La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FP CGIL Pensioni e TFS Dipartimento sindacale e ufficio studi 1 VDB.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FP CGIL Pensioni e TFS Dipartimento sindacale e ufficio studi 1 VDB."— Transcript della presentazione:

1 FP CGIL Pensioni e TFS Dipartimento sindacale e ufficio studi 1 VDB

2 Quando e come? Previdenza Complementare TFS e TFR Pensione 2VDB

3 Pensione di vecchiaia retributiva Pensione di vecchiaia contributiva Pensione di anzianità Pensione di vecchiaia Pensioni Prestazione previdenziale PENSIONE 3VDB

4 Acquisiscono il primo contributo dal 1° gennaio 1996 Già titolari di un conto assicurativo che optano per il sistema contributivo Abbiano cessato lattività lavorativa dipendente Nel sistema CONTRIBUTIVO è conseguita dai soggetti che si trovino nelle seguenti condizioni Abbiano compiuto letà pensionabile Posseggano i requisiti contributivi minimi richiesti Abbiano cessato lattività lavorativa dipendente Nel sistema RETRIBUTIVO è erogata ai soggetti che si trovino nelle seguenti condizioni Pensioni Pensione di vecchiaia retributiva Pensione di vecchiaia contributiva 4VDB

5 20 anni di contribuzione Requisiti contributivi minimi richiesti Fino 31/12/2009 Dal 1/1/2010 Dal 1/1/ anni 60 anni 61 anni 65 anni Uomini Donne (privato) Donne (pubblico) Età pensionabile Pensioni Pensione di vecchiaia (retributiva) 5VDB

6 Graduale incremento Mesi a partire dal 2014 Graduale incremento Mesi a partire dal 2014 A regime nel anni Donne (privato) 20 anni di contribuzione Requisiti contributivi minimi richiesti Fino 31/12/2009 Dal 1/1/2010 Dal 1/1/ anni 60 anni 61 anni 65 anni Uomini Donne (privato) Donne (pubblico) Età pensionabile Pensioni Pensione di vecchiaia (retributiva) 6VDB

7 Pensioni: Donne settori privati VDB7

8 Decorrenza pensione Maturazione requisiti 1° luglio stesso anno Al 31 marzo 1° ottobre stesso anno Al 30 giugno 1° gennaio anno successivo Al 30 settembre 1° aprile anno successivo Al 31 dicembre Finestre di uscita Pensioni Pensione di vecchiaia (retributiva) 8VDB

9 Almeno 40 anni di anzianità contributiva, a prescindere dalletà anagrafica oppure Almeno 35 anni di anzianità contribuzione e letà anagrafica prevista per il diritto alla pensione di anzianità oppure UOMINI: 65 anni età e almeno 5 anni di contribuzione Pensioni Assegno sociale nel 2010: 6.419,87 Laccesso al pensionamento rimane soggetto alla condizione che limporto della pensione non sia inferiore a 1,2 volte lassegno sociale, limite di importo minimo non richiesto ai soggetti con 65 anni di età 9VDB DONNE PRIVATO: elevato, gradualmente dal 2016, a 65 anni età e almeno 5 anni di contribuzione DONNE PUBBLICO: elevato a 65 anni età, dal 2012, e almeno 5 anni di contribuzione DONNE: 60 anni età e almeno 5 anni di contribuzione Requisiti contributivi minimi richiesti (dal 1° gennaio 2008) Pensione di vecchiaia (contributiva)

10 Il requisito minimo di anzianità contributiva e assicurativa di 35 anni congiuntamente al compimento del 58° anno di età Con il sistema delle QUOTE Con una determinata anzianità contributiva (gradualmente elevata fino a 40 anni), indipendentemente dalletà anagrafica oppure Unanzianità contributiva e assicurativa di almeno 40 anni, indipendentemente dalletà anagrafica Con il requisito minimo di anzianità contributiva e assicurativa di 35 anni congiuntamente al compimento del 57° anno di età Dal 1° gennaio 2008 Dal 1° luglio 2009 Fino al 31 dicembre 2007 Pensioni Pensione di anzianità 10VDB

11 Età anagrafica + contribuzione Data maturazione requisiti Quota 95: oppure Quota 95: oppure Quota 96: oppure Quota 96: oppure Quota 97: oppure Quota 97: oppure Pensioni Anzianità contributiva a prescindere dalletà Dal 1/1/2008 al 30/6/2009 Dal 1/7/2009 al 31/12/2010 Dal 1/1/2011 al 31/12/2012 Dal 1/1/ Requisiti richiesti dal 1/1/2008 Pensione di anzianità 11VDB

