La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Progetto Pilota per il Trattamento di Minori Vittime di Abuso e Sfruttamento Sessuale Coordinatore responsabile Prof. Ugo Sabatello Gruppo di lavoro SACRAI:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Progetto Pilota per il Trattamento di Minori Vittime di Abuso e Sfruttamento Sessuale Coordinatore responsabile Prof. Ugo Sabatello Gruppo di lavoro SACRAI:"— Transcript della presentazione:

1 Progetto Pilota per il Trattamento di Minori Vittime di Abuso e Sfruttamento Sessuale Coordinatore responsabile Prof. Ugo Sabatello Gruppo di lavoro SACRAI: Medici NPI, Dott.ssa Nadia Fedeli, Dott.ssa Virginia Giannotti; Psicologi, Psicoterapeuti: Dott. Renzo Di Cori, Dott.ssa Serena Latmiral, Dott.ssa Marilena Mazzolini; Psicologo Psicodiagnosta: Dott.ssa Chiara Concetta Incerti; Psicologo-Coordinatore: Dott.ssa Francesca Bruni; Avvocati del Foro di Roma Avv. Antonio Cucino, Avv. Guido Mussini Via dei Sabelli , Roma Tel: Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sullAbuso allInfanzia Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria Infantile Progetto finanziato dal Dipartimento delle Pari Opportunità Sapienza Università di Roma Direttore Prof. Salvatore Cucchiara Sezione di Neuropsichiatria Infantile UOC A Responsabile Prof. Vincenzo Leuzzi

2 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Il progetto pilota per il trattamento di minori vittime di abuso e sfruttamento sessuale 11/30/2012Presentazione SACRAIPagina 2 Nel corso degli ultimi anni a livello nazionale e internazionale si è assistito ad una costante crescita di attenzione e preoccupazione sul fenomeno dei crimini sessuali a danno dei minori. L Italia, a partire dal 1996 si è dotata progressivamente di un impianto normativo solido e all avanguardia per il contrasto di tale fenomeno, dapprima con la legge 15 febbraio 1996, n. 66, poi con la legge n. 3 agosto 1998, n. 269, incentrata sui crimini di sfruttamento sessuale dei minori, e più recentemente con l approvazione della legge 6 febbraio 2006, n. 38, con la quale sono stati istituiti due importanti organismi tecnici: l Osservatorio per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile e il Centro nazionale per il contrasto della pedopornografia sulla rete Internet, presso il Servizio della Polizia Postale e delle Comunicazioni del Ministero dell Interno. Il Dipartimento per le Pari Opportunità ha destinato contributi a progetti pilota per il trattamento di minori vittime di abuso e sfruttamento sessuale, per la protezione dei minori dai crimini sessuali. Il SACRAI - progetto pilota del Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria Infantile della Sapienza Università di Roma - è stato ammesso al finanziamento del Dipartimento per le Pari Opportunità.

3 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Il progetto SACRAI: specificità 11/30/2012Presentazione SACRAIPagina 3 IL SACRAI è un servizio rivolto all intervento terapeutico per le vittime di abuso sessuale e per i minori autori di reati sessuali. Le caratteristiche fondamentali del Servizio sono tre: è pubblico, universitario e ospedaliero. Pubblico: - è un servizio di III livello aperto, come consulenza, agli operatori territoriali che si trovino a gestire situazioni di abuso. - fornisce interventi di valutazione e poi di terapia in caso di minori vittime di abuso e maltrattamento segnalati dai Servizi Territoriali per l età evolutiva; - fornisce valutazione e terapia per autori di reato minorenni segnalati dai servizi del Dipartimento di Giustizia Minorile - è neutrale e garantisce il rispetto delle buone pratiche e del giusto processo (ai sensi del Titolo I, art. 6 CEDU e della Convenzione di Lanzarote) nei casi segnalati dalla Magistratura (sia ordinaria, sia minorile) e ascoltati in sede giudiziaria. Universitario: - garantisce adeguati standard valutativi secondo linee guida nazionali aggiornate scientificamente nella valutazione diagnostica e nell intervento terapeutico in casi di abuso in età evolutiva; - fornisce consulenza e strumenti diagnostici, in accordo con gruppi di lavoro e di ricerca internazionali (InForSana), sulla salute mentale e la prevenzione di gesti autolesivi di minori ristretti in IPM; - tutela un approccio garantito da adeguate leggi di copertura scientifica al fenomeno dell abuso infantile e del disagio giovanile; - partecipa alla ricerca nazionale e internazionale in campo psichiatrico e psichiatrico-forense; Ospedaliero: - è un servizio inserito all interno del Policlinico Umberto I e fornisce consulenza psichiatrico-forense e legale per tutte le situazioni cliniche, che coinvolgono minori, provenienti dai diversi servizi ospedalieri.

