La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I.C.T. for DISABILITY Corso Surrogatorio Prof.ssa Bonizzi Morgana Parte seconda.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I.C.T. for DISABILITY Corso Surrogatorio Prof.ssa Bonizzi Morgana Parte seconda."— Transcript della presentazione:

1 I.C.T. for DISABILITY Corso Surrogatorio Prof.ssa Bonizzi Morgana Parte seconda

2 Prof.ssa Morgana Bonizzi …per il disabile linformatica applicata alla disabilità è oggi molto sviluppata, ma richiede delle regole, degli standard, affinché tutti possano trarne comune beneficio. Da qui nasce il termine ACCESSIBILITÀ

3 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi E la capacità dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari ( art. 2 della Legge 4 _2004 nota come Legge Stanca) Accessibilità

4 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Gli strumenti e le soluzioni tecniche, hardware e software, che permettono alla persona disabile, superando o riducendo le condizioni di svantaggio, di accedere alle informazioni e ai servizi erogati dai sistemi informatici. (definizione tratta dalla legge n° 4 del 9 gennaio 2004) Tecnologie Assistive

5 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Es. Tecnologie Assistive Un esempio è lo Screen Reader, software che leggendo il contenuto della pagina web ne permette la navigazione anche agli utenti non vedenti. Un altro esempio lo Screen Magnifier, software che ingrandisce alcune parti dello schermo per facilitare la lettura agli ipovedenti.

6 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Accessibilità: come? sviluppare universalmente (Design For All) permettendo la fruizione dei contenuti per tutti, senza discriminazione su: – tecnologia, software o hardware: versioni del sistema operativo, browser, … connessione utilizzata apparecchio a disposizione (WebTV, Cellulare, PDA, PC,...) – capacità fisiche e cognitive di tutti gli utenti disabilità visiva disabilità motoria disabilità cognitiva disabilità uditiva, …

7 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi (...omissis...) Articolo 26 - Inserimento dei disabili LUnione riconosce e rispetta il diritto dei disabili di beneficiare di misure intese a garantirne lautonomia, linserimento sociale e professionale e la partecipazione alla vita della comunità Carta dei Diritti Fondamentali dellUnione Europea I riferimenti normativi:

8 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Legge 9 gennaio 2004, n. 4 "Disposizioni per favorire laccesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 13 del 17 gennaio legge_ _n4.htm Decreto del Presidente della Repubblica, 1 marzo 2005, n. 75 Regolamento di attuazione della legge 9 gennaio 2004, n. 4 per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici, pubblicato in G.U. n. 101 del 3 maggio 2005

9 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Sono accessibili i servizi realizzati tramite sistemi informatici che presentano i seguenti requisiti: a) accessibilità al contenuto del servizio da parte dellutente; b) compatibilità con le linee guida indicate nelle comunicazioni, nelle raccomandazioni e nelle direttive sullaccessibilità dellUnione europea, nonché nelle normative internazionalmente riconosciute e tenendo conto degli indirizzi forniti dagli organismi pubblici e privati, anche internazionali, operanti nel settore, quali lInternational Organization for Standardization (ISO) e il World Wide Web Consortium (W3C). I requisiti per laccessibilità

10 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi c) fruibilità delle informazioni offerte, caratterizzata anche da: 1)facilità e semplicità duso, assicurando, fra laltro, che le azioni da compiere per ottenere servizi e informazioni siano sempre uniformi tra loro; 2)efficienza nelluso, assicurando, fra laltro, la separazione tra contenuto, presentazione e modalità di funzionamento delle interfacce, nonché la possibilità di rendere disponibile linformazione attraverso differenti canali sensoriali; 3)efficacia nelluso e rispondenza alle esigenze dellutente, assicurando, fra laltro, che le azioni da compiere per ottenere in modo corretto servizi e informazioni siano indipendenti dal dispositivo utilizzato per laccesso; 4)soddisfazione nelluso, assicurando, fra laltro, laccesso al servizio e allinformazione senza ingiustificati disagi o vincoli per lutente;

