La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 AIGA sezione di Udine Udine 8 ottobre 2010 Introduzione al Trust e ai suoi impieghi nella pratica professionale Rag. Giuseppe Lepore Commercialista in.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 AIGA sezione di Udine Udine 8 ottobre 2010 Introduzione al Trust e ai suoi impieghi nella pratica professionale Rag. Giuseppe Lepore Commercialista in."— Transcript della presentazione:

1 1 AIGA sezione di Udine Udine 8 ottobre 2010 Introduzione al Trust e ai suoi impieghi nella pratica professionale Rag. Giuseppe Lepore Commercialista in Savona

2 2 nel momento genetico del trust Rag. Giuseppe Lepore La fiscalità diretta nelle varie fasi di vita del trust: durante la vita del trust LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE

3 3 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE Imposizione diretta nel momento della nascita del trust: Negozio istitutivo del trust luso che si è affermato anche in Italia è quello di dividere: Negozi dispositivi atto istitutivoatti di dotazione

4 4 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE (segue) Imposizione diretta nel momento della nascita del trust: In quanto atto meramente programmatico latto istitutivo del trust non solleva profili reddituali. Atto istitutivo del trust:

5 5 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE Atti di dotazione del trust Se il disponente non assume la qualifica di imprenditore, gli atti dispositivi non assumo rilevanza in quanto atti non onerosi. Diversa è lipotesi in cui il disponente sia un imprenditore e il trasferimento riguardi beni relativi allimpresa. In questo caso il trasferimento può assumere rilevanza fiscale in forza delle disposizioni relative alla destinazione di beni di impresa a finalità estranee allesercizio della medesima. Si potrà quindi verificare la presenza di ricavi o di plusvalenze secondo quanto disposto dagli artt. 57 e 85, 58 e 86 nuovo t.u.i.r (sul punto studio della D.R.E. dellEmilia Romagna ora ripreso dalla Circolare del 6 agosto 2007, n. 48/E) (segue) Imposizione diretta nel momento della nascita del trust:

6 6 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE Passando alla fase successiva, nella vita del trust occorre esaminare la tassazione dei redditi eventualmente prodotti durante la vita del trust. Sicuramente questo è il profilo più interessante ma anche il più complesso con riferimento allintero ciclo ideale di vita del trust nella pratica operativa si utilizzano delle tecnicalità atte ad evitare alla radice il problema fiscale Imposizione diretta durante la vita del trust:

7 7 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE 1° tecnicalità:non dare capacità reddituale al trust (segue) Imposizione diretta durante la vita del trust: 2° tecnicalità:porre in trust solo beni che producono redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta

8 8 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE Ma nei casi in cui questi assetti non possano essere raggiunti, sarà necessario vedere chi sia soggetto passivo di imposta dei redditi prodotti dai beni in trust (segue) Imposizione diretta durante la vita del trust: Il tema, come è noto, è stato oggetto di uno specifico intervento legislativo nella finanziaria 2007 (legge 27 dicembre 2006, n. 296) a seguito del quale il trust è ufficialmente entrato nel t.u.i.r. La novella di cui allart. 73 t.u.i.r. non ha però avuto carattere innovativo. Il Legislatore, infatti, non ha fatto altro che ratificare gran parte dei risultati a cui era arrivata la migliore dottrina e la stessa prassi ministeriale. Non è mancata peraltro qualche sbavatura e passaggio non del tutto chiaro.

9 9 Rag. Giuseppe Lepore IL TRATTAMENTO FISCALE DEL TRUST LE IMPOSTE DIRETTE ELA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEL TRUST Per tracciare lesatta latitudine delle nuove norme conviene allora partire dai risultati che si erano già ottenuti in via interpretativa e che sono stati ratificati dal legislatore. (segue) Imposizione diretta durante la vita del trust: Partiamo allora dallanalizzare alcuni punti fermi in tema di soggettività passiva dei redditi prodotti dai beni in trust prima della riforma attuata con la finanziaria 2007

10 10 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE In linea teorica, la soggettività passiva dei redditi prodotti dai beni in trust non può che essere ricercata tra coloro che, a vario titolo, sono coinvolti nella struttura giuridica: (segue) Imposizione diretta durante la vita del trust: disponente trustee trust (entificato) beneficiari guardiano