12 Pensioni Decorrenza pensioni di anzianità con MENO di 40 anni di contribuzione (35 anni di contribuzione congiuntamente alletà anagrafica richiesta) Decorrenza della pensione 1° gennaio ANNO SUCCESSIVO Entro 1° semestre Maturazione requisiti 1° luglio ANNO SUCCESSIVO Entro 2° semestre 40 anni di anzianità contributiva / Quote (età + anzianità contributiva) Finestre di uscita Pensione di anzianità 12VDB

13 Pensioni Decorrenza pensioni di anzianità con 40 anni di contribuzione 40 anni di anzianità contributiva / Quote (età + anzianità contributiva) 1° aprile ANNO SUCCESSIVO 1° gennaio ANNO SUCCESSIVO 1° ottobre STESSO anno (con 57 anni entro il 30 settembre) 1° luglio STESSO anno (con 57 anni entro il 30 giugno) Entro 1° trimestre Maturazione requisiti Decorrenza della pensione Entro 4° trimestre Entro 3° trimestre Entro 2° trimestre 1° ottobre STESSO anno (con 57 anni entro il 30 settembre) 1° GENNAIO Anno Successivo negli altri casi Pensione di anzianità Finestre di uscita 13VDB

14 Per gli iscritti successivamente al 31/12/1995 Meno di 18 anni di anzianità contributiva al 31/12/1995 (Retributivo fino al 31/12/1995 e Contributivo dal 1/1/1996) Con almeno 18 anni di anzianità contributiva al 31/12/1995 Pensioni Contributivo Misto (Retributivo + Contributivo) Misto (Retributivo + Contributivo) Retributivo Sistemi di calcolo delle pensioni 14VDB

15 Con almeno 18 anni al 31/12/1995 Per le anzianità contributive fino al 31/12/1992 Per le anzianità contributive dal 1/1/1993 Quota A Pensioni Quota B Pensione = Quota A + Quota B Retributivo Sistemi di calcolo delle pensioni 15VDB

16 Con meno di 18 anni al 31/12/1995 Per le anzianità contributive dal 1/1/1996 Quota C Per le anzianità contributive fino al 31/12/1992 Per le anzianità contributive dal 1/1/1993 al 31/12/1995 Quota A Pensioni Quota B Pensione = Quota A + Quota B + Quota C Misto Sistemi di calcolo delle pensioni 16VDB

17 Pensioni Pensione = Quota C Integralmente a coloro che possono far valere anzianità contributive dal 1/1/1996 Per le anzianità contributive dal 1/1/1996 Quota C Contributivo Sistemi di calcolo delle pensioni 17VDB

18 Quota A Quota B Retributivo (INPS: nel settore privato e negli Enti pubblici non economici) Retributivo (INPS: nel settore privato e negli Enti pubblici non economici) Le retribuzioni di ciascun anno solare preso in considerazione (esclusi lanno di decorrenza e quello precedente) sono rivalutate secondo lindice FOI dellISTAT, con aumento di 1 punto percentuale per ogni anno solare preso in considerazione ai fini del computo delle retribuzioni pensionabili. Retribuzione Media ultimi 10 anni Retribuzione Media ultimi 5 anni Pensioni Aliquota di rendimento maturata al 31/12/1992 Aliquota di rendimento maturata dal 1/1/1993 alla cessazione Sistemi di calcolo delle pensioni 18VDB

19 Quota A Quota B Retributivo (pubblico) Retributivo (pubblico) Retribuzione Media ultimi 10 anni Ultima retribuzione annua pensionabile Pensioni Aliquota di rendimento maturata al 31/12/1992 Aliquota di rendimento maturata dal 1/1/1993 alla cessazione Sistemi di calcolo delle pensioni 19VDB Le retribuzioni di ciascun anno solare preso in considerazione (esclusi lanno di decorrenza e quello precedente), ai fini della retribuzione media, sono rivalutate secondo lindice FOI dellISTAT, con aumento di 1 punto percentuale per ogni anno solare preso in considerazione ai fini del computo delle retribuzioni pensionabili.

20 Montante contributivo individuale annuo Pensioni Il Montante contributivo è rivalutato con un tasso annuo di capitalizzazione, pari alla variazione media del quinquennio precedente lanno da rivalutare del PIL nominale. La media viene calcolata dallISTAT con il metodo dellinteresse composto. Integralmente a coloro che possono far valere anzianità contributive dal 1/1/1996 Per le anzianità contributive dal 1/1/1996 Quota C Contributivo Sistemi di calcolo delle pensioni Retribuzione Annua utile ( massimale contributivo nel 2010: ,00) 33% (Aliquota di computo) È uguale alla somma dei contributi annuali e degli interessi Pensione = Montante Contributivo x Coefficiente di trasformazione Il Montante contributivo individuale complessivo 20VDB

