La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

METODOLOGIE PER LA VALIDAZIONE DELLE COMPETENZE Unità formativa 9.1 Politiche nazionali ed europee per la validazione delle competenze acquisite nella.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "METODOLOGIE PER LA VALIDAZIONE DELLE COMPETENZE Unità formativa 9.1 Politiche nazionali ed europee per la validazione delle competenze acquisite nella."— Transcript della presentazione:

1 METODOLOGIE PER LA VALIDAZIONE DELLE COMPETENZE Unità formativa 9.1 Politiche nazionali ed europee per la validazione delle competenze acquisite nella mobilità

2 Metodologie per la validazione delle competenze Commissione europea I partecipanti dovrebbero ottenere riconoscimento e certificazione della conoscenza maturata allestero. Si scontra con la natura nazionale dei sistemi di educazione e formazione. Si scontra con i differenti modi di valutare le competenze acquisite.

3 Metodologie per valutare le competenze La validazione identifica un processo di certificazione. CERTIFICAZIONE: insieme di azioni che prevedono lutilizzo di procedure e strumenti, attraverso il quale un soggetto istituzionalmente legittimato attesta il possesso e lesistenza di determinati oggetti. Competenze, acquisite dalle persone mediante esperienze personali, professionali e lavorative.

4 Metodologie per la validazione delle competenze Il principio cardine legato alla certificazione è la trasparenza. Un insieme di pratiche per tracciare il quadro degli elementi su cui fare il riconoscimento e/o la certificazione. Serve a dare una rappresentazione chiara e non ambigua di fatti, esperienze, esiti (competenze possedute, qualifiche acquisite...) o processi, per una comprensione migliore da parte di soggetti terzi.

5 Metodologia per la validazione delle competenze Levoluzione europea verso un sistema di certificazione Evoluzione più rilevante (ed anche i risultati di maggior rilievo). Lancio del processo di Lisbona e varo della Strategia europea per lOccupazione (marzo 2000) Dichiarazione di Copenaghen Instaurare una più intensa cooperazione in taluni settori della formazione professionale:

6 Metodologie per la validazione delle competenze trasparenza delle qualifiche e delle competenze; garanzia della qualità; trasferimento delle unità di corso; elaborazione di principi comuni per il riconoscimento dellapprendimento non formale e informale; orientamento permanente.

7 Metodologie per la validazione delle competenze Il processo che ha condotto alladozione di questa dichiarazione ha avuto avvio nel 2001 a Bruges con la Comunicazione della Commissione Realizzare uno spazio europeo dellapprendimento permanente. LEuropa ha scelto di sviluppare una valuta comune in termini di qualifiche e competenze. Identificazione di una serie di risultati concreti collocati allinterno di una strategia:

8 Metodologie per la validazione delle competenze creazione di un quadro unico per la trasparenza di competenze e qualifiche, che riunisca in un unico formato gli attuali strumenti di trasparenza; creazione di un sistema di trasferimento dei crediti per listruzione e la formazione professionale; adozione di principi qualitativi comuni in materia di istruzione e formazione professionale; adozione di principi comuni per il riconoscimento e la certificazione dellapprendimento formale e informale; predisposizione di un orientamento professionale permanente che rafforzi la dimensione europea dellorientamento informativo e dei servizi di consulenza.

9 Metodologie per la validazione delle competenze EQF – European Qualification Framework (formalmente costituito nel 2008) E un quadro comune europeo di riferimento per promuovere la mobilità degli individui e agevolare lapprendimento lungo tutto larco della vita. LEQF collega i sistemi nazionali di qualificazione dei vari paesi, agendo quale dispositivo di traduzione capace di mettere in relazione e comparare i diversi titoli come qualifiche, diplomi, certificati rilasciati dagli Stati membri.

10 Metodologie per la validazione delle competenze Gli Stati membri sono invitati a: utilizzare lEQF come strumento di riferimento per confrontare i livelli delle qualifiche dei diversi sistemi; riferire i propri sistemi nazionali di qualifiche ai livelli dellEQF entro il 2010; assicurare che tutti i nuovi certificati e titoli e i documenti Europass abbiano il riferimento al livello pertinente dellEQF entro il 2012; adottare un approccio basato sui risultati dellapprendimento nella definizione e nella descrizione delle qualifiche.

11 Metodologie per la validazione delle competenze Levoluzione italiana verso un sistema di certificazione Decreto 469/97 (Legge Bassanini); Legge Costituzionale 18/10/2001 n. 3 (modifica il Titolo V della Costituzione – in particolare larticolo 117); Decreto ministeriale sulla Certificazione nel sistema della formazione professioanle (D.M. 31/5/01, n. 174); Legge 53/2003 Legge 30/2003 (Legge delega in materia di mercato del lavoro).

12 Metodologie per la validazione delle competenze Il modello complessivo del sistema italiano si basa sullindividuazione degli obiettivi minimi di apprenedimento sono da conseguire perchè sia riconoscibile e certificabile il possesso di competenze significative, ovvero identificabili nellambito del sistema di famigli/figure professionali. Tali obiettivi sono descritti attraverso lindividuazione delle Unità di competenza e dei relativi livelli di padronanza della competenza.

13 Metodologie per la validazione delle competenze Lo standard minimo è composto da un insieme o set di Unità di competenza che deve essere mantenuto su tutto il territorio nazionale. Tale standard comprende lindividuazione: di aree di competenza fondamentali per il livello formativo considerato; di Unità di competenza che caratterizzano la figura definita a livello nazionale; della descrizione sintetica degli apprendimenti fondamentali che il soggetto in formazione deve mostrare di aver conseguito in esito a percorso formativo e/o professionale

14 Metodologie per la validazione delle competenze Le Regioni possono declinare territorialmente la figura professionale in questione, completando lo standard minimo e definendo uno standard complessivo di figura. Lo standard complessivo comprende: lo standard minimo di figura definito a livello nazionale; eventuali specificazioni dello standard minimo; eventuali integrazioni dello standard minimo.

15 Metodologie per la validazione delle competenze Contenuto: Concetti di validazione, riconoscimento e certificazione delle competenze. Il principio europeo della trasparenza. Levoluzione europea verso la certificazione delle competenze. Leuropean Qualification Framework. Levoluzione italiana nella normativa e nei sistemi.


Scaricare ppt "METODOLOGIE PER LA VALIDAZIONE DELLE COMPETENZE Unità formativa 9.1 Politiche nazionali ed europee per la validazione delle competenze acquisite nella."

Presentazioni simili


Annunci Google