La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I NIMBY not in my backyard della Val di Susa. I panorami che non si vedono….. …chi non conosce la reale complessità del territorio Valsusino si immagina.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I NIMBY not in my backyard della Val di Susa. I panorami che non si vedono….. …chi non conosce la reale complessità del territorio Valsusino si immagina."— Transcript della presentazione:

1 I NIMBY not in my backyard della Val di Susa

2 I panorami che non si vedono….. …chi non conosce la reale complessità del territorio Valsusino si immagina una valle alpina con i suoi bei panorami..che per fortuna non mancano..sono altresì presenti molte infrastrutture che di fatto sconfessano lormai abituale modo di dire: effetto Nimby Invece di dire non nel mio giardino..vorremmo si dicesse: non TUTTO nel mio giardino…

3 Quante infrastrutture può ancora sopportare questa valle? Diga Moncenisio Elettrodotto Centrale pont Ventoux Venaus Centrale Enel Venaus Diga gorgedi Susa Autostrada A 32 Tratto: da Susa, Val Cenischia, Chiomonte

4 Diga del Moncenisio Lago artificiale di 668 ha che puo contenere fino a millioni di m3 Questa diga, formata da rocce e terra compattata, fu realizzata dallanno 1961 al La diga é larga 12 m per 460 m alla base. Misura 120 m di altezza. Questa diga permette lalimentazione della centrale elettrica italiana di Venaus con una potenza di kw e la centrale francese di Villarodin con una potenza di kw.

5 Elettrodotto Francia-Italia Enormi Tralicci sulle montagne sovrastanti il Colle del Moncenisio, Monte Malamot, quindi in Val di Susa, Venaus, attraversamento Val Cenischia, e lato sx Bassa Val di Susa

6 Le Centrali Idroelettriche di Venaus Tratto da: Centrale Idroelettrica ENEL La centrale idroelettrica sfrutta una parte delle acque del lago del Moncenisio, in territorio francese. Mediante la galleria di derivazione in pressione, lunga 7.930,09 metri, l'acqua raggiunge la camera di carico a quota metri s.l.m., presso le Grange Martina nel territorio di Venaus;. Invaso di fondo Valle Venaus Secondo invaso di fondo valle La caverna ha dimensioni imponenti: 50 m. x 25 m. di superficie ed un'altezza di 23 m. E' collegata all'esterno da tre gallerie: una per l'uscita dei cavi dell'energia elettrica, una per il deflusso delle acque e una di servizio. Affinché l'energia prodotta non subisca forti dispersioni nel trasporto su lunghe distanze, essa è elevata a V mediante due trasformatori da MVA ciascuno, installati nella stazione elettrica all'aperto. Centrale ex AEM, ora IRIDE Progetto Pont Ventoux La condotta termina nella centrale in caverna sita in Venaus, alla quale si accede percorrendo una galleria lunga 1 Km. In essa sono alloggiati un gruppo binario (costituito da una turbina e da un alternatore) ed un gruppo ternario (costituito da una turbina, un alternatore ed una pompa). Questi macchinari idraulici ed elettrici di produzione, entrambi ad asse verticale, sono in grado di sviluppare una potenza complessiva di 150 Mw, per una produzione annua di circa 458 MKw. L'energia prodotta viene poi immessa in rete utilizzando le linee elettriche già esistenti della centrale idroelettrica di Venaus; le due centrali sono collegate da un cavo interrato. A valle della centrale, infine, vi è un canale di restituzione delle acque in galleria della lunghezza di 1,6 Km, che sbocca nella Dora Riparia, a monte dell'abitato di Susa.