21 Pensioni Coefficiente di trasformazione (per le pensioni con decorrenza 1/1/2010) EtàCoefficiente di trasformazione 574,419% 584,538% 594,664% 604,798% 614,940% 625,093% 635,257% 645,432% 655,620% Sistema Contributivo 21VDB

22 Quota C Quota A Quota B Misto (INPS) Misto (INPS) Per il sistema retributivo le retribuzioni di ciascun anno solare preso in considerazione (esclusi lanno di decorrenza e quello precedente) sono rivalutate secondo lindice FOI dellISTAT. Per il sistema contributivo il montante contributivo è rivalutato annualmente in base a un tasso annuo di capitalizzazione, pari alla variazione media del quinquennio precedente lanno da rivalutare del PIL nominale (PIL = insieme dei beni e dei servizi prodotti annualmente dal Paese). Per il sistema retributivo le retribuzioni di ciascun anno solare preso in considerazione (esclusi lanno di decorrenza e quello precedente) sono rivalutate secondo lindice FOI dellISTAT. Per il sistema contributivo il montante contributivo è rivalutato annualmente in base a un tasso annuo di capitalizzazione, pari alla variazione media del quinquennio precedente lanno da rivalutare del PIL nominale (PIL = insieme dei beni e dei servizi prodotti annualmente dal Paese). Retribuzione Media ultimi 10 anni Retribuzione Media ultimi 5 anni Pensioni Aliquota di rendimento maturata al 31/12/1992 Aliquota di rendimento maturata dal 1/1/1993 al 31/12/1995 Sistemi di calcolo delle pensioni Montante Contributivo individuale maturato dal 1/1/1996 Coefficiente di trasformazione (correlato alletà anagrafica alla cessazione) 22VDB

23 Quota C Quota A Quota B Misto (INPDAP) Misto (INPDAP) Per il sistema retributivo le retribuzioni di ciascun anno solare preso in considerazione (esclusi lanno di decorrenza e quello precedente) sono rivalutate secondo lindice FOI dellISTAT. Per il sistema contributivo il montante contributivo è rivalutato annualmente in base a un tasso annuo di capitalizzazione, pari alla variazione media del quinquennio precedente lanno da rivalutare del PIL nominale (PIL = insieme dei beni e dei servizi prodotti annualmente dal Paese). Per il sistema retributivo le retribuzioni di ciascun anno solare preso in considerazione (esclusi lanno di decorrenza e quello precedente) sono rivalutate secondo lindice FOI dellISTAT. Per il sistema contributivo il montante contributivo è rivalutato annualmente in base a un tasso annuo di capitalizzazione, pari alla variazione media del quinquennio precedente lanno da rivalutare del PIL nominale (PIL = insieme dei beni e dei servizi prodotti annualmente dal Paese). Retribuzione Media ultimi 10 anni Ultima retribuzione annua pensionabile Pensioni Aliquota di rendimento maturata al 31/12/1992 Aliquota di rendimento maturata dal 1/1/1993 al 31/12/1995 Sistemi di calcolo delle pensioni Montante Contributivo individuale maturato dal 1/1/1996 Coefficiente di trasformazione (correlato alletà anagrafica alla cessazione) 23VDB

24 Tutte le voci retributive Quota C Quota A Quota B Tutte le voci retributive Voci Quota A + Salario Accessorio (dal 1/1/1996) Stipendio + IIS + RIA (ex classi e scatti) + Ass. Pers. Pensionabili Pensioni Quota C Quota B Quota A Base pensionabile (INPDAP) Base pensionabile (INPS) 24VDB

25 Dal 1/1/1995 Fino al 31/12/1994 1,80% per ogni anno successivo al 15° 80% 2% per ogni anno di contribuzione 2,33% per ogni anno nei primi 15 anni (35%) Pensioni Aliquota di rendimento massima Aliquote di rendimento (Stato) valide solo per sistema retributivo Aliquote di rendimento (Stato) valide solo per sistema retributivo 25VDB

26 Dal 1/1/1995 Fino al 31/12/1994 Su 80% voci retributive 80% 2% per ogni anno di contribuzione 2,50% (L. 152/1968) 2,50% (L. 152/1968) Pensioni Aliquota di rendimento massima Aliquote di rendimento (Enti territoriali) valide solo per sistema retributivo Aliquote di rendimento (Enti territoriali) valide solo per sistema retributivo 26VDB

27 Per ogni anno di contribuzione 80% 2% Pensioni Aliquota di rendimento massima Aliquote di rendimento (Settori privati e Enti pubblici) valide solo per sistema retributivo 27VDB

