La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lisetta silini CTRH 6 aprile 2009 Continuità educativa per gli alunni disabili Principali fonti normative.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lisetta silini CTRH 6 aprile 2009 Continuità educativa per gli alunni disabili Principali fonti normative."— Transcript della presentazione:

1 lisetta silini CTRH 6 aprile 2009 Continuità educativa per gli alunni disabili Principali fonti normative

2 C. M. 3 settembre 1985 n. 250 C. M. 4 gennaio 1988 n. 1 Legge 5 giugno 1990 n. 148 Legge 5 febbraio 1992 n. 104 C. M. 16 novembre 1992 n. 339 D. M. 24 luglio 1998 n. 331 Accordo Quadro di Programma Provinciale ( 2004 – 2009) lisetta silini CTRH 6 aprile 2009

3 C. M. 4 gennaio 1988 n. 1 Oggetto: Continuità educativa nel processo di integrazione degli alunni portatori di handicap Definisce le motivazioni valoriali e pedagogiche per la continuità degli alunni disabili la continuità (..)per il bambino portatore di handicap diviene condizione di garanzia di interventi didattici che non procurino difficoltà nei passaggi.. Definisce le procedure a cui la scuola in uscita e quella in entrata si devono attenere per favorire una continuità priva di fratture e sempre coerente con gli individuali bisogni educativi e ritmi di apprendimento.

4 lisetta silini CTRH 6 aprile 2009 Legge 5 febbraio 1992 n. 104 "Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate." [ art. 14 comma 1 lett. c] art. 14. Modalità di attuazione dell'integrazione Il Ministro della pubblica istruzione provvede …. c) a garantire la continuità educativa fra i diversi gradi di scuola, prevedendo forme obbligatorie di consultazione tra insegnanti del ciclo inferiore e del ciclo superiore ed il massimo sviluppo dell'esperienza scolastica della persona handicappata in tutti gli ordini e gradi di scuola, consentendo il completamento della scuola dell'obbligo anche sino al compimento del diciottesimo anno di età; nell'interesse dell'alunno, con deliberazione del collegio dei docenti, sentiti gli specialisti di cui all'articolo 4, secondo comma, lettera l), del decreto del Presidente della Repubblica 31 maggio 1974, n. 416, su proposta del consiglio di classe o di interclasse, può essere consentita una terza ripetenza in singole classi.

5 lisetta silini CTRH 6 aprile 2009 ACCORDO-QUADRO DI PROGRAMMA PROVINCIALE PER LA INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP (2004 – 2009) art.5 comma c C. Continuità educativa e didattica fra i diversi ordini di scuola Ai fini del processo di integrazione, dovrà essere garantita una continuità educativa tra ordini di scuola in modo da consentire la realizzazione di un Progetto Educativo Individualizzato Unitario, rispondente efficacemente ai bisogni educativi ed ai ritmi di apprendimento dell'alunno in situazione di handicap. Relativamente a tale adempimento le singole istituzioni scolastiche assumono i seguenti impegni : elaborazione di uno specifico progetto di accompagnamento per gli alunni in situazione di handicap ( C.M. n.1 del , art. 7 DPR 275/99) trasmissione del Fascicolo Personale dell'alunno in situazione di handicap al grado scolastico successivo, accertandosi che la segnalazione della situazione di handicap sia ancora in vigore; programmazione ed effettuazione, entro il primo mese di scuola, di specifici incontri tra gli insegnanti dei due ordini di scuola, al fine di favorire linserimento ; nei P.E.I. dovranno essere programmati interventi specifici per l'orientamento post scuola dell'obbligo, mirati ad evidenziare e ad esplicitare le potenzialità, le attitudini e gli interessi degli alunni. I risultati che emergeranno faranno parte integrante del P.D.F. che accompagnerà l'alunno nell'accesso alla Scuola Media Secondaria di II° grado, ai Centri di Formazione Professionale o ad altre strutture. Una sintesi dell'Orientamento verrà consegnata dalla scuola alla famiglia.

6 lisetta silini CTRH 6 aprile 2009 Dalle norme alla quotidianità Procedure per la continuità, continuità nelle procedure cosa serve Esplicitazione scritta delle procedure nel P.O.F. Definizione chiara delle responsabilità delle risorse umane coinvolte, dei tempi di attuazione degli interventi Allocazione di risorse finanziarie nel bilancio della scuola a sostegno della progettazione e dellimpegno dei docenti


Scaricare ppt "Lisetta silini CTRH 6 aprile 2009 Continuità educativa per gli alunni disabili Principali fonti normative."

Presentazioni simili


Annunci Google