La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO Laboratorio teatrale di nuove forme di umanesimo Leducazione alla teatralità si pone lobiettivo di educare attraverso il teatro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LICEO SCIENTIFICO LEONARDO Laboratorio teatrale di nuove forme di umanesimo Leducazione alla teatralità si pone lobiettivo di educare attraverso il teatro."— Transcript della presentazione:

1 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO Laboratorio teatrale di nuove forme di umanesimo Leducazione alla teatralità si pone lobiettivo di educare attraverso il teatro. Il teatro e leducazione sono due realtà che hanno finalità comuni: da un lato la pedagogia pone al centro delleducazione la persona con tutte le sue potenzialità da sviluppare; dallaltro il teatro persegue lo stesso obiettivo attraverso attività che stimolano lo sviluppo della creatività e della comunicazione. La fruizione e la pratica teatrale possono contribuire fortemente allo sviluppo e al rinforzo delle capacità intellettive e critiche dellindividuo, allarricchimento delle sue emozioni offrendo nuove occasioni che stimolino il suo bisogno espressivo in situazioni di partecipazione e di collaborazione sociale. (da wikipedia)

2 I lavori che abbiamo allestito in questi anni avevano queste caratteristiche: Non abbiamo messo in scena lavori teatrali già pronti, ma lavorato attorno ad un tema. Sono nate così opere originali realizzate mettendo insieme i materiali raccolti, i contributi e le riflessioni personali che diversi insegnanti e alunni hanno dato. Ogni insegnante, ha apportato il suo contributo in riferimento alla disciplina insegnata, sforzandosi di levarsi la veste del professore, per entrare in quella del ricercatore, cioè di colui che si muove perché ancora curioso del mondo. Non ci siamo mossi seguendo i modelli rigorosi dellindagine della scienza, ma secondo percorsi empirici, emozionali, che passano attraverso lesperienza. Abbiamo così mostrato ai ragazzi quella passione che ci ha reso credibili e li ha invogliati a camminare con noi. Per poter rendere più efficace la comunicazione, ci siamo sforzati di usare tutti i linguaggi differenti che sono del mondo doggi, ed in particolare del mondo giovanile: le immagini di fotografie, fumetti, opere darte, filmati, testi dautore e riflessione di alunni recitate, scenografie, colori, luci, suoni, silenzi, musiche dal vivo, cori e coreografie. Nei lavori sono stati coinvolti anche alcuni genitori e ex alunni con competenze specifiche

3 Gli insegnanti che hanno lavorato in questi anni agli eventi: Lianella Achenza, Daniela Alberti, Annamaria Bruno, Alessandro Carpita, Luisa Cavallari, Michele Cavalli, Franco Dagani, Donatella De Pilla, Giuseppe De Simone, Paolo Di Rosa, Claudia Fantozzi, Rosanna Frialdi, Rosanna Galeota, Manola Gavazzi, Sergio Pelliccioli,Lorella Poffa, Marina Repetti, Ombretta Resenterra, Giovanni Rosa, Piera Seghetto I materiali e le sceneggiature dei lavori sono a disposizione

4 Locandine dei lavori svolti 2004 viaggio a Praga e Mauthausen itinerario nella memoria del ' Le Midì … gli artisti che amano il sole e il colore dovrebbero emigrare nel midì. (Vincent Van Gogh) I luoghi negli scritti e nelle opere degli artisti da Cezanne a Matisse - da Van Gogh a Chagall dalle testimonianze dai lager ai luoghi della memoria evento proposto in occasione della GIORNATA DELLA MEMORIA Testimonianze dai lager evento proposto in occasione della GIORNATA DELLA MEMORIA 2007 il male vorrei tanto delle ali per volare alto e capire 2008lidentità Dove si racconta che ho bisogno di tutti i miei giorni per definire la mia identitàDove si racconta che ho bisogno di tutti i miei giorni per definire la mia identità Dove si racconta che identità è accogliere le mie diversità e quelle dellaltroDove si racconta che identità è accogliere le mie diversità e quelle dellaltro

