La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fabbisogni professionali:indagine EXCELSIOR 2005 Levoluzione della domanda di lavoro nella provincia di Torino e i riflessi sul sistema della formazione:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fabbisogni professionali:indagine EXCELSIOR 2005 Levoluzione della domanda di lavoro nella provincia di Torino e i riflessi sul sistema della formazione:"— Transcript della presentazione:

1 Fabbisogni professionali:indagine EXCELSIOR 2005 Levoluzione della domanda di lavoro nella provincia di Torino e i riflessi sul sistema della formazione: previsioni per il analisi e commento dei dati

2 LA STRUTTURA ECONOMICA DAL 1991 AL 2001 Aumentano le unità locali +31,8% In flessione il lavoro dipendente -18,6% Aumenta il lavoro indipendente +16,3% La dinamica delloccupazione dipendente evidenzia : Nell industria un calo del 21% ; Nel terziario ( o altri servizi ) una crescita che sfiora il 23% ; Nel commercio una flessione intorno al 5% Settori a maggiore crescita Settori a maggiore contrazione Unità locali Attività Immobiliari, Informatica e ricerca Produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Dipendenti Attività Immobiliari, Informatica e ricerca- Sanità, Serv. Sociali. Attività Manifatturiere- Prod. energia gas e acqua indipendenti Attività Immobiliari, Informatica e ricerca- Costruzioni. Commercio. Attività Manifatturiere

3 PREVISIONI OCCUPAZIONALI PER IL 2005 (42,2% del tot assunzioni) Tendenza alla terziarizzazione tasso di entrata: 4,9% tasso di uscita: 4,9% Ciò denota una stagnazione della capacità di assorbimento di manodopera da parte del mercato. Le espulsioni più numerose provengono dai settori che prevedono per il 2005 più assunzioni: industria e servizi maggiori opportunità occupazionali Grandi imprese (53,2%) imprese del settore dei servizi nuove assunzioni cessazioni rapporti di lavoro -71 saldo negativo tasso di crescita: 0% tasso regionale 0,1% tasso nazionale 0,9%

4 PREVISIONI OCCUPAZIONALI PER IL 2005: QUALITA DELLE ASSUNZIONI segue PREVISIONI OCCUPAZIONALI PER IL 2005: QUALITA DELLE ASSUNZIONI inquadramento funzionale 60% operai distribuiti in ugual misura nei servizi e nellindustria. 40% impiegati 0,6% dirigenti 8,3% apprendisti soprattutto nelle micro-imprese commerciali genere: 35,7% sesso maschile 20,3% sesso femminile (media nazionale 19,7%, regionale 20,4%) 44% Indifferente età: i giovani fino a 29 anni sono i più richiesti. Scolarità: la necessità di dipendenti in possesso del diploma è passata tra il 2004 e il 2005 dal 32% al 35,2%. Si registra per il 2005 un fabbisogno di lavoratori con istruzione professionale e tecnica (19%); ed inoltre per il 31% non è richiesto alcun titolo. esperienza lavorativa: è richiesta nel 47,1% dei casi e allinterno di questo insieme per una quota del 30% circa è richiesta esperienza nello stesso settore. extra-comunitari: la loro incidenza è pari al 32,8%

5 FORME CONTRATTUALI PREVISTE NELLE ASSUNZIONI Assunti part-time 14,5% Assunti per sostituzione 40,2% Tempo indeterminato57,8%-6 punti% rispetto al 2004 Tempo determinato35,2% + 8,8 punti% rispetto al 2004 Apprendisti8,3% - 1,1punti % rispetto al 2004 Altri contratti4,6% + 2,4punti% rispetto al 2004 Il 20,3% delle imprese torinesi ha dichiarato che nel 2005 assumerà personale in prevalenza nel comparto industriale. valore regionale: 20,8% valore nazionale: 22,8%

6 DIFFICOLTA DI REPERIMENTO Le figure da assumere con qualifica professionale, che si prevedono in circa 4850 unità, presentano una difficoltà di reperimento superiore alla media e gli indirizzi in maggiore sofferenza sono la meccanica e lelettronica. Infine per i soggetti da assumere per i quali non è previsto il possesso di alcun titolo di studio, le difficoltà di reperimento sono stimate poco sopra il 27%. In generale il 31,1% delle assunzioni previste dalle imprese per il 2005 presenta difficoltà di reperimento. Tale quota supera il 34% nel caso di personale per il quale è previsto il possesso di titolo a livello universitario ( 3600 unità), con picchi di difficoltà per le categorie ad indirizzo sanitario paramedico ( 64% ) ingegneria (70%) e chimico – farmaceutico (45%). Per quanto riguarda le previsioni di assunzione di personale con livello di istruzione secondario superiore che ammonta in termini assoluti a circa 9000 unità, le difficoltà maggiori di reperimento si prevedono per gli indirizzi meccanico, turistico-alberghiero ed edile.