7 Sempre parlando di Centrali Idroelettriche A questa stazione fanno capo le due linee da V che collegano l'impianto di produzione, una alla stazione di distribuzione di Piossasco (TO), l'altra all'impianto francese di Villarodin (F). Il percorso dell'acqua che verrà direttamente sfruttata nella centrale di Venaus, questa si immette in una tubazione ancorata sul fianco della montagna per i 2/3 della sua lunghezza, mentre la parte restante è scavata nella roccia, quasi in verticale, fino a raggiungere la caverna a quota 618 metri s.l.m. ….lungo il percorso, inoltre, vengono raccolte, tramite l'immissione in pozzo, le acque del Rio Bar, del Rio Berta, del Rio Clanero e quelle del torrente Clarea, convogliate tramite un canale di gronda. …si prelevano le acque di tutto questo bacino idrico….e le si convogliano nella condotta forzata, fino a Venaus…. Centrale Venaus

8 Ancora….quella poca che scende nel suo percorso naturale… Viene ulteriormente sfruttata.. Presa: Rio Clarea, comune di Giaglione Rio Clarea A monte presa ( impianto Pont Ventoux) Rio Cenischia (Venaus) Rio Cenischia: Ciò che resta di un bel torrente montano, da Venaus al comune di Mompantero…

9 VENAUS..ricapitolando.. Autostrada A 32 2 invasi elettrodotto Centrale Enel Centrale Iride Pont Ventoux Abitato di VENAUS !! Qui era previso il Tunnel di base del TAV …a quando laeroporto di valle ?!?

10 Pont ventoux Presa di carico Su Dora Viadotti A 32 Ferrovia Doppio binario Tratto: Chiomonte; Salbertrand;Oulx

11 Pont Ventoux impianto Salbertrand-Chiomonte.Le acque della Dora Riparia, raccolte nell'invaso artificiale sito in località Pont Ventoux (Oulx), vengono immesse in un canale derivatore in galleria a pelo libero (lungo circa 14 Km e capace di una portata massima di 33 mc/s) e convogliate al serbatoio di regolazione giornaliera della portata in Val Clarea (il serbatoio ha capacità utile di circa mc). Limpianto idroelettrico di Pont Ventoux, il più grande costruito in Italia negli ultimi venti anni. Val di Susa: impianto Salbertrand-Chiomonte L'impianto (salto 326 metri) sfrutta le risorse idriche della Dora Riparia e dei tre rii minori Pontetto, Galambra e Clarea. Nella centrale di Chiomonte sono installati tre gruppi di generazione per una potenza efficiente massima di 16,2 MW ed una producibilità media di MWh/anno. fonte:

12 Val di Susa: impianto Chiomonte-Susa L'impianto (salto 128 metri) è ad acqua fluente, con una vasca di carico a regolazione oraria e sfrutta le acque di scarico della centrale di Chiomonte. Nella centrale di Susa sono installati due gruppi di generazione per una potenza efficiente massima di 11,2 MW ed una producibilità media di MWh/anno. Condotta forzata Ramat Susa: Gorge Dora Riparia diga progetto Pont Ventoux Susa: Dora Riparia Ciò che resta dello scorrimento………. fluviale

13 Le sorgenti dacqua perse tra Salbertrand e Susa Quelle perse durante i lavori di raddoppio della linea ferroviaria anni 1980\90 Tratto da: Quelle perse nella costruzione dellautostrada A32 Tunnel clarea Chiomonte cels Serre la voute Infine, quelle perse nello scavo della galleria per la gronda acque inerente la Centrale idroelettrica PONT VENTOUX I cerchi in blu, le sorgenti censite prima dei lavori