5 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO Laboratorio teatrale di nuove forme di umanesimo 2004 gli insegnanti Ombretta Resenterra, Claudia Fantozzi, Paolo Di Rosa, Sergio Pelliccioli e gli alunni della 5C – 5D viaggio a Praga : itinerario nella memoria del'900

6 Dopo un viaggio distruzione a Mauthausen e Praga, preparato con cura e con approfondimentidiversi da parte di tutti gli alunni, è stato preparato un evento multimediale fatto di immagini, musiche, commenti e testi letti. Cosé un viaggio distruzione Il viaggio distruzione è un incontro con i luoghi, le persone, le cose; è un incontro con le loro storie, le loro relazioni; è lincontro con il mio altro simile Nel viaggio ciò che si incontra è risorsa, occorre quindi essere animati da spirito di conoscenza e di avventura, come Ulisse o il pellegrino medievale, conoscenza che non è virtuale (informatica),ma è esperienza (biblica), è testimonianza (essere). E quello stile che fa la differenza fra la persona istruita e quella colta. Non sarà sufficiente avere gli occhi perchè non si incontrerà solo quello che si vede come fa il turista, né solo quello che si vorrà vedere come chi è viziato da pregiudizi né solo ciò che si sa come la persona istruita, si incontrerà ciò che si vive. Praga - Mauthausen il luogo delle integrazioni etniche e religiose il luogo della cancellazione dei diversi

7

8

9 i percorsi del lavoro: lintolleranza Mauthausen, simbolo delleliminazione della diversità, cinica macchina pensata dalluomo per sterminare altri uomini segno della cancellazione dei diversi, la negazione della reciprocità, dellalterità il lager- le testimonianze - Carlo Thodros il Ghetto, il significato storico in Praga e in Europa il cimitero di Josefov le memorie dei bambini Huss ( ) prete e rettore dellUniversità denuncia il decadimento religioso e morale della gerarchia della chiesa cattolica, dando vita ad un movimento religioso e sociale. Condannato dal concilio di Costanza sarà arso vivo. Predicava nella cappella di Betlemme, ancora esistente. Nasce il movimento hussita. Jan Palak ( ) studente che in piazza S. Venceslao, per protesta contro loccupazione sovietica, si dà fuoco e muore Le città di Praga La città gotico-medievale – Carlo IV (regno dal 1346 al 1378) imperatore del Sacro Romano Impero: primo grande sviluppo, ponte, chiese, mala strana, università La città rinascimentale di Rodolfo II (asburgo dal 1526), lampliamento della città commerciale, la zecca imperiale, le miniere dargento di Kutna Hora – le alchimie, la viuzza doro La città barocca della controriforma cattolica San Nicolaus, Loreto, Straoski La città Liberty degli Asburgo – da Mucha a F. Gery Kafka Il castello, Cesky Krumlov, langoscia dellintellettuale del 900 è limpotenza dellintelletto nei confronti della macchina, della tecnica, delleconomia, della scienza Il Romanticismo il castello di Vysehrad, le leggende i palazzi fatiscenti, le stazioni asburgiche dismesse Rilche e i poeti maledetti Le ideologie 1938 annessione alla Germania di Hitler, 1946 pressioni di Stalin per le zone di influenza, 1960 annessione al Patto di Varsavia, nasce la repubblica socialista, 1968 Dubcek e la primavera di Praga, 1968 agosto Braznev entra con le truppe doccupazione in Cecoslovacchia, piazza S. Venceslao il sacrificio di Jan Palak 1969 Husak nuovo presidente filosovietico, inizia la normalizzazione del paese, 1989 crollo del muro di Berlino e dellimpero sovietico 1990 Havel, poeta, scrittore, legato a Dubcek, è il nuovo presidente Kundera e il pensiero debole, il relativismo filosofico

10 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO Laboratorio teatrale di nuove forme di umanesimo 2005 gli insegnanti Paolo Di Rosa, Claudia Fantozzi, Ombretta Resenterra e gli alunni 5C – 5D gli Uomini animatori di questo evento Anna Frank – Valentina Bettinzoli – Carlo Todros – Massimo Magri – Primo Levi Musiche di: Dylan – Chopin – Beethoven - Grieg Testimonianze dai lager evento proposto in occasione della GIORNATA DELLA MEMORIA

