La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Informazioni generali sul progetto Politiche integrate per una ottimizzazione del Sistema Gestione Ambientale del complesso minerario di Cabernardi e aree.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Informazioni generali sul progetto Politiche integrate per una ottimizzazione del Sistema Gestione Ambientale del complesso minerario di Cabernardi e aree."— Transcript della presentazione:

1 Informazioni generali sul progetto Politiche integrate per una ottimizzazione del Sistema Gestione Ambientale del complesso minerario di Cabernardi e aree limitrofe Francesco Mazzei

2 AREA DI STUDIO -Bacino minerario di Cabernardi La Miniera di Zolfo è ubicata nel tratto compreso tra le località di Cabernardi, Vallotica e Cantarino (in direzione nord rispetto al capoluogo Sassoferrato). E statao il centro minerario più grande d'Europa, con una produzione massima di tonnellate di materiale fuso. Il suo bacino minerario aveva un'estensione di circa 8 km di lunghezza, 1500 m di larghezza e 800 m di profondità, con 21 gallerie e due pozzi di estrazione profondi 460 m. L'ultimo livello della miniera arrivava a una profondità di 800 m, di cui 515 m erano sotto il livello del mare.

3 Committenti: Comunità europea; Repubblica italiana; regione marche; comuni dentro l'area di studio (Contributi ai Comuni per misure di riparazione, caratterizzazione, messa in sicurezza permanente e bonifica ambientale. (ex D.M. 471/99 e D.L.vo 152/2006 Parte IV Titolo V); privati. Clienti: Piccole attività commerciali; turisti internazionali e locali (molti marchigiani non conoscono le bellezze del proprio territorio); amministratori della miniera di cabernardi Stakeholder: Associazioni ambientaliste; associazioni culturali; associazioni storiche; biblioteche; ong (Scambi internazionali, SVE…, servizio civile), amministratori della miniera di cabernardi Fruitori: Piccole attività commerciali; turisti internazionali e locali (molti marchigiani non conoscono le bellezze del proprio territorio); gente locale; amministratori della miniera di cabernardi

4 Obiettivi del progetto Garantire e promuovere, in forma coordinata, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturale. Più nello specifico i territori della cava di Cabernardi, saranno sottoposti ad uno speciale regime di tutela e gestione, allo scopo di perseguire, in particolare, le seguenti finalità: a) conservazione di specie animali o vegetali, di associazioni vegetali o forestali, di singolarità geologiche, di formazioni paleontologiche, di comunità biologiche, di biotopi, di valori scenici e panoramici, di processi naturali, di equilibri idraulici e idrogeologici, di equilibri ecologici; b) applicazione di metodi di gestione o di restauro ambientale idonei a realizzare una integrazione tra uomo e ambiente naturale, anche mediante la salvaguardia dei valori antropologici, archeologici, storici e architettonici e delle attività agro-silvo-pastorali e tradizionali; c) promozione di attività di educazione, di formazione, e di ricerca scientifica, anche interdisciplinare, nonchè di attività ricreative compatibili; d)creazione di forti sinergie tra lambiente, la società e leconomia dei privati ma anche del pubblico e) aumentare l'affluenza di un turismo sostenibile f) Ripopolare aree territoriali in abbandono (A far fronte ad un grande esodo avvenuto in passato) g) Conservare la memoria storica e le conoscenze tecniche della miniera h) Rivitalizzare un territorio dove lestrazione mineraria ha disturbato lambiente. i) Promuovere la ricchezza economica, culturale e sociale alla gente indigena

5 Descrizione Lo scopo di questo progetto è quello di creare forti sinergie tra i privati e i pubblici in un ambito produttivo omogeneo, tra la sfera ambientale economico e sociale.

6 Problematiche attuali del territorio montano marchigiano: Bassa valorizzazione dei territori marchigiani (Il valore è dato da unalta valenza naturalistica, da unelevata conservazione della cultura endemica degli abitanti, da una forte cultura, da un elevato valore architettonico dei paesi) Poca consapevolezza dei marchigiani sul valore delle proprie terre (altri stati europei hanno da tempo iniziato a valorizzare e a investire nelle terre marchigiane) Graduale ma costante antopizzazione dellambiente naturale Graduale spopolamento delle aree montane Poca attuazione di politiche di marketing pubblicitario internazionale per queste aree di studio

7 Politiche integrate 1. Politiche ambientali (certificati verdi; certificazioni ambientali come EMAS per ambiti produttivi omogenei (APO) o ISO 14001; riabilitazione ecologia e ambientale dellarea di studio… 2. Politiche sociali (Educazione ambientale e culturale; raccolta differenziata per i paesi interni allarea di studio; sinergie tra gli abitanti…) 3. Politiche economiche

