La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Le infezioni nosocomiali: dimensioni del problema Negli USA : Complicano il 5% dei ricoveriComplicano il 5% dei ricoveri Infezioni urinarie 40%; polmoniti.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Le infezioni nosocomiali: dimensioni del problema Negli USA : Complicano il 5% dei ricoveriComplicano il 5% dei ricoveri Infezioni urinarie 40%; polmoniti."— Transcript della presentazione:

1

2 Le infezioni nosocomiali: dimensioni del problema Negli USA : Complicano il 5% dei ricoveriComplicano il 5% dei ricoveri Infezioni urinarie 40%; polmoniti 20%; infezioni di ferita chirurgica, infezioni di CVC…..Infezioni urinarie 40%; polmoniti 20%; infezioni di ferita chirurgica, infezioni di CVC….. 90.000 morti lanno. Letalità della polmonite fino al 50-70%.90.000 morti lanno. Letalità della polmonite fino al 50-70%. Costi: circa 5 miliardi dollari, di cui 1.2-2 per le polmonitiCosti: circa 5 miliardi dollari, di cui 1.2-2 per le polmoniti

3 Major. BMJ 2000; 321: 1370. Infezioni nosocomiali: dimensione del problema Una delle principali cause di morte intraospedaliera 100.000 casi di infezione nosocomiale lanno in Gran Bretagna 5000 morti lanno Costi attribuibili: 1 miliardo di sterline lanno Epidemiologia in evoluzione: health-care associated infections

4 Vincent et al. JAMA 1995; 274: 369-44.

5 Am J Infect Control 2001; 24: 404-421.

6 Letalita per agenti di VAP patogenoLetalità P.aeruginosa, S.maltophilia o A.baumannii 69% S.aureus MR 50% S.aureus MS 13% Altro39% Chest 1993;104:1230. Chest 1995;108:1635

7 Vincent JL. Lancet 2003; 361(9374):2068-77

8

9 Distribuzione dei posti letto negli ospedali USA: variazione negli anni 36 40 38 42 44 46 48 50 1988 1989 1990 1991 1992 1993 1994 1995 anno B N° medio di posti letto in UTI 356 358 360 362 364 366 368 370 372 374 A 1988 1989 1990 1991 1992 1993 1994 1995 anno N° medio di posti letto Archibald et al. Clin Infect Dis 1997; 24: 211-215.

10 Tassi dinfezione associati alle procedure a rischio

11 Le infezioni del CVC: dimensioni del problema Negli USA: CVC inseriti lanno: 5 milioniCVC inseriti lanno: 5 milioni Tasso di infezione per 100gg: 3-7Tasso di infezione per 100gg: 3-7 Fino al 90% delle sepsi in UTIFino al 90% delle sepsi in UTI Letalità della sepsi CVC correlata:14-20%Letalità della sepsi CVC correlata:14-20% Fino a 16.000 morti lannoFino a 16.000 morti lanno Costo medio per infezione:250-350 dollari.Costo medio per infezione:250-350 dollari. Costo complessivo lanno: 300 mdl di dollariCosto complessivo lanno: 300 mdl di dollari Ma soprattutto impatto sulla epidemiologiaMa soprattutto impatto sulla epidemiologia

12 Alcune implicazioni epidemiologiche delluso dei CVC aumento sepsi da SCN (MR)aumento sepsi da SCN (MR) aumento sepsi da S. aureus (MR)aumento sepsi da S. aureus (MR) diffusione comunitaria di S. aureus MRdiffusione comunitaria di S. aureus MR aumento delle fungemieaumento delle fungemie emergenza di Candida non albicansemergenza di Candida non albicans ridistribuzione delle etiologie da bacilli Gram negativiridistribuzione delle etiologie da bacilli Gram negativi emergenza o comparsa di batteri, funghi e alghe a bassa virulenza come patogeni opportunistiemergenza o comparsa di batteri, funghi e alghe a bassa virulenza come patogeni opportunisti

13

14

15

16 Staphylococcus haemolyticus I numeri del Policlinico Umberto I Anni reparto osservazione 1992- 2000 Farmacia consumo annuale di teico ca. 17.000 fl. vs vanco ca. 7000 fl(500 mg) 2000- 2003 Microbiologia S.h la seconda specie CNS isolata dal Centrale sangue(22-24%) Teico-R: 11-29% 6/2000-1/2001 Ematologia S.h MR identificato in 22(8.7%) di 252 batteriemie; nei casi da CNS in 22(18%) di 123 batteriemie. Ed ad una analisi retrospettiva dei ns dati clinici: 4 casi di endocardite (3 EPV) 5 meningiti postneurochirurgiche (4 associate a derivazione ventricolare esterna) 2 infezioni di protesi ortopedica 4 altre infezioni su corpo estraneo 19 isolamenti dal sangue in corso di valutazione clinica 2 cloni ben definiti endemici nel ns ospedale Raponi G & Venditti M et al. J Chemother, 2005. Falcone M & Venditti M CMI 2006. Falcone M & Venditti M Diagn Microbiol Infect Dis, 2006.