11 11 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE riassumendo (segue) Imposizione diretta durante la vita del trust: prima delle novità apportate dalla finanzia 2007, lAmministrazione Finanziaria italiana prevedeva di fatto tre moduli impositivi da applicare alternativamente: (i) la soggettività passiva del trust (entificato); il c.d. trust opaco; (ii) la trasparenza fiscale del trust, nei termini sopra delineati, in presenza di un diritto pieno e incondizionato dei beneficiari a ricevere il reddito nella sua originaria e specifica conformazione; il c.d. trust trasparente; (iii) il disconoscimento degli effetti fiscali del trust quando disponente o guardiano si fossero riservati poteri tali da snaturare listituto;

12 12 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE situazione dopo la riforma (attuata con la Finanziaria 2007) (segue) Imposizione diretta durante la vita del trust: Limpostazione vista prima viene confermata dalla riforma, che peraltro, come anticipavo, presenta delle aree problematiche solo in parte risolte nellambito della prassi amministrativa Procediamo con ordine distinguendo le due ipotesi: trust opachi (soggetti passivi dimposta) trust trasparenti

13 13 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE Trust soggetti passivi dimposta Il trust è stato ufficialmente inserito fra i soggetti passivi di imposta di cui al novellato art. 73 del t.u.i.r. È da notare, però, che la legge non colloca i trust fra gli altri enti di cui al secondo comma dellart. 73, come si era fatto in via interpretativa prima della recente novella

14 14 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE (segue) Trust soggetti passivi dimposta … ma li aggiunge: - agli enti pubblici e privati diversi dalle società, residenti nel territorio dello Stato e che hanno per oggetto esclusivo o principale lesercizio di attività commerciali (di cui allart b del t.u.i.r.), e quindi fra gli enti commerciali; - oppure li aggiunge agli enti pubblici e privati diversi dalle società, residenti nel territorio dello Stato e che non hanno per oggetto esclusivo o principale lesercizio di attività commerciali (di cui allart c del t.u.i.r.), e quindi fra gli enti non commerciali; - oppure ancora li aggiunge alle società ed enti di ogni tipo, con o senza personalità giuridica, non residenti nel territorio dello Stato (di cui allart d del t.u.i.r.), e quindi tra i soggetti non residenti.

15 15 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE (segue) Trust soggetti passivi dimposta La modifica penso che debba essere giudicata favorevolmente perché supera la necessità di verificare la presenza dei requisiti richiesti dal secondo comma dellarticolo 73 e cioè: - la non appartenenza ad altri soggetti passivi; - e la circostanza che il presupposto dell'imposta si verifichi in modo unitario e autonomo.

16 16 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE (segue) Trust soggetti passivi dimposta – Trust residenti In caso di trust residente questo sarà soggetto ad imposizione sul reddito ovunque prodotto nel mondo, secondo il noto principio del world wide taxation. Circa le modalità di calcolo di tale reddito occorrerà distinguere a seconda che il trust eserciti o meno attività commerciale. … ne consegue che:

17 17 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE (segue) Trust soggetti passivi dimposta – Trust residenti A] se il trust residente non esercita attività commerciale, come generalmente accade, sarà tassato quale ente non commerciale e quindi secondo le regole di cui allart. 143 e seguenti del t.u.i.r. (con i redditi calcolati secondo le varie categorie) e, soprattutto, con lapplicazione dei vari regimi sostitutivi regola particolare per i DIVIDENDI

18 18 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE (segue) Trust soggetti passivi dimposta – Trust residenti Come noto la legge delega per la riforma del sistema fiscale statale (v. art. 3, comma 1, lett. a) della L. 7 aprile 2003, n. 80) ha previsto il trasferimento degli enti non commerciali tra i soggetti passivi dellIrpef (imposta sul reddito delle persone fisiche) Tuttavia finché tale inclusione non verrà attuata, lart. 4, comma 1, lett. q) del D.LGS. 12 dicembre 2003, n. 344 ha previsto che gli utili percepiti dagli enti non commerciali sono imponibili nel limite del 5% del loro ammontare. Quindi ne deriva una tassazione particolarmente vantaggiosa se rapportata a quella delle persone fisiche Infatti si avrà una tassazione complessiva pari al 1,375% (il 27,5% del 5%)

19 19 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE (segue) Trust soggetti passivi dimposta – Trust residenti B] se il trust residente esercita attività commerciale, (si badi bene che è cosa diversa dal fatto che il trustee sia un soggetto professionale), sarà tassato secondo le regole del reddito di impresa e perderà i regimi sostitutivi

20 20 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE (segue) Trust soggetti passivi dimposta – Trust non residenti In caso di trust non residente lo stesso sarà tassato solamente per i redditi prodotti nel territorio dello Stato (artt. 151 e 23 t.u.i.r.).