11

12 Traccia del lavoro Carlo Todros, reduce da Mauthausen, ogni anno veniva nella nostra scuola a raccontarci la sua terribile esperienza. Dal 2003 Carlo Todros non è più tra noi e quindi abbiamo voluto, per il giorno della memoria preparare un evento in suo ricordo, facendo ascoltare anche la registrazione del suo racconto. caro Todros, nessuno di voi uscirà più di qua se non attraverso quelli – e lSS indicava i camini che fumavano – ma se qualcuno dovesse per caso uscire vivo di qua e racconterà quello che ha visto, nessuno gli crederà. Quando venivi a parlare al nostro liceo questo è uno dei passaggi più toccanti del tuo racconto di prigionia nel campo di concentramento. nessuno vi crederà. Eri ossessionato da questo e hai trascorso cinquantanni a raccontare a migliaia di giovani quei tragici mesi che hai sofferto a Mauthausen, perché non volevi dare ragione alle SS. Ti ricordiamo quando con la tua piccola vecchia valigia venivi, laprivi e sulla cattedra ponevi tutto quello che cera dentro: il bracciale con il numero di matricola, un triangolo di stoffa con la stella di David, la mappa del campo, un cucchiaio e la scodella di alluminio. Era tutto ciò che eri riuscito a portar via dal campo da mostrare a tutti con tenacia perché quelle parole ti ricordavano che la guerra con quei carnefici non era ancora finita ma eri convinto che se luomo dimentica, loro hanno vinto. Poi incominciavi a raccontare e noi, in cento, chiusi in unaula, in religioso silenzio ti ascoltavamo per un paio dore. Erano momenti magici, non si sentivano che le tue intense parole. …anche tu oggi te ne sei andato…in silenzio, senza clamore e presto tutti i tuoi pochi compagni di prigionia rimasti, ti seguiranno. Ma noi, che ti abbiamo conosciuto, abbiamo la presunzione di raccogliere la tua testimonianza e di continuare in qualche modo il tuo lavoro. E ogni volta che andremo a Praga, con gli alunni, ci fermeremo a Mauthausen, è un tacito impegno che abbiamo preso con te perché anche noi crediamo che i carnefici non possono avere ragione. Indice: 1) dal diario di A. Frank, 2) impressioni di Valentina Bettinzoli a margine alla visita al Campo di M., 3) la testimonianza di Todros, 4) lettere dei condannat i

13 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO Laboratorio teatrale di nuove forme di umanesimo 2005 gli insegnanti Resenterra, Fantozzi, Frialdi, Di Rosa, De Simone e gli alunni della 4I - 5C – 5D – 5E opere e scritti dei pittori Cézanne – Renoir - Van Gogh – Gauguin – Signac – Derain – Vlaminck – Chagall - Matisse Le Midì … gli artisti che amano il sole e il colore dovrebbero emigrare nel midì. Vincent Van Gogh I luoghi negli scritti e nelle opere degli artisti Da Cezanne a Matisse Da Van Gogh a Chagall

14

15 la traccia del lavoro Lesperienza prende spunto dal viaggio distruzione che alcune classi quinte del liceo scientifico Leonardo hanno fatto in Provenza. Perchè tra la fine dellottocento e linizio del novecento tanti artisti si trasferirono nel sud della Francia? Con gli alunni abbiamo cercato di capirlo ripercorrendo gli itinerari dei grandi artisti Cezanne, Van Gogh e Gauguin, attraverso le loro opere, i loro scritti e avendo sullo sfondo i paesaggi e le persone di Provenza La ricchezza dei luoghi ha permesso ai ragazzi di mettere insieme ed elaborare molti materiali (scritti, poesie, lettere, quadri, fotografie, filmati); abbiamo così pensato di rielaborarli proponendoli in uno spettacolo multimediale. Le immagini di quadri, paesaggi e persone incontrate sono commentate dai testi dei pittori e gli alunni, seguendo un percorso creativo e con i mezzi che conoscono, hanno aggiunto pezzi musicali e espressioni con il corpo di movimento. Se educare allArte è educare al bello e se noi Uomini pensiamo per immagine e diamo immagine ai nostri pensieri, educare i giovani a vedere e creare cose belle è pensare a uomini che domani promuovono pensieri belli (G. Canobbio) indice A – la bellezza della natura, la comune degli artisti B – il mare C – gli zingari D – crisi di nervi Vincent E – il carattere violento, lincomunicabilità, solitudine, rabbia, maschere F – la realtà dellospedale: i matti, lumanità nei rapporti, lospedale rifugio-prigione G – musica francese H - la danza di Matisse

