La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Catechesi 1 LA RIVELAZIONE. 1. Luomo è «capace» di Dio (CCC27)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Catechesi 1 LA RIVELAZIONE. 1. Luomo è «capace» di Dio (CCC27)"— Transcript della presentazione:

1 Catechesi 1 LA RIVELAZIONE

2 1. Luomo è «capace» di Dio (CCC27)

3 LA RIVELAZIONE «Il desiderio di Dio è inscritto nel cuore delluomo, perché luomo è stato creato da Dio e per Dio; e Dio non cessa di attirare a sé luomo e soltanto in Dio luomo troverà la verità e la felicità che cerca senza posa» ( Catechismo della Chiesa Cattolica, 27 )

4 LA RIVELAZIONE 2. Conoscenza di Dio per via della ragione (CCC 31-35)

5 LA RIVELAZIONE Conoscenza di Dio per via della ragione Esistenza di DioEssenza di Dio «Che Dio 軫Chi è Dio»

6 LA RIVELAZIONE «Il mondo: partendo dal movimento e dal divenire, dalla contingenza, dallordine e dalla bellezza del mondo si può giungere a conoscere Dio come origine e fine delluniverso. […] Luomo: con la sua apertura alla verità e alla bellezza, con il suo senso del bene morale, con la sua libertà e la voce della coscienza, con la sua aspirazione allinfinito e alla felicità, luomo si interroga sullesistenza di Dio. […] Luomo ha facoltà che lo rendono capace di conoscere lesistenza di un Dio personale. Ma perché luomo possa entrare nella sua intimità, Dio ha voluto rivelarsi a lui e donargli la grazia di poter accogliere questa Rivelazione nella fede» ( Catechismo della Chiesa Cattolica, 31-35)

7 LA RIVELAZIONE 3. Conoscenza di Dio attraverso la Rivelazione

8 LA RIVELAZIONE Umana se la rivelazione è fatta da un uomo ad unaltra persona Divina quando il soggetto che svela è Dio D. Naturale quando la Riv. è fatta mediante le opere della creazione D. Soprannaturale quando la Riv., sia per il modo in cui avviene, sia per il contenuto, supera la ragione umana.

9 LA RIVELAZIONE 4. Eb 1,1-4: «Dio ha parlato molte volte e in diversi modi …»

10 LA RIVELAZIONE Dio, che molte volte e in diversi modi nei tempi antichi aveva parlato ai padri per mezzo dei profeti, ultimamente, in questi giorni, ha parlato a noi per mezzo del Figlio, che ha stabilito erede di tutte le cose e mediante il quale ha fatto anche il mondo. Egli è irradiazione della sua gloria e impronta della sua sostanza, e tutto sostiene con la sua parola potente. Dopo aver compiuto la purificazione dei peccati, sedette alla destra della maestà nellalto dei cieli, divenuto tanto superiore agli angeli quanto più eccellente del loro è il nome che ha ereditato.

11 LA RIVELAZIONE

12 «Il Dio della Bibbia è un Dio che parla agli uomini, che entra in comunicazione con loro, che moltiplica le occasioni di contatto. È un fatto stupefacente! Se si pensa alla grandezza, alla potenza e alla santità di Dio e si considera, daltra parte, la piccolezza, la debolezza e la miseria morale degli essere umani, non si può che restare stupiti nel vedere Dio mettersi in relazione personale con essi. Lo stupore cresce ancora di più quando ci si accorge che il disegno di Dio è di allacciare una relazione stabile, unalleanza con questi esseri fragili e di introdurli in una comunione intimi con lui». A. V ANHOYE, LEpistola agli Ebrei, 43.

13 LA RIVELAZIONE

14 5. DV 2: «Piacque a Dio […] rivelare se stesso e manifestare il mistero della sua volontà»

15 LA RIVELAZIONE Piacque a Dio nella sua bontà e sapienza rivelarsi in persona e manifestare il mistero della sua volontà (cfr. Ef 1,9), mediante il quale gli uomini per mezzo di Cristo, Verbo fatto carne, hanno accesso al Padre nello Spirito Santo e sono resi partecipi della divina natura (cfr. Ef 2,18; 2 Pt 1,4). Con questa Rivelazione infatti Dio invisibile (cfr. Col 1,15; 1 Tm 1,17) nel suo grande amore parla agli uomini come ad amici (cfr. Es 33,11; Gv 15,14-15) e si intrattiene con essi (cfr. Bar 3,38), per invitarli e ammetterli alla comunione con sé. Questa economia della Rivelazione comprende eventi e parole intimamente connessi, in modo che le opere, compiute da Dio nella storia della salvezza, manifestano e rafforzano la dottrina e le realtà significate dalle parole, mentre le parole proclamano le opere e illustrano il mistero in esse contenuto. La profonda verità, poi, che questa Rivelazione manifesta su Dio e sulla salvezza degli uomini, risplende per noi in Cristo, il quale è insieme il mediatore e la pienezza di tutta intera la Rivelazione.

