La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lorientamento, gli orientatori CORSO DI FORMAZIONE PER I REFERENTI DELLORIENTAMENTO dicembre 2006- febbraio 2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lorientamento, gli orientatori CORSO DI FORMAZIONE PER I REFERENTI DELLORIENTAMENTO dicembre 2006- febbraio 2007."— Transcript della presentazione:

1 Lorientamento, gli orientatori CORSO DI FORMAZIONE PER I REFERENTI DELLORIENTAMENTO dicembre febbraio 2007

2 Cosa è lorientamento? Progetto di risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio sul rafforzamento delle politiche, dei sistemi e delle prassi in materia di orientamento lungo tutto l'arco della vita in Europa Bruxelles, 18 maggio 2004 Consiglio dellUnione Europea Nel contesto dell'apprendimento permanente, l'orientamento rimanda ad una serie di attività che mettono in grado i cittadini di ogni età, in qualsiasi momento della loro vita, di identificare le proprie capacità, le proprie competenze e i propri interessi, prendere decisioni in materia di istruzione, formazione e occupazione nonché gestire i loro percorsi personali di vita nelle attività di formazione, nel mondo professionale e in qualsiasi altro ambiente in cui si acquisiscono e/o si sfruttano tali capacità e competenze.

3 Lorientamento nella scuola Progetto di risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio sul rafforzamento delle politiche, dei sistemi e delle prassi in materia di orientamento lungo tutto l'arco della vita in Europa Bruxelles, 18 maggio 2004 Consiglio dellUnione Europea L'orientamento nell'ambito del sistema d'istruzione e formazione, e in particolare nelle scuole o a livello scolastico, deve svolgere un ruolo fondamentale nel garantire che le decisioni dei singoli individui per quanto riguarda l'istruzione e la professione siano saldamente ancorate, e nell'assisterli a sviluppare un'efficace autogestione dei loro percorsi di apprendimento e professionali. Costituisce inoltre uno strumento chiave per consentire agli istituti di istruzione e formazione di migliorare la qualità e l'offerta dell'istruzione.

4 Le funzioni di orientamento Le funzioni di orientamento sono linsieme delle diverse attività finalizzate al sostegno del percorso di autoorientamento delle singole persone e, quindi, allo sviluppo e al sostegno della progettualità in riferimento al processo formativo e lavorativo.

5 Le funzioni di orientamento (primarie/secondarie) Funzione di orientamento primaria: assegnata istituzionalmente come finalità principale (centri di orientamento) Funzione di orientamento secondaria: assegna istituzionalmente come finalità non principale. La finalità principale è tuttavia strettamente connessa con la funzione di orientamento (Centri per limpiego, Centri di formazione professionale e Agenzie formative, Istituzioni scolastiche)

6 Le funzioni di orientamento (implicite/esplicite) Funzione di orientamento esplicita: è svolta in modo diretto, attraverso azioni orientative mirate Funzione di orientamento implicita: è il risultato indiretto di azioni che hanno primariamente altre finalità

7 I soggetti che svolgono le funzioni di orientamento La scuola Luniversità La formazione professionale I centri per limpiego

8 Le azioni di orientamento Insieme degli interventi che in qualche modo supportano le scelte delle singole persone, potenziando la percezione di autoefficacia rispetto al fronteggiamento di un compito o di una situazione di transizione e favorendo la capacità del soggetto di operare scelte responsabili.

9 Le azioni di orientamento (spontanee/professionali) Azioni spontanee: sono realizzate da una pluralità di soggetti diversi presenti nellambiente di vita di una persona, giocando a volte un ruolo determinante Azioni professionali: sono intenzionali, finalizzate alla risoluzione di compiti definiti e circoscritti, condotte da professionalità competenti, mirate allo sviluppo di competenze orientative

10 Le tipologie di azione di orientamento Information (informazione) Guidance (orientamento) Counselling (consulenza)

11 I servizi di orientamento Servizi di informazione (detti anche servizi di primo livello). Possono essere definiti come l'erogazione di informazioni orientative fornite senza un esame approfondito delle problematiche del cliente Servizi di accompagnamento, tutorato, sostegno Servizi di consulenza (detti anche servizi di secondo livello o anche specialistici). Possono essere definiti come attività di orientamento condotte attraverso un esame approfondito delle problematiche del cliente. Servizi per lo sviluppo delle competenze orientative (detti anche di orientamento formativo o formazione orientativa). Possono essere definite come attività volte a far acquisire e sviluppare competenze orientative attraverso attività focalizzate sulle scelte formative e professionali e sulla loro messa in opera.

12 Le figure professionali dellorientamento (profili ISFOL) Operatore dellInformazione orientativa Funzioni di accoglienza, erogazione di informazioni, attività per favorire lapprendimento di abilità sociali Tecnico dellorientamento Tutorato/monitoraggio orientativo nei percorsi di scolarizzazione, formazione, ricerca del lavoro Consulente di orientamento Funzioni di supporto ai processi decisionali in corrispondenza delle scelte scolastico formative e della maturazione di progetti professionali Analista di politiche e servizi di orientamento Assistenza tecnica alle istituzioni e ai sistemi nella fase di definizione delle politiche di orientamento

13 Le competenze richieste agli operatori del settore orientamento Decreto Ministeriale n.166/2001 Disposizioni in materia di accreditamento dei soggetti attuatori nel sistema di formazione professionale Profili ISFOL maggio 2003 Verso unipotesi di profili professionali per un sistema territoriale di orientamento

14 Competenze per attività di informazione orientativa: D.M. n.166/2001 (saper) fornire informazioni sulle opportunità formative e professionali del territorio utili e pertinenti alle esigenze dellutente

15 Competenze per attività di consulenza orientativa: D.M. n.166/2001 (saper) effettuare analisi complete ed approfondite dei diversi elementi soggettivi e di contesto che influenzano i processi di scelta (saper) sostenere lutente nella predisposizione di un progetto personale realistico, verificabile e completo nei suoi elementi interni (obiettivi, tempi, azioni, interlocutori, risorse).

16 Competenze trasversali ai quattro profili ISFOL: a)area della «Comunicazione» intesa come capacità di ascolto e decodifica, attenzione al genere, riconoscimento della specificità dei target, ecc; b)area dell' «Organizzazione» riferita alla capacità di lavorare in team, alla cultura di rete, alla mediazione/negoziazione intra ed inter-organizzativa, ecc; c)area della «Legislazione» che comprende conoscenze essenziali della normativa relativa ai sistemi scolastici e di formazione professionale, di elementi di diritto del lavoro e di contrattualistica, ecc.; d)area dell'«Informatica e delle nuove tecnologie» con riferimento a competenze di base dei settore.

17 Lorientamento a scuola La scuola ha una funzione secondaria ed esplicita di orientamento. Per il raggiungimento della finalità di orientamento compie specifiche azioni di tipo professionale (didattica orientativa, accoglienza, informazione ecc.) servendosi degli operatori della scuola e di esperti esterni, offrendo una pluralità di servizi e perseguendo lobiettivo di una loro integrazione con lofferta di orientamento del territorio.


Scaricare ppt "Lorientamento, gli orientatori CORSO DI FORMAZIONE PER I REFERENTI DELLORIENTAMENTO dicembre 2006- febbraio 2007."

Presentazioni simili


Annunci Google