8 Dove attuare Costruzione o valorizzazione e potenziamento delle vie percorribili di elevata valenza paesaggistica, gastronomica e culturale. (Forte attrazione per un turismo internazionale e locale, gastronomico, paesaggistico, artistico e naturalistico) Potenziare le aree di sosta, la viabilità delle aree di interesse… Potenziamento della segnaletica dei sentieri per escursioni in bicicletta e trekking. Potenziamento su scala internazionale del marketing pubblicitario. Potenziare le politiche di sostenibilità sociale e ambientale. Rinaturalizzazione di aree disturbate dalloperato umano. Creazione di mappe elettroniche (GIS). Attività di divulgazione scientifica e educazione ambientale. Applicazione di certificazioni ambientali (come EMAS per ambiti produttivi omogenei (APO) o ISO

9 Punti di forza Larea ha una notevole valenza storico- culturale-architettonica (storia del lavoro) e la bibliografia su tale area è elevata. Alta valenza ambientale e paesaggistica. Vicinanza con le grotte di Frasassi (sinergia per la gestione del turismo) Gastronomia. Alta valenza architettonica dei paesi interni allarea di studio. Elevata bibliografia storica, (esistenza di video documentari). Possibilità di applicare politiche di sostenibilità ambientale (turismo sostenibile delite).

10 La valorizzazione territoriale a cosa porterebbe? Maggior affluenza di un turismo sostenibile Ripopolamento di aree in abbandono (A far fronte ad un grande esodo avvenuto in passato) Conservazione della memoria storica e le conoscenze tecniche della miniera Rivitalizzazione di un territorio dove lestrazione mineraria ha disturbato lambiente. Apporto di una ricchezza economica, culturale e sociale alla gente indigena.

11 Alternativa di applicazione del progetto Sasso di Simone e Simoncello (Benefici derivanti dalla interrelazione con la regione Toscana: applicazione di politiche interregionali (Marche-Toscana; bandi europei.)

12 Aspetti tecnologici Nuove tecnologie utilizzate –Energie rinnovabili, educazione ambientale e storica, fitodepurazione, mercati ortofrutticoli diretti, web, aplicazione di SGA (EMAS per APO), car sharing.

13 Normative DECRETO PER LA PROMOZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE. Il sito è vicino alle grotte di frasassi che sono un sito di importanza comunitaria (SIC) Regolamento (UE) n. 691/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 luglio 2011 relativo ai conti economici ambientali europei (Gazzetta Ufficiale dellUnione europea L 192/1 del 22 luglio 2011) Regolamento (UE) n. 691/2011 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 luglio 2011 relativo ai conti economici ambientali europei (Gazzetta Ufficiale dellUnione europea L 192/1 del 22 luglio 2011) L. 31 luglio 2002, n Disposizioni in materia ambientale (G.U. 13 agosto 2002, n. 189) L. 11 febbraio 1992, n Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio (G.U. 25 febbraio 1992, n. 46, S.O.) L. 11 febbraio 1992, n Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio (G.U. 25 febbraio 1992, n. 46, S.O.) Accordo interministeriale Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale (Roma, 22 aprile 2008) Accordo interministeriale Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale (Roma, 22 aprile 2008) Carta d'intenti tra il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare in materia di "Scuola, Ambiente e Legalità" (Roma, 29 luglio 2009) Carta d'intenti tra il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca e il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare in materia di "Scuola, Ambiente e Legalità" (Roma, 29 luglio 2009) Accordo di programma tra il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e ICS - Iniziativa Car Sharing (Roma, 9 luglio 2003) Accordo di programma tra il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e ICS - Iniziativa Car Sharing (Roma, 9 luglio 2003) Direttiva 2003/35/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 26 maggio Partecipazione del pubblico nell'elaborazione di taluni piani e programmi in materia ambientale e modifica le direttive del Consiglio 85/337/CEE e 96/61/CE relativamente alla partecipazione del pubblico e all'accesso alla giustizia (Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea L 156 del 25 giugno 2003) Direttiva 2003/35/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 26 maggio Partecipazione del pubblico nell'elaborazione di taluni piani e programmi in materia ambientale e modifica le direttive del Consiglio 85/337/CEE e 96/61/CE relativamente alla partecipazione del pubblico e all'accesso alla giustizia (Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea L 156 del 25 giugno 2003) Regolamento (CE) n. 1367/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 settembre Applicazione alle istituzioni e agli organi comunitari delle disposizioni della convenzione di Aarhus sullaccesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e laccesso alla giustizia in materia ambientale (Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea L 264 del 25 settembre 2006) Regolamento (CE) n. 1367/2006 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 6 settembre Applicazione alle istituzioni e agli organi comunitari delle disposizioni della convenzione di Aarhus sullaccesso alle informazioni, la partecipazione del pubblico ai processi decisionali e laccesso alla giustizia in materia ambientale (Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea L 264 del 25 settembre 2006)


Scaricare ppt "Informazioni generali sul progetto Politiche integrate per una ottimizzazione del Sistema Gestione Ambientale del complesso minerario di Cabernardi e aree."

Presentazioni simili


Annunci Google