La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Page 1 Le guerre nel mondo Page 2 Gli accordi di Ginevra del 1954 prevedevano che il Vietnam si sarebbe dovuto riunificare con un referendum popolare,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Page 1 Le guerre nel mondo Page 2 Gli accordi di Ginevra del 1954 prevedevano che il Vietnam si sarebbe dovuto riunificare con un referendum popolare,"— Transcript della presentazione:

1

2 Page 1 Le guerre nel mondo

3 Page 2 Gli accordi di Ginevra del 1954 prevedevano che il Vietnam si sarebbe dovuto riunificare con un referendum popolare, che non fu voluto dagli USA per paura che potesse prevalere il comunismo.

4 Page 3 Nel Vietnam del Sud i vietcong combattevano per l'indipendenza e la riunificazione delle due parti e anche contro il regime di Saigon.

5 Page 4 Kennedy, prima di morire, aveva inviato consiglieri militari per sconfiggere i vietcong, anche se fu tutto inutile, perché loro furono aiutati dalle truppe del Nord e quindi dalla Cina.

6 Page 5 L'URSS e la Cina sostenerono economicamente Hanoi, mentre gli Stati Uniti Saigon. Gli USA utilizzarono mezzi tecnologici e defolianti, ma nonostante tutto questo persero.

7 Page 6 Giovani americani manifestano contro la guerra nel Vietnam

8 Page 7 Per non parlare poi dell'estremo disagio di coloro che tornarono a casa, senza riuscire mai più a condurre una vita normale : molti rimasero traumatizzati per sempre, altri impazzirono e tanti si suicidarono.

9 Page 8 Reduci dalla guerra del Vietnam manifestano per la fine del conflitto a Washington

10 Page 9 Centinaia e centinaia di giovani ragazzi americani, dopo essere stati arruolati dall'esercito, spesso senza condividere le motivazioni di tale conflitto, persero la vita in modo atroce o restarono mutilati quindi invalidi per il resto dei loro giorni.

11 Page 10

12 Page 11 Nel 1973 con l'Accordo di Parigi si giunse a un armistizio e nel '75 vennero unificati i due Vietnam. Molti Vietnamiti scapparono, perché lì non avevano il diritto di scegliere il proprio destino.

13 Page 12 Un'intera nottata buttato vicino a un compagno massacrato con la sua bocca digrignata volta al plenilunio con la congestione delle sue mani penetrata nel mio silenzio ho scritto lettere piene d'amore Non sono mai stato tanto attaccato alla vita Giuseppe Ungaretti Veglia (L'allegria)

14 Page 13 Giuseppe Ungaretti Giuseppe Ungaretti nasce ad Alessandria d'Egitto nel 1888, da genitori toscani emigrati. Dopo gli studi liceali si trasferisce a Parigi, dove frequenta l'università e conosce esponenti della cultura francese, come i pittori Braque e Picasso, gli scrittori Apollinaire e Breton, ma incontra anche alcuni scrittori italiani (Soffici, Palazzeschi, Savinio) che di Parigi avevano fatto in quegli anni una seconda patria. Allo scoppio della prima guerra mondiale, torna in Italia e si arruola come soldato semplice combattendo in prima linea sul fronte del Carso. La vita di trincea è un'esperienza decisiva per il poeta che scopre compiutamente in quei mesi la propria vocazione di scrittore. Negli anni successivi aderisce al fascismo lavorando come addetto culturale all'ambasciata italiana a Parigi. Fa il corrispondente dei giornali "Il Popolo di Italia" e "La Gazzetta del Popolo". Nel 1931 accetta la cattedra di letteratura italiana all'università di San Paolo in Brasile. Lì nel 1939 una tragedia sconvolge la sua esistenza: la morte del figlio Antonietto, di nove anni, in seguito ad un incidente. Tornato in Italia, dal 1942 al 1958 insegna letteratura italiana all'università di Roma e continua la sua attività di poeta e uomo di cultura. Muore a Milano nel La poesia di Ungaretti è complessa e toccata da molteplici influenze; col trascorrer del tempo, sempre più egli attribuirà importanza al concetto di memoria, intesa nella sua accezione individuale come in quella derivante dal patrimonio collettivo di sapere cumulatosi nel corso delle epoche.

15 Page 14 Sud-Est Asiatico Il Vietnam si trova in quella parte del mondo che chiamiamo Sud-Est Asiatico.L'Asia sud-orientale è formata da molte penisole e isole, al cui centro troviamo l'isola del Borneo. Esso si trova tra due continenti, quello asiatico e australiano e quindi tra l'Oceano Indiano e l'Oceano Pacifico. Nella regione sud-est asiatica troviamo vari fiumi e tra i più importanti troviamo il Fiume Rosso, il Chao Phraya e il Mekong. Il clima è tropicale monsonico. Gli Stati che la compongono sono il Myanmar, la Thailandia, la Cambogia, il Laos, il Vietnam, la Malaysia, Singapore, l'Indonesia, Filippine e Brunei. E' Composta da 520 milioni di persone. Sono numerose le religioni, le lingue e i gruppi etnici. Le religioni più professate sono il buddismo e il cattolicesimo. Dal punto di vista economico è molto specializzato per quanto riguarda l'agricoltura, le colture specializzate (canna da zucchero, noci di cocco, palma da olio, cotone, caucciù, caffè e thè) e risorse energetiche. Nonostante tutto è ancora è un paese in via di evoluzione, eccetto per Brunei e Singapore che sono molto evolute.

