La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sicilia bedda mia Norme sulla promozione, valorizzazione ed insegnamento della storia, della letteratura e del patrimonio linguistico siciliano nelle scuole.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sicilia bedda mia Norme sulla promozione, valorizzazione ed insegnamento della storia, della letteratura e del patrimonio linguistico siciliano nelle scuole."— Transcript della presentazione:

1 Sicilia bedda mia Norme sulla promozione, valorizzazione ed insegnamento della storia, della letteratura e del patrimonio linguistico siciliano nelle scuole Legge Regionale n° 9 del 31 maggio 2011 Alunni 4^ C – 4^ E ANNO SCOLASTICO

2 Premessa Nel 1787, dopo un lungo viaggio in Italia, W. Goethe affermava: LItalia senza la Sicilia non lascia immagine nello spirito La Sicilia la mitica Trinacria, terra dalla forma triangolare, per la mitezza del clima e la fertilità del suolo fu abitata fin dai tempi preistorici (8) come testimoniano le numerose necropoli sparse per il territorio, fu colonizzata dai Greci, ed ereditò gli aspetti più rilevanti della loro civiltàTrinacria, preistorici 8necropoli Greci Mentre le successive dominazioni, romana, bizantina ed araba, non lasciarono parecchie tracce, con i Normanni(a) lisola conobbe momenti importanti nel campo della cultura e dellarte.araba,Normannia Né meno importante fu la dominazione sveva, che con Federico II lasciò una traccia indelebile perfino nel campo della storia della letteratura.Federico II Stroncata la breve supremazia angioina, la Sicilia decadde sotto la dominazione aragonese e spagnola,angioinaaragonese Nel secolo XX, Garibaldi la strappò ai Borboni e la unì al resto dellItalia, ma ciò non risolse definitivamente i problemi economici dellisola.Garibaldi Borboni (da F. Moncada – A. Romano, SICILIA la storia, larte, la cultura, leconomia, le tradizioni, Ed. Antares 1999)(a)a) Ideazione, correttore di bozze, computer grafica: ins. Graziella Pappalardo

3 Le origini Il nome di Sicilia, dato alla più grande isola del Mediterraneo, è opera dei Greci per indicare la terra dei Siculi.Siculi. Essi la chiamarono anche Trinacria a causa dei tre promontori che sarebbero come i vertici della sua figura triangolare. Prima di loro i Sicani, suoi antichi abitatori, la chiamarono Sicania.Sicani, La fertilità del suolo, la mitezza del clima, la bellezza delle contrade di questa terra, costituiscono le condizioni più favorevoli alla vita delluomo e quindi è fuor di dubbio che essa sia stata abitata sin da tempi remotissimi. Le notizie più antiche sui primi abitatori sono riferite da autori greci della Sicilia e dellEllade del periodo posteriore alla colonizzazione, ed è da supporre che siano state desunte da tradizioni locali il pù delle volte di incerta attendibilità.

4 Sicani, Siculi, Elimi e Fenici I popoli dei quali si hanno notizie meno incerte sono i Sicani, i Siculi, gli Elimi e i Fenici. I Sicani pare che siano stati degli abitatori autoctoni, o venuti dalle coste settentrionali dellAfrica (forse della Tunisia). Essi per primi costituirono piccole città sopra i monti (Agira, Iccara, ….) e diedero principio a primitive forme di organizzazione sociale. Diodoro Siculo indica linizio della storia dei Sicani con il re Cocalo o Kokalos, che regnò su Kamikos (Camico). (1 – 2)Sicani12 I Siculi ("Sikeloi" dal nome del presunto re siculo "Sikelòs"), appartenenti a un popolo indoeuropeo di incerta origine, raggiunsero la Sicilia attorno al XV secolo a.C.Siculi Raggiunsero un grado di civiltà pari a quella dei greci dellVIII sec. E si occuparono principalmente di agricoltura e commercio con altri popoli del Mediterraneo. Anche essi, per difesa, fissarono sulle alture le loro dimore (Modica, Scicli, Ispica, Polizzallo …). (3 – 4)3 –4)