21 21 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE …. ritornando allo schema di partenza: disponente trustee trust (entificato) beneficiari guardiano Abbiamo quindi analizzato lipotesi in cui soggetto passivo dimposta sia il trust (entificato)

22 22 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE Trust trasparenti Quello che abbiamo appena analizzato però non è lunico modulo impositivo applicabile ai trust, giacché il secondo comma dellart. 73 disciplina, al terzo periodo, lipotesi dei trust trasparenti Prevede, infatti, larticolo richiamato che Nei casi in cui i beneficiari del trust siano individuati, i redditi conseguiti dal trust sono imputati in ogni caso ai beneficiari Viene poi specificato che limputazione avviene in proporzione alla quota di partecipazione individuata nellatto di costituzione del trust o in altri documenti successivi ovvero, in mancanza, in parti uguali

23 23 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE (segue) Trust trasparenti Il quadro normativo si completa con il primo comma dellart. 44 che alla lettera g-sexies, mediante una riqualificazione forzosa, fa rientrare fra i redditi di capitale anche i redditi imputati al beneficiario del trust ai sensi dellarticolo 73, comma 2, anche se non residente

24 24 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE …. ritornando allo schema di partenza: disponente trustee trust (entificato) beneficiari guardiano Siamo quindi nellipotesi in cui soggetto passivo dimposta siano i beneficiari

25 25 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE (segue) Trust trasparenti … tornando ai trust trasparenti il punto nodale della norma riguarda cosa debba intendersi per beneficiari individuati nozione di BENEFICIARIO INDIVIDUATO

26 26 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE (segue) Trust trasparenti: la nozione di beneficiari individuati Subito dopo lapprovazione della legge, anche presso il Ministero si erano diffuse delle interpretazione strampalate Con la circolare 48/E, conforme sul punto alla migliore dottrina, si è finalmente chiarita la necessità che il beneficiario non solo sia puntualmente individuato, ma che risulti titolare del diritto di pretendere dal trustee l'assegnazione di quella parte di reddito che gli viene imputata per trasparenza

27 27 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE (segue) Trust trasparenti: la nozione di beneficiari individuati La stessa circolare ha poi chiarito che L'art. 73 dispone che i redditi siano imputati " in ogni caso " ai beneficiari, cioè indipendentemente dall'effettiva percezione, secondo un criterio di competenza. Tale precisazione si è resa necessaria per coordinare la tassazione per trasparenza del trust con la natura del reddito attribuito al beneficiario, che è considerato reddito di capitale

28 28 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE (segue) Trust trasparenti: la nozione di beneficiari individuati Riportando questo ragionamento al diritto dei trust i beneficiari individuati sono solo quelli che hanno un diritto vested e quindi i beneficiari che abbiano un diritto già certo a ricevere quel reddito Se vi sono invece delle contingency il beneficiario ha solo una mera aspettativa che non mi pare sufficiente per delineare la presenza di un indice di capacità contributiva tale da rispettare il precetto costituzionale

29 29 Rag. Giuseppe Lepore LA FISCALITÀ DEI TRUST INTERNI: LE IMPOSTE DIRETTE (segue) Trust trasparenti: la nozione di beneficiari individuati Questo concetto è stato chiaramente affermato dal Ministero nella recente Risoluzione n. 425/E del 5 novembre 2008, nella quale si legge che: la riferibilità immediata dei redditi ai beneficiari – quale presupposto per la tassazione per trasparenza – esclude che vi sia discrezionalità alcuna in capo al trustee in ordine sia alla individuazione dei beneficiari, sia alla eventuale imputazione del reddito ai beneficiari stessi. (…) Al contrario, se il trustee ha il potere di scegliere se, quando, in che misura o a chi attribuire il reddito del trust, tale discrezionalità fa venir meno lautomatismo che è il presupposto della imputazione per trasparenza, indipendentemente dalla effettiva percezione, in capo al beneficiario

30 DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA

31 Il percorso delloperatore dovrà quindi essere il seguente: 1) determinazione del reddito del trust 2) indicazione da parte del trustee a) della parte di reddito attribuita al trust (trust opaco) b) della parte di reddito imputata ai beneficiari (trust trasparente) Il percorso delloperatore dovrà quindi essere il seguente: 1) determinazione del reddito del trust 2) indicazione da parte del trustee a) della parte di reddito attribuita al trust (trust opaco) b) della parte di reddito imputata ai beneficiari (trust trasparente)