11 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Possiamo dividere i problemi di accessibilit à in quattro categorie: 1) disabilità fisiche/sensoriali: non vedenti, ipovedenti ( persone che possiedono un residuo visivo oscillante tra 1/10 e 3/10 ), daltonici, non udenti, utenti con difficolt à motorie; 2) disabilità cognitive: scarso apprendimento, problemi di lettura e comprensione dei testi; ù 3) barriere tecnologiche: connessione lenta, plug-in assenti (java flash etc.); 4) situazioni particolari: l'utente è occupato in altre attivit à e non può utilizzare i normali strumenti di input e/o output. Le categorie per laccessibilità

12 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Le linee guida WAI (Web Content Accessibility Guidelines 1.0) costituiscono linsieme delle regole da conoscere e rispettare per laccessibilità dei siti. Il rispetto delle linee guida WAI permette agli utenti disabili di accedere senza difficoltà (o con minori impedimenti) al contenuto dei siti web. Per saperne di più: oppure (in lingua inglese) Le linee WAI

13 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Web Accessibility Initiative (WAI) Nel 1999, da un'idea del W3C, nasce il WAI - Web Accessibility Initiative. La mission del WAI è quella di rendere accessibili le potenzialità di Internet. Si pensa ad un nuovo modo di concepire lo sviluppo delle pagine web ispirato ai Principi di Progettazione Universale, per permettere anche agli utenti disabili di accedere ai contenuti dei siti web. Nello stesso anno viene pubblicata la Web Content Accessibility Guidelines 1.0, 14 linee guida che analizzano i problemi di accessibilit à proponendo soluzioni correttive.

14 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Problemi pratici Gli utenti non vedenti hanno problemi con la comprensione delle immagini del sito; gli ipovedenti con caratteri troppo piccoli, i daltonici con alcune combinazioni di colori; gli utenti dotati di vecchi computer/software problemi con alcune tecnologie non standard (Java, Flash, etc.). Sono questi alcuni problemi da risolvere per rendere Internet un Media Universale.

15 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi La sintesi vocale Come navigano i non vedenti? I Ciechi utilizzano gli Screen Reader: software che leggono il testo delle pagine web evidenziando i vari link disponibili. Le pagine web hanno bisogno di alcune integrazioni per permettere agli Screen Reader di leggerle in modo ottimale. Gli Screen Reader possono leggere il testo ma non possono descrivere le immagini o le foto. Deve quindi essere fornito un contenuto alternativo alle immagini.

16 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Priorità A ciascun punto di controllo è stato assegnato dal Gruppo di Lavoro del WAI un livello di priorità basato sull'impatto che tale punto possiede sull'accessibilit à. Il soddisfacimento di ciascuna priorit à determina un diverso livello di conformit à. Priorità 1 Priorità 2 Priorità 3 Conformità A Conformità AA Conformità AAA

17 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Politiche di integrazione dei disabili nella scuola. Programma di Sviluppo Tecnologie Didattiche 1997/2000 Legge 104/92 Il Programma, che non ha mai escluso un intervento a favore degli alunni disabili e/o con difficoltà di apprendimento, si è contraddistinto per i seguenti caratteri strutturali: mirare allo sviluppo fisiologico del sistema scolastico e non caratterizzarsi come intervento straordinario; coinvolgere tutti gli ordini di scuola; proporsi come quadro di indirizzo; prevedere la verifica e la riprogrammazione annuale delle scelte. Fa riferimento preciso al rapporto nuove tecnologie e didattica speciale nellarticolo 13, si affrontano le problematiche relative allintegrazione scolastica, si fa chiaro riferimento alla possibilità di dotare le scuole e le università di …attrezzature tecniche e di sussidi didattici nonché di ogni altra forma di ausilio tecnico… per promuovere il diritto allo studio degli alunni disabili; lart.34, poi, si sofferma a considerare luso di protesi e di ausili tecnici per …compensare le difficoltà delle persone con handicap fisico o sensoriale.

