La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Giovanni Fazzone Filosofare con i bambini e i ragazzi E incontro, è la stessa cosa di un divenire o delle nozze … … si incontra gente, movimenti,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Giovanni Fazzone Filosofare con i bambini e i ragazzi E incontro, è la stessa cosa di un divenire o delle nozze … … si incontra gente, movimenti,"— Transcript della presentazione:

1 Prof. Giovanni Fazzone Filosofare con i bambini e i ragazzi E incontro, è la stessa cosa di un divenire o delle nozze … … si incontra gente, movimenti, avvenimenti, idee … … si incontra il divenire … … incontrare significa catturare e trovare ciò che sta in mezzo Gilles Deleuze, Che cosè filosofia

2 Sì, sono un ladro di pensieri ma non un ladro di anime, ho costruito e ricostruito su ciò che è in attesa, perché la sabbia sulle spiagge scolpisce molti castelli … una parola, un motivetto una storia, chiavi al vento per aprirmi la mente … Bob Dylan Non è necessario essere competenti, sapere o conoscere un campo particolare, bensì apprendere questo o quello, in campi differenti Filosofare è un procedimento di pick-me-up, di pick-up, che secondo il dizionario vuol dire raccolta, occasione, accelerazione, captazione di onde

3 La ragione non piove dal cielo ma si sviluppa a partire da uno scambio di esperienze comune e condiviso, linguisticamente mediato … … educando al pensiero logico, attraverso lascolto reciproco … educando un gruppo a divenire una comunità di dialogo filosofico Imperativo categorico kantiano (tradizione socratica) Tutti gli uomini hanno la stessa autonomia e capacità razionale, anche i bambini

4 Filosofare con i bambini e i ragazzi Corso di formazione Prof. Giovanni Fazzone

5 René Magritte, La condizione umana, 1935

6 Teniamo occupati noi stessi e i nostri bambini con tante cose utili e piacevo- li, ma ci teniamo perlopiù alla larga dai più personali problemi della verità F. Nietzsche, Aurora

7 Dice Theodor Adorno, in Dialettica negativa Io credo che, in realtà, da bambini siamo tutti filosofi, mentre è proprio la nostra formazione ufficiale a estirpare da noi la filosofia e si potrebbe addirittura dire che il tentativo di occuparsi seriamen- te di filosofia, altro non è che un tentativo di … mantenersi fedeli a ciò che un tempo avevamo scorto in modo assai preciso

8 Siamo davvero poco avvezzi e allenati a riflettere in prima persona su noi stessi e a conquistarci in tal modo un orientamento nel nostro modo di pensare usando il nostro stesso pensiero

9 Genitori e adulti si trovano a vivere situazioni in cui vengono sollecitati dai bambini o viceversa sollecitano i bambini a esprimere in modo chiaro cosa intendono o cosa dicono e a motivare meglio perché vogliono o non vogliono una determinata cosa Per potere rispondere a queste sollecitazioni basta semplicemente avere imparato a pensare

10 Dire in modo più esatto che cosa si intende e motivare meglio cosa si vuole sembra avere ancora poco a che fare con la filosofia … ma solo se si comincia a porre conseguentemente ulteriori domande e a riflettere oltre, non si può che giungere a questioni filosofiche … per esempio, come si può determinare il significato dei concetti, chi siamo noi stessi o qual è il senso della nostra vita Della filosofia fa parte evidentemente anzitutto una certa attitudine di curiosità e apertura a: schiudersi a nuovi punti di vista e argomenti; tollerare momenti di insofferenza; vivere con risposte provvisorie; trarre delle nuove prospettive; trarre delle nuove conseguenze per il proprio pensare; trarre delle conseguenze per il proprio agire

11 Propriamente non vi sono domande tipicamente filosofiche, ma solo domande che possono divenire domande filosofiche, in virtù di un certo metodo e di una certa attitudine caratteristici La rielaborazione filosofica, come fermento critico nella nostra prassi quotidiana, sia privata, sia sociale, non si sviluppa da sé, ma richiede una preparazione culturale e una formazione Da adulti, diciamo che i bambini non sarebbero ancora in grado di porsi le domande, ad esempio, sul come e il dove del loro agire e non comprenderebbero bene o non ne sopporterebbero le risposte La filosofia sarebbe semplicemente troppo difficile per i bambini e ancora impossibile sul piano della psicologia evolutiva Meglio che giochino e si esercitino in frottole F. Nietzsche, Aurora