16 LA RIVELAZIONE Piacque a Dio nella sua bontà e sapienza rivelarsi in persona e manifestare il mistero della sua volontà (cfr. Ef 1,9), mediante il quale gli uomini per mezzo di Cristo, Verbo fatto carne, hanno accesso al Padre nello Spirito Santo e sono resi partecipi della divina natura (cfr. Ef 2,18; 2 Pt 1,4).

17 LA RIVELAZIONE (cfr. Es 33,11; Gv 15,14-15) Con questa Rivelazione infatti Dio invisibile (cfr. Col 1,15; 1 Tm 1,17) nel suo grande amore parla agli uomini come ad amici (cfr. Es 33,11; Gv 15,14-15) e si intrattiene con essi (cfr. Bar 3,38), per invitarli e ammetterli alla comunione con sé.

18 LA RIVELAZIONE Es 33,11 Il Signore parlava con Mosè faccia a faccia, come uno parla con il proprio amico. Gv 15,14-15 Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio lho fatto conoscere a voi. Gv 15,14-15 Voi siete miei amici, se fate ciò che io vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio lho fatto conoscere a voi.

19 LA RIVELAZIONE Questa economia della Rivelazione comprende eventi e parole intimamente connessi, in modo che le opere, compiute da Dio nella storia della salvezza, manifestano e rafforzano la dottrina e le realtà significate dalle parole, mentre le parole proclamano le opere e illustrano il mistero in esse contenuto. La profonda verità, poi, che questa Rivelazione manifesta su Dio e sulla salvezza degli uomini, risplende per noi in Cristo, il quale è insieme il mediatore e la pienezza di tutta intera la Rivelazione.

20 LA RIVELAZIONE 6. Le caratteristiche della Rivelazione

21 LA RIVELAZIONE Carattere storico Carattere cristologico Carattere ecclesiale Carattere della novità assoluta e dellinaspettato Progressivo Incarnazionistico

22 LA RIVELAZIONE 7. La «fede» come risposta delluomo (DV 5)

23 LA RIVELAZIONE A Dio che rivela è dovuta «lobbedienza della fede» (Rm 16,26; cfr. Rm 1,5; 2 Cor 10,5-6), con la quale l'uomo gli si abbandona tuttintero e liberamente prestandogli «il pieno ossequio dell'intelletto e della volontà» e assentendo volontariamente alla Rivelazione che egli fa. Perché si possa prestare questa fede, sono necessari la grazia di Dio che previene e soccorre e gli aiuti interiori dello Spirito Santo, il quale muova il cuore e lo rivolga a Dio, apra gli occhi dello spirito e dia «a tutti dolcezza nel consentire e nel credere alla verità». Affinché poi l' intelligenza della Rivelazione diventi sempre più profonda, lo stesso Spirito Santo perfeziona continuamente la fede per mezzo dei suoi doni.

24 LA RIVELAZIONE

25 A. V ANHOYE, Lepistola agli Ebrei, Un sacerdote diverso, Bologna D. E RCSIK, Elementi di Teologia Fondamentale. Concetti, contenuti e metodi, Bologna B. M AGGIONI, «Rivelazione», in Nuovo Dizionario di Teologia Biblica,

26 LA RIVELAZIONE Noi ti ringraziamo, Padre, per il dono della tua Parola; cantiamo le tue lodi per il figlio tuo Gesù Cristo. Annunciato e atteso dai secoli, egli è venuto nella pienezza dei tempi, rivelazione perfetta del tuo infinito amore. Per mezzo di lui abbiamo conosciuto il compimento delle profezie, abbiamo scoperto il tuo disegno di salvezza, e siamo entrati in comunione con te. Risorto dai morti, egli è la parola sempre viva, la luce per la nostra strada e la forza per la nostra debolezza. Egli ci ha fatto dono del tuo Santo Spirito, Padre, perché sappiamo accogliere con fede viva il lieto annuncio della salvezza. La sua Parola, consegnata alle nostre povere mani, si diffonde nel mondo e offre a tutti il riflesso dell'amore. Te lo chiediamo per Gesù, Figlio del tuo amore, che ci dona lo Spirito oggi e sempre per tutti i secoli dei secoli.

27


Scaricare ppt "Catechesi 1 LA RIVELAZIONE. 1. Luomo è «capace» di Dio (CCC27)"

Presentazioni simili


Annunci Google