La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SCUOLA CAPOFILA IC B. LORENZI FUMANE Coordinatrice: prof.ssa Aldrighetti Maria Rosa Scuole aderenti al progetto: IC PERI - IC FUMANE - IC PESCANTINA IC.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SCUOLA CAPOFILA IC B. LORENZI FUMANE Coordinatrice: prof.ssa Aldrighetti Maria Rosa Scuole aderenti al progetto: IC PERI - IC FUMANE - IC PESCANTINA IC."— Transcript della presentazione:

1 SCUOLA CAPOFILA IC B. LORENZI FUMANE Coordinatrice: prof.ssa Aldrighetti Maria Rosa Scuole aderenti al progetto: IC PERI - IC FUMANE - IC PESCANTINA IC BUSSOLENGO - DD PESCANTINA DD BUSSOLENGO Scuole aderenti alla rilevazione: IC VALEGGIO – DD VILLAFRANCA – IC POVEGLIANO – IC SONA

2 DOVE E NATA LIDEA? Progetto europeo Dyslexia sulle modalità di rilevazione e prevenzione per i DSA. In alcuni paesi europei, lindividuazione dei DSA è di competenza della scuola non del settore sanitario.

3 E DA NOI COSA SI PUO FARE? Le asl non hanno più fondi per fare lo screening Le prove validate sono utilizzate in sede di accertamento diagnostico Sfruttare la professionalità esistente?

4 PUNTI FONDAMENTALI DELLA L. 170/10 Riconoscimento e definizione dei DSA Garantire il diritto allo studio Formazione degli insegnanti e genitori Favorire la diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi;

5 Art. 4 FORMAZIONE NELLA SCUOLA nell'ambito dei programmi di formazione del personale …. e' assicurata un'adeguata preparazione riguardo alle problematiche relative ai DSA, finalizzata ad acquisire la competenza per individuarne precocemente i segnali e la conseguente capacità di applicare strategie didattiche, metodologiche e valutative adeguate …

6 COLLABORAZIONE CON ULSS 22 Passaggio di consegne Creazione di un gruppo di lavoro che opera con criteri condivisi Realizzazione di una prova di competenza Sperimentazione di una procedura e raccolta di dati INDICAZIONI PER LA SOMMINISTRAZIONE DELLA PROVA DI COMPETENZA IN LETTURA E SCRITTURA A. S Responsabile formazione: Dott.ssa BARBARA PERONI Referente di progetto: MARIA ROSA ALDRIGHETTI gestore dati: FRANCESCA BONAFINI

7 LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI E DEGLI STUDENTI CON DSA allegate al DM 12 luglio 2011 … la diagnosi di DSA può essere formulata con certezza alla fine della seconda classe della scuola primaria … Ma è questo il periodo cruciale e più delicato …. Se …. si è fatto ricorso a metodologie non adeguate, senza prestare la giusta attenzione alle esigenze formative ed allefragilità di alcuni alunni, avremo …. perduto unoccasione preziosa per far sviluppare le migliori potenzialità di quei bambini, ma forse avremo anche minato seriamente il loro percorso formativo.

8 Se poi losservazione pedagogica o il percorso clinico porteranno a constatare che si è trattato di una mera difficoltà di apprendimento anziché di un disturbo, sarà meglio per tutti. Si deve infatti sottolineare che le metodologie didattiche adatte per i bambini con DSA sono valide per ogni bambino, e non viceversa.

9 Spesso nella prima classe della scuola primaria gli insegnanti si lasciano prendere dallansia di dover insegnare presto agli alunni a leggere e scrivere, ostacolando, però, in questo modo, processi di apprendimento che dovrebbero essere graduali e personalizzati..

10 LE POTENZIALITA DELLA SCUOLA (DOTT.SSA LUCANGELI ) IL TERZO INCLUSO: insegnante, genitore, educatore, adulto APPRENDIMENTO ATTIVO: livelli di elaborazione attiva (fuori – dentro/dentro – fuori/ dentro -dentro) intelligere, autoregolazione APPRENDIMENTO PASSIVO: io ti insegno tu apprendi, io verifico - le informazioni determinano una prestazione (direzione dei processi fuori - dentro) senza rendersi conto dellerrore

11 LIMPORTANZA DEL MEDIATORE/INSEGNANTE!! In età evolutiva la plasticità cerebrale dipende dallo stimolo e dalla sua qualità che dà il terzo incluso cioè linsegnante Dobbiamo essere in grado di aiutare gli alunni, altrimenti appaiono dei SINTOMI (si entra nel quadro clinico) che portano alle DIFFICOLTA di apprendimento ma … Insegnante deve essere un alleato con il bambino contro lerrore, e garantire il massimo per le sue potenzialità

12 IL POTENZIAMENTO è compito della scuola; le difficoltà spariscono tranne nei casi di DISTURBO NEUROBASALE IMPOTENZA APPRESA (RISPECCHIAMENTO) linsegnante è molto significativo, determinante, idea di sè (depressione/fuga);


Scaricare ppt "SCUOLA CAPOFILA IC B. LORENZI FUMANE Coordinatrice: prof.ssa Aldrighetti Maria Rosa Scuole aderenti al progetto: IC PERI - IC FUMANE - IC PESCANTINA IC."

Presentazioni simili


Annunci Google