16 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO Laboratorio teatrale di nuove forme di umanesimo 2006 gli insegnanti Michele Cavalli, Franco Dagani, Paolo Di Rosa, Claudia Fantozzi, Rosanna Frialdi, Rosanna Galeota, Ombretta Resenterra, e gli alunni Vickj Mara Aldridge - Giulia Bertolazzi - Andrea Castagna - Matteo Cittadini - Elisabetta Cominelli - Giulia Dioni - Giovanni Faroni - Noemi Gila Fraccaroli - Andrea Gatta - Alessandra Gervasio - Laura Leonesio - Valeria Lorenzoni - Marta Martinoni - Elisabetta Medeghini - Simona Pasinetti - Manuel Peci - Sara Rigo - Nicola Rossi - Samanta Ruffo Stefanini - Laura Verardi - Mara Barucco - Alberto Boem - Olmo Chittò - Daniele Galante - Roberta Prosapio - Emanuela Scalmati - Elisa Tonoli - Alice Vezzoli - Lella Volpatti - Silvia Zucchi - Alessandro Delfini - Francesco Dioni - Luca Glissenti - Matteo Melchiori - Paolo Moraschi - Francesco Rizzini - Paolo Tognazzi - Valentina Dotti - Lucia Seghezzi - Daria Dallamano - Valeria Nolli - Alice Parzani -Davide Alebardi - Lorenzo Invernici -Lucia Pizzocaro consulenza artistica Bruna Gozio dalle testimonianze dai lager ai luoghi della memoria evento proposto in occasione della GIORNATA DELLA MEMORIA

17

18 gli Uomini animatori di questo evento letture-testimonianze-immagini-commenti musicali-performance Bibbia - Cantico dei Cantici Anna Frank – Diario Lettere dei deportati a Mauthausen Carlo Todros – testimonianza Primo Levi – se questo è un uomo Padre Turoldo – poesie opere pittoriche di: Chagall – Malevik – Giotto – Duccio – Reni – Burri – Kirchner – Nolde – Schile – Picasso – Grosz – Munch – Basquiat – traccia del lavoro Sempre in memoria di Carlo Todros, abbiamo preparato un lavoro per la Giornata della Memoria facendoci aiutare, nel commento ai testi, dalle immagini di opere darte come il tema della strage degli innocenti, dallanalisi di Guernica, dal le tragedie metropolitane raccontate da Grosz e Basquiat, dalle musiche iddish, dal Cantico dei Cantici. Indice del lavoro: Festa e normalità Lavvento della dittatura I rastrellamenti Il silenzio Il lager

19 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO Laboratorio teatrale di nuove forme di umanesimo 2007 gli insegnanti Lianella Achenza, Alessandro Carpita, Luisa Cavallari, Michele Cavalli, Donatella De Pilla, Paolo Di Rosa, Claudia Fantozzi, Rosanna Frialdi, Lorella Poffa, Ombretta Resenterra, Giovanni Rosa e gli alunni Bacilli,Belli, Bottaccio, Brambilla, Buraschi, Cadei, Casotti, Castellazzo, Castioni, Chiminelli, Civa, Faroni, Fava, Ferlucci, Firmo, Gheda, Giacomuzzi, Gualeni, Inzericco, Lavagnini, Lazzaroni, Lo, Longhena, Mantovani, Mario, Messineo, Molinari, Monchieri, Negretti, Pasini, Pasotti, Peroni, Piazza, Pugliesi, Robuschi, Rossi, Salata, Savio, Sonetti, Stanga, Strano, Vivolo, Vizzardi, Zoppei, Zucchini Consulenza dott. Luigina Scaglia - prof. Luca Ghisleri il male vorrei tanto delle ali per volare alto e capire

