La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituto comprensivo Gobetti Scuola primaria Iscrizioni per la.s. 2013/2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituto comprensivo Gobetti Scuola primaria Iscrizioni per la.s. 2013/2014."— Transcript della presentazione:

1 Istituto comprensivo Gobetti Scuola primaria Iscrizioni per la.s. 2013/2014

2 LE ISCRIZIONI QUANDO? dal 21 gennaio al 28 febbraio 2013 COME ? esclusivamente con modalità on lineesclusivamente con modalità on line indicando, per le scuole del nostro istituto, i seguenti codici: MIEE8EQ015 per la scuola primaria di Via Manzoni MIEE8EQ026 per la scuola primaria di via Catalani CHI? Chi esercita la patria potestà

3 LE ISCRIZIONI gli uffici di segreteria possono offrire consulenza nei giorni e negli orari previsti

4 LACCESSO ALLA MODALITA ON LINE attraverso il sito della scuola attraverso il sito ministeriale scuola in chiaro

5 IL MODELLO del TEMPO PIENO Modello TRADIZIONALE del tempo pieno 40 h settimanali – mensa - Un docente di area linguistico antropologica (22 ore sulla classe) - Un docente di matematica) (22 ore sulla classe) - Un docente di religione cattolica (2 ore sulla classe) - Un docente di lingua inglese ( 1 ora sulla classe) non più attuabile a causa della riduzione degli organici

6 La determinazione degli organici Organico: il personale che il Ministero assegna alla scuola Organico prima della riforma (… i tagli): 20 classi /40 docenti 40 ore settimanali con 4 ore di compresenza Organico dopo la riforma: 20 classi /37 docenti 40 ore settimanali senza compresenza

7 IL MODELLO del nostro Istituto Modello del tempo pieno (uguale in tutte le classi del Circolo) 40 h settimanali – mensa - Un docente di area linguistico antropologica (22 ore sulla classe) - Un docente di matematica) (11 ore sulla classe) - Un docente di area scientifica (4 ore sulla classe) - Un docente di religione cattolica (2 ore sulla classe) - Un docente di lingua inglese ( 1 ora sulla classe)

8 Il modello organizzativo classi Sezione ASezione BSezione CSezione D I SCIENZESCIENZE italiano SCIENZESCIENZE SCIENZESCIENZE SCIENZESCIENZE matematica IIitaliano matematica IIIitaliano matematica IVitaliano matematica Vitaliano matematica

9 Quello che ci connota Il nostro viaggio è iniziato tre anni fa, quando abbiamo cominciato a spostare langolo di visuale dalla scuola dei progetti al progetto di scuola.

10 dal P.O.F. la nostra mission Il modello educativo sotteso al nostro agire quotidiano, fa riferimento alle competenze in uscita che gradualmente i bambini matureranno dal loro ingresso alla scuola dellinfanzia fino al passaggio con la scuola secondaria di primo grado. Il progetto formativo che abbiamo in mente corrisponde ad unidea di bambino che dal punto di vista relazionale sia personache vive, agisce, collabora in un gruppo, che sappia riconoscere, vivere, esprimere i propri pensieri e sentimenti, le proprie emozioni ed i vissuti e che sappia confrontarsi con gli altri nel dialogo per la conoscenza reciproca. Un bambino che sappia dare valore positivo a se stesso e al processo di apprendimento, che sappia porsi degli obiettivi, usare strumenti, procedure e strategie adeguate ai diversi compiti e alle diverse circostanze.

