La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CONFERENZA PERMANENTE PROVINCIALE DELLORIENTAMENTO Ufficio Scolastico Provinciale 9 novembre 2007.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CONFERENZA PERMANENTE PROVINCIALE DELLORIENTAMENTO Ufficio Scolastico Provinciale 9 novembre 2007."— Transcript della presentazione:

1 CONFERENZA PERMANENTE PROVINCIALE DELLORIENTAMENTO Ufficio Scolastico Provinciale 9 novembre 2007

2 SETTORISTRATEGICI DEL SISTEMA DI ISTRUZIONE ORIENTAMENTOEDUCAZIONEINTERCULTURALEEDUCAZIONEAMBIENTALE

3 Un quadro comune di riferimento Conclusioni della Presidenza del Consiglio Europeo di Lisbona Conclusioni della Presidenza del Consiglio Europeo di Lisbona, marzo 2000 Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006, relativa a competenze chiave per lapprendimento permanente

4 Un quadro comune di riferimento Indicazioni per il curricolo Indicazioni per il curricolo (scuola infanzia, primaria, secondaria 1° grado), D.M. 31 luglio 2007 – Direttiva n.68 del 3 agosto 2007 Regolamento recante norme in materia di adempimento dellobbligo di istruzione Decreto 22 agosto n. 139, Regolamento recante norme in materia di adempimento dellobbligo di istruzione, ai sensi dellarticolo 1, comma 622 della legge 27 dicembre 2006 n. 296

5 Un quadro comune di riferimento FAVORIRE - IL PIENO SVILUPPO DELLA PERSONA NELLA COSTRUZIONE DEL SÉ - CORRETTE E SIGNIFICATIVE RELAZIONI CON GLI ALTRI - UNA POSITIVA INTERAZIONE CON LA REALTÀ NATURALE E SOCIALE

6 I settori strategici del sistema di istruzione OrientamentoEd. InterculturaleEd. Ambientale G. Morelli C. Alocci C. Azimonti P. Brunello P. Egisti D. Giovannini S. Giusti L.Pierangioli S. Pastorelli M. Rossi G. Morelli A. Astorino P. Brunello M. Cappuccini G. Colistra P. Egisti P. Giangrande S. Giusti A. Letteri P. Matini L. Pierangioli B. Rosini A. De Pietro C. Azimonti A. Draghi P. Egisti S. Fabbris F.Favali G. Gentili B. Pasti L. Pierangioli G. Polidori C. Soprana N. Squitieri

7 EDUCAZIONE INTERCULTURALE

8 CHE COSA È LEDUCAZIONE INTERCULTURALE? Osservatorio per integrazione alunni stranieri e educazione interculturale – Com.Scientifico Gruppo di lavoro LEDUCAZIONE INTERCULTURALE E LA FORMAZIONE ALLA CONVIVENZA Contributo per il documento pubblico Lintercultura in classe assume il significato di un paradigma per lintero sistema-scuola. In questo senso, predisporre misure di sostegno ad una stabile integrazione ed i necessari interventi specifici da un punto di vista didattico, non significa concentrare lattenzione sul recupero degli immigrati come alunni-problema, ma integrare questo sforzo in un più ampio programma di educazione interculturale, coinvolgente tutta la classe. Tale approccio interculturale è fondato su una concezione dinamica della cultura, espressa soprattutto nellambito delle relazioni tra linsegnante e gli alunni e tra gli alunni stessi.

9 LA SCUOLA COME INTELLETTUALE SOCIALE Apprendimento italiano L2 Rapporto scuola-territorio Orientamento in chiave interculturale Modelli di accoglienza degli alunni stranieri Curricolo interculturale e valutazione degli apprendimenti

10 EDUCAZIONE AMBIENTALE

11 educazione ambientale come educazione alla sostenibilità e, dunque, educazione alla cittadinanza attiva, finalizzata alla partecipazione ed alla responsabilizzazione dei diversi soggetti dello scenario locale rispetto ai temi ed ai processi del proprio sviluppo Piano Regionale di educazione ambientale Regione Toscana

12 EDUCAZIONE AMBIENTALE Sostenibilità Senso di identità e appartenenza Rapporto con il mondo sociale ed economico Responsabilità Cultura di rispetto Cittadinanza attiva Costruzione del sè

13 ORIENTAMENTO

14 CHE COSA E LORIENTAMENTO? Progetto di risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio sul rafforzamento delle politiche, dei sistemi e delle prassi in materia di orientamento lungo tutto l'arco della vita in Europa Bruxelles, 18 maggio 2004 Consiglio dellUnione Europea Nel contesto dell'apprendimento permanente, l'orientamento rimanda ad una serie di attività che mettono in grado i cittadini di ogni età, in qualsiasi momento della loro vita, di identificare le proprie capacità, le proprie competenze e i propri interessi, prendere decisioni in materia di istruzione, formazione e occupazione nonché gestire i loro percorsi personali di vita nelle attività di formazione, nel mondo professionale e in qualsiasi altro ambiente in cui si acquisiscono e/o si sfruttano tali capacità e competenze.