4 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Pagina 4 Il contesto Il percorso clinico e giudiziario nei casi di abuso su minori è complesso e vede intersecarsi diverse Istituzioni ed agenzie con prassi operative non sempre sufficientemente coordinate tra loro. Numerosi nodi problematici sono rilevabili lungo tutta la sequenza delle azioni poste in essere da chi, a titolo diverso, si occupa della protezione e cura del bambino. La scarsa integrazione tra Istituzioni si traduce talvolta nell inasprimento dei sentimenti di impotenza e di solitudine per le famiglie ed i bambini che si trovano a dover affrontare un percorso molto delicato. Le fasi d ascolto e valutazione del bambino ad esempio, per mancanza di sinergie operative, rischiano di esporlo a traumi supplementari, iatrogeni. La costruzione di uno spazio di ascolto, di una cornice che non sia suggestiva e che rispetti tempi e modalità delle deposizioni rese dal bambino, rappresenta la premessa indispensabile al ripristino di un luogo di figurazione, utile per la generazione di significati lì dove il senso delle esperienze individuali può essere stato alterato o profondamente sovvertito da altri interlocutori. Se questa peculiare attenzione non è garantita, il bambino rischia di vivere o rivivere, con chi è chiamato a tutelarlo, la condizione di predazione e di espropriazione caratteristica dell'abuso. Il percorso psico-forense e quello trattamentale, dunque, non possono prescindere da una logica articolazione degli interventi senza che le esigenze legate agli accertamenti giudiziari prevalgano sull'interesse dei minori coinvolti. Il SACRAI intende promuovere - di concerto con i servizi territoriali, i servizi minorili dell'amministrazione della giustizia e l Autorità Giudiziaria - percorsi di valutazione e presa in carico psicoterapeutica quanto più possibile integrati, nel rispetto dell autonomia delle diverse professionalità coinvolte 11/30/2012Presentazione SACRAI

5 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Il contesto Pagina 5 Il quadro demografico della popolazione laziale ( abitanti complessivi, dati ISTAT 2006) è caratterizzato dalla presenza di una popolazione in età evolutiva così distribuita: età 0-14 ( ) e ( ), per un totale di minori. Il Sistema Sanitario Regionale del Lazio - caratterizzato da una complessa rete di servizi territoriali - fornisce livelli assistenziali discontinui, non sempre sufficientemente integrati tra loro. Punti di criticità del sistema sono rappresentati dalla difficoltà nel coordinamento dei programmi di promozione della salute e di prevenzione e dall eccessiva parcellizzazione degli interventi, che possono comportare una riduzione drastica dell efficacia della risposta assistenziale. Per quanto riguarda la partecipazione degli Enti Locali, è da sottolineare la difficoltà nella loro integrazione con il comparto sanitario in merito a decisioni programmatorie. Tutto ciò rende necessario l implementazione delle risorse presenti sul territorio e lo sviluppo di strategie di raccordo a livello locale e della rete dei servizi al fine di garantire ai minori vittime di trauma, interventi rispettosi dei loro bisogni di cura ed assistenza. 11/30/2012Presentazione SACRAI

6 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Il fenomeno dei reati sessuali Pagina 6 Relativamente ai reati sessuali denunciati nel Lazio (periodo ) questi suggeriscono l urgenza di adeguate strategie di contrasto ai fenomeni di Abuso sessuale e di Sfruttamento della Prostituzione e della pornografia minorile. I reati sessuali nel periodo hanno avuto nel loro complesso un importante incremento. Più nel dettaglio si è passati da 361 a 476 casi di violenza sessuale (art. 609 bis), da 31 a 46 casi di atti sessuali con minorenne (art. 609 quater). Anche per il reato di sfruttamento della prostituzione e pornografia minorile – dopo un decremento del fenomeno negli anni nel 2011 è stato registrato un nuovo incremento (da 140 a 189 casi). Tutto questo suggerisce la necessità di opportune politiche sociali e di strategie di intervento che consentano di realizzare un adeguata assistenza per prevenire esiti psicopatologici e ridurre i conseguenti costi personali e sociali delle violenze di natura sessuale. 11/30/2012Presentazione SACRAI

