La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

RADIO DIGITALE evoluzione editoriale Sylvain Anichini Roma, 24 settembre 2008.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "RADIO DIGITALE evoluzione editoriale Sylvain Anichini Roma, 24 settembre 2008."— Transcript della presentazione:

1 RADIO DIGITALE evoluzione editoriale Sylvain Anichini Roma, 24 settembre 2008

2 Sommario 1- I fondamentali della radio 2- Dati associati: arrichimento e creazione di valore per i programmi radio 3- Sviluppo editoriale ed evoluzione delle attività 4- Bando di appalto della radio digitale in Francia e progetti 2

3 1- I fondamentali della radio

4 Roma, 24 settembre 2008 La forza della Radio Negli ultimi 20 anni, si sono imposti nuovi mezzi di comunicazione digitale: –Telefonia mobile (120% di penetrazione in Italia) –Internet –TV digitale satellitare Ma la radio, dopo aver vissuto un periodo di espansione, rimane forte e solida. Questa tendenza è comune a tutta lEuropa. 4

5 Roma, 24 settembre 2008 La forza della Radio (2) Francia: tra il 1988 e il 2008 (primo trimestre) +11 mln di ascoltatori al giorno (Médiamétrie) Il tempo di ascolto è rimasto stabile a 3 ore al giorno. Italia: tra il 1988 e il 2008 (primo bimestre) + 12 mln di ascoltatori al giorno (Audiradio) Il tempo di ascolto è oggi di 3 ore e 1 minuto al giorno Milioni 74% dei francesi 32 Milioni 74% dei francesi 43 Milioni 84% dei francesi 43 Milioni 84% dei francesi 26 Milioni 52% degli italiani 26 Milioni 52% degli italiani 38 Milioni 72,4% degli italiani 38 Milioni 72,4% degli italiani (1° trim.) (1° bim.)

6 Roma, 24 settembre 2008 La forza della Radio (3) Diversi fattori spiegano questa evoluzione: –Lapertura della banda FM al settore privato ha dinamicizzato il mercato –Un ascolto della radio sempre più mobile rende il mezzo più facile e accessibile –Il Multi-Tasking (fruizione simultanea di più mezzi) aumenta il tempo dedicato ai media e quindi anche alla radio –Infine, la moltiplicazione delle piattaforme che propongono la radio (internet, televisione satellitare, telefonia mobile) rappresenta un fattore di crescita del mezzo. 6

7 Roma, 24 settembre 2008 Per meglio capire quali contenuti trasmettere tramite i dati associati della radio digitale, occorre prima capire quali sono le caratteristiche fondamentali della radio analogica: –Un mezzo di accompagnamento –Mobilità –Diretta/istantaneità dellinformazione –Prossimità –Gratuità (per lascoltatore) I dati associati (Visual Radio) dovranno rinforzare queste caratteristiche. 7 I fondamentali della Radio

8 2- Dati associati: arricchimento e creazione di valore per i programmi della radio

9 Roma, 24 settembre 2008 Dati associati per la radio Nel settore televisivo i dati associati «invadono» il territorio della comunicazione audiovisiva, cioè lo schermo. I dati associati a un programma radiofonico digitale invece non sono intrusivi: –Non disturbano o creano ostacoli al flusso audio –Permettono di arricchire il programma sonoro Questa caratteristica può essere opportunamente sfruttata per la diffusione di messaggi pubblicitari e informazioni di servizio (meteo, traffico ecc.). 9

10 Roma, 24 settembre INFORMAZIONI SINCRONIZZATE CON UN PROGRAMMA AUDIO Arricchire il contenuto audio Con testi, fotografie, animazioni, grafici Fotografia dello speaker e degli invitati Grafici o tabelle per illustrare le informazioni sonore « Andare oltre il programma » indirizzo postale o internet, numero di telefono, bibliografia, consigli di lettura per la stampa Indirizzi di una società o associazione citata nel programma audio Consigli di lettura (libri o stampa) in relazione al contenuto del programma Proposte di viaggio per visitare le località descritte nella trasmissione. Personalizzare lascolto Dando degli indirizzi o altri consigli che permettano di approfondire un aspetto del contenuto audio Tramite informazioni locali (rispetto al luogo di ascolto): concerti, parcheggi, ecc. 10 Apporto di un contenuto supplementare

11 Roma, 24 settembre INFORMAZIONI NON SINCRONIZZATE CON IL PROGRAMMA AUDIO Dare «informazioni di servizio» (= moltiplicazione del contenuto) Meteo, traffico, segnalazioni. Meteo o traffico locali (rispetto al luogo di ascolto). Lascoltatore può essere informato in modo continuativo sullevoluzione degli ingorghi stradali Diffusione di messaggi pubblicitari. 11 Apporto di un contenuto supplementare (2)