7 LE 10 FIGURE PROFESSIONALI PIÙ RICHIESTE PER IL 2005 ( classificazione ISCO-88) le prime 10 figure professionali più richieste occupano il 39% (9910/25388) del totale degli assunti previsti per il Numero previsto assunti 2005 Peso delle profess. Sul tot. Assunti (%) Difficoltà di reperimento (%) Senza esperienza specifica (%) Necessità formaz. Corsi (%) Sostit. Analoga figura (%) 5220 – Addetti vendite, commessi e cassiere 20007,931,957,158,346, – Addetti alle pulizie 16306,412,576,714,452, – Conducenti autocarri pesanti e camion 10304,136,521,95,649, – Addetti alla segreteria 9503,719,463,98,638, – Addetti macchine utensili: metalli 9103,661,147,659,751, – Camerieri, baristi, operatori di mensa e assimilati 8703,431,573,516,152, – Tecnici dellamministrazione, della contabilità e affini 8303,38,89,116,038, – Add. Al carico/scarico merci 7202,842,363,913,255, – Agenti di vendita, rappresentanti di commercio 6402,523,630,043,122, – Impiegati addetti contabilità 5602,223,381,921,549,4

8 71220 – Addetti alledilizia: muratori – Manovali industriali e addetti assemblaggio elementare – Addetti alla reception alle informazioni e call center chi entra nelle prime 10 qualifiche del 2005 rispetto alle prime 10 professioni del Conducenti di autocarri pesanti e camion 4115 – Addetti alla segreteria 3415 – Agenti di vendita, rappresentanti di commercio chi non entra nelle prime 10 qualifiche del 2005 Rispetto alle prime 10 professioni del 2004

9 IN SINTESI Complessivamente sono le assunzioni previste dal mondo delle imprese in provincia di Torino. Le prime 10 figure professionali più richieste si prevede assorbiranno 9910 unità. E in prevalenza ( 44%) indifferente assumere personale di sesso maschile o femminile,mentre ci sono orientamenti precisi verso il genere maschile nel 35% dei casi. Si prevede di assumere 2099 giovani apprendisti. Non è richiesto alcun titolo di studio in oltre il 31% dei casi,in particolare tale valore oscilla tra il % nelle prime due professioni maggiormente richieste che, nel caso specifico, rientrano nelle occupazioni elementari nelle vendite e nei servizi, e per gli addetti alle pulizie. Al contrario è richiesto nella quasi totalità dei casi il possesso del diploma o della qualifica professionale per le professioni riconducibili a ruoli di tipo tecnico o agli impiegati dufficio. Saranno per il 60% operai, assunti nelle imprese con più di 50 dipendenti, in una percentuale pari al 53%. Il 52% di loro firmerà contratti a tempo indeterminato ed il settore in cui verranno maggiormente impiegati saranno i servizi. Lesigenza di formare il personale da assumere con corsi di formazione specifici è rilevabile in circa il 34% delle aziende. Il 69% delle imprese che assumeranno personale,ritiene che non ci saranno difficoltà a reperire le figure necessarie e circa il 41% sarà assunto per sostituzione di altro personale.

10 NOTA METODOLOGICA I dati, sulla base dei quali è stata svolta la presentazione sullanalisi della domanda di lavoro della provincia di Torino, emergono dallindagine Excelsior 2005, realizzata annualmente da Unioncamere con la collaborazione e il finanziamento del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dellUnione Europea. FONTI: - Sistema informativo Excelsior per loccupazione e la formazione - Rilevazioni ISTAT per la struttura economica: censimenti


Scaricare ppt "Fabbisogni professionali:indagine EXCELSIOR 2005 Levoluzione della domanda di lavoro nella provincia di Torino e i riflessi sul sistema della formazione:"

Presentazioni simili


Annunci Google