7 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Il fenomeno dei giovani autori di reati sessuali Pagina 7 Per quanto concerne i minorenni denunciati all Autorità Giudiziaria per i reati sessuali, le cifre (statistiche giudiziarie Istat ) sono piuttosto oscillanti. Con riferimento ai reati denunciati per i quali la Magistratura ha iniziato l azione penale, le percentuali vanno dal 5 al 10% rispetto al totale delle violenze sessuali e dall 8 al 15% del totale degli atti sessuali con minore. Le cifre appaiono decisamente più allarmanti se si considera che sul totale delle violenze e degli abusi denunciati, una parte consistente (32% nel 2007) è commessa da minorenni al di sotto della soglia di imputabilità. 11/30/2012Presentazione SACRAI

8 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Il fenomeno dei giovani autori di reati sessuali: Roma e Lazio (periodo ) Pagina 8 I procedimenti per reati sessuali presso l Ufficio GUP del Tribunale per i Minorenni di Roma (periodo ) sono stati complessivamente 134, nel 66% dei quali è stata accertata la responsabilità del fatto. Relativamente alla tipologia di reato, 64 casi sono di Abuso sessuale (art. 609 bis), 4 casi di Atti sessuali con minorenne (art. 609 quater) e 27 casi di Violenza sessuale di gruppo (art. 609 octies) (alcuni imputati sono stati giudicati per più di una tipologia di reato sessuale). 11/30/2012Presentazione SACRAI

9 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Pagina 911/30/2012Presentazione SACRAI Il fenomeno dei giovani autori di reati sessuali: Roma e Lazio (periodo )

10 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Il problema: gli esiti dellabuso allinfanzia Pagina 10 Le esperienze traumatiche da abuso, specie se precoci e ad andamento cronico, rappresentano un importante fattore di rischio per lo sviluppo di un ampia gamma di disturbi psico-fisici. Jones (2008) descrive i seguenti esiti del child abuse nel bambino, nell adolescente e nell adulto: 11/30/2012Presentazione SACRAI

11 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Pagina 11 Il problema: gli esiti dellabuso allinfanzia 11/30/2012Presentazione SACRAI

12 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Pagina 12 Dal punto di vista del funzionamento psicologico, gli abusi all infanzia possono determinare, ad esempio, disregolazione emozionale, adozione di strategie di coping aggressive che determinano problematiche sia internalizzate sia esternalizzate (disturbi della condotta, disturbo antisociale, juvenile sexual offending). Soggetti con storie documentate di child abuse hanno ad esempio una probabilità quattro volte superiore rispetto alla popolazione generale, di sviluppare un Disturbo di Personalità in età adulta (l abuso sessuale è strettamente correlato con il disturbo borderline di personalità), di presentare - a causa della disregolazione dei sistemi biologici di risposta allo stress e delle alterazioni nello sviluppo del SNC - una maggiore vulnerabilità per PTSD e depressione, patologie che possono a loro volta mediare l insorgenza di disturbi da abuso di sostanze (De Bellis M.D., 2002), Il problema: gli esiti dellabuso allinfanzia 11/30/2012Presentazione SACRAI

13 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Pagina 13 oppure di riportare anomalie dello sviluppo neurobiologico tali da alterare il funzionamento del sistema immunitario, pregiudicando dunque la salute psico-fisica del soggetto (De Bellis, 2005). Il problema: gli esiti dellabuso allinfanzia 11/30/2012Presentazione SACRAI

14 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Pagina 14 La clinica e la ricerca in tema di child abuse testimoniano inoltre che le esperienze di abuso possono esitare in fenomeni di ripetizione della violenza in forma attiva. Sebbene l incidenza delle esperienze di vittimizzazione sessuale infantile nelle storie dei giovani abusanti sia molto variabile (fra il 30% e il 70%) e rappresenti quindi un dato molto controverso (non sempre la relazione tra abuso pregresso e juvenile sexual offending è chiaramente riscontrabile), pare certo che esperienze traumatiche pregresse possono rappresentare degli importanti precursori patogenetici delle condotte sessuali devianti. Nel caso di minori vittime di abuso vi sono fattori di vulnerabilità, di rischio (come le esperienze precoci di stress cronico) che - sebbene non costituiscano un fattore esclusivo - possono concorrere con altri fattori di rischio nel determinismo criminogenetico delle condotte sessuali devianti (Di Cori e Fedeli, 2010). Il problema: la restituzione della violenza 11/30/2012Presentazione SACRAI