14 Articoli Stampa Tratto da: Da La repubblica di sabato 12 aprile 2008 ( di Diego Longhin ) Limpianto della Valsusa in funzione da quasi due anni, ma i periti non sono riusciti a compiere i test. Guasti frequenti e produzione dimezzata rispetto alle previsioni. Doveva essere la più grande opera idroelettrica italiana, una delle più importanti in Europa. Invece la centrale Iride di Pont Ventoux a Susa sta diventando un simbolo degli sprechi. E costata quasi il doppio, più di 353 milioni, rispetto a quanto ipotizzato da AEM Torino nel 1995, circa 181 milioni. Conti che hanno fatto fare un balzo sulla sedia ad alcuni manager genovesi, preoccupati anche per gli ultimi fogli ricevuti, dove si capisce che la centrale non si può collaudare. Tratto da: Comunicato stampa AEM iride.it/opencms/export/download/ComunicatiStampa20 05IT/comstamp pdf Torino, 28 luglio 2005 – Limpianto idroelettrico Pont Ventoux-Susa, attualmente in fase di ultimazione, con 158 MW di potenza installata e una capacità produttiva di oltre 400 milioni di kWh annui, sarà inaugurato nel prossimo mese di novembre e la sua produzione beneficerà dellincentivazione prevista dal regime dei Certificati Verdi. Anno 2005 Anno 2008 A-32, benvenuti in Valsusa la camera a gas più lunga d' Italia Repubblica 16 giugno 2000 pagina 14 sezione: ECONOMIA BARDONECCHIA - La camera a gas più lunga d' Italia comincia alle porte di Torino, al casello autostradale di Rivoli, e si snoda per un' ottantina di chilometri verso Bardonecchia. La sigla, A32, potrebbe benissimo essere quella di un veleno e infatti eccolo qui, denso, giallastro e pastoso, schiacciato contro le volte della galleria "Cels". State respirando benzoapirene in quantità cinque volte superiori alla norma, ma non è quanto di peggio possa capitarvi. Se il tir non riesce a intossicarvi potrà sempre schiacciarvi, visto che la Torino-Bardonecchia è un autodromo per bestioni a sedici ruote. La corsa mostruosa è cominciata il 24 marzo del ' 99, quando il fuoco e la morte sigillarono il traforo del Monte Bianco: da allora, la Valle di Susa è diventata l' unico varco aperto sulla Francia attraverso le montagne, un colossale imbuto nel quale riversare traffico, smog e rumore. Era quasi un paradiso, prima. Adesso fuggono persino gli animali……. Giovedì 8 marzo 2007 A colloquio con Pietro Laureano, consulente dellUnesco La Dora ormai è uno uadi Viaggio in Val Clarea, dove non esce più lacqua dai rubinetti. Lacqua sarà lemergenza del millennio Ma li vedete la Dora e i torrenti della valle di Susa? Ormai sono ridotti a... uadi. Ed è questa la cosa che più ha colpito Pietro Laureano, architetto, consulente dellUnesco, esperto di zone aride ed ecosistemi in pericolo, nel suo tour valsusino, venerdì scorso. Cosè uno uadi? Presto detto. E il letto di un torrente dove scorre, o meglio scorreva, un corso dacqua. Lo uadi si trova generalmente nelle regioni desertiche, ad esempio nel Sahara o nei deserti della Penisola araba. Quasi sempre a secco, quando arrivano le forti piogge, l'alveo del torrente si riempie in breve tempo di acque diventando improvvisamente tumultuoso. Qualè il problema? Che ce la siamo voluta noi - dice Laureano - e che, se capitano catastrofi e calamità, queste non sono da imputare alla natura ma sono opera nostra. La Presidente Bresso: Valsusini, se dite no vivrete in un territorio abbandonato E allora ecco laltro affondo. Ancora una volta agli amministratori valsusini. Se direte no alla Tav il vostro sarà un corridoio deputato solo più al traffico autostradale. Merci e persone continueranno a prendere lautostrada. E linquinamento continuerà. Di più: Se non passerà la Torino-Lione, lunico scenario possibile per la valle di Susa sarà labbandono. Si aprirà una fase di de-sviluppo. E le risorse, gli investimenti, i finanziamenti (anche europei e regionali) inevitabilmente prenderanno altre strade.

15 E nel fondo valle? Qui vorrebbero far correre ai 300 Km.h Il TAV

16 Basta così ? …non proprio Ferrovia a doppio binario, lato dx da Bardonecchia a Torino Autostrada A32 Foto: Susa Sede SITAF e svincoli Autostrada Sviluppo A32 verso la bassa valle e Torino Autostrada A32 Foto: Viadotti Clarea Chiomonte Bardonecchia Tunnel ferroviario FREJUS Bardonecchia Tunnel Stradale FREJUS (…..di cui è previsto limminente raddoppio) In più abbiamo 2 Strade Statali,(ss24; ss25) tre colli transnazionali (Moncenisio; Monginevro; Scala) Il fiume Dora Riparia( o ciò che ne resta..), Aree Industriali, Aree Commerciali 37 comuni in cui vivono persone…..

17 Ancora convinti che noi soffriamo della sindrome di NIMBY ? Diego


Scaricare ppt "I NIMBY not in my backyard della Val di Susa. I panorami che non si vedono….. …chi non conosce la reale complessità del territorio Valsusino si immagina."

Presentazioni simili


Annunci Google