28 Pensioni Retribuzione pensionabile e Aliquote di rendimento Pensioni con decorrenza nellanno 2010 Fasce di retribuzione Anzianità contributive maturate al 31/12/1992 Anzianità contributive acquisite dal 1/1/1993 Importo annuo Rendimento annuo Rendimento con 40 anni di anzianità Rendimento annuo Rendimento con 40 anni di anzianità Fino a ,00 2%80%2%80% Oltre ,00 Fino a ,12 Fascia ,12 1,50%60%1,60%64% Oltre ,12 Fino a ,24 Fascia ,12 1,25%50%1,35%54% Oltre ,24 1%40% Oltre ,24 Fino a ,60 Fascia ,36 1,10%44% Oltre ,60 0,90%36% 28VDB

29 Finestra di uscita MOBILE a scorrimento (trascorsi 12 mesi dalla data di maturazione dei requisiti) Non varranno più le regole precedenti delle finestre Età 65 anni dal 1/1/2012 Aggiornamento triennale legato allincremento della speranza di vita Dal 1° gennaio 2015 Per coloro che maturano i requisiti dal 2011 Pensione di Vecchiaia DL 78/ Art. 12 Interventi in materia previdenziale (pensioni) Donne (Settori Pubblici) Pensioni di Vecchiaia Pensioni di Anzianità Aumento Età pensionabile Continuano ad applicarsi le precedenti regole sulle finestre per coloro che hanno maturato i requisiti al 31/12/ VDB

30 Alle pensioni di anzianità con 40 anni : Dal 2012 = Dal 2013= Dal 2014= Alle pensioni di anzianità con 40 anni : Dal 2012 = Dal 2013= Dal 2014= Età 65 anni dal 1/1/2028 (elevata gradualmente a partire dal 2016) Età 65 anni dal 1/1/2028 (elevata gradualmente a partire dal 2016) Pensione di Vecchiaia Finestra di uscita MOBILE a scorrimento (trascorsi 12 mesi dalla data di maturazione dei requisiti) Non varranno più le regole precedenti delle finestre Età 65 anni dal 1/1/2012 Aggiornamento triennale legato allincremento della speranza di vita Anticipata al 1° gennaio 2013 Per coloro che maturano i requisiti dal 2011 Pensione di Vecchiaia Pensioni: DL 78/2010 Art. 12 ; Dl 98/2011 – Art. 18; Dl 138/2011 Art. 1 Donne (Settori Pubblici) Pensioni di Vecchiaia Pensioni di Anzianità Aumento Età pensionabile Continuano ad applicarsi le precedenti regole sulle finestre per coloro che hanno maturato i requisiti al 31/12/ VDB Donne (Settori Privati)

31 Con riferimento ai soggetti con età inferiore a 65 anni per gli uomini e a 60 anni per le donne del settore privato e a 61 per le donne del settore pubblico Vale anche per chi matura i 40 anni di anzianità contributiva Dall 1/1/2011 Lavoratori dipendenti che maturano i requisiti Dal 2011 Lavoratori dipendenti che maturano i requisiti Età 61 anni Età 65 anni Dal 1/1/2010 Dal 1/1/2012 Accesso Pensioni di Vecchiaia DL 78/ Art Donne P.A. – Pensioni Vecchiaia e Anzianità Posticipo 12 mesi Donne (Pubblico impiego) Pensioni di Vecchiaia Uomini: 65 anni Pensioni di Anzianità Donne (sett. Privato): 60 anni Donne (sett. Pubblici): 61 anni Conseguono il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico TRASCORSI 12 MESI dalla data di maturazione dei previsti requisiti Conseguono il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico TRASCORSI 12 MESI dalla data di maturazione dei previsti requisiti 31VDB

32 Per chi matura i 40 ulteriore posticipo: Dal 2012 = Dal 2013 = Dal 2014 = Vale anche per chi matura i 40 anni di anzianità contributiva Conseguono il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico TRASCORSI 12 MESI dalla data di maturazione dei previsti requisiti Conseguono il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico TRASCORSI 12 MESI dalla data di maturazione dei previsti requisiti Con riferimento ai soggetti con età inferiore a 65 anni per gli uomini e a 60 anni per le donne del settore privato (poi elevata fino a 65) e a 61 per le donne del settore pubblico (65 dal 2012) Dal 1/1/2011 Dal 1/1/2011 Lavoratori dipendenti che maturano i requisiti Dal 2011 Lavoratori dipendenti che maturano i requisiti Posticipo 12 mesi Pensioni Vecchiaia e Anzianità : Dl 78/2010; Dl 98/2011; Dl 138/2011 Pensioni di Vecchiaia Uomini: 65 anni Pensioni di Anzianità Donne (Privato): 60 anni Donne (Pubblico): 61 anni nel VDB Donne (Privato): 65 anni dal 2028, elevata gradualmente dal 2016 Donne (Pubblico): 65 anni dal 2012