32 Esaminiamo caratteristiche Trust opaco Trust trasparente Esaminiamo caratteristiche Trust opaco Trust trasparente

33 1) il trust residente imputa per trasparenza i redditi A) ai beneficiari residenti Trust trasparente 1) il trust residente imputa per trasparenza i redditi A) ai beneficiari residenti

34 B) ai beneficiari non residenti (tale reddito viene tassato in Italia in quanto prodotto in Italia ( ai sensi dellart. 23 c.1 lett b) è un reddito da capitale corrisposto da soggetto residente B) ai beneficiari non residenti (tale reddito viene tassato in Italia in quanto prodotto in Italia ( ai sensi dellart. 23 c.1 lett b) è un reddito da capitale corrisposto da soggetto residente

35 2) il trust non residente È soggetto passivo Ires per i soli redditi prodotti in Italia, imputa per trasparenza detti redditi Ai soli beneficiari residenti 2) il trust non residente È soggetto passivo Ires per i soli redditi prodotti in Italia, imputa per trasparenza detti redditi Ai soli beneficiari residenti

36 DEROGA I REDDITI DEVONO ESSERE IMPUTATI AI BENEFICIARI ANCORCHE ESSI SIANO STATI PERCEPITI MA I REDDITI DI CAPITALE HANNO SEMPRE UTILIZZATO IL PRINCIPIO DI CASSA MA PER I TRUST VALE PRINCIPIO DI COMPETENZA DEROGA I REDDITI DEVONO ESSERE IMPUTATI AI BENEFICIARI ANCORCHE ESSI SIANO STATI PERCEPITI MA I REDDITI DI CAPITALE HANNO SEMPRE UTILIZZATO IL PRINCIPIO DI CASSA MA PER I TRUST VALE PRINCIPIO DI COMPETENZA

37 BENEFICIARI INDIVIDUATI: CHI SONO Per la Circolare 48/E è IL SOGGETTO CHE ESPRIME RISPETTO A QUEL REDDITO UNA CAPACITA CONTRIBUTIVA ATTUALE BENEFICIARI INDIVIDUATI: CHI SONO Per la Circolare 48/E è IL SOGGETTO CHE ESPRIME RISPETTO A QUEL REDDITO UNA CAPACITA CONTRIBUTIVA ATTUALE

38 E importante quindi che il beneficiario risulti non solo A) individuato ma anche B) titolare del diritto di pretendere dal trustee lassegnazione di quel reddito E importante quindi che il beneficiario risulti non solo A) individuato ma anche B) titolare del diritto di pretendere dal trustee lassegnazione di quel reddito

39 Da ciò discende che non si ha trasparenza 1) trust di accumulo 2) trust discrezionali Da ciò discende che non si ha trasparenza 1) trust di accumulo 2) trust discrezionali

40 Trust opaco 1) residente: tassato per i redditi ovunque prodotti secondo principio world wide income 2) non residente: tassato solo in base ai redditi prodotti in Italia Trust opaco 1) residente: tassato per i redditi ovunque prodotti secondo principio world wide income 2) non residente: tassato solo in base ai redditi prodotti in Italia

41 IL BILANCIO IL RENDICONTO E LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI OBIETTIVI DIVERSI DESTINATARI DIVERSI METODOLOGIE DIVERSE ELEMENTI DIVERSI IL BILANCIO IL RENDICONTO E LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI OBIETTIVI DIVERSI DESTINATARI DIVERSI METODOLOGIE DIVERSE ELEMENTI DIVERSI

42 Frontespizio Nel caso di soggetto qualificato come Trust (art. 73, comma 1, del TUIR), nella presente casella va indicato uno dei seguenti codici: 1 - per il Trust opaco; 2 - per il Trust trasparente; 3 - per il Trust misto. Ciò permetterà al Ministero di conoscere, anche se non ha mai visto latto istitutivo il percorso dei redditi, dalla loro fonte di origine allestuario. Natura giuridica: il relativo codice deve essere desunto dalla tabella B. 54 Trust residenti 44 trust non residenti Nel caso di soggetto qualificato come Trust (art. 73, comma 1, del TUIR), nella presente casella va indicato uno dei seguenti codici: 1 - per il Trust opaco; 2 - per il Trust trasparente; 3 - per il Trust misto. Ciò permetterà al Ministero di conoscere, anche se non ha mai visto latto istitutivo il percorso dei redditi, dalla loro fonte di origine allestuario. Natura giuridica: il relativo codice deve essere desunto dalla tabella B. 54 Trust residenti 44 trust non residenti

