La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VITTORIA - SCONFITTA SCONFITTA: contro una tendenza a cercare sempre il colpevole, educare a riconoscere i limiti e le cadute senza farne una tragedia:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VITTORIA - SCONFITTA SCONFITTA: contro una tendenza a cercare sempre il colpevole, educare a riconoscere i limiti e le cadute senza farne una tragedia:"— Transcript della presentazione:

1 VITTORIA - SCONFITTA SCONFITTA: contro una tendenza a cercare sempre il colpevole, educare a riconoscere i limiti e le cadute senza farne una tragedia: imparare a perdere senza sentirsi perdenti. VITTORIA: contro una tendenza a cercare un leader che egemonizzi meriti e risultati. Educare alla responsabilità, alla ponderazione, alla relativizzazione del successo.

2 VOLER VINCERE SAPER PERDERE (da una scritta trovata in quel di Domodossola – collegio Rosmini)

3 EDUCARE ALLA SCONFITTA Imparare a perdere senza considerarsi perdenti.

4 TRATTI DA CURARE: dinamica di gruppo, revisione di vita, inserita in unatmosfera favorevole, in cui si indagano le cause dellinsuccesso, invece di perseguire il colpevole e lasciare che laggressività si scateni sul capro espiatorio Una qualità che non si improvvisa, ciascun uomo conosce : la frustrazione della sconfitta e la gelosia verso il vincitore.

5 ATTEGGIAMENTI DA COLTIVARE sensibilità ai valori fondamentali, indagare le cause e non le colpe, riconoscere i limiti e le cadute. (E necessario educarsi a riconoscere i limiti e le cadute senza farne una tragedia, ma accogliendoli serenamente come segni concreti della precaria esistenza umana). Trovare momenti, programmati o spontanei: di confronto, di riflessione comune, di verbalizzazione delle proprie sensazioni e stati danimo.

6 Per evitare… sia la presunzione che rovescia il male sullaltro, autogiustificandosi, sia lintroversione che cade nello sconforto o rimbalza nellaggressività.

7 La sconfitta dunque… è realtà difficile da accettare perché mette davanti al proprio limite, verificato anche dallincontro o dal confronto con altri; e senza dimenticare che probabilmente le sconfitte più pesanti sono quelle che si sperimentano dentro sè stessi quando si deve ammettere il proprio limite, la propria incapacità, la mancata realizzazione di un ideale o di un progetto. è realtà difficile da accettare perché mette davanti al proprio limite, verificato anche dallincontro o dal confronto con altri; e senza dimenticare che probabilmente le sconfitte più pesanti sono quelle che si sperimentano dentro sè stessi quando si deve ammettere il proprio limite, la propria incapacità, la mancata realizzazione di un ideale o di un progetto. Diventa fatto educativo importante non identificarsi con la sconfitta: bisogna saper perdere, avere il coraggio di ammettere i limiti, avere la forza di ricominciare sempre. Diventa fatto educativo importante non identificarsi con la sconfitta: bisogna saper perdere, avere il coraggio di ammettere i limiti, avere la forza di ricominciare sempre.

8 EDUCARE ALLA VITTORIA contro la tendenza a cercare un leader che egemonizzi meriti e risultati. Educare alla responsabilità, alla relativizzazione del successo

9 Umano è vincere, umano è perdere, ma la sfida sta nel saperli vivere con nobiltà e dignità.

10 Considerare le situazioni positive in qualche modo bisognose anchesse di purificazione e di riscatto, occasioni di crescita TRATTI DA CURARE: ricoprire ruoli diversi, respingere la tentazione di considerare male il concorrente, favorire atteggiamenti di dedizione e sacrificio.

11 Dalla vita, dallo sport: situazioni, persone, domande… Si dice che nelle gare conta solo chi arriva primo: leterno secondo viene presto dimenticato. Si dice che nelle gare conta solo chi arriva primo: leterno secondo viene presto dimenticato. Lagonismo dice che si gioca per vincere. Anche nella vita si vuole riuscire bene e realizzare i progetti che si sono pensati e voluti. Ma dal mondo sportivo rischia di arrivare anche qualche messaggio strano: quello di identificare vittoria con persone- vincente e sconfitta con persona-perdente: chi vince si sente realizzato e si ha diritto ad esaltarlo; chi perde si sente… un niente e si ha diritto di non considerarlo o di prenderlo in giro. Chi vince si sente in diritto di essere superiore agli altri; chi perde si costruisce il diritto di rifarsi sugli altri, magari con forme di violenza per riabilitarsi. Ma dal mondo sportivo rischia di arrivare anche qualche messaggio strano: quello di identificare vittoria con persone- vincente e sconfitta con persona-perdente: chi vince si sente realizzato e si ha diritto ad esaltarlo; chi perde si sente… un niente e si ha diritto di non considerarlo o di prenderlo in giro. Chi vince si sente in diritto di essere superiore agli altri; chi perde si costruisce il diritto di rifarsi sugli altri, magari con forme di violenza per riabilitarsi.

12 *vittoria e sconfitta sono lo stimolo che uno deve usare sempre per poter entrare in azione perché ci sono o si inventano dei nemici contro i quali combattere e sui quali prevalere? Vincenti o perdenti… resta sempre da domandarsi: davanti a che cosa?