33 Per liscritto : da GRATUITA diventa ONEROSA Per liscritto : da GRATUITA diventa ONEROSA Da INPDAP a INPS TRASCORSI 18 MESI Decorrenza del trattamento pensionistico TRASCORSI 18 MESI dalla data di maturazione dei requisiti DL 78/ Art. 12 – Totalizzazione e posticipo – Ricongiunzione onerosa Per coloro che maturano i requisiti, a seguito di totalizzazione, a decorrere dal 1° gennaio 2011 Per coloro che maturano i requisiti, a seguito di totalizzazione, a decorrere dal 1° gennaio 2011 RICONGIUNZIONE La RICONGIUNZIONE di periodi assicurativi Sia per le Pensioni di Anzianità che per le Pensioni di Vecchiaia TOTALIZZAZIONE Trattamenti pensionistici in regime di TOTALIZZAZIONE dei periodi assicurativi A decorrere dal 1° luglio VDB

34 Nel limite di lavoratori beneficiari Che maturano i requisiti per laccesso al pensionamento a decorrere dal 1° gennaio 2011 Lavoratori collocati in mobilità Lavoratori collocati in mobilità lunga Lavoratori titolari di prestazione straordinaria a carico dei fondi di solidarietà Nei confronti dei lavoratori dipendenti che al 30/6/2010 avevano in corso il periodo di preavviso e che maturano i requisiti di età anagrafica e di anzianità contributiva richiesti per il conseguimento del trattamento pensionistico entro la data di cessazione del rapporto di lavoro Nei confronti dei lavoratori per i quali viene meno il titolo abilitante allo svolgimento della specifica attività lavorativa per raggiungimento di limite di età Continuano ad applicarsi Vigenti al 30/5/2010 (prima dellentrata in vigore del DL 78/2010) Vigenti al 30/5/2010 (prima dellentrata in vigore del DL 78/2010) DL 78/2010 Art. 12 Deroghe al posticipo di 12 mesi Le disposizioni in materia di decorrenza dei trattamenti pensionistici Continuano ad applicarsi le disposizioni in materia di decorrenza dei trattamenti pensionistici vigenti prima del 31/5/ VDB

35 A decorrere Dal 1° gennaio 2015 Anticipata la decorrenza al 1° gennaio 2013 In sede di prima applicazione laggiornamento non può in ogni caso superare i 3 mesi e laggiornamento non viene effettuato in caso di diminuzione della speranza di vita. Valori di somma di età anagrafica e anzianità contributiva Requisiti di età 65 anni (uomini tutti e donne Pubblico) 60 anni (elevata gradualmente a 65) (donne Privato) DL 78/ Art. 12 – Aumento età pensionabile Requisiti di cui Tabella B (L. 243/2004) Requisiti di cui Tabella B (L. 243/2004) I requisiti Verranno adeguati agli incrementi della speranza di vita (accertata dallISTAT in relazione al triennio di riferimento) Requisiti di età Pensioni di anzianità Pensioni di vecchiaia Con cadenza triennale 35VDB

36 A decorrere dalla data ………. a) i requisiti di età indicati al comma 12-bis sono aggiornati incrementando i requisiti in vigore in misura pari allincremento della predetta speranza di vita accertato dallISTAT in relazione al triennio di riferimento. In sede di prima applicazione tale aggiornamento non può in ogni caso superare i tre mesi e lo stesso aggiornamento non viene effettuato nel caso di diminuzione della predetta speranza di vita. In caso di frazione di mese, laggiornamento viene effettuato con arrotondamento al decimale più prossimo. Il risultato in mesi si determina moltiplicando la parte decimale dellincremento della speranza di vita per dodici, con arrotondamento allunità; b) i valori di somma di età anagrafica e di anzianità contributiva indicati al comma 12-bis sono conseguentemente incrementati in misura pari al valore dellaggiornamento rapportato ad anno dei requisiti di età. In caso di frazione di unità, laggiornamento viene effettuato con arrotondamento al primo decimale. Il coefficiente di trasformazione previsto per letà di 65 anni è esteso in modo dinamico anche per le età superiori a 65 anni Ogni qualvolta ladeguamento triennale dei requisiti anagrafici comporta un incremento delletà da superare di una o più unità il valore di 65 Con cadenza triennale DL 78/ Art. 12 – Aumento età pensionabile I requisiti di età e i valori di somma di età anagrafica e di anzianità contributiva (c.d. sistema delle quote) I requisiti per il personale delle Forze armate, Forze di polizia, personale VVFF nonché i dirigenti I requisiti anagrafici di 65 anni e 60 anni nonché i 65 anni per le donne dei settori pubblici per il conseguimento della pensione di vecchiaia Il requisito di 65 anni (sistema contributivo) Il requisito di 65 anni previsto ai fini dellassegno sociale (prestazione INPS) Adeguamento dei requisiti di accesso al sistema pensionistico agli incrementi della speranza di vita riguarda: 36VDB