5 Elimi e Fenici Gli Elimi derivano il loro nome da Elimo, figlio di Priamo, ma è probabile che si tratti di un miscuglio di popoli orientali (Persiani, Focesi, Troiani). Ai quali non era ignota la civiltà fenicia. Erice, Segesta ed Entella sono state fondate da questi popoli. (5 – 6)5 –6 I Fenici, (7 – 8) popolo di arditissimi navigatori, dovettero vedere nella fertile Sicilia la stazione naturale della loro attività commerciale. Essi avevano scali ed empori in tutti i promontori dellisola. Sono città fenicie Panormo (Palermo), Soleis (Solunto) e Motia. (9 – 10) (2)789 10)(2)

6 Greci Lavvenimento più importante dellantica storia di Sicilia è lincontro della civiltà indigena con quella greca. Il primo gruppo, costituito da Dorici approdano alla foce dellodierno Alcantara e fondano la città di Nasso (735 a. C.). Lanno dopo Archia di Corinto, costretto a lasciare la sua patria, sbarcò nellisoletta Ortigia e vi fondò Siracusa. AlcantaraSiracusa. Nel 729 gli abitanti di Nasso danno origine a Leontini e Catania, nel 728 a Megara Iblea.Catania,Megara Iblea Intorno al 689 cretesi, megaresi e rodioti, danno origine a Imera, Selinunte, Agrigento.Imera SelinunteAgrigento. I gruppi etnici indigeni subiscono linfluenza di questa nuova civiltà e verso il V sec. Non era facile distinguere le differenze di vita tra le città greche e quelle sicule. Dopo anni di tirannide Siracusa prese il sopravvento, sconfisse i Cartaginesi ma nel 210 a. C. la Sicilia fu unificata sotto il dominio di Roma. (b)(b)

7 Graffito grotta dellAddaura: (PA): particolare

8 Grotta dellAddaura: (PA): particolare

9 Colonie greche, siti punici, protostorici e indigeni della Sicilia

10 La Sicilia in età arcaica : ottobre 2006 Catania Ex Monastero dei Benedettini

11 La Sicilia in età arcaica : ottobre 2006 Catania Ex Monastero dei Benedettini

12 La Sicilia in età arcaica : ottobre 2006 Catania Ex Monastero dei Benedettini

13 La Sicilia in età arcaica : ottobre 2006 Catania Ex Monastero dei Benedettini

14 La Sicilia in età arcaica : ottobre 2006 Catania Ex Monastero dei Benedettini

15 La Sicilia in età arcaica : ottobre 2006 Catania Ex Monastero dei Benedettini

16 Fonti in età pre-ellenistica

17 Mercante fenicio

18 Mozia: statua di Eracle

19 Sito archeologico di Mozia

20 Gole dellAlcantara

21 Siracusa: teatro greco e latomie

22 Catania: teatro greco

23 Sito archeologico di Megara Iblea

24 Sito archeologico di Selinunte e tempio

25 Sito archeologico di Imera

26 Agrigento: tempio della Concordia Agrigento: Tempio degli dei Palici e di Era

27 Palermo: S. Giovanni degli Eremiti

28 Palermo: Ruggero II e Cappella Palatina

29 Palermo:Palazzo reale Monreale: Guglielmo II offre la cattedrale alla Vergine

30 Gli Svevi: Re Federico II

31 Gli Angioini: Re Carlo dAngiò La rivolta dei vespri

32 Gli Aragonesi: Re Alfonzo I Gli Aragonesi: tomba e corona di Costanza dAragona

33

34

35 I Borboni: Francesco II, re del Regno delle due Sicilie


Scaricare ppt "Sicilia bedda mia Norme sulla promozione, valorizzazione ed insegnamento della storia, della letteratura e del patrimonio linguistico siciliano nelle scuole."

Presentazioni simili


Annunci Google