italia si lavora molto affinché le pari opportunità siano garantite nel mondo del lavoro, della scuola e della politica: rafforzamento delle istituzioni pubbliche che vigilano sullapplicazione della legislazione antidiscriminatoria

7 Le politiche di pari opportunità aumento delle risorse nazionali e comunitarie destinate alle politiche deguaglianza progettazione ed attuazione di politiche attive per la promozione delle pari opportunità e per la gestione della diversità

8 Differenze di genere Insediamento, il 9 marzo 2004, della Commissione per le Pari Opportunità tra uomo e donna, le cui funzioni sono: formulare proposte al Ministro per lelaborazione delle modifiche normative necessarie a rimuovere qualsiasi forma di discriminazione, sia diretta che indiretta, nei confronti delle donne ed a conformare lordinamento giuridico al principio di pari opportunità fra uomo e donna;

9 Differenze di genere verificare lo stato di attuazione delle politiche di pari opportunità nei vari settori della vita politica, economica e sociale e segnala le relative iniziative al Ministro; fornire pareri in materia di pari opportunità fra uomo e donna; svolgere attività di studio e di ricerca in materia di pari opportunità

10 Immigrati e minoranze il Governo che in attuazione della direttiva comunitaria n. 2000/43 CE - ha risposto con il decreto legislativo 9 luglio 2003, n. 215 costituisce un apposito Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sullorigine etnica nellambito del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri.direttiva comunitaria n. 2000/43 CE decreto legislativo 9 luglio 2003, n. 215

11 Immigrati e minoranze Un organismo ad hoc come garanzia nonché un punto di riferimento istituzionale per il controllo delloperatività degli strumenti di tutela. lobiettivo è di porre le condizioni concrete per realizzare efficaci politiche di integrazione che garantiscano una convivenza pacifica improntata tanto alla tutela dei diritti inviolabili delluomo quanto al rispetto della nostra cultura.

12 Immigrati e minoranze La nuova normativa consentirebbe a chiunque si consideri vittima di una discriminazione, sia diretta che indiretta, o di una molestia fondata sul motivo della razza o dellorigine etnica, di agire in giudizio attraverso unazione rapida ed efficace, per laccertamento e la rimozione del comportamento discriminatorio.

13 Disabilità Lordinamento giuridico europeo propone un paradigma di disabilità molto preciso: promuovere, anche attraverso interventi personalizzati, la normalità dellhandicap con lobiettivo di rendere il disabile pienamente partecipe della vita sociale in tutti i suoi aspetti dal ricreativo al lavorativo.

14 Disabilità Le politiche sociali si orientano su quattro punti fondamentali: Estensione della normativa delle pari opportunità anche ai disabili Sostegno alle famiglie Attuazione di politiche di inserimento lavorativo Politiche contro ogni forma di discriminazione in ragione delle condizioni fisiche sui luoghi di lavoro

15 Cultura della gente comune Se ci guardiamo attorno, se ascoltiamo le notizie e se osserviamo attentamente i comportamenti della gente comune ci rendiamo conto che tali iniziative sono frutto di ideali ambiziosi di eguaglianza e multiculturalità, ma non rispecchiano il nostro quotidiano

16 Il nostro quotidiano Le azioni xenofobe e gli atteggiamenti ispirati da pregiudizi verso il diverso, sono ancora allordine del giorno si deduce logicamente come le iniziative socio-politiche abbiano influenzato ancora troppo poco lopinione pubblica

17 Qualcosa è cambiato... Recenti ricerche e statistiche, hanno evidenziato nel nostro Paese un considerevole miglioramento in termini qualitativi della condizione femminile Nonostante ciò, non si è ancora realizzato appieno il principio della parità e delle pari opportunità uomo/donna, poiché è tuttora presente una profonda distinzione tra la realtà professionale maschile e quella femminile

18 … ma non è ancora abbastanza! Il problema è soprattutto culturale: da un lato, alcuni bisogni sono imputati solitamente ed esclusivamente alla donna la donna ha necessità di conciliare vita lavorativa e vita familiare dallaltro, la condizione femminile viene stereotipizzata e spinge la persona donna in uno stato di subalternità rispetto alluomo

19 Educazione alla diversità La diversità, quando non produce discriminazioni, è una ricchezza Le identità vanno giocate in positivo per integrare, non anteporre i punti di vista, i pensieri, le esperienze, i diritti degli uni sulle altre Grande importanza ha dunque l'educazione alle differenze, e su questo che si dovrebbe costruire la nostra crescita sociale


Scaricare ppt "Pari opportunità, un percorso di evoluzione sociale Liana M. Daher Sociologa – Università di Catania."

Presentazioni simili


Annunci Google