La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire Licenze e Autorizzazioni per aprire:INSTALLATORI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire Licenze e Autorizzazioni per aprire:INSTALLATORI."— Transcript della presentazione:

1 IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire Licenze e Autorizzazioni per aprire:INSTALLATORI DI IMPIANTI N. 71 TI TROVI IN

2 Impresa e Diritto, Licenze e Autorizzazioni, Installatori di Impianti Definizione Il Decreto n. 37/2008 si applica agli impianti posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla destinazione duso, collocati allinterno degli stessi o delle relative pertinenze. Se limpianto è connesso a reti di distribuzione si applica a partire dal punto di consegna della fornitura. Gli impianti sono classificati come segue: a) impianti di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione, utilizzazione dellenergia elettrica, impianti di protezione contro le scariche atmosferiche,gli impianti per lautomazione di porte, cancelli e barriere b) impianti radiotelevisivi, le antenne e gli impianti elettronici in genere c) impianti di riscaldamento, di climatizzazione, di condizionamento e di refrigerazione di qualsiasi natura o specie, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e delle condense, di ventilazione ed aerazione dei locali d) impianti idrici e sanitari di qualsiasi natura o specie e) impianti per la distribuzione e lutilizzazione di gas di qualsiasi tipo, comprese le opere di evacuazione dei prodotti della combustione e ventilazione ed aerazione dei locali f) impianti di sollevamento di persone e di cose per mezzo di ascensori, di montacarichi, di scale mobili e simili g) impianti di protezione antincendio Requisiti tecnico professionali Le imprese sono abilitate allesercizio delle attività di impiantistica mediante la nomina di un responsabile tecnico, cioè di un soggetto in possesso dei requisiti professionali che abbia con limpresa un rapporto dimmedesimazione (titolare, socio operante, amministratore, dipendente, collaboratore familiare, associato in partecipazione). Per le imprese artigiane il soggetto deve essere il titolare o un socio operante, come previsto allart. 2/4 della Legge n. 443/85 Il Decreto n. 37/2008 precisa che il responsabile tecnico deve svolgere tale funzione per una sola impresa e che la qualifica è incompatibile con ogni altra attività continuativa. Per le attività previste alle lettere a), b), c), e), f) e g), i requisiti tecnico professionali sono, in alternativa, uno dei seguenti: Diploma di laurea in materia tecnica specifica conseguito presso ununiversità statale o legalmente riconosciuta INSTALLATORI DI IMPIANTI

3 Impresa e Diritto, Licenze e Autorizzazioni, Installatore di Impianti Diploma o qualifica conseguita al termine di scuola secondaria del secondo ciclo presso un istituto statale o legalmente riconosciuto, con specializzazione relativa al settore delle attività, seguiti da un periodo di lavoro di almeno due anni continuativi alle dirette dipendenze di unimpresa del settore Titolo o attestato di formazione professionale congiuntamente ad un periodo di lavoro di almeno quattro anni continuativi alle dirette dipendenze di unimpresa del settore Prestazione lavorativa svolta alle dirette dipendenze di unimpresa abilitata nel ramo di attività, per un periodo non inferiore a tre anni, in qualità di operaio installatore con qualifica di specializzato nelle attività di installazione, trasformazione, ampliamento e manutenzione degli impianti Collaborazione tecnica continuativa nellambito di imprese abilitate del settore svolta dal titolare di impresa o dal socio o da collaboratore familiare per un periodo non inferiore a sei anni. Per le attività previste alla lettera d), i requisiti tecnico professionali sono, in alternativa, uno dei seguenti: Diploma di laurea in materia tecnica specifica conseguito presso ununiversità statale o legalmente riconosciuta Diploma o qualifica conseguita al termine di scuola secondaria del secondo ciclo presso un istituto statale o legalmente riconosciuto, con specializzazione relativa al settore delle attività, seguiti da un periodo di lavoro di almeno un anno continuativo alle dirette dipendenze di unimpresa del settore Titolo o attestato di formazione professionale congiuntamente ad un periodo di lavoro di almeno due anni continuativi alle dirette dipendenze di unimpresa del settore Prestazione lavorativa svolta alle dirette dipendenze di unimpresa abilitata nel ramo di attività, per un periodo non inferiore a tre anni, in qualità di operaio installatore con qualifica di specializzato nelle attività di installazione, trasformazione, ampliamento e manutenzione degli impianti Collaborazione tecnica continuativa nellambito di imprese abilitate del settore svolta dal titolare di impresa o dal socio o da collaboratore familiare per un periodo non inferiore a quattro anni. Requisiti di onorabilità Sono inoltre necessari requisiti di onorabilità in capo al titolare di impresa individuale,a tutti i soci di s.n.c., ai soci accomandatari di s.a.s, ai componenti del consiglio di amministrazione di società di capitali, cooperative e consorzi. I requisiti di onorabilità risultano provati qualora a carico dei detti soggetti non sussistano misure di sicurezza o di prevenzione e/o procedimenti penali in corso per reati di stampo mafioso.

