La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

N. MONTELIONE. LA SUBLUSSAZIONE DELLA MANDIBOLA COME AUSILIO NELLE RICOSTRUZIONI CAROTIDEE DISTALI: Incidenza di sequele neurologiche periferiche e centrali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "N. MONTELIONE. LA SUBLUSSAZIONE DELLA MANDIBOLA COME AUSILIO NELLE RICOSTRUZIONI CAROTIDEE DISTALI: Incidenza di sequele neurologiche periferiche e centrali."— Transcript della presentazione:

1 N. MONTELIONE

2 LA SUBLUSSAZIONE DELLA MANDIBOLA COME AUSILIO NELLE RICOSTRUZIONI CAROTIDEE DISTALI: Incidenza di sequele neurologiche periferiche e centrali Esperienza monocentrica Nunzio Montelione, Laura Capoccia, Anna Rita Rizzo, Andrea Esposito, Enrico Sbarigia, Francesco Speziale U.O.C. Chirurgia Vascolare ed Endovascolare Scuola di Specializzazione in Chirurgia Vascolare Direttore Prof. Francesco Speziale

3 TEA intervento GOLD STANDARD per la prevenzione dello stroke ischemico A partire dai primi anni 50 ENDOARTERECTOMIA CAROTIDEA (TEA)

4 TEA NELLE LESIONI DISTALI Ardua esposizione chirurgica Elevato rischio di danno neurologico

5 WORK UP PREOPERATORIO Biforcazione carotidea alta o lesione aterosclerotica molto estesa su ICA 1. EcocolorDoppler: 2. Angio-TC Biforcazione carotidea alta (C2) Biforcazione carotidea alta (C2) Lesioni aterosclerotiche estese oltre la linea di Blaisdell Lesioni aterosclerotiche estese oltre la linea di Blaisdell

6 CAS..?

7 CAS..? Setacci C. et al. Stroke 2010;41: Lam RC et al. JVS 2007;45: NO CAS

8 RICOSTRUZIONI CAROTIDEE DISTALI Sublussazione della mandibola Anestesia generale Anestesia generale Intubazione naso-tracheale Intubazione naso-tracheale Lussazione del condilo mandibolare Lussazione del condilo mandibolare Posizionamento di 2 microviti monocorticali (mandibola e mascellare) Posizionamento di 2 microviti monocorticali (mandibola e mascellare) Bloccaggio intermascellare mediante filo metallico Bloccaggio intermascellare mediante filo metallico

9 SUBLUSSAZIONE DELLA MANDIBOLA La lussazione del condilo mandibolare mm in avanti risulta in un dislocamento anteriore del ramo della mandibola di mm ~ 15 MINUTI SIGNIFICATIVO AMPLIAMENTO DEL CAMPO OPERATORIO

10 NOSTRA ESPERIENZA Luglio 2000-giugno 2012 RIVASCOLARIZZAZIONI CAROTIDEE TEA standard 1289 (96.9%) - TEA MS 38 (3.1%) N. Ipoglosso M. DigastricoM. Stilo-ioideo A. Occipitale

11 SINTOMATICI ETA LESIONI CEREBRALI (CT/MRI) 72.5 (54-89) UOMINI 31 (81.6%) 822 (63.8%) MS TEA (n = 38) Standard TEA (n = 1289) 71.5 (42-86) 12 (31.6%) 186 (14.4%) 189 (14.7%) 8 (21%) P value IPERTENSIONE 33 (86.8%) 1117 (86.7%) 0.83 DIABETE 10 (26.3%) 381 (29.6%) 0.80 FUMO 12 (31.6%) 393 (30.5%) 0.97 DISLIPIDEMIA 27 (71%) 830 (64.4%) 0.50 TIA TIA Minor Stroke Minor Stroke Major Stroke Major Stroke 8 (66.7%) 8 (66.7%) 4 (33.3%) 4 (33.3%) / 138 (74.2%) 138 (74.2%) 43 (23.1%) 43 (23.1%) 5 (2.7%) 5 (2.7%) 0.39 VARIABILI PREOPERATORIE NOSTRA ESPERIENZA Luglio 2000-giugno 2012