12 Roma, 24 settembre 2008 Orientamento dellascoltatore 1.Riassumere il programma trasmesso Sommario del programma Riassunto degli «episodi» precedenti 2.Informare lascoltatore sulla durata del programma, il tempo trascorso dallinizio del programma 3.Collocare il programma allinterno del palinsesto Segnalazioni delle prossime puntate con i temi trattati, gli invitati… 4.Invogliare ad ascoltare la radio Tema dello stesso programma del giorno dopo Informare lascoltatore su programmi con contenuti simili sulle altre emittenti del Gruppo 5.Aiutare lascoltatore ad accedere ai Podcast del programma. 12

13 Roma, 24 settembre Pausa Bloccare e ricominciare ad ascoltare il programma quando si vuole 2.«Rewind» (mandare indietro la trasmissione): Allinizio del programma Allinizio della rubrica Allinizio del brano musicale 3.Registrazione Del programma dallinizio, anche se il fruitore non ha ascoltato il primo ¼ dora Di un programma o di una rubrica che si vuole ascoltare più tardi Programmare la registrazione di un programma futuro 13 Le funzionalità supplementari di ascolto

14 3- Sviluppo editoriale e evoluzione delle attività

15 Roma, 24 settembre 2008 Un contenuto più ricco La radio analogica dispone di un solo supporto: il suono –Questo supporto unico permette la trasmissione di un solo contenuto –Lo stereo in FM dà un rilievo e completa il contenuto suggerendo un luogo, la posizione del locutore ecc. –LRDS permette la trasmissione di qualche informazione supplementare (nome dellemittente, titoli ecc.) ma in modo limitato La radio digitale permette lutilizzo di più supporti (suono e immagini) simultaneamente e con svariate funzionalità –Arricchimento del suono con nuove possibilità di rilievo grazie al multicanale –Un canale permette di visualizzare immagini e testi –Un interactivity engine (simile a lMHP nelle box DTT) permette lintroduzione a livello locale di contenuti La radio digitale è quindi in grado di trasmettere e pubblicare un contenuto più ricco 15

16 Roma, 24 settembre 2008 Quali contenuti supplementari ? Distingueremo due tipi di contenuti: –Dati, indipendentemente dalla forma (immagini, suoni, testi), relativi al programma trasmesso e che lo completano durante il suo svolgimento Si tratta dei dati associati sincronizzati –Dati, indipendentemente dalla forma (immagini, suoni, testi), che non sono in relazione diretta con il programma sonoro in corso di svolgimento Si tratta dei dati associati non sincronizzati 16

17 Roma, 24 settembre 2008 Come produrre i dati associati sincronizzati? I contenuti già esistono perché sono stati raccolti e utilizzati per la preparazione del programma –Le bibliografie degli autori menzionati in un programma –La trascrizione dei dati informativi citati in un programma (numeri di telefono, indirizzi postali o elettronici ecc.) –Testi delle domande o sommari dei temi trattati, che sono stati comunicati agli invitati –Sinossi di un programma comunicato alla stampa specializzata Il solo contenuto sonoro non sfrutta tutta la ricchezza delle informazioni raccolte per la sua realizzazione. Lutilizzazione di queste informazioni è possibile: –Se i nuovi bisogni sono integrati nel processo di produzione –Se tutti i contenuti sono raccolti e immagazzinati nelle apparecchiature idonee 17

18 Roma, 24 settembre 2008 I contenuti non esistono perché non erano necessari per preparare o realizzare il programma: –Una foto legata allattualità trattata (la prima pagina di un giornale, ad esempio) –La foto del luogo dove è stata realizzata unintervista (per esempio, la foto di un architetto intervistato in un luogo da lui creato ha un evidente valore editoriale) –La foto delle persone che partecipano al programma –Il logo di uno sponsor Si tratta chiaramente di ricerche e compiti supplementari rispetto ad un programma unicamente sonoro. Se invece il programma è già trasmesso via internet, queste informazioni sono molto probabilmente già disponibili. Lutilizzazione di apparecchiature di produzione multimediale è indispensabile per associare questi contenuti al flusso sonoro. 18 Come produrre i dati associati sincronizzati? (2)

19 Roma, 24 settembre 2008 Dati associati non sincronizzati Se i dati già esistono: –Carte meteo –Carte stradali –Immagini di una telecamera situata su un asse stradale La raccolta di queste informazioni richiede lo sviluppo dinterfacce specifiche e la disponibilità di materiale idoneo. Lintero processo di produzione può essere automatizzato. Non si tratta di cambiare lorganizzazione della produzione ma solamente di coordinare la pubblicazione. I costi supplementari di funzionamento sono poco elevati, ma è indispensabile un investimento specifico, che si può coordinare con la produzione Web. 19

20 Roma, 24 settembre 2008 Dati associati non sincronizzati (2) Se i dati non esistono –Come, ad esempio, i contenuti realizzati appositamente per la radio digitale Si tratta quindi di un processo supplementare di funzionamento che richiede degli investimenti e del personale specifico e quindi dei costi supplementari Questi contenuti e costi sono inferiori a quelli necessari per la produzione Web e in tutti i casi condivisi con questa attività se esiste: –E il caso, ad esempio, delle applicazioni interattive (BIFS) che utilizzano i dati associati (sincronizzati e non sincronizzati) Linvestimento (per esempio la creazione di un software) si realizza una sola volta, mentre invece il costo per lutilizzo è basso. 20

