La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 1 Norme e procedure per la gestione del territorio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 1 Norme e procedure per la gestione del territorio."— Transcript della presentazione:

1 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 1 Norme e procedure per la gestione del territorio Lezione 11 Il T.U. delledilizia: il contributo di costruzione Le agevolazioni fiscali per ledilizia

2 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 2 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Articolo 16 Contributo per il rilascio del permesso di costruire Il rilascio del permesso di costruire comporta la corresponsione di un contributo commisurato allincidenza degli oneri di urbanizzazione nonché al costo di costruzione

3 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 3 ONERI DI URBANIZZAZIONE Stabiliti sulla base di tabelle parametriche definite dalla Regione, in relazione a : a)ampiezza e andamento demografico dei Comuni; b)caratteristiche geografiche dei Comuni; c)destinazione urbanistica di zona; d)limiti di densità edilizia e dotazione di standards urbanistici. Le opere di urbanizzazione possono essere realizzate a scomputo del contributo

4 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 4 ONERI DI URBANIZZAZIONE Regione Lazio (LL.RR. 35/1977 e 71/1980) a) ampiezza e andamento demografico dei Comuni: inferiore a 10 mila, da 10 mila a 45 mila, oltre 45 mila incremento > 6%, da 6% a 0, decremento da 0 a –6%, oltre –6% b) caratteristiche geografiche dei Comuni: adiacenti mare e laghi, territori montani, confinanti con Roma c) destinazione urbanistica di zona: zone C suddivise in due sottozone (inedificate – parzialmente edificate) ; le altre zone possono essere suddivise a discrezione del Comune d) limiti edilizi e dotazione di standards urbanistici: densità territoriale – indice fabbricabilità territoriale - densità fondiaria Tabelle suddivise per destinazione duso dellintervento

5 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 5 URBANIZZAZIONE PRIMARIA 1.Strade residenziali 2.Spazi di sosta o parcheggio 3.Fognature 4.Rete idrica 5.Reti distribuzione energia elettrica e gas 6.Pubblica illuminazione 7.Spazi di verde attrezzato 8.Cavedi multiservizi 9.Condotti per il passaggio di reti di telecomunicazione

6 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 6 URBANIZZAZIONE SECONDARIA 1.Asili nido e scuole materne 2.Scuole dellobbligo e complessi per listruzione superiore allobbligo 3.Mercati di quartiere 4.Delegazioni comunali 5.Chiese e altri edifici religiosi 6.Impianti sportivi di quartiere 7.Aree verdi di quartiere 8.Centri sociali e attrezzature culturali 9.Attrezzature sanitarie (compresi impianti per il trattamento RSU e speciali e bonifica aree inquinate)

7 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 7 COSTO DI COSTRUZIONE Riferito ai costi massimi ammissibili per ledilizia agevolata. Possibilità di identificare classi di edifici con caratteristiche superiori alledilizia agevolata (maggiorazione del contributo entro il tetto del 50%) Contributo determinato come quota variabile (dal 5 al 20%), in funzione delle caratteristiche, delle tipologie, della destinazione ed ubicazione Per gli edifici esistenti si individua il costo di intervento. I Comuni possono decidere di non superare il costo delle nuove costruzioni

8 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 8 COSTO DI COSTRUZIONE (DM 10/05/1977 n.801) Costo unitario di costruzione: riferito alla superficie complessiva (Sc = Su + 60% Snr) Edifici con caratteristiche superiori: 11 classi in base agli incrementi di Sc, di Snr e per caratteristiche particolari. La determinazione del costo di costruzione attualmente è competenza delle Regioni

9 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 9 COSTO DI COSTRUZIONE Regione Lazio (DCR 270/1977) (R1 + R2 + R3) Contributo = x C 100 C = costo totale delledificio (DM 10/05/1977 n.801) R1 = coefficiente di ubicazione (ZTO DM 1444/1968) R2 = coefficiente di tipologia R3 = coefficiente caratteristiche (art.8 DM 801/1977)

10 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 10 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Articolo 17 Riduzione: Edilizia convenzionata (solo quota urbanizzazioni) Prima abitazione (pari al contributo per ERP) o esonero dal contributo: Interventi in zone agricole (per conduzione fondo) Ristrutturazioni e ampliamenti (entro 20%) unifamiliari Infrastrutture e urbanizzazioni

11 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 11 D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia Articolo 19 Contributo per interventi non residenziali Costruzioni e impianti destinati ad attività produttive: urbanizzazioni, trattamento e smaltimento rifiuti, sistemazione luoghi Edifici con destinazione turistica, commerciale, direzionale servizi: urbanizzazioni, quota del costo di costruzione documentato (non superiore 10%) Vincolo decennale di destinazione duso

12 Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 12 Agevolazioni fiscali in edilizia Interventi di recupero Detrazione Irpef (in dieci rate annuali) pari al 41% delle spese sostenute, con tetto 48 mila euro Aliquota Iva 10% per interventi di restauro e ristrutturazione Abitazione principale Imposte di registro, ipotecarie e catastali in misura ridotta (3% in luogo di 10%) Detrazione Irpef pari al 19% degli interessi passivi (con tetto di euro/anno) dei mutui per nuova costruzione e recupero


Scaricare ppt "Facoltà di Architettura "L. Quaroni" Corso di "Legislazione urbanistica ed edilizia" Docente Roberto Gallia 1 Norme e procedure per la gestione del territorio."

Presentazioni simili


Annunci Google