12 CARATTERISTICHE ULTRASONOGRAFICHE NOSTRA ESPERIENZA Luglio 2000-giugno 2012 LUNGHEZZA MEDIA DELLA LESIONE (mm) ISOECOGENE 28.9 ± 6.59 STENOSI >90% 11 (28.9%) 234 (18.1%) MS TEA (n = 38) Standard TEA (n = 1289) 25.4 ± (7.8%) 3 (7.9%) P value (34.2%) 628 (48.7%) IPERECOGENE IPOECOGENE 560 (43.4%) 22 (57.9%) 0.11

13 VARIABILI INTRAOPERATORIE NOSTRA ESPERIENZA Luglio 2000-giugno 2012 SHUNT SUTURA CON PATCH 3 (7.9%) ANESTESIA MS TEA (n = 38) Standard TEA (n = 1289) 111 (8.6%) 1031 (80%) 29 (76.3%) P value (2.6%) 76 (5.9%) SUTURA DIRETTA CEA X EVERSIONE 65 (5.0%) / 0.30 <0.001 Loco-regionale Loco-regionale Generala (GA) Generala (GA) / 38 (100%) 38 (100%) 657 (50.9%) 657 (50.9%) 632 (49.1%) 632 (49.1%) MONITORAGGIO CEREBRALE IN GA TCD + EEG/NIRS EEG/NIRS EEG/NIRS 27 (71%) 27 (71%) 11 (29%) 11 (29%) 430 (68.1%) 430 (68.1%) 202 (31.9%) 202 (31.9%) BY PASS 116 (9.0%) 8 (21%) 0.026

14 RISULTATI NOSTRA ESPERIENZA Luglio 2000-giugno 2012 COMPICANZE NEUROLOGICHE MAGGIORI 1 (2.63%) MORTALITA NEUROLOGICA PERIOPERATORIA MS TEA (n = 38) Standard TEA (n = 1289) 30 (2.32%) P value Major Stroke Major Stroke Minor Stroke Minor Stroke TIA TIA / 1 (2.63%) 1 (2.63%)/ 18 (1.39%) 9 (0.69%) 14 (1.08%) / 3 (0.23%) MORBIDITA NEUROLOGICA PERIOPERATORIA (2.63%) 41 (3.18%) Faciale (VII) Faciale (VII) Ipoglosso (XII) Ipoglosso (XII) Glossofaringeo/Vago (IX,X) Glossofaringeo/Vago (IX,X) DANNO NERVOSO PERIFERICO PERIOPERATORIO (7.89%) 68 (5.27%) Glossofaringeo/Vago (IX,X) 1 (2.63%) 1 (2.63%) 3 (0.23%) DANNO NERVOSO PERIFERICO PERMANENTE 0.24

15 CONCLUSIONI Lutilizzo della MS permette di trattare mediante TEA lesioni complesse in cui sia preferibile non far ricorso ad una metodica endovascolare Lutilizzo della MS permette di trattare mediante TEA lesioni complesse in cui sia preferibile non far ricorso ad una metodica endovascolare Nessun discomfort prolungato correlato alla MS TEA Nessun discomfort prolungato correlato alla MS TEA MS è un ausilio tecnico molto utile nei casi di lesione carotidea difficilmente aggredibile con un rischio complessivo di complicanze neurologiche paragonabile alla TEA standard MS è un ausilio tecnico molto utile nei casi di lesione carotidea difficilmente aggredibile con un rischio complessivo di complicanze neurologiche paragonabile alla TEA standard In tutti i casi la MS ha permesso la completa esposizione del sito In tutti i casi la MS ha permesso la completa esposizione del sito di endoarterectomia e lidentificazione dei nervi periferici

16


Scaricare ppt "N. MONTELIONE. LA SUBLUSSAZIONE DELLA MANDIBOLA COME AUSILIO NELLE RICOSTRUZIONI CAROTIDEE DISTALI: Incidenza di sequele neurologiche periferiche e centrali."

Presentazioni simili


Annunci Google