4 Impresa e Diritto, Licenze e Autorizzazioni, Installatore di Impianti Dichiarazioni di Conformità Il Decreto n. 37/2008 stabilisce che al termine dei lavori limpresa installatrice è tenuta a redigere e rilasciare al committente la dichiarazione di conformità degli impianti realizzati secondo la regola dellarte. Fanno parte integrante della dichiarazione di conformità i seguenti documenti (art. 9.1) a) relazione contenente la tipologia dei materiali; b) il progetto redatto ai sensi dellarticolo 6. Per il rifacimento o linstallazione di nuovi impianti di cui alle lettere a), b), c), d), e) e g), relativi ad edifici per i quali è già stato rilasciato il certificato di agibilità (art. 11), limpresa installatrice deposita la dichiarazione di conformità entro 30 giorni dalla conclusione dei lavori, presso lo sportello unico per ledilizia del comune ove ha sede limpianto. Lo sportello unico inoltra copia della dichiarazione di conformità alla Camera di commercio nella cui circoscrizione ha sede limpresa esecutrice dellimpianto. In questa fase di prima attuazione sono in corso gli approfondimento per verificare se limpresa è ancora tenuta al deposito di qualsiasi dichiarazione di conformità (ferma restando la previsione di cui allart. 11 del Decreto n. 37/2008 relativa al deposito presso lo sportello unico per ledilizia del Comune) in quanto non risulta espressamente abrogato larticolo 9, comma 4 del D.P.R. 558/1999 che prevede il deposito presso la Camera di commercio di qualsiasi dichiarazione di conformità rilasciata entro 6 mesi (e non solo le dichiarazioni previste dallarticolo 11 del Decreto n. 37/2008). Adempimenti per lavvio dellattività Oltre alla modulistica e alle autocertificazioni relative ai requisiti tecnico professionali per lavvio di unattività sono necessarie: - Domanda di attribuzione del numero di partita iva - Domanda di iscrizione allAgenzia delle entrate - Denuncia di inizio attività previa dichiarazione di possesso dei requisiti di onorabilità e di capacità tecnico-organizzativa, da presentarsi al Registro delle Imprese o allAlbo delle imprese artigiane competente per territorio; - Iscrizione nella gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali presso lInps;

5 Impresa e Diritto, Licenze e Autorizzazioni, Installatore di Impianti - Iscrizione allassicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro presso lInail; - Rispetto delle direttive regionali e provinciali; Riferimenti normativi - Legge n. 46 (G.U. n. 59 del 12 marzo 1990) - Norme per la sicurezza degli impianti. Art.1 - D.P.R , n. 447 (G.U. n. 38 del 15 febbraio 1992) - Regolamento di attuazione della legge 5 marzo 1990, n. 46, in materia di sicurezza degli impianti. - D.M (G.U. n. 110 del Formazione degli elenchi dei soggetti abilitati alle verifiche in materia di sicurezza degli impianti. - D.M (G.U. n. 142 del ) - Approvazione dei modelli dei certificati di riconoscimento dei requisiti tecnico-professionali delle imprese e del responsabile tecnico ai fini della sicurezza degli impianti. - D.P.R , n. 392 (Suppl. Ord. G.U. n. 141 del 18 giugno 1994) - Regolamento recante disciplina del procedimento di riconoscimento delle imprese ai fini della installazione, ampliamento e trasformazione degli impianti nel rispetto delle norme di sicurezza. - D.Lgs , n. 112 (Suppl. Ord. G.U. n. 92 del ) - Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione del capo I della L. 15 marzo 1997, n. 59. Art. 22, comma 3, lett, a). - D.P.R (G.U. n. 158 del 9 luglio 1998) - Regolamento recante disposizioni in materia di sicurezza degli impianti alimentati a gas combustibile per uso domestico. - D.M (G.U. n. 102 del 4 maggio 2000): Modifica al D.M. 3 agosto 1995 concernente la formazione degli elenchi dei soggetti abilitati alle verifiche in materia di sicurezza degli impianti (legge 5 marzo 1990, n. 46). - D.P.R , n. 558 (G.U. n. 272 del 21 novembre 2000): Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di inizio di attività e per la domanda di iscrizione allalbo delle imprese artigiane o al registro delle imprese per particolari categorie di attività soggette alla verifica di determinati requisiti tecnici (numeri dellallegato 1 della legge 15 marzo 1997, n. 59). Artt. 9 e 11 - D.P.R , n DECRETO 22 gennaio 2008, n. 37:Regolamento concernente il riordino delle disposizioni in materia di attività di installazione degli impianti allinterno degli edifici. Prassi - Circolare MICA n. 3209/C del

6 Impresa e Diritto, Licenze e Autorizzazioni, Installatore di Impianti - Circolare MICA n. 3239/C del Circolare MICA n. 3307/C del Circolare MICA n. 3311/C del Circolare MICA n. 3439/C del Circolare del Ministero delle attività produttive n. 3502/C del Codice Attività Economica ATECO Installazione di impianti elettrici in edifici o in altre opere di costruzione (inclusa manutenzione e riparazione) Installazione di impianti elettronici (inclusa manutenzione e riparazione) Installazione impianti di illuminazione stradale e dispositivi elettrici di segnalazione, illuminazione delle piste degli aeroporti (inclusa manutenzione e riparazione) Installazione di impianti idraulici, di riscaldamento e di condizionamento dellaria (inclusa manutenzione e riparazione) in edifici o in altre opere di costruzione Installazione di impianti per la distribuzione del gas (inclusa manutenzione e riparazione) Installazione di impianti di spegnimento antincendio (inclusi quelli integrati e la manutenzione e riparazione) Installazione di impianti di depurazione per piscine (inclusa manutenzione e riparazione) Installazione di impianti di irrigazione per giardini (inclusa manutenzione e riparazione) Installazione, riparazione e manutenzione di ascensori e scale mobili. Allegati: Legge-quadro per l'artigianato


Scaricare ppt "IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire IMPRESA E DIRITTO: Licenze e Autorizzazioni per aprire Licenze e Autorizzazioni per aprire:INSTALLATORI."

Presentazioni simili


Annunci Google