11 Quale progetto di scuola? Espresso nel POF, in unottica di programmazione triennale di miglioramento e di reale verifica esplicitata in un documento annuale di rendicontazione rivolto al territorio (entrambi reperibili sul sito)

12 Piano di miglioramento 1) elevare il livello delle abilità strumentali e delle competenze in uscita degli alunni 2) estendere luso delle tecnologie informatiche nella didattica 3) miglioramento dei processi di valutazione e rendicontazione 4) facilitare la comunicazione e linformazione allutenza

13 Piano di miglioramento Come? Attraverso la progettazione di attività mirate su precise aree tematiche.

14 Le aree progettuali: RELAZIONE DIDATTICA Favorire la costruzione di relazioni volte a migliorare i processi di apprendimento a)ampliamento offerta formativa : ed motoria- convivenza civile- ed. ambientale- attività extra scolastiche (inglese con certificazione – scacchi – chitarra – Falstaff. Unopera buffa) b) LIM c) curricoli d) esploriamo il mondo

15 Le aree progettuali: VALUTAZIONE DEI PERCORSI DIDATTICI Favorire il miglioramento delle scelte metodologiche a) valutazione delle abilità irrinunciabili e degli obiettivi formativi b) valutazione dei livelli di apprendimento degli alunni in situazione di difficoltà c) documentazione dei livelli di apprendimento degli alunni stranieri

16 Le aree progettuali: GESTIONE Garantire la gestione unitaria dei plessi negli aspetti organizzativi e comunicativi a) Organizzazione b) rendicontazione c) commissione mensa - scuola sicura d) formazione docenti tecnologie nella didattica

17 Le aree progettuali: MIGLIORAMENTO DEI CONTESTI FORMATIVI Organizzare ambienti di apprendimento che favoriscano il successo formativo degli alunni a) Formazione classi e sezioni b) Raccordo c) Coordinamento azioni di sostegno d) Integrazione

18 Le nostre attenzioni alla relazione fra bambini ed adulti allarricchimento del campo di esperienza dei bambini al tema della continuità ai traguardi di sviluppo irrinunciabili, comuni e definiti collegialmente alla flessibilità organizzativa alla ricerca metodologica (curricoli – tecnologie informatiche) ai bisogni delle famiglie

19 … questanno abbiamo attivato I corsi del sabato mattina: chitarra; scacchi; inglese (con docenti madre lingua – esami per la certificazione delle competenze): Falstaff unopera buffa - Il progetto Operamagica – educazione alla lettura per i genitori

20 Non abbiamo rinnovato Ladesione al progetto nazionale frutta a scuola - Troppo costoso per lamministrazione centrale a fronte di un servizio di bassa qualità (tempi di consegna – qualità e varietà della frutta ) - E comunque…nella nostra scuola led. alimentare occupa un posto rilevante nella prassi quotidiana, anche garantendo la qualità del lavoro educativo nel momento del pasto, che i bambini condividono con linsegnante di classe

21 CRITERI FORMAZIONE CLASSI Obiettivo: Formare gruppi classi eterogenei nella loro omogeneità responsabile: Dirigente Scolastico criteri: Proposti dal dirigente, discussi ed approvati dal collegio docenti, adottati dal consiglio di circolo quando: entro la fine di giugno rese note: la prima settimana di settembre

22 CRITERI FORMAZIONE CLASSI Le richieste dei genitori…. plesso sezione ? compagni ? Ricordiamo lobiettivo… Formare gruppi classe eterogenei nella loro omogeneità (aspetti quantitativi e qualitativi)

23 Lassegnazione dei docenti alle classi competenza del D.S. I criteri presentati al C.D. concordati con la R.S.U. nel nostro Istituto sono tutti di ruolo

24 I SERVIZI COMUNALI richiesti dalle famiglie mensa pre scuola dalle 7.30 alle 8.30 giochi serali dalle alle Quote stabilite in base al reddito Liscrizione viene fatta presso gli uffici del Comune

25 Per i casi particolari e le domande molto personali… Questanno i colloqui con i genitori degli alunni iscritti in prima classe sono su richiesta dei genitori per i casi particolari. Calibriamo lurgenza…

26 RINGRAZIAMO DELLATTENZIONE Ed ora… spazio alle domande


Scaricare ppt "Istituto comprensivo Gobetti Scuola primaria Iscrizioni per la.s. 2013/2014."

Presentazioni simili


Annunci Google