20

21 gli Uomini animatori di questo evento Hanna Arendt – da la banalità del male Guido Boffi - Perché il male dalla filosofia antica, medievale e moderna Tito Lucrezio Caro – il mondo non è fatto per noi Dai verbali del processo di Norimberga Dialogo fra i fisici W. Heisenberg e N. Bohr Roberto Diodato – Perché il male dallottocento alle filosofie contemporanee Umberto Galimberti – da la terra senza il male Emilio Giazzi – Inno ad una civiltà scomparsa Giobbe – il lamento da la Bibbia Carl Gustav Jung – opere da psicologia e religione Martin Heidegger – da essere e tempo Hans Jonas – da il concetto di Dio dopo Auschwitz Primo Levi – da vizio di forma procacciatori daffari– da se questo è un uomo Stefano Levi della Torre – forse Joyce Lussu – Scarpette Rosse Franco Manni – da lettera ad un abitante della terra di mezzo Salvatori Natoli – da sul male assoluto Martha C. Nussbaum – da nascondere lumanità Giovanni Pascoli – X agosto Lorella Poffa – Warum? Chaim Potok – da Danny leletto S. Quinzio – da Mysterium iniquitatio Jean Paul Sartre – da lesistenzialismo è un umanesimo– da il diavolo e il buon Dio Arthur Schopenhauer – da la vita umana tra dolore e noia– da Parerga e Paralipomena Articoli di Armando Torno – Pietro Scoppola Giuseppe Ungaretti – da vita di un uomo Derek Walcott – ballate, canzoni, blues e altri versi Simon Weil – da La prima radice Piero Welby – da lettera al presidente

22 la traccia del lavoro Il lavoro, nella parte iniziale, si concentra sulle riflessioni sul male che hanno accompagnato le sciagure del Novecento: Ma dovera Dio, durante gli anni in cui si scatenò la furia di Auschwitz ? Dio restò muto, tacque, non intervenne. Ma dovera lUomo durante gli anni in cui si scatenò la furia di Auschwitz ? LUomo con la sua storia, il suo progresso, la sua riflessione filosofica, le sue idealità, la sua razionalità. Abbiamo poi visto come il male è stato rappresentato o espresso da diversi autori moderni e stigmatizzato da alcuni filosofi, ma anche inserendo le riflessioni di alcune alunne e alunni. Le scelte dei testi, discrezionate dalle nostre sensibilità, sono state allineate in un percorso da extra ad intra e viceversa, centrato sul rapporto Uomo-natura, Uomo-società, Uomo-Uomo, Uomo- se stesso.

23 Il lavoro si conclude con una delicata proposta che apre alla speranza, quella indicata nel mito di Cura: …mentre Cura stava attraversando un fiume, vide del fango argilloso. Lo raccolse pensosa e cominciò a dargli forma, Ora, mentre stava riflettendo su ciò che aveva fatto, si avvicinò Giove. Cura gli chiese di dare lo spirito di vita a ciò che aveva fatto e Giove acconsentì volentieri. Ma quando Cura pretese di imporre il suo nome a ciò che aveva fatto, Giove glielo proibì e volle che fosse imposto il suo nome, Mentre Cura e Giove disputavano sul nome intervenne Terra, reclamando che a ciò che era stato fatto fosse imposto il proprio nome, perché essa, la Terra, gli aveva dato parte del proprio corpo. I disputanti elessero Saturno a giudice, il quale comunicò ai contendenti la seguente giusta decisione: Tu, Giove, che hai dato lo spirito, al momento della morte riceverai lo spirito. Tu Terra, che hai dato il corpo, riceverai il corpo. Ma poiché fu Cura che per prima diede forma a questo essere, fin che esso vive lo possieda Cura. Per quanto riguarda il nome, si chiami homo poiché è stato tratto da humus… Cura è pensosa quando da forma al fango. Dare forma equivale a definire un limite: la cura sa accettare il limite, ma è tesa alla ricerca di soluzioni possibili affinché il limite non condizioni la qualità della vita della persona. Saturno affida a Cura lessere creato: fin che esso vive: il limite della curabilità delluomo è solo la morte. Ogni uomo, bambino, giovane, adulto, anziano, anche se disperato, schiavo, oppresso, emarginato, sofferente, ammalato, demente, perché Uomo, ha diritto alla cura. Prenderci cura dellUomo significa farsi carico del male di cui è costituito. Il lavoro è stato replicato sette volte. E stato presentato in occasione della giornata europea - maggio Al festival teatrale delle compagnie scolastiche Gabriele dAnnunzio - Gardone Riviera 2007, il lavoro ha ricevuto il premio della critica.