18 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Apprendimento individualizzato Apprendimento collaborativo Ridurre il divario con la normalità Rendere concreti i concetti astratti Favorire la metacognizione Creare motivazione ICT

19 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Quali disabili ? Non vedenti Ipovedenti (lievi e gravi) Audiolesi Persone con difficoltà motorie Persone con problemi cognitivi

20 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Gli ausili informatici sono utili al disabile per aumentare: Possibilità di comunicazione e di espressione Indipendenza Potenzialità individuali al fine di migliorare la qualità della vita e ridurre le difficoltà ancora esistenti nellinserimento sociale, didattico e lavorativo. ICT Disabili- Corso Surrogatorio

21 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Caratteristiche dei prodotti informatici Grande varietà (sia hardware sia software) Specifici per le diverse tipologie di disabilità (fisica, sensoriale, cognitiva o psichica, multipla) Personalizzabili in base al grado di disabilità Unaccurata scelta degli ausili più indicati, seguita da unattenta fase di adattamento alle esigenze specifiche del soggetto, possono aumentarne, sensibilmente, le potenzialità dazione. ICT Disabili- Corso Surrogatorio

22 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi intellettive memoria attenzione MBT MLT concentrazione Dislessia, disgrafia, discalculia Coordinamento spazio-temporale, riconoscimento forme e colori LIMITAZIONI FISICHE DISTURBI DEL LINGUAGGIO DISTURBI DELLAPPRENDIMENTO DISTURBI DELLA PERCEZIONE Difficoltà motorie Disturbi sensoriali Vista, udito Articolazione parola, ricezione linguaggio espressivo, elaborazione Disturbi specifici apprendimento Difficoltà cognitive Ritardo mentale, diff. logiche CLASSIFICAZIONE SOFTWARE IN BASE ALLA LIMITAZIONE FUNZIONALE ICT Disabili- Corso Surrogatorio

23 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Limpiego della tecnologia ICT Conversione equivalente dellinformazione destinata a un organo di senso ad un altro - da testo (PC) a tatto (Barra Brailleper non vedenti) - da testo (PC) a voce (Sintesi vocale per non vedenti) - da testo (stampa) a testo (PC) (non vedenti e disabili motori) - da voce a testo (riconoscitore vocale per disabili motori e non udenti) - da suono a grafica (controllo emissione vocale dei sordi)... Azionamento diversificato di dispositivi - mouse speciali, tastiere speciali... Applicazioni per la mobilità e lautonomia - computer on-board, casa intelligente Tecnologia Assistiva e Riabilitativa

24 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Limpiego della tecnologia ICT Software per facilitare la rieducazione cognitiva e lapprendimento - pacchetti per lo screening, la diagnosi, la terapia... Formazione alluso della tecnologia ICT - corsi professionali per lavviamento al lavoro dei disabili - qualificazione internazionale alluso del computer (ECDL)... Accesso al mondo dellinformazione - partecipazione dei disabili, tramite Internet, alla società informatizzata - costruzione di siti sul tema della disabilità - attività a favore della accessibilità...

25 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi La disabilità della vista : non vedenti e ipovedenti. I modi di accesso all'elaboratore sono diversi nei due casi: i non vedenti devono utilizzare dispositivi di output fisicamente diversi dal monitor, basati o su un'uscita audio, come un sintetizzatore vocale, o su un'uscita tattile, come il display Braille; le persone ipovedenti, invece, utilizzano il monitor come dispositivo di uscita dell'informazione, anche se con opportune modifiche.

26 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi I non vedenti Possono accedere al solo contenuto testuale Utilizzano tecnologie assistive: screenreader, display braille, sintesi vocale Controllano il computer con la sola tastiera (impossibilità di usare il mouse in quanto la percezione e l'utilizzo di uno spazio dimensionale risulta a loro precluso)

27 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Gli ipovedenti lievi Percepiscono il testo e la grafica in maniera confusa (riduzione dellacuità e del campo visivo, daltonismo) Non utilizzano tecnologie assistive, ma preferiscono adattare la realtà ai propri bisogni (video a risoluzione bassa 640x480, utilizzo di set di colori) Controllano il computer sia col mouse che con la tastiera

28 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi La leggibilità dei testi è un aspetto rilevante per rendere le pagine accessibili alle persone ipovedenti. La leggibilità è condizionata soprattutto: dal contrasto tra il colore del testo e il colore dello sfondo; dal font dei caratteri; dalle dimensioni dei caratteri; dallo spessore e dalla nitidezza del tratto; dalla distanza tra i caratteri e tra le righe.