37 Periodo Età pensionabile Requisito contributivo minimo UominiDonne (privato)Donne (pubblico) Anni Da 1/1/ Da 1/1/ Da 1/1/ Da 1/1/ SV60 + SV65 + SV20 Da 1/1/ Mesi + SV20 Da 1/1/ SV20 Anno (1) Somma di età anagrafica e anzianità contributiva Età anagrafica minima per la maturazione del requisito indicato in colonna 1 Anzianità contributiva minima 35 anni Indipendente mente dalletà con 40 anni di anzianità contributiva dal Dal SV61 Pensione di vecchiaia Pensione di anzianità Ai fini del raggiungimento delle Quote valgono anche le frazioni di anno e di anzianità contributiva (esempio: 59 anni e 6 mesi + 35 anni e 6 mesi) Ai fini del raggiungimento delle Quote valgono anche le frazioni di anno e di anzianità contributiva (esempio: 59 anni e 6 mesi + 35 anni e 6 mesi) 37VDB PREVISIONE su Speranza Vita (SV): PREVISIONE su Speranza Vita (SV): Adeguamento ogni 3 anni (max 3 mesi in prima applicazione)

38 Pensioni di Vecchiaia: Finestre di uscita (valide anche in vigenza DL 78/2010) Decorrenza pensioni di vecchiaia 1° aprile ANNO SUCCESSIVO 1° gennaio ANNO SUCCESSIVO 1° ottobre STESSO anno 1° luglio STESSO anno Entro 4° trimestre Entro 3° trimestre Entro 2° trimestre Entro 1° trimestre Maturazione requisiti Decorrenza della pensione Età anagrafica e Requisito contributivo minimo di 20 anni Per coloro che hanno maturato i requisiti entro il 31/12/2009 Decorrenza della pensione Dal giorno successivo alla data di risoluzione del rapporto di lavoro Entro 31/12/2009 Maturazione requisiti 38VDB

39 Pensioni di Anzianità: Finestre di uscita Decorrenza pensioni di anzianità con 40 anni di contribuzione Decorrenza pensioni di anzianità con MENO di 40 anni di contribuzione (35 anni di contribuzione congiuntamente alletà anagrafica richiesta) Decorrenza della pensione 1° gennaio ANNO SUCCESSIVO Entro 1° semestre Maturazione requisiti 1° luglio ANNO SUCCESSIVO Entro 2° semestre 1° aprile ANNO SUCCESSIVO 1° gennaio ANNO SUCCESSIVO 1° ottobre STESSO anno (con 57 anni entro il 30 settembre) 1° luglio STESSO anno (con 57 anni entro il 30 giugno) Entro 1° trimestre Maturazione requisiti Decorrenza della pensione Entro 4° trimestre Entro 3° trimestre Entro 2° trimestre 40 anni di anzianità contributiva / Quote (età + anzianità contributiva) 1° ottobre STESSO anno (con 57 anni entro il 30 settembre) 1° GENNAIO Anno Successivo negli altri casi 39VDB

40 Lavoratori dipendenti pubblici e privatiLavoratori autonomi iscritti all'INPS (1) Somma di età anagrafica e anzianità contributiva Età anagrafica minima per la maturazione del requisito indicato in colonna 1 (2) Somma di età anagrafica e anzianità contributiva Età anagrafica minima per la maturazione del requisito indicato in colonna dal 01/07/2009 al 01/12/ dal Dal SV98 + SV [1] LEGGE 23 agosto 2004, n. 243 (1). (1) Norme in materia pensionistica e deleghe al Governo nel settore della previdenza pubblica, per il sostegno alla previdenza complementare e all'occupazione stabile e per il riordino degli enti di previdenza ed assistenza obbligatoria. Tabella B (34) (34) (34) Le attuali tabelle A e B così sostituiscono l'originaria tabella A ai sensi di quanto disposto dal comma 1 dell'art. 1 e dall'allegato 1 alla L. 24 dicembre 2007, n Vedi, anche, i commi 92 e 94 dello stesso articolo 1.1L. 24 dicembre 2007, n. 247 [1] LEGGE 23 agosto 2004, n. 243 (1). (1) Norme in materia pensionistica e deleghe al Governo nel settore della previdenza pubblica, per il sostegno alla previdenza complementare e all'occupazione stabile e per il riordino degli enti di previdenza ed assistenza obbligatoria. Tabella B (34) (34) (34) Le attuali tabelle A e B così sostituiscono l'originaria tabella A ai sensi di quanto disposto dal comma 1 dell'art. 1 e dall'allegato 1 alla L. 24 dicembre 2007, n Vedi, anche, i commi 92 e 94 dello stesso articolo 1.1L. 24 dicembre 2007, n VDB