43 Firma della dichiarazione Il trustee deve ricordarsi che deve apporre tre firme 1° firma per ricevuta del conferimento dellincarico al professionista abilitato che rilascerà attestazione dellimpegno a trasmettere 2° firma sulla dichiarazione cartacea 3° firma di aver ricevuto la ricevuta dellavvenuta trasmissione telematica Il trustee deve ricordarsi che deve apporre tre firme 1° firma per ricevuta del conferimento dellincarico al professionista abilitato che rilascerà attestazione dellimpegno a trasmettere 2° firma sulla dichiarazione cartacea 3° firma di aver ricevuto la ricevuta dellavvenuta trasmissione telematica

44 Un caso pratico di compilazione Atto di trust che preveda a) che i redditi vadano tutti a un beneficiario b) che i redditi derivino da: 1) locazione di immobile a euro annue Avente r.c. euro 1.432,00 Atto di trust che preveda a) che i redditi vadano tutti a un beneficiario b) che i redditi derivino da: 1) locazione di immobile a euro annue Avente r.c. euro 1.432,00

45 Spese sostenute per immobile Manutenzioni ordinarie Manutenzioni straordinarie Ici 750,00 Manutenzioni ordinarie Manutenzioni straordinarie Ici 750,00

46 Determinazione del reddito del trust Che soggetto è? Ente non commerciale residente il reddito complessivo è determinato sulla base della somma dei redditi appartenenti alle varie categorie reddituali: redditi fondiari, di capitale, redditi di impresa e redditi diversi ( vedi Circ 13/3/2006 n° 10 paragrafo 14.2). Che soggetto è? Ente non commerciale residente il reddito complessivo è determinato sulla base della somma dei redditi appartenenti alle varie categorie reddituali: redditi fondiari, di capitale, redditi di impresa e redditi diversi ( vedi Circ 13/3/2006 n° 10 paragrafo 14.2).

47 Redditi da locazione si applica art.144 comma 1 che dispone lapplicazione dellart.90 comma 1 ultimo periodo si applica art.144 comma 1 che dispone lapplicazione dellart.90 comma 1 ultimo periodo

48 Art. 90 comma 1 Tuir concorre alla formazione del reddito imponibile il maggior valore tra la rendita catastale (rivalutata del 5%) e il canone di locazione ridotto delle sole spese sostenute per la realizzazione degli interventi di cui allart. 3 comma 1 lett a) del D.P.R. 6/6/2001 n° 380 concorre alla formazione del reddito imponibile il maggior valore tra la rendita catastale (rivalutata del 5%) e il canone di locazione ridotto delle sole spese sostenute per la realizzazione degli interventi di cui allart. 3 comma 1 lett a) del D.P.R. 6/6/2001 n° 380

49 Art. 3 comma 1 lett a) del D.P.R. 6/6/2001 n° 380 SI riferisce alle manutenzioni ordinarie. A condizione che: a) siano effettivamente rimaste a carico dellente non commerciale b) fino ad un massimo del 15% del canone medesimo SI riferisce alle manutenzioni ordinarie. A condizione che: a) siano effettivamente rimaste a carico dellente non commerciale b) fino ad un massimo del 15% del canone medesimo

50 Nel nostro caso poichè le spese di manutenzione ordinaria euro 2.500,00 eccedono il 15% del valore del canone di locazione esso verrà diminuito di euro 1.500,00 determinando un valore di 8.500,00 superiore al valore della rendita rivalutata del 5%

51 Il trust compilerà il modello Unico 760 enti non commerciali e compilerà il quadro B per il reddito da fabbricati che darà luogo allabbattimento del 15 per cento, determinando un reddito netto imputabile al beneficiario di euro che andrà evidenziato nel quadro di nuova istituzione PN.

52 Società Beni ImmobiliDenaro e Titoli PATRIMONIO Moglie Figlio 1 Interessato all attività di impresa Figlia Non interessata allattività di impresa Figlia Minorenne naturale non riconosciuta Tizio Socio di maggioranza s.p.a.