24 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO Laboratorio teatrale di nuove forme di umanesimo 2008 gli insegnanti Daniela Alberti - Lianella Achenza – Annamaria Bruno - Michele Cavalli – Paolo Di Rosa - Claudia Fantozzi - Rosanna Frialdi - Manola Gavazzi – Fausto Piazza - Lorella Poffa - Ombretta Resenterra - Marina Repetti - Piera Seghetto e gli alunni Marco Ambrosini - Valentina Belli - Arianna Bettinsoli - Davide Candrina - Nicole Castioni - Valentina Chiminelli - Andrea Cominetti - Marcella Valente DAnna - Maria Di Rosa - Giacomo Di Rosa - Letizia Foglietti - Hanna Grogono - Tania Gualeni - Maria Laura Inzerillo - Valentina Lavagnini - Giulio Lovatti - Umberto Lussignoli - Giulia Mantelli - Francesco Merico - Valentina Monchieri - Stefano Pardo - Elisa Peroni - Giulio Petushi - Giacomo Piazza - Monica Pugliese - Erica Napoli - Camilla Robuschi - Elisa Sembeni - Stefania Stanga - Silvia Targhettini - Irene Tiuloni - Ilaria Vizzardi lidentità Dove si racconta che ho bisogno di tutti i miei giorni per definire la mia identità Dove si racconta che identità è accogliere le mie diversità e quelle dellaltro

25

26 gli Uomini animatori di questo evento 1.Alberoni – lalbero della vita. 2. Anati – gli dei di pietra. 3.Andreoli – cosa si dice quando si dice mondo. 4.Arendt – la vita della mente. 5.Bencivenga – la filosofia in 32 favole. 6.Berdjaev – lio e il mondo-cinque meditazioni sullesistenza. 7. Bergson – saggio sui dati imminenti della coscienza 8. Bergson – introduzione alla metafisica. 9.Bezzi – sul silenzio. 10.Bianchi – larte del viaggio. 11.Bianchi – dare senso al tempo.12.Bianchi – lasciare che il viaggio accada.13.Blixen – il secondo racconto del cardinale.14.Bodei – coscienza collettiva e egemonie.15.Cavarero - conferenza sullidentità al liceo classico Mamiani di Roma 16.The applicant Il piccolo teatrino del sabato sera. 18.Chiminelli – frammenti 19.Chiminelli – dialogo fra uno studente e un poeta. 20. Crepet – conferenza sullidentità al liceo classico Mamiani di Roma 21.Daldry – Billy Elliot. 22.De Botton – architettura e felicità.23.De Mello – messaggio per unaquila che si credeva un pollo.24.Demetrio – filosofia del camminare. 25.Ende – la storia infinita. 26.Eraclito – fr Ferrarotti – al setaccio della storia.28.Ficesi – lantisemitismo. 29.Gaber – il signor G. 30.Gaber – la paura. 31.Gaburri – la trasformazione del sé. 32.Gaburri – un fantasma comune. 33.Grun – il cammino.34.Heidegger – che cosè la filosofia. 35.Jervis - conferenza sullidentità al liceo classico Mamiani di Roma. 36.Jodice – tracce di memoria.37.Kandinskij – ognuno per sé. 38.Kipling/Walt Disney – il libro della giungla.39.Lamanda – rock star per le rime.40.Magritte – il mese della vendemmia. 41.Magritte – decalcomania.42.Magritte – gli amanti. 43.Monet – la cattedrale di Rouen. 44.Natoli – parole della filosofia o dellarte di meditare. 45.Omero – da lOdissea. 46.Pardo – omaggio a Pirandello 47.Parmiggiani – salita della memoria.48.Pascal – pensieri. 49.Pasolini – ballata delle madri. 50.Perraut/ Walt Disney – la bella e la bestia. 51Pico della Mirandola –de hominis dignitate. 52.Prattico – lio e laltro. 53.Pugliese – lidentità.54.Queen Innuendo. 55.Ricoeur – la persona. 56.Rosenfield – memoria biologica e soggettività57.Sicari – introduzione al castello interiore. 58.Sartre – lesistenzialismo è un umanismo. 59.Sartre – lessere e il nulla 60.Stello – quando gli albanesi eravamo noi. 61.Streben – sospesi nel limbo. 62.Targhettini – 63.Napoli – riflessioni 64.Weill – la prima radice. 65.Weir Peter – Lattimo fuggente