41 Previdenza Enti Locali e Enti SSN Stato Enti Pubblici non economici Tutti i dipendenti pubblici assunti dal 1/1/2001 Indennità Premio di servizio Indennità di Buonuscita Indennità di anzianità Trattamento di Fine Rapporto Trattamenti di Fine Servizio 41VDB

42 Anni contributivi utili Calcolate per 80% Stipendio + IIS + RIA + 13^ + Indenn. Amministrazione Voci Retributive Previdenza IBU = Base retributiva /12 x 80% x Anni (valore al lordo IRPEF) IBU = Base retributiva /12 x 80% x Anni (valore al lordo IRPEF) Indennità di Buonuscita 42VDB

43 Anni contributivi utili Calcolate per 80% Stipendio + IIS + RIA + 13^ + Indenn. Fisse utili Voci Retributive Previdenza IPS = Base retributiva /15 x 80% x Anni (valore al lordo IRPEF) IPS = Base retributiva /15 x 80% x Anni (valore al lordo IRPEF) Indennità premio di servizio (Enti locali e Enti SSN) 43VDB

44 Anni contributivi utili Calcolate per 100% Stipendio + IIS + RIA + 13^ Voci Retributive Previdenza Indennità anzianità = Base retributiva /12 x 100% x Anni (valore al lordo IRPEF) Indennità anzianità = Base retributiva /12 x 100% x Anni (valore al lordo IRPEF) Indennità di anzianità (Enti Pubblici non economici) 44VDB

45 Aliquota 6,91% Considerate al 100% Stipendio + IIS + RIA + 13^ + Indennità definite nel CCNL Voci Retributive Previdenza TFR = Sommatoria accantonamenti annuali rivalutati con 1,5% più il 75% dellinflazione rilevata per ogni anno di riferimento (valore al lordo IRPEF) TFR = Sommatoria accantonamenti annuali rivalutati con 1,5% più il 75% dellinflazione rilevata per ogni anno di riferimento (valore al lordo IRPEF) 6,91% Voci retributive Accantonamento annuale Trattamento di Fine Rapporto (tutti i dipendenti pubblici assunti dal 1/1/2001) 45VDB

46 LINPDAP eroga la prestazione : per alcuni casi entro 3 mesi, per altri fra 6 e 9 mesi dalla cessazione. Nel caso di TRE rate: primo importo annuale ,00; secondo importo pari a ,00 (erogato dopo 12 mesi dal primo importo); terzo importo pari allammontare residuo (erogato dopo 24 mesi dal primo importo). Nel caso di DUE rate: primo importo annuale ,00; secondo importo pari allammontare residuo (erogato dopo 12 mesi dal primo importo). Per importi fino a ,00 Per importi superiori a ,00 e fino a ,00 Per importi superiori a ,00 DL 78/2010 Art. 12 Rateizzazione TFS UNA rata Importo complessivo della prestazione è da considerare al lordo delle relative trattenute fiscali. DUE rate annuali DUE rate annuali TRE rate annuali TRE rate annuali Rateizzazione Trattamenti di fine servizio (IBU – IPS – TFR e ogni altra indennità equipollente comunque denominata) Rateizzazione Trattamenti di fine servizio (IBU – IPS – TFR e ogni altra indennità equipollente comunque denominata) 2) nel caso di domande di cessazione dallimpiego presentate prima del 31/5/2010 a condizione che la cessazione avvenga entro il 30 novembre ) nel caso di collocamenti a riposo per raggiungimento dei limiti di età entro la data del 30 novembre 2010; Queste disposizioni si applicano dal 31/5/2010 a tutti i dipendenti delle Amministrazioni Pubbliche incluse nellelenco ISTAT La rateizzazione non si applica: 46VDB