29 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Gli ipovedenti gravi Percepiscono il testo e la grafica in maniera confusa e limitata (grave riduzione dellacuità e del campo visivo, daltonismo) Utilizzano tecnologie assistive, lo screen magnifier, sintesi vocale Controllano il computer più col mouse che con la tastiera

30 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Ingranditori

31 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Ausili hardware per disabili visivi Sintesi vocale hardware o software, monolingue o multilingue Display braille a 20, 40 e 80 caratteri Computer dedicati Stampante braille Videoingranditore per supporto

32 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Barra Braille (detta anche barra labile o display braille) Ricorda: Esistono due versioni di alfabeto Braille: una versione "classica" a sei punti e una versione "informatica" a otto punti, per una migliore corrispondenza con il codice ASCII. E costituita da una riga di celle Braille affiancate, ognuna delle quali dispone di punti che si sollevano.

33 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi La barra Braille (a 20, 40 e 80 caratteri), è uno strumento informatico che, sollevando e abbassando i punti di una sequenza di celle, fornisce al non vedente una linea scritta in braille.

34 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Attraverso questa linea è possibile la lettura tattile di ciò che lo screen reader trasmette via via che l'utilizzatore esplora il monitor per mezzo di appositi tasti.

35 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Stampanti Braille Stampano a rilievo il testo o i disegni presenti sullo schermo. Le stampanti Braille sono un po' più lente, poiché devono sbalzare i punti in rilievo su una carta di adeguato spessore, con parti meccaniche in movimento molto più pesanti di una normale stampante ad inchiostro.

36 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi LOPTACON E costituito da una piccola telecamera e da una matrice a rilievo in grado di riprodurre la forma del carattere ripreso che il disabile può esplorare con lindice della mano in questo modo si evita la conversione in codice Braille dei caratteri. LOPTACON collegato direttamente al computer consente la lettura sullo schermo senza dover utilizzare la telecamera.

37 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Trasforma in suono, in voce artificiale, il contenuto dello schermo. La sintesi vocale La sintesi si compone di due parte HARDWARE (scheda audio, amplificatore e diffusori acustici) SOFTWARE

38 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Lo scanner cattura limmagine, i sistemi OCR riconoscono i caratteri stampati su carta e gestiscono la loro trasformazione in formato digitale. Scanner e sistemi OCR (Optical Character Recognition )

39 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Screen Reader Sono programmi software che consentono allutente non vedente di poter esplorare in modo sequenziale le finestre e le icone presenti sul video attraverso la lettura tattile della barra Braille o ascoltando la descrizione attraverso la sintesi vocale e poter poi selezionare quella voluta. Es. JAWS * (scaricabile versione DEMO dal sito Freedom Scientific)

40 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Virgo 4 Screen Reader Window -EYES

41 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Browser grafici (Internet Explorer o Netscape Navigator) o browser testuali (Lynx), in combinazione con uno screen reader con sintesi vocale o riga Braille. Programmi di formattazione Braille, come Italbra o Duxbury Braille Translation: software in grado di trasformare in Braille qualsiasi testo che può essere stampato in rilievo dall'apposito hardware. I non vedenti utilizzano diversi software per agevolarsi nella lettura del contenuto; tra questi:

42 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi

43 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Gli audiolesi Generalmente hanno problemi nella comprensione del linguaggio scritto, Salvo che ai contenuti sonori, percepiscono ogni tipo di contenuto, ma preferiscono un approccio per icone, Non necessitano di tecnologie assistive, Prediligono il mouse, I suoni significativi, come quelli di allarme, dovebbero essere accompagnati da equivalenti segnalazioni visive.