53 Obiettivi di Tizio Mantenere la proprietà della società allinterno della famiglia legittima e assicurarne la continuazione e lo sviluppo futuro. Designare Figlio 1 come suo successore alla guida della società. Rispettare solo i diritti degli eredi legittimi escludendo la figlia naturale non riconosciuta. Mantenere la proprietà della società allinterno della famiglia legittima e assicurarne la continuazione e lo sviluppo futuro. Designare Figlio 1 come suo successore alla guida della società. Rispettare solo i diritti degli eredi legittimi escludendo la figlia naturale non riconosciuta.

54 Soluzione tradizionale TIZIO DISPONE PER TESTAMENTO RISPETTANDO LE QUOTE DI LEGITTIMA ATTRIBUENDO: Al Figlio le quote della Società. Alla Figlia e alla Moglie i beni immobili. ASPETTI CRITICI Figlia naturale raggiunta la maggior età ottiene in sede giudiziale dopo la morte di Tizio il riconoscimento della paternità. Disposizioni testamentarie suscettibili di riduzione con conseguente comunione ereditaria su tutti i beni, ivi compresa la società. TIZIO DISPONE PER TESTAMENTO RISPETTANDO LE QUOTE DI LEGITTIMA ATTRIBUENDO: Al Figlio le quote della Società. Alla Figlia e alla Moglie i beni immobili. ASPETTI CRITICI Figlia naturale raggiunta la maggior età ottiene in sede giudiziale dopo la morte di Tizio il riconoscimento della paternità. Disposizioni testamentarie suscettibili di riduzione con conseguente comunione ereditaria su tutti i beni, ivi compresa la società.

55 Soluzioni alternative Trust

56 Modalità di realizzo: Disponente:Tizio. Fondo in trust: azioni spa, nuda proprietà beni immobili (usufrutto / diritto abitazione a Tizio e Moglie; usufrutto a Figlia), denaro e titoli Trustee: soggetto terzo con poteri discrezionali. Guardiano: Tizio > potere nomina amministratore spa (Figlio) e nomina nuovi trustees. Beneficiari: attuali e potenziali del reddito del fondo in trust / beneficiari finali dei beni del fondo in trust. Durata: il compimento del decimo anno dalla morte di Tizio. Modalità di realizzo: Disponente:Tizio. Fondo in trust: azioni spa, nuda proprietà beni immobili (usufrutto / diritto abitazione a Tizio e Moglie; usufrutto a Figlia), denaro e titoli Trustee: soggetto terzo con poteri discrezionali. Guardiano: Tizio > potere nomina amministratore spa (Figlio) e nomina nuovi trustees. Beneficiari: attuali e potenziali del reddito del fondo in trust / beneficiari finali dei beni del fondo in trust. Durata: il compimento del decimo anno dalla morte di Tizio.

57 Vantaggi: Preserva patrimonio nel tempo evitandone il frazionamento. Tizio può verificare a priori la bontà della propria scelta ed eventualmente modificarla. Assicura la continuità aziendale nel passaggio generazionale rendendo possibile un equilibrio tra azionariato e management e prevenendo eventuale disaccordo su strategie e decisioni. Consente flessibilità e variabilità delle posizioni beneficiarie.

58 Trust: aspetti fiscali IMPOSTE INDIRETTE (DONAZIONE, IPOTECARIE E CATASTALI) La istituzione del Trust con il trasferimento al Trustee di azioni e nuda proprietà di immobili è soggetta a imposta di donazione: Se i beneficiari del Trust sono individuati (trust trasparente): si applica laliquota propria del beneficiario in rapporto al grado di parentela con il disponente pari al 4% con franchigia di 1 MLN di Euro per ciascuno dei legittimari,moglie e figli; Se i beneficiari non sono individuati (Trust opaco) - ad esempio lindividuazione è rimessa successivamente al trustee - si applica laliquota dell8%. In entrambi i casi: Per gli immobili conferiti in Trust, sono dovute limposta ipotecaria (2%) e catastale (1%). Il successivo trasferimento dei beni dal trustee ai beneficiari finali non sconta imposta di donazione (già assolta al momento della istituzione del trust). IMPOSTE INDIRETTE (DONAZIONE, IPOTECARIE E CATASTALI) La istituzione del Trust con il trasferimento al Trustee di azioni e nuda proprietà di immobili è soggetta a imposta di donazione: Se i beneficiari del Trust sono individuati (trust trasparente): si applica laliquota propria del beneficiario in rapporto al grado di parentela con il disponente pari al 4% con franchigia di 1 MLN di Euro per ciascuno dei legittimari,moglie e figli; Se i beneficiari non sono individuati (Trust opaco) - ad esempio lindividuazione è rimessa successivamente al trustee - si applica laliquota dell8%. In entrambi i casi: Per gli immobili conferiti in Trust, sono dovute limposta ipotecaria (2%) e catastale (1%). Il successivo trasferimento dei beni dal trustee ai beneficiari finali non sconta imposta di donazione (già assolta al momento della istituzione del trust).