12 Gli adulti stessi evitano di orientarsi nel pensiero e non sono nemmeno in grado di cogliere la natura filosofica del domandare dei bambini e di … sfruttare loccasione di orientarsi nuovamente insieme a loro aiutando a crescere sia se stessi sia i bambini Filosofare insieme a bambini e ragazzi è al tempo stesso unintroduzione alla filosofia anche per gli adulti E. Martens, Filosofare con i bambini

13 Legittimazioni H. Nohl I bambini delle prime quattro classi elementari, ma addirittura già bambini di soli quattro anni pensano in modo molto più metafisico di quanto ladulto generalmente supponga; pos- seggono un pensare metafisico ovvero uno stupore filosofico … Nohl scorge nel bambino un credulo sentimento di unità […] in cui si mescolano realtà, e fiaba, realtà e ideale

14 L. Nelson Prendendo le mosse dalla fiducia nella razionalità di tutti, nel solco che va da Socrate a Kant, esorta a praticare e a stimolare lesercizio metodico del pensiero, attraverso il dialogo socratico ; Per Nelson, i bambini sotto i dieci anni sono già in grado di astrarre dagli esempi concreti di partenza e di elaborare proposizioni filosofiche generali W. Benjamin si cimenta in un illuminismo per bambini, nel suo ciclo di conferenze radiofoniche, in cui promuoveva domande di contenuto, a partire da circostanze in grado di suscitare una tensione emotiva, tratte dalla storia o dallambiente più prossi- mo ai bambini.

15 Oggi, la filosofia con i bambini si ritrova di fronte a unalternativa: essa può scivolare nel romanticismo di una filosofia per bambini, intesa come delirio fantastico può sfociare nel rigido razionalismo di addestramento al pensiero La definizione che qui viene preferita, di filosofia con i bambini sottolinea il carattere della filosofia come attività condivisa, nel senso di una didattica dialogico-pragmatica della filosofia G. Matthews, Dialogues with children Al contrario, lespressione utilizzata da Lipman filosofia per bambini, racchiude un possibile fraintendimento, come se la filosofia dovesse essere ridotta a misura di bambino, calandola al loro livello dalla superiore prospettiva degli adulti e della filosofia specialistica

16 Come quando ci si orienta in un paesaggio, così anche orientandosi nel pensiero insieme ai bambini, sono possibili percorsi diversi nellampio e ramificato dominio del pensiero Si possono scoprire diverse possibilità di filosofare con i bambini: -la profondità metafisica; -la serietà della filosofia dellesistenza; -linterrogazione scettica; -la chiarezza analitica; -e … … il lieto stupore del filosofare

17 Per filosofare con i bambini si rivela necessario … un orientamento globale e radicale per sottrarsi allalternativa fra … delirio romantico e il bambino buon selvaggio o balocco rigido razionalismo il bambino saccente, caricatura deladulto

18 Le quattro vie del filosofare

19 Per filosofare con i bambini si possono riconoscere quattro vie maestre Pratica del dialogo Nella prima via maestra, lattività linguistica dellaffermare, interrogarsi, esaminare, contestare, o assentire è oggetto di applicazione pratica e di riflessione, in quanto dialogo condiviso Qui lo sfondo è quello della tradizione di Platone e Dewey, con assonanze con Nelson

20 Formazione di concetti Nella seconda via maestra, - la formazione dei concetti - si pratica lanalisi e la risoluzione di concetti, entrando anche in un rapporto sovrano con le loro diverse modalità duso, secondo quanto descritto da J. Kyle con riferimento a Thinking with concepts di J. Wilson Qui il richiamo è alle Ricerche filosofiche di Wittgenstein

21 Meravigliarsi Nella terza via maestra ci si occupa delle grandi domande della tradizione filosofica su temi quali … - la gioia- la felicità- la libertà- il tempo- lidentità - … … non affrontandole direttamente, ma in un rapporto quasi giocoso con problemi concettuali e rappresentazioni intuitive Questo modo di procedere si trova specialmente in Mattews, ma soprattutto in Schopenhauer