15 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Pagina 15 Il fatto che un esperienza traumatica vissuta da un minore possa perpetuarsi attraverso un ciclo di ripetizione dell abuso, dipende dal complesso rapporto e bilancio tra fattori di rischio e fattori protettivi, di resilienza, i quali intervengono aumentando o diminuendo la probabilità che la violenza si reiteri anche tra più generazioni. Tra i fattori protettivi capaci di ridurre la probabilità del ripetersi dell abuso, è possibile annoverare: l adeguato sostegno sociale, la presenza di un ambiente supportivo, il trattamento tempestivo e qualificato durante l infanzia o l'adolescenza. La mancanza di adeguate risposte sul piano della tutela della giovane vittima (quando non addirittura l esacerbazione del conflitto o l aumento del senso di impotenza legati a percorsi poco modellati sui bisogni psicologici della vittima), può orientare negativamente gli effetti a breve, medio e lungo termine del trauma, ed incrementare i rischi evolutivi per l insorgenza in età adulta di condotte devianti o abusanti. Il problema: la restituzione della violenza 11/30/2012Presentazione SACRAI

16 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Il SACRAI: obiettivi ed azioni del progetto Pagina 16 Da quanto fin qui esposto deriva l esigenza (obiettivo generale del nostro Progetto) di fornire un servizio di consulenza, cura e ricerca in tema di abuso sessuale, sostenendo ed integrando le azioni già svolte dai Servizi territoriali operanti nel territorio di Roma e del Lazio (Servizi Sociali dei Municipi e STSMREE delle ASL), dal Dipartimento Giustizia Minorile, nonché dall A.G. Obiettivi prevalenti del Servizio a breve e medio termine sono: (1) offrire sostegno al bambino vittima nell elaborazione del trauma ed il suo reinserimento nel contesto sociale; (2) contrastare ed interrompere il ciclo ripetitivo con cui l abuso si manifesta e si perpetua - trasformandosi in fenomeno ad elevato impatto psicosociale - mediante una presa in carico terapeutica; (3) ridurre – mediante l adozione di adeguate tecniche operative e misure di assistenza al bambino – l impatto potenzialmente traumatico della fase giudiziaria che lo vede coinvolto; (4) contrastare il fenomeno degli abusi attraverso l attività di ricerca teorico-clinica e l attività di formazione ed informazione. 11/30/2012Presentazione SACRAI

17 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Il SACRAI: azioni medico-assistenziali, psico- giuridiche e formative/informative Pagina 1711/30/2012Presentazione SACRAI Il SACRAI intende infatti proporre l attuazione di interventi terapeutici, rivolti al minore ed alla famiglia, di presa in carico individuale, sostegno alla genitorialità, con durata e frequenza variabile. L attuazione di ogni intervento - che avviene previa compilazione della scheda di segnalazione da parte dei Servizi territoriali - comporta una breve fase di assessment (diretto, con l utenza o indiretto, con gli invianti) per l individuazione di obiettivi terapeutici adeguati; contestualmente alla presa in carico terapeutica avverrà la costituzione di una mini équipe integrata specializzata, con regolare supervisione per monitorare l efficacia dell intervento stesso. Verranno inoltre previste, laddove necessario, sessioni di confronto con le agenzie territoriali coinvolte sul caso, al fine di perseguire un miglioramento della qualità assistenziale globale. In questo modo si intende promuovere l organizzazione della rete dei servizi e la qualità delle prestazioni sociosanitarie, favorendo la continuità delle cure sull utenza in età evolutiva. Inoltre il SACRAI, in base all intesa stipulata con gli Uffici di Servizio Sociale Minorile, fornirà specifici piani di trattamento per i minorenni autori di reati sessuali che transitano presso i Centri della Giustizia Minorile del Lazio.

18 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Pagina 1811/30/2012Presentazione SACRAI In ambito psico-giuridico, il SACRAI intende offrire supporto alle AA.GG., per tutti quei casi in cui fosse richiesto, un intervento specialistico di assistenza all ascolto del minore (vedi l art. 609-decies c.p. e l art. 5 comma 1 della recente legge n. 172/2012 – nota come convenzione di Lanzarote - in materia di assunzione assistita di informazioni da persone minori). Il Servizio mette inoltre a disposizione della Magistratura i propri specialisti per la valutazione peritale delle capacità testimoniali dei minori vittime di abuso (secondo quanto indicato dalla Cosensus Conference e dalla carta di Noto III e dalle Guidelines AACAP e dalle British Guidelines on Memory and Law). Tali prestazioni saranno ispirate al principio della neutralità e terzietà, per garantire sia la tutela del minore sia quella della prova, affinché la giovane vittima non viva (o riviva, anche nella fase di accertamento dei fatti) una condizione di espropriazione. A questo livello dell intervento, il progetto prevede anche la presenza di avvocati (esperti di diritto minorile e penale) che possano rappresentare presso le sedi appropriate, eventuali specifici bisogni di tutela del minore. Le azioni specifiche previste in questo ambito, saranno svolte grazie ai consolidati rapporti di collegamento del Dipartimento di Pediatria e Neuropsichiatria Infantile dell Università Sapienza, sia con i servizi socio- assistenziali, sia con il Centro per la Giustizia Minorile del Lazio, con il quale da anni vige un accordo per consulenze diagnostico-terapeutiche su minori autori di reati. Il SACRAI: azioni medico-assistenziali, psico- giuridiche e formative/informative