13 Dal professionismo ci arriva un aspetto positivo perché si nota moltissimo limpegno per arrivare allobiettivo della vittoria; arrivano esempi piuttosto negativi quando la vittoria diventa lunico interesse anche perché ad essa sono legati molti interessi economici o quando la identificazione con la vittoria (e con la sconfitta) porta allesaltazione o alla violenza. Fare attenzione al fatto che gli stessi modelli sono vissuti spesso anche nel mondo del dilettantismo.

14 - la serietà dellagonismo e della vittoria, come stimoli a raggiungere ideali e progetti di vita; - la sconfitta come accettazione di se e dei propri limiti e come stimolo a fare sempre meglio; - la vittoria a tutti i costi: è predicata troppo spesso anche nello sport delle parrocchie o dei circoli, con forme di esasperazione diseducativa molto rilevanti; - vittoria e sconfitta da misurare sempre sulle proprie capacità: allora chiunque è capace di vittoria, tutti possono vincere (anche i brocchi, anche i disabili); bisognerà inventare qualche gioco o qualche situazione in cui dare il premio a tutti… perché tutti si sono impegnati e hanno vinto! ALTRI SPUNTI….

15 La vittoria dunque… è desiderio positivo soprattutto se vuol dire tensione a raggiungere un obiettivo che ci si è prefissato e che finalmente si raggiunge; è soddisfazione per essere stati in grado di realizzare un progetto; è gioia profonda di aver sperimentato le proprie capacità magari superando difficoltà ed ostacoli; vittoria è soprattutto la positiva constatazione di essere stati capaci di essere se stessi. è desiderio positivo soprattutto se vuol dire tensione a raggiungere un obiettivo che ci si è prefissato e che finalmente si raggiunge; è soddisfazione per essere stati in grado di realizzare un progetto; è gioia profonda di aver sperimentato le proprie capacità magari superando difficoltà ed ostacoli; vittoria è soprattutto la positiva constatazione di essere stati capaci di essere se stessi. Talvolta la vittoria si ha davanti agli altri o perché ci si è confrontati con gli altri; ma il suo valore più profondo resta quello di essersi confrontati con se stessi, di aver messo in atto le proprie capacità, di saper raggiungere degli obiettivi con fatica e costanza. E allora non ci si identifica con la vittoria ma si riscopre piuttosto sempre più se stessi. Talvolta la vittoria si ha davanti agli altri o perché ci si è confrontati con gli altri; ma il suo valore più profondo resta quello di essersi confrontati con se stessi, di aver messo in atto le proprie capacità, di saper raggiungere degli obiettivi con fatica e costanza. E allora non ci si identifica con la vittoria ma si riscopre piuttosto sempre più se stessi.

16 A confronto con la parola di Dio -MATTEO 13,53-57; una sconfitta di Gesù -MATTEO 16,24-28: vittoria e sconfitta davanti a che cosa? in relazione a quali valori fondamentali della vita? -FILIPPESI 3,12-16: sempre in cammino!!…

17 …OPERATIVI?! Quali domande ci sono dentro di me a proposito di vittoria e sconfitta? Quali domande ci sono dentro di me a proposito di vittoria e sconfitta? Cosa ti ha educato alla vittoria e alla sconfitta? Cosa ti ha educato alla vittoria e alla sconfitta? Quali gesti hai già messo in atto perché vittoria o sconfitta diventassero possibilità di crescita del singolo e del gruppo? Quali gesti hai già messo in atto perché vittoria o sconfitta diventassero possibilità di crescita del singolo e del gruppo? Quali sono le più grandi difficoltà (il fatto che tutti giochino…non sempre facilita la vittoria sul campo, ma non è forse una vittoria ben più grande?) Quali sono le più grandi difficoltà (il fatto che tutti giochino…non sempre facilita la vittoria sul campo, ma non è forse una vittoria ben più grande?) Per educare il valore di vittoria-sconfitta per la vita quali suggerimenti pratici daresti (certamente a partire dalla tua esperienza)? Per educare il valore di vittoria-sconfitta per la vita quali suggerimenti pratici daresti (certamente a partire dalla tua esperienza)?

18 Ah…dimenticavo… Non si va mai in campo per perdere!!! (…sarebbe anche un non rispetto dellavversario e di noi stessi!) SI VA IN CAMPO PER VINCERE …se poi vincono gli altri e noi ce labbiamo messa tutta vorrà dire che dobbiamo crescere ancora …come nella vita del resto!!!

19 SALMO 22 Il Signore è il mio pastore: non manco di nulla; su pascoli erbosi mi fa riposare ad acque tranquille mi conduce. Mi rinfranca, mi guida per il giusto cammino, per amore del suo nome. Se dovessi camminare in una valle oscura, non temerei alcun male, perché tu sei con me. Il tuo bastone e il tuo vincastro mi danno sicurezza. Davanti a me tu prepari una mensa sotto gli occhi dei miei nemici; cospargi di olio il mio capo. Il mio calice trabocca. Felicità e grazia mi saranno compagne tutti i giorni della mia vita, e abiterò nella casa del Signore per lunghissimi anni.


Scaricare ppt "VITTORIA - SCONFITTA SCONFITTA: contro una tendenza a cercare sempre il colpevole, educare a riconoscere i limiti e le cadute senza farne una tragedia:"

Presentazioni simili


Annunci Google