59 Trust: aspetti fiscali IMPOSTE DIRETTE Nel nostro Caso il trust non ha redditi derivanti da partecipazione e da immobili in quanto nudo proprietario. Sugli altri redditi, in generale Trust trasparente (beneficiari individuati): i redditi conseguiti dal trust sono imputati in ogni caso ai beneficiari in proporzione alla quota di beneficio attribuita o, in mancanza individuazione, in parti uguali e costituiscono per i beneficiari medesimi redditi di capitale tassati con le aliquote personali. Trust opaco (beneficiari non individuati): il trust è soggetto ad IRES con aliquota del 27,50% (e IRAP 3,9%) per i redditi conseguiti. La successiva distribuzione degli utili conseguiti dal trust è soggetta alla disciplina dei dividendi. Se i percettori sono pf non imprenditori si ha la tassazione sostitutiva del 12,50% (non qualificate) o concorso al reddito complessivo per il 49% dellammontare percepito (qualificate). IMPOSTE DIRETTE Nel nostro Caso il trust non ha redditi derivanti da partecipazione e da immobili in quanto nudo proprietario. Sugli altri redditi, in generale Trust trasparente (beneficiari individuati): i redditi conseguiti dal trust sono imputati in ogni caso ai beneficiari in proporzione alla quota di beneficio attribuita o, in mancanza individuazione, in parti uguali e costituiscono per i beneficiari medesimi redditi di capitale tassati con le aliquote personali. Trust opaco (beneficiari non individuati): il trust è soggetto ad IRES con aliquota del 27,50% (e IRAP 3,9%) per i redditi conseguiti. La successiva distribuzione degli utili conseguiti dal trust è soggetta alla disciplina dei dividendi. Se i percettori sono pf non imprenditori si ha la tassazione sostitutiva del 12,50% (non qualificate) o concorso al reddito complessivo per il 49% dellammontare percepito (qualificate).

60 I Trust nellambito societario Trust e Holding: sistemi a confronto ed efficienza fiscale

61 Trust / Holding a capo di Gruppi societari Simulazione carico fiscale complessivo su Distribuzione di dividendi Plusvalenze da capital-gain Simulazione carico fiscale complessivo su Distribuzione di dividendi Plusvalenze da capital-gain

62 Trust Holding B Trust Soc.3Soc.2Soc.1 Holding Soc.2Soc.1Soc.3 BBSSS

63 Presupposti Trust residente Holding residente Trust ente non commerciale Aliquota Irpef: 43% Requisiti PEX Soci persone fisiche Beneficiari persone fisiche

64 Modalità di tassazione degli enti non commerciali Previsto passaggio degli Enti non Commerciali dal regime Ires al regime Ire (riforma del sistema fiscale statale, art.3, comma 1, lett.a), legge n.80)

65 Modalità di tassazione degli enti non commerciali Regime transitorio: Imponibilità dei dividendi limitata al 5% del loro ammontare (D.Lgs. 12 Dicembre 2003, n.344, art.4, coma 1, lett.q)

66 Dividendi Holding – Soci qualificati Dividendi distribuiti da controllate Imponibile Holding ( x 5%) Imposta Ires Holding ( x 27,5%) Dividendo distribuito da Holding ( – ) Imponibile Irpef Soci ( x 49,72%) Imposta Irpef Soci ( x 43%) Totale imposte Holding + Soci

67 Dividendi Holding – Soci non qualificati Dividendi distribuiti da controllate Imponibile Holding ( x 5%) Imposta Ires Holding ( x 27,5%) Dividendo distribuito da Holding ( – ) Imponibile Irpef Soci Imposta Sostitutiva Soci ( x 12,5%) Totale imposte Holding + Soci

68 Dividendi Trust opaco Dividendi distribuiti da controllate Imponibile Trust ( x 5%) Imposta Ires Trust ( x 27,5%) Erogazione ai Beneficiari ( – ) Imponibile Irpef Beneficiari0 Imposta Beneficiari0 Totale imposte Trust + Beneficiari13.750