19 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Pagina 1911/30/2012Presentazione SACRAI Si ritiene altresì indispensabile promuovere l attività di ricerca clinica ed epidemiologica - attività da lungo tempo avviata dai clinici dell equipe – sia per affinare le nostre conoscenze in merito ai rischi psicosociali e alle conseguenze post-traumatiche a breve e medio termine degli abusi sia per realizzare protocolli clinici sempre più mirati ed efficaci. La definizione di criteri uniformi di classificazione e l organizzazione delle informazioni statistiche in un sistema di raccolta dati ottenuti a livello locale, consentirà una sempre più puntuale mappatura del fenomeno e dei servizi deputati al contrasto di questo - elementi fondamentali ai fini della prevenzione, del contrasto e del recupero del soggetto – oltre che l individuazione di modelli di gestione dei servizi che tenderanno al raggiungimento di standard ottimali in termini di qualità ed efficacia. Maggiori conoscenze sul fenomeno, permetteranno altresì, di avviare studi trasversali e longitudinali, di confrontarli con altre realtà nazionali e internazionali, favorendo così lo scambio di informazioni sullo stesso. Il SACRAI: azioni medico-assistenziali, psico- giuridiche e formative/informative

20 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Pagina 2011/30/2012Presentazione SACRAI Il SACRAI: azioni medico-assistenziali, psico- giuridiche e formative/informative Il SACRAI intende inoltre fornire una formazione adeguata a quegli operatori sociosanitari che, a diverso titolo, si interfacciano con situazioni pregiudizievoli per il bambino affinché possano adoperarsi tempestivamente per una azione di tutela della giovane vittima ed una sua rapida presa in carico. A tale scopo: a) verrà adottato un protocollo operativo per la presa in carico, sia psicogiuridica sia psicoterapeutica del bambino vittima di abuso, pedofilia e pedopornografia (il cui avvio, ad esempio, presuppone l invio di una scheda di segnalazione per la rilevazione di dati sulle condizioni di rischio psicosociale); b) verrà assicurata una supervisione ai servizi territoriali per l eventuale gestione interna del caso; c)verrà curata la formazione ed informazione degli operatori dei servizi in tema di tutela, assistenza al bambino abusato, anche mediante raccordo con le attività didattiche svolte dai docenti del Master di II livello Psichiatria forense dell età evolutiva (direttore Prof. Sabatello) della Sapienza Università di Roma e le attività promosse dal sito web Psicopatologia forense dell età evolutiva (http://www.psicopatforense.altervista.org/).http://www.psicopatforense.altervista.org/

21 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Il SACRAI: obiettivi ed azioni del progetto Pagina 2111/30/2012Presentazione SACRAI

22 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Pagina 2211/30/2012Presentazione SACRAI Attività di Formazione, informazione e ricerca SACRAI - in continuità con l'attività di ricerca universitaria - svolge attività di ricerca sul tema delle violenze in età evolutiva in campo psicopatologico e psicoforense e promuove eventi dibattiti, incontri formativi. In particolare la formazione ed informazione degli operatori sociosanitari e di giustizia in tema di tutela, assistenza al bambino abusato, avviene mediante il raccordo con la didattica del Master di II livello Psichiatria forense dell età evolutiva della Sapienza Università di Roma e con l'attività di documentazione svolta da Psicopatologia forense dell età evolutiva", piattaforma web per le famiglie e gli operatori dei servizi.

23 Servizio di Assistenza, Cura e Ricerca sull Abuso all Infanzia Via dei Sabelli , Roma Tel: Pagina 23 Pagina Web SACRAI za,_cura_e_ricerca_sullabuso_allinfanzia.html 11/30/2012Presentazione SACRAI


Scaricare ppt "Progetto Pilota per il Trattamento di Minori Vittime di Abuso e Sfruttamento Sessuale Coordinatore responsabile Prof. Ugo Sabatello Gruppo di lavoro SACRAI:"

Presentazioni simili


Annunci Google