44 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi E possibile preparare/trasformare lezioni o argomenti privilegiando la modalità iconico/visiva. In questo caso lutilizzo di un video-proiettore collegato al personal computer, diventa indispensabile e può consentire agli alunni sordi di seguire meglio, nel contesto classe, la conduzione della lezione

45 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Nel caso della disabilità auditiva non vi è la necessità di dover disporre di specifici ausili per laccesso al computer, come nel caso della disabilità visiva Non vanno sottovalutate le opportunità offerte al disabile sordo quando accede alla rete Internet o per reperire informazioni o per sfruttare le opportunità offerte per la comunicazione a distanza. Per facilitare lapprendimento della lingua dei segni LIS, linsegnante utilizzerà programmi che si basano su una comunicazione a doppio canale, cioè utilizzano sia la lingua italiana che la lingua dei segni; consistono quindi in un ambiente di educazione bilingue volto a migliorare la competenza linguistica e a facilitare lacquisizione di nuove informazioni. Un esempio è Gli animali della savana;

46 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Persone con difficoltà motorie Si va da una modesta paralisi su un arto, all'incapacità di controllare i propri movimenti a causa di spasmi nervosi. Nel peggiore dei casi la mobilità residua è quasi nulla, tanto che l'interazione col computer può avvenire solo mediante l'invio di un comando d'assenso, come il battito dell'occhio o il soffio in una cannuccia, per la selezione dell'azione proposta dal computer con una lista di possibilità. In tutti questi casi, la difficoltà di accesso al mondo del Web riguarda l'utilizzo dei dispositivi d'ingresso con cui l'utente invia i comandi.

47 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Accedono ad ogni tipo di contenuto a patto che non gli si metta fretta Utilizzano tecnologie assistive: controlli per la tastiera, emulatori di mouse e di tastiera, switch, comandi vocali Il controllo del computer avviene nelle modalità più svariate

48 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Adattatori di tastiera Per superare le difficoltà nella gestione della tastiera è possibile utilizzare delle mascherine forate, dette anche keyguards ( griglia copritastiera fissa ), che costringono lutente ad infilare le dita nei fori per premere solo i tasti che interessano.

49 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Emulatori di tastiera Esistono prodotti software che simulano la tastiera sul monitor e che sfruttano la scrittura a scansione. Vedi anche: Start_Programmi_Accessori_Accesso Facilitato_Tastiera su schermo

50 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Tastiere alternative: Overlay Keyboards tastiere programmabili/ riconfigurabili, Sono tastiere sensibili al tatto che possono essere ricoperte e quindi utilizzate con particolari tavole o fogli contenenti icone, disegni, simboli, colori o porzioni di testo.

51 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Tastiere modificate o adattate Sono tastiere che differiscono da quelle standard per dimensione, forma, struttura fisica o per le diverse funzionalità attribuite ai tasti.

52 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Tastiera espansa Tastiera ridotta

53 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Sensori I sensori possono essere: a pulsante, flessibili, a leva a pedale. Alcuni possono sfruttare anche il battito delle ciglia, o di altra parte del corpo, per la conferma delloperazione da far compiere al computer.

54 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi I sensori consentono di utilizzare movimenti volontari localizzati ( ) o generalizzati ( ) di molte parti del corpo.

55 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Joystick Il joystick è un dispositivo costituito da una leva e da uno o più pulsanti, è possibile spostare il cursore sul video e confermare una selezione..

56 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Trackball La trackball è un sistema di puntamento costituito da una sfera mobile che ruotando sposta il puntatore.

57 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Tooch screen Questo dispositivo consente di toccare e spostare direttamente gli oggetti che compaiono sullo schermo.

58 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Caschetto per il capo Si tratta di un caschetto a cui è collegato uno braccio rigido sottile, che consente ad una persona di utilizzare il movimento del capo per digitare sulla tastiera.

59 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Pedaliera La pedaliera è un dispositivo costituito da uno o due pedali, attraverso i quali è permesso il controllo del puntatore sullo schermo e di azionare la conferma di unoperazione

60 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Persone con difficoltà cognitive Spesso hanno problemi di comprensione, attenzione, lettura e memoria. A seconda delle competenze possedute dall'allievo, e degli obiettivi che si vogliono raggiungere, si possono ipotizzare soluzioni diverse che tendano a semplificare la modalità di immissione e interazione attraverso tastiera (e/o mouse) e a utilizzare interfacce software più semplici e chiare.

61 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Con alcuni accorgimenti si può semplificare l'approccio alla tastiera, mettendo in evidenza i tasti che devono essere utilizzati, sia predisponendo elementi di riconoscimento tattili e/o visivi, sia con l'uso di lettere colorate e ingrandite applicate ai normali tasti.