22 Illuminismo Nella quarta via maestra, è centrale il motto kantiano, ovvero lesortazione di Kant a … avere coraggio di servirsi della propria ragione E fare filosofia per uno stile di vita libero e integro, una tecnica culturale elementare, un po come leggere, scrivere, contare Lesempio pratico è dato dalle Conferenze radiofoniche di Benjamin sull Illuminismo per bambini

23 Ogni singolo modo di procedere ha effetto su tre diversi piani: a) dapprima vengono forniti esempi pratici, anche come stimolo per filosofare in proprio b) in seguito deve essere esplicitato di volta in volta, e discusso in alcuni piani critici il sin- golo concetto in base agli scopi, ai contenuti, ai metodi e ai materiali c) la conclusione costituisce ogni volta una teoria filosofica verso cui i concetti si orientano o contro la quale possono essere criticamente demoliti

24 Se si intende fare sul serio quando si intende orientarsi nel pensiero con i bambini, bisognerebbe anzitutto, come adulti, cercare di ricordarsi del bambino filosofante che si ha in sè

25 Per filosofare: - prassi - concetto - teoria … [ esempio: Paradosso della nave di Teseo, per rapportarsi filosoficamente alla questione dellidentità ]

26 … con stile socratico - indugiando su singole risposte - richiamando lattenzione su contraddizioni e concetti poco chiari - sollecitando analoghi esempi concreti a sostegno delle varie tesi argomentando e controargomentando dia-logando

27 Appendice Filosofare con i bambini e i ragazzi

28 Pratica del dialogo e tipi di dialogo 1). Dialogo filosofico se ci si riferisce a idee di tipo fondamentale; se si usa il dialogo riflessivo 2). Dialogo non-filosofico se cè semplice scambio di opinioni o ricordi o narrazioni 3). Dialogo quasi-filosofico se il dialogo è affrontato senza rigore argomentativo; se si tratta di esercizi logici, senza rapporto con idee di tipo fondamentale o con questioni filosofiche 4). Dialogo pseudo-filosofico se cè semplice chiacchiericcio sulle grandi idee filosofiche

29 Nel dialogo: i due approcci 1). Approccio analitico: se il dialogo è riferito alloggetto 2). Approccio riflessivo se il dialogo è riferito al soggetto

30 Nel dia-logo - imparando a parlare, a dia-logare - si impara a pensare [esprimendosi anche in forme diverse dal linguaggio]

31 Si consideri che, secondo le teorie di Piaget … … nel dialogo, la questione principale … sono … i processi di formazione dei concetti e i relativi livelli 1. livello senso-motorio - 3/5 anni (propedeutica filosofica) 2. livello concreto-operazionale – 5/10 anni (prefilosofia e filosofia) 3. livello astratto-operazionale – 10/13 anni (filosofia)

32 Le quattro vie del filosofare

33 Modelli

34 Modello M. Lipman Philosophy for children Modello J. Wilson/J Kyle Thinking with concepts Modello A. Schopenhauer Meravigliarsi Modello W. Benjamin Illuminismo per bambini Modelli trasversali e misti

35 Judy Kyle Una sessione Perché un tavolo è un tavolo? 1. Disegno di un tavolo diversi tavoli 2. Osservazione di un tavolo in classe realtà apparenza 3. Proposte di nomi da dare al tavolo 4. Lettura della storiella di Bichsel Un tavolo è un tavolo 5. Ridisegnare un tavolo incoraggiare la fantasia 6. Giochi di ruolo e mimica Risultati - Praticare il diritto signorile di imporre nomi - Apprendere diversi modi di vedere le cose - Apprendere diversi modi di utilizzare le cose

36 Berrie Heesen Una sessione Gioco linguistico (wittgensteiniano) Cosè che rende una sedia completamente assurda? Il racconto della sessione


Scaricare ppt "Prof. Giovanni Fazzone Filosofare con i bambini e i ragazzi E incontro, è la stessa cosa di un divenire o delle nozze … … si incontra gente, movimenti,"

Presentazioni simili


Annunci Google