27 Perché lidentità Nel mondo di oggi, dove ci sono pochissimi spazi per costruire relazioni autentiche e dove i tempi vivono di accelerazioni molto forti e rendono le relazioni precarie, come è possibile che laltro si possa formare unimmagine di noi stessi vera, autentica? E come possiamo noi stessi avere una immagine di chi siamo, come possiamo arrivare a dare una definizione della nostra stessa persona? Langoscia di K, che non riesce mai a raggiungere il Castello, è anche langoscia del giovane di oggi che si sente sradicato e in balia di avvenimenti e di forze incomprensibili; si sente spaesato, gettato in un mondo dove non è atteso, dove è di troppo e nessuno ha bisogno di lui. Ecco, quindi, che il tema dellidentità ci sembra un nodo essenziale del mondo giovanile di oggi. Lidentità si intreccia col tema del desiderio, educare a dare senso al desiderio che ogni giovane (ciascuno di noi) ha, di poter entrare nel racconto della propria vita. E un desiderio che forse oggi prende strade sbagliate come il narcisismo o l apparire, ma lesigenza cé. Soprattutto nellepoca dove anche la narrazione viene spesso spettacolarizzata. Lidentità si intreccia col tema del razzismo, del riconoscere laltro come diverso ma anche con il bisogno di accogliere le nostre intrinseche diversità: ciò che di noi stessi non amiamo, ciò che vogliamo nascondere a noi stessi ancor prima che agli altri. La società di massa è un peso schiacciante che rendere quasi impossibile lespressione dellunicità e il giovane trova sempre meno spazi per lespressione singola e si incanala nella massificazione o nell imitazione. Il lavoro di questanno coinvolge una cinquantina di alunni del liceo di diverse sperimentazioni, un paio di genitori, alunni che sono usciti dallistituto negli ultimi anni, una decina di insegnanti di discipline diverse. Il carattere particolare dellevento, già sperimentato negli anni precedenti, consiste nel lavorare su testi di autori divrsi, riflessioni di alunni, musica dal vivo, immagini, fumetti e filmati tratti da films celebri. Tutti linguaggi con i quali i giovani di oggi comunicano.

28 la traccia del lavoro prima stanza Cosa sono e chi sono io Dove si racconta di ciò che biologicamente siamo, indipendentemente dalle nostre scelte Dove si racconta la riflessione delluomo, nello straordinario viaggio delle scienze nella vita seconda stanza Il mio arrivo nel mondo Dove si racconta che nessuno può scegliere dove nascere e da che famiglia essere generato Dove si racconta che dobbiamo accettare la condizione di essere qui oggi, in questo tempo terza stanza Il mio cammino nel mondo Dove si racconta che è nel cammino della mia vita che definisco la mia identità, Dove si racconta che ho bisogno di tutti i miei giorni per definire la mia identità, Dove si racconta che tu che mi guardi, tu che mi parli, racconti la mia storia. quarta stanza Il mio sguardo sul mondo Dove si racconta che identità è accogliere le mie diversità e quelle dellaltro Dove si racconta che lidentità non si forma sul pregiudizio ma sulla creatività


Scaricare ppt "LICEO SCIENTIFICO LEONARDO Laboratorio teatrale di nuove forme di umanesimo Leducazione alla teatralità si pone lobiettivo di educare attraverso il teatro."

Presentazioni simili


Annunci Google