17 Cassome M, Venditti M..& Stefani Microb Drug Resist 2004 Clone progenitore del clone Iberico e del clone Roma? MIC 2-4 Mg/L per la vanco

18 Alcune implicazioni epidemiologiche delluso dei CVC aumento sepsi da SCN (MR)aumento sepsi da SCN (MR) aumento sepsi da S. aureus (MR)aumento sepsi da S. aureus (MR) diffusione comunitaria di S. aureus MRdiffusione comunitaria di S. aureus MR aumento delle fungemieaumento delle fungemie emergenza di Candida non albicansemergenza di Candida non albicans ridistribuzione delle etiologie da bacilli Gram negativiridistribuzione delle etiologie da bacilli Gram negativi emergenza o comparsa di batteri, funghi e alghe a bassa virulenza come patogeni opportunistiemergenza o comparsa di batteri, funghi e alghe a bassa virulenza come patogeni opportunisti

19 Fattori di rischio per candidosi invasiva Durata deg in UTI (>3 gg) NPT CVC perf. G.I. (tr. sup GI ) Antibiotici ad ampio spettro Steroidi Diabete Mellito Ventilation Mech. Gravità cond gen Pancreatite Recente emodialisi emotrasfusioni colonizazione da Candida Ostrosky-Zeichner L EJCMID 23:739, 2004

20 Variazioni nella assistenza in un ospedale universitario dellItalia del nord 1992 2001 Gg assistenza x paz 402.906 gg 339.494 gg Gg assistenza in ICU 9501 gg 24119 gg Candidemia tra i pazienti ospedalizzati (n/10.000 gg di assistenza) divisioni mediche divisioni chirurgiche UTI 0.15* 0.69§ 15.8*§ *105 volte più frequenti nelle UTI § 23 volte più frequenti nelle UTI Luzzati R et al CMI, 2005, 11: 908-913.

21 Isolamenti di Candida + Isolamenti di Candida + UTI multidisciplinare (2000-1) 6 (7%) isolamenti in 85 sepsi 4 (26.6%) isolamenti in 14 ITU UTI Neurochirurgia-Trauma (2002-4) 7 (17.5%) isolates in 40 BSIs UTI Cardiochirurgia (2003) 2 (20%) isolamenti in 10 sepsi Orsi GB & Venditti M J Hosp Infection 64: 23, 2006 Orsi GB & Venditti M. Infection Control Hosp Epidemiol, 2005

22 CORPO ESTRANEO Porta dentrata Metastasi batteriemica Fase sessile MDR

23 Complicanze cliniche della infezione del catetere intravascolare 1. Cellulite locale 2. Tromboflebite (anche dopo rimozione) +/- cellulite locale +/- cellulite locale 3. Sepsi +/- shock settico 4. Endocardite: murale, valvolare, dx o sin 5. Embolia settica polmonare 6. Aneurisma micotico 7. Osteomielite, artrite, spondilodiscite 8. Endoftalmite 9. Nefrite 10. Infezione di corpi estranei

24 Conclusioni Le infezioni nosocomiali rappresentano una complicanza inaccettabilmente frequente Si associano ad una più elevata mortalità intraospedaliera Comportano un aumento significativo dei costi Determinano un aumento significativo della morbidità La popolazione suscettibile è in espanzione (infezioni aasociate alle procedure sanitarie o HCAI) Fonte di microrganismi vecchi e nuovi MDR Ma soprattutto ricordiamoci UN TERZO DI ESSE POSSONO ESSERE EVITATE!!!!


Scaricare ppt "Le infezioni nosocomiali: dimensioni del problema Negli USA : Complicano il 5% dei ricoveriComplicano il 5% dei ricoveri Infezioni urinarie 40%; polmoniti."

Presentazioni simili


Annunci Google