21 Roma, 24 settembre 2008 Integrazione Un processo di produzione efficace per la radio digitale richiede una vera integrazione delle apparecchiature di produzione sonora (radio) e multimedia (Web) La radio digitale usa i due sistemi e i costi supplementari dipenderanno dal livello di integrazione che non è solo tecnico ma anche organizzativo Le attività non cambiano; un certo numero di compiti devono solamente essere pianificati, organizzati e industrializzati 21

22 Roma, 24 settembre 2008 Dimostrazione Le maquettes –France Info –France Inter –France Musique –Info-Trafic 22

23 4- Bando di appalto della radio digitale in Francia e progetti

24 Roma, 24 settembre 2008 La radio oggi La situazione oggi: –Mediamente ogni francese può ascoltare nella sua regione 20 emittenti radio FM/AM –A Parigi sono disponibili 56 emittenti radio FM –Ma il 30% della popolazione ha a disposizione solamente 10 emittenti radio –Nel migliore dei casi, i network nazionali privati coprono il 75% della popolazione –Il 98% dei francesi hanno un ricevitore radio analogico –Mediamente, in ogni famiglia francese esistono 6 ricevitori radio analogici 24

25 Roma, 24 settembre 2008 Il bando di appalto Linee guida del bando di appalto: –Il bando riguarda 19 città e le loro periferie –Copertura del 30% della popolazione (in-door) e 50% (in mobilità) –Standard unico: DMB –Tutte le radio digitali saranno trasmesse in Banda III –A titolo indicativo, in ogni multiplex saranno trasmesse 9 emittenti radio + un servizio TPEG –Sono autorizzate solamente le radio in chiaro (nessuna radio a pagamento) –In ogni canale sarà trasmesso un flusso sonoro e i dati associati –I candidati possono candidarsi per una radio nazionale, regionale o locale Saranno autorizzate fra 35 e 44 stazioni radio digitali a seconda della città A Parigi saranno autorizzate 62 stazioni radio digitali 25

26 Roma, 24 settembre 2008 Aspetti giuridici Le autorizzazioni sono attribuite agli operatori di servizi (editori di programmi) e non agli operatori di multiplex o di rete (la legge prevede e separa le attività di operatore di servizi, operatore di multiplex e operatore di rete) Le nuove radio digitali saranno autorizzate per 10 anni (autorizzazione rinnovabile 2 volte per una durata di 5 anni ciascuna, senza bando di appalto) Nel processo di autorizzazione, le radio analogiche esistenti saranno prioritarie rispetto ai nuovi progetti 26

27 Roma, 24 settembre 2008 Nuovi progetti e calendario La presenza di nuovi progetti dipende dai canali disponibili: 6 a Parigi, 15 a Strasburgo, 12 a Marsiglia (nel caso naturalmente in cui tutte le radio analogiche si candideranno alla digitalizzazione) Il bando di appalto sarà chiuso il primo ottobre prossimo Il lancio delle prime trasmissioni digitali sono previste a fine

28 Roma, 24 settembre 2008 I progetti Solo dopo il primo ottobre disporremo di un quadro completo dei progetti Per il momento possiamo darvi solo alcune indicazioni: –Radio France: non proporrà nuovi progetti. Legalmente, il servizio pubblico non rientra nel quadro giuridico del bando di appalto. Radio France avrà automaticamente diritto a trasmettere le emittenti analogiche attuali in tecnologia digitale più i rispettivi dati associati. I siti Web delle emitenti saranno ristrutturati anche tenendo conto delle future sinergie con la radio digitale –RTL (Gruppo Bertelsman): RTL-lEquipe, emittente dedicata allo sport, oggi già trasmessa via internet Unemittente musicale per un target giovane, simile al formato di FUN Radio La diffusione digitale delle 3 emittenti analogiche del Gruppo (RTL, RTL 2 e FUN Radio) 28

29 Roma, 24 settembre 2008 I progetti originali –Lagardère: Europe 1-Sport, emittente sportiva già disponibile in FM a Parigi e diffusa via internet La diffusione delle 3 emittenti analogiche del Gruppo (Europe 1, Virgin Radio e RFM) –NextradioTV : Unemittente dedicata allo sport La diffusione digitale delle 2 emittenti analogiche (RMC e BFM) –TF1: Il gruppo televisivo, oggi assente dal settore radiofonico, presenterà probabilmente 2 o 3 progetti originali uno dei quali dedicato allo sport –Altri progetti: Altre emittenti saranno sottoposte al CSA, ma per il momento i candidati sono poco propensi a lanciare nuovi progetti 29

30 Roma, 24 settembre 2008 GRAZIE


Scaricare ppt "RADIO DIGITALE evoluzione editoriale Sylvain Anichini Roma, 24 settembre 2008."

Presentazioni simili


Annunci Google