69 Dividendi Trust trasparente Dividendi distribuiti da controllate Imponibile Trust ( x 5%) Imposta Ires Trust0 Erogazione ai Beneficiari Imponibile Irpef Beneficiari Imposta Beneficiari ( x 43%) Totale imposte Trust + Beneficiari21.500

70 Dividendi Carico fiscale complessivo - raffronto Holding – Soci qualificati Holding – Soci non qualificati Trust trasparente Trust opaco13.750

71 Plusvalenze da capital-gain Holding – Soci qualificati Plusvalenza da cessione partecipazioni Imponibile Holding ( x 5%) Imposta Ires Holding ( x 27,5%) Dividendo distribuito da Holding ( – ) Imponibile Irpef Soci ( x 49,72%) Imposta Irpef Soci ( x 43%) Totale imposte Holding + Soci

72 Plusvalenze da capital-gain Holding – Soci non qualificati Plusvalenza da cessione partecipazioni Imponibile Holding ( x 5%) Imposta Ires Holding ( x 27,5%) Dividendo distribuito da Holding ( – ) Imponibile Irpef Soci Imposta Sostitutiva Soci ( x 12,5%) Totale imposte Holding + Soci

73 Plusvalenze da capital-gain Trust opaco QualificataNon qualificata Plusvalenza da cessione partecipazioni Imponibile Ires Trust ( x 49,72%) Imponibile Imposta Sostitutiva Trust1.000,000 Imposta Ires Trust ( x 27,5%) Imposta Sostitutiva Trust ( x 12,5%) Erogazione ai Beneficiari Imponibile Irpef Beneficiari00 Imposta Beneficiari00 Totale imposte Trust + Beneficiari

74 Plusvalenze da capital-gain Trust trasparente QualificataNon qualificata Plusvalenza da cessione partecipazioni Imponibile Ires Trust ( x 49,72%) Imponibile Imposta Sostitutiva Trust1.000,000 Imposta Ires Trust0 Imposta Sostitutiva Trust ( x 12,5%) Erogazione ai Beneficiari Imponibile Irpef Beneficiari Imposta Beneficiari ( x 43%) Totale imposte Trust + Beneficiari

75 Plusvalenze da capital-gain Carico fiscale complessivo - raffronto QualificataNon qualificata Holding Trust trasparente Trust opaco

76 Dividendi e Plusvalenze da capital-gain Riepilogo situazioni di massima efficienza RedditoSituazioneImposta tot.% Dividendi - qualificatiTrust opaco ,37 Dividendi – non qualificatiTrust opaco ,37 Plusvalenze – qualificateTrust opaco ,67 Plusvalenze – non qualificateTrust opaco/trasparente ,50

77 Perché un Trust Il Trust non determina una riduzione di imposte Il Trust è colpito dalla revocatorie fallimentari e ordinarie Il Trust è colpito dallazione di riduzione in caso di lesione di legittima Il Trust è annullabile se fatto in frode ai creditori Il Trust dovrebbe essere irrevocabile e quindi comportare scelte irreversibili Il Trust va usato quando tutti gli altri strumenti presenti nel nostro ordinamento non possono soddisfare egualmente le stesse esigenze Ma allora perché fare un Trust? Negli esempi che vedremo si capirà le potenzialità dellIstituto nel garantire interessi meritevoli di tutela che il nostro ordinamento non riesce a soddisfare con pari garanzie e soddisfazione Il Trust non determina una riduzione di imposte Il Trust è colpito dalla revocatorie fallimentari e ordinarie Il Trust è colpito dallazione di riduzione in caso di lesione di legittima Il Trust è annullabile se fatto in frode ai creditori Il Trust dovrebbe essere irrevocabile e quindi comportare scelte irreversibili Il Trust va usato quando tutti gli altri strumenti presenti nel nostro ordinamento non possono soddisfare egualmente le stesse esigenze Ma allora perché fare un Trust? Negli esempi che vedremo si capirà le potenzialità dellIstituto nel garantire interessi meritevoli di tutela che il nostro ordinamento non riesce a soddisfare con pari garanzie e soddisfazione


Scaricare ppt "1 AIGA sezione di Udine Udine 8 ottobre 2010 Introduzione al Trust e ai suoi impieghi nella pratica professionale Rag. Giuseppe Lepore Commercialista in."

Presentazioni simili


Annunci Google