15 LORIENTAMENTO A SCUOLA Progetto di risoluzione del Consiglio e dei rappresentanti dei governi degli Stati membri, riuniti in sede di Consiglio sul rafforzamento delle politiche, dei sistemi e delle prassi in materia di orientamento lungo tutto l'arco della vita in Europa Bruxelles, 18 maggio 2004 Consiglio dellUnione Europea L'orientamento nell'ambito del sistema d'istruzione e formazione, e in particolare nelle scuole, deve svolgere un ruolo fondamentale nel garantire che le decisioni dei singoli individui per quanto riguarda l'istruzione e la professione siano saldamente ancorate, e nell'assisterli a sviluppare un'efficace autogestione dei loro percorsi di apprendimento e professionali. Costituisce inoltre uno strumento chiave per consentire agli istituti di istruzione e formazione di migliorare la qualità e l'offerta dell'istruzione.

16 Lorientamento a scuola La scuola ha una funzione secondaria ed esplicita di orientamento. Per il raggiungimento della finalità di orientamento compie specifiche azioni di tipo professionale (didattica orientativa, accoglienza, informazione ecc.) servendosi degli operatori della scuola e di esperti esterni, offrendo una pluralità di servizi e perseguendo lobiettivo di una loro integrazione con lofferta di orientamento del territorio.

17

18 LE AZIONI a.s CONFERENZA PROVINCIALE PER LORIENTAMENTO CONFERENZA PROVINCIALE PER LORIENTAMENTO Incontri con i Referenti: dalle competenze di asse alle competenze trasversali, alle competenze orientative dalle competenze di asse alle competenze trasversali, alle competenze orientative ~ concetto di competenza ~ descrizione delle competenza ~ costruzione delle competenze ~ certificazione delle competenze

19 LE AZIONI a.s INCONTRI SUI TERRITORI CON I REFERENTI E DOCENTI INCONTRI SUI TERRITORI CON I REFERENTI E DOCENTI … ancora competenze … ~ concetto di competenza ~ descrizione delle competenza ~ costruzione delle competenze ~ certificazione delle competenze

20 LE AZIONI a.s Alternanza Scuola - Lavoro come risposta al bisogno di risolvere la distanza che si è andata creando tra il momento formativo e il momento lavorativo di una persona Non è un percorso di apprendistato Non è una proposta formativa per chi è debole a scuola o in situazione di disagio Non è unarea professionalizzante Non è la sperimentazione del lavoro

21 LE AZIONI a.s Lalternanza scuola-lavoro – COAP adesione 10 Istituzioni Scolastiche incontro di avvio 13 novembre ° anno Socializzazione al lavoro 3° anno Partecipazione al lavoro 2° anno Conoscenza mondo del lavoro

22 LE AZIONI a.s Adotta un cervello– Assoc. Industriali GR MIGLIORARE NEI GIOVANI LA RAPPRESENTAZIONE COGNITIVA DEL MONDO/SISTEMA DEL LAVORO PIANO CULTURALE Azioni tese a favorire la conoscenza e la relazione tra i due sistemi PIANO TECNICO - OPERATIVO azioni tese a diffondere le conoscenze relative alle attività produttive così come sono realizzate nei contesti aziendali

23 LE AZIONI a.s Adotta un cervello– Assoc. Industriali GR Incontri tra imprenditori/dipendenti e docenti Incontri tra imprenditori/dipendenti e studenti Progetti di ADOZIONE (valorizzazione delle eccellenze) Indagine campionaria sulla percezione della relazione tra scuola e lavoro

24 LE AZIONI a.s Progetto F.O.R.I.R Progetto F.O.R.I.R USP – Istituzioni Scolastiche – Provincia Costruzione di un modello provinciale integrato di orientamento attraverso un percorso partecipativo di ricerca e di formazione

25 LE AZIONI a.s Progetto F.O.R.I.R Progetto F.O.R.I.R Gli incontri in presenza: ~ Orientamento come processo di costruzione di conoscenze ~ Orientamento come strategia integrata di sistema ~ Orientamento come sistema di qualità in una dimensione europea ~ La costruzione del sistema territoriale di orientamento

26 LE AZIONI a.s Progetto F.O.R.I.R Progetto F.O.R.I.R I gruppi di lavoro: ~ Il linguaggio (glossario, linee guida …) ~ La rete integrata delle risorse territoriali ~ La professionalità degli operatori ~ La metodologia (buone prassi, strumenti e modalità operative)

27 LE AZIONI a.s Percorsi con lUniversità di Siena Percorsi con lUniversità di Siena ~ Giornate di informazione universitaria ~ Per-corsi Qualità ~ Progetto POMUS ~ Progetto Cento Classi ~ Progetto Cento Classi Progetto con Azienda U.S.L. 9 di Grosseto Progetto con Azienda U.S.L. 9 di Grosseto ~ Life Skills e Peer Education (percorsi di formazione) (percorsi di formazione)

28 LE STORIE SIAMO NOI primavera 2008 volume teorico – pratico (Erickson) con la presentazione dei laboratori attivati nelle scuole LORIENTAMENTO NARRATIVOLE STORIE SIAMO NOI primavera 2008 volume teorico – pratico (Erickson) con la presentazione dei laboratori attivati nelle scuole LE AZIONI a.s

29 ORIENTAMENTO ORIENTAMENTO COME ACCESSO ALLA CITTADINANZA Diritto del cittadini a sviluppare competenze per la cittadinanza Diritto del cittadino ad avere un orientamento di alta qualità


Scaricare ppt "CONFERENZA PERMANENTE PROVINCIALE DELLORIENTAMENTO Ufficio Scolastico Provinciale 9 novembre 2007."

Presentazioni simili


Annunci Google