47 DL 78/2010 Art. 12 Rateizzazione TFS – DL 138 Art. 1 Tempistica erogazione 47VDB Importo complessivo della prestazione è da considerare al lordo delle relative trattenute fiscali. Nel caso di DUE rate: primo importo annuale ,00; secondo importo pari allammontare residuo (erogato dopo 12 mesi dal primo importo). Nel caso di TRE rate: primo importo annuale ,00; secondo importo pari a ,00 (erogato dopo 12 mesi dal primo importo); terzo importo pari allammontare residuo (erogato dopo 24 mesi dal primo importo). Per importi fino a ,00 Per importi superiori a e fino a Per importi superiori a ,00 UNA rata DUE rate annuali TRE rate annuali RATEIZZAZIONE Trattamenti di fine servizio (IBU – IPS – Ind. Anzianità - TFR e ogni altra indennità equipollente ) Si applica la disciplina vigente prima dellentrata in vigore del DL 138/2011 per i soggetti che hanno maturato i requisiti per il pensionamento prima del 13/8/2011 Dal 13/8/11: decorsi 24 mesi dalla cessazione e entro i 3 mesi successivi, decorsi i quali sono dovuti gli interessi Dal 13/8/11: lAmministrazione trasmette la doc. entro 15 gg dalla cessazione e nei 6 mesi successivi, decorsi i quali sono dovuti gli interessi decorsi 6 mesi dalla cessazione e entro i 3 mesi successivi, decorsi i quali sono dovuti gli interessi lAmministrazione trasmette la documentazione entro 15 gg dalla cessazione e nei 3 mesi successivi, decorsi i quali sono dovuti gli interessi con età inferiore a 65 anni (donne 60/61/65) e anzianità contributiva inferiore a 40 anni EROGAZIONE Trattamenti di fine servizio (IBU – IPS – Ind. Anzianità - TFR e ogni altra indennità equipollente) Uomini 65 anni - Donne 60/61/65 anni; con 40 anni di contributi; limiti di età previsti da ordinamento cessazione dal servizio per inabilità nonché per decesso 15 gg e 3 mesi successivi, dopo sono dovuti gli interessi

48 DL 78/ Art. 12 – Computo TFS analogo per tutti per le anzianità contributive dal 1/1/2011 Con aliquota del 6,91% Per il Computo di questi periodi si applica lart del Codice civile (TFR) Con effetto sulle anzianità contributive maturate Dal 1° gennaio 2011 (qualora non già regolate da TFR) Per i dipendenti delle amministrazioni pubbliche inserite nel conto economico consolidato della P.A. (elenco ISTAT): di IBU o IPS o altra Indennità equipollente per il periodo fino al 31/12/2010 eTFS per i periodi successivi al 1° gennaio 2011 Trattamento di fine servizio composto dalla sommatoria: Alla cessazione dal servizio: 48VDB

49 Aspetti fiscali Retribuzione utile Datore lavoro DipendenteTotale Abbattimento imponibile ai fini IRPEF Stato 80% 7,10%2,50%9,60%26,04% Regioni e AALL3,60%2,50%6,10%40,98% SSN3,60%2,50%6,10%40,98% EPNE100%Il computo è per intero a carico datore lavoro 49VDB

50 Ipotesi – Computo TFS analogo per tutti dal 1/1/2011 Per le anzianità contributive maturate dal 1/1/2011: Sommatoria Accantonamenti annuali determinati dallapplicazione del 6,91% sulla retribuzione utile (rivalutazione annuale degli accantonamenti con 1,5% più 75% inflazione) (IBU – IPS – Indenn. Anzianità) Retribuzione utile a TFS allatto della cessazione per il numero degli anni di contribuzione maturati al 31/12/2010 TFS 2 TFS 1 TFS = TFS 1 + TFS 2 Pro rata LINPDAP con Circolare n.17/2010 ha dato indicazione di considerare all80% la retribuzione utile. 50VDB

51 Indennità di Buonuscita (statali) R_MensileN° MesiR_AnnualeDivisorioR_RiferimentoQuota % Valore_Annuo per Accant. Aliquota % per Accant. Valore_AnnuoTipoEffetti +/- Stipendio 1.000, ,00 RIA 200, ,00 IIS 600, ,00 13^ 1.800,001 Indenn_Ammin 200, , , ,0080% 1.720,00TFS ,00 80% ,006,91% 1.426,22TFS 2 -17% ,00 100% ,006,91% 1.782,78TFS 2 4% Indennità Premio di Servizio (enti locali e SSN) R_MensileN° MesiR_AnnualeDivisorioR_RiferimentoQuota % Valore_Annuo per Accant. Aliquota % per Accant. Valore_AnnuoTipoEffetti +/- Stipendio 1.000, ,00 RIA 200, ,00 IIS 600, ,00 13^ 1.800,001 Indenn_Fisse 200, , , ,0080% 1.376,00TFS ,00 80% ,006,91% 1.426,22TFS 2 4% ,00 100% ,006,91% 1.782,78TFS 2 30% Indennità di Anzianità (Epne) R_MensileN° MesiR_AnnualeDivisorioR_RiferimentoQuota % Valore_Annuo per Accant. Aliquota % per Accant. Valore_AnnuoTipoEffetti +/- Stipendio 1.000, ,00 RIA 200, ,00 IIS 600, ,00 13^ 1.800,001 Indenn_Fisse , ,00100% 1.950,00TFS ,00 100% ,006,91% 1.616,94TFS 2 -17% Comparazione: TFS al 31/12/2010 e TFS dal 1/1/ VDB

52 52

53 VDB53

54 Esempio pensione Sistema Contributivo VDB54


Scaricare ppt "FP CGIL Pensioni e TFS Dipartimento sindacale e ufficio studi 1 VDB."

Presentazioni simili


Annunci Google