62 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Come misurare la comprensibilità 1. indici di leggibilità 2. lessici di frequenza 3. analisi morfologiche

63 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Processo di analisi del testo ANALISI LESSICALE v.De Mauro ANALISI SINTATTICA I.Gulpease ANALISI SEMANTICA ANALISI PRAGMATICA

64 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Il Vocabolario di Base della lingua italiana (VdB) di Tullio De Mauro, pubblicato nel 1997, è un elenco dei lemmi più comuni, elaborato prevalentemente secondo criteri statistici I lemmi del VdB sono classificati in tre livelli: Vocabolario fondamentale: circa 2000 lemmi(sono i più frequenti in assoluto della nostra lingua) Vocabolario di alto uso: i successivi lemmi dell'insieme preso dal LIF (Lessico di frequenza della lingua italiana contemporanea) Vocabolario di alta disponibilità: lemmi determinati in vario modo, soprattutto con dizionari dell'italiano comune Analisi della comprensibilità: il Vocabolario di Base di De Mauro

65 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Analisi di leggibilità: Indice di Gulpease Un indice di leggibilità è una formula matematica che, attraverso un calcolo statistico, è in grado di predire la reale difficoltà di un testo in base ad una scala predefinita di valori, dipendente dal grado di istruzione del lettore La formula per il calcolo dellIndice Gulpease è stata determinata verificando con una serie di test la reale comprensibilità di un corpus di testi Formula LUCIDANO-PIEMONTESE (1988): NL: numero di lettere NP: numero di parole NF: numero di frasi

66 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi

67 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Il ruolo delle TIC per studenti con problemi di dislessia e disgrafia Le caratteristiche dinamiche, interattive e grafiche delle TIC possono essere sfruttate a favore dei problemi di dislessia e di disortografia. Il computer si presta, in questo ambito, allo sviluppo: della capacità di scrittura: per lacquisizione o il rinforzo delle abilità di base e per la produzione dei testi; della capacità di lettura: per lacquisizione o il rinforzo delle abilità di base e per la comprensione e analisi dei testi. Esistono attualmente in commercio software esercitativi Tali programmi forniscono una verifica immediata delle risposte la possibilità di registrare le prestazioni di ogni singolo allievo; la possibilità di registrare le prestazioni di ogni singolo allievo ;

68 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Il software disponibile rientra in queste tipologie: software per lacquisizione o il rinforzo delle abilità di base delle attività di scrittura e lettura software per la produzione di testi scritti software per la comprensione e lanalisi dei testi e una quarta tipologia di prodotti che definiamo riabilitativi, il cui uso è raccomandato con il supporto degli specialisti A.S.P.H.I., Associazioneper lo Sviluppo di Progetti Informatici per gli Handicappati,. ha condotto significative esperienze di recupero delle difficoltà di apprendimento

69 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Il ruolo delle TIC per studenti con problemi di discalculia Con il termine discalculia ci si riferisce ad un disturbo che è causa di una compromissione delle abilità aritmetiche, quelle che riguardano la possibilità di raggiungere una padronanza delle capacità di calcolo fondamentali. Le potenzialità del computer consentono Personalizzazione del compito: gli esercizi possono essere eseguiti con la frequenza, i ritmi, le facilitazioni che si desiderano Sviluppo dellautonomia nellapprendere: lautocontrollo dei risultati e quindi la possibilità di correzione dellerrore immediata Unottimizzazione del conflitto cognitivo: mediante esercizi che presentino diversi gradi di difficoltà, situandosi sempre un po più avanti rispetto allalunno, ma non troppo avanti Apprendimenti proposti su livelli successivi e graduali

70 Parte secondaProf.ssa Morgana Bonizzi Il software disponibile rientra in queste tipologie: software per le procedure del calcolo scritto. software per la soluzione dei problemi software per la produzione software per la comprensione


Scaricare ppt "I.C.T. for DISABILITY Corso Surrogatorio Prof.ssa Bonizzi Morgana Parte seconda."

Presentazioni simili


Annunci Google