16 Page 15 I Costruttori di Pace Sono due i costruttori di pace di cui parlerò: Martin Luther King e Madre Teresa di Calcutta. Martin Luther King nacque ad Atlanta nel 1929 e morì a Memphis assassinato nel Nel '64, quattro anni prima della sua morte, aveva ricevuto il premio Nobel per la Pace. Egli sognava un mondo in cui si riuscivano a superare le difficoltà razziali e sociali. Parlò di tutto questo nel discorso "I have a dream", tradotto in italiano "Io ho un sogno". Sogna un mondo in cui tutti si rendono conto di essere fratelli e dove non si giudica una persona dal colore della pelle o dalla razza, perché siamo tutti uguali in dignità e diritti. Invece Madre Teresa di Calcutta nacque nel 1910 a Skopje e divenne suora nel Nel 1979 ricevette il Nobel per la Pace. Il brano riportato nel libro è una lettera che scrisse per il Presidente Bush e Saddam Hussein. Madre Teresa chiede a entrambi di porre termine alla guerra di quel periodo fra i loro due paesi, perché Dio ci ha creati per insegnarci la pace e non per odiarci. Dopo questa preghiera di scegliere la via della pace, chiede, infine, a Dio di perdonarli per quello che fanno. Conclude la lettera con queste parole: Dio vi benedica, Madre Teresa Mc.

17 Page 16 Martin Luther King, (Atlanta, 15 gennaio 1929 – Memphis, 4 aprile 1968), è stato un pastore protestante, politico e attivista statunitense, leader dei diritti civili.Atlanta15 gennaio1929Memphis4 aprile1968pastore protestantepoliticoattivistastatunitensediritti civili

18 Page 17

19 Page 18 La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani fu approvata il 10 Dicembre E' sottoscritta da tutti i paesi aderenti all' ONU e costituisce una specie di carta fondamentale a cui molti paesi si sono ispirati per creare la propria Costituzione. In essa vengono affermati i diritti civili, politici, economici, sociali e culturali dell'uomo. Gli Stati sono tenuti a rispettarli. Il 1° articolo di questa dichiarazione dice che tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di Tutti i paesi delle Nazioni Unite hanno deciso di aderire a questa dichiarazione per promuovere il progresso sociale e un miglior tenore di vita.

20 Page 19 Terrorismo e Guerre Conosciamo tanti tipi di terrorismo. Quello della Colombia, della Cecenia e dell' Algeria, ma naturalmente quello più conosciuto e temuto per la sua pericolosità è il terrorismo islamico. Al-Qaeda venne fondata nel 1990 da Osama Bin Laden. Questa organizzazione è conosciuta in tutto il mondo, soprattutto dopo la caduta delle Torri Gemelle, l'11 Settembre Le ipotesi di questo terribile attacco terroristico che costò la vita a più di tremila persone, sono tre: la prima è che Al-Qaeda voleva dimostrare di riuscire a mettere in ginocchio gli Stati Uniti, la seconda è che gli Israeliani abbiano fatto tutto questo per mettere in cattiva luce gli islamici, in modo da poter ottenere appoggi politico-militari, mentre la terza, considerata la più terribile, è quella che siano stati gli stessi USA ad agevolare il terribile attentato per giustificare le guerre. Naturalmente come ho già detto in precedenza esistono altre organizzazioni, come per esempio lIRA, che vuole vedere l'Irlanda del Nord incorporata con la Repubblica d'Irlanda, e l'ETA che vuole l'indipendenza del Paese Basco spagnolo. Perfino la nostra Italia ha vissuto un lungo periodo di terrorismo detto " anni di piombo " in cui Ordine Nuovo, un gruppo neofascista che voleva un governo forte, e le Brigate Rosse, che volevano colpire le istituzione dello Stato, resero gli anni che vanno dal '69 fino agli inizi degli anni Ottanta, un periodo di paura e incertezza nel nostro paese. Ai giorni nostri, i paesi che soffrono di più a causa del terrorismo e delle guerre, sono l'Asia e l'Africa. In Africa si continua a morire nel Sudan, mentre in Asia si soffre a causa delle guerre in Afghanistan, Iraq, Myanmar, Timor Est, nello Sri Lanka, in Pakistan, India e Palestina. Spesso dietro tutto questo c'è l'Europa con i suoi interessi economici e per questo dopo gli anni dei campi di concentramento la NATO decise di intervenire in queste guerre. Precedentemente ho parlato di una guerra in Palestina e adesso spiegherò il motivo di questo conflitto.Fino a 4000 anni fa la Palestina era abitata dagli Ebrei, che dopo tre secoli furono costretti a spostarsi in Egitto, per poi ritornare in Palestina nuovamente e finire vinti dai Babilonesi. Tornarono in patria nel 538 a.C ma poi finirono sotto dominazione romana. In questo periodo per opera dell'imperatore Adriano avvenne la diaspora ovvero la dispersione degli Ebrei in tutto il mondo. Quando riuscirono a tornare in Palestina trovarono al loro posto gli Arabi e così fra i due popoli cominciò un lungo conflitto, che ai giorni nostri non è ancora terminato. Fin dagli anni Sessanta si combatte per trovare una soluzione alle guerre, facendo nascere così numero organizzazioni pacifiste. Sembra impossibile ma ci sono persone, come per esempio gli industriali, che preferiscono la guerra alla pace, in quanto per loro è più proficua, dal momento che gli consente di guadagnare ingenti somme di denaro, grazie alla produzione e allo smercio di armi.

21 Page 20 Materia : Arte

22 Page 21 In questo dipinto, Pablo Picasso, raffigura il tragico bombardamento della città di Guernica, da parte di aerei tedeschi. L'artista utilizza una tecnica di olio su tela e nel quadro riusciamo a distinguere un toro, una lampada, un cavallo che si dibatte, un caduto che tiene in mano un fiore ed una donna che fugge dalla sua casa in fiamme. Essi si possono definire i protagonisti del dipinto e nessuno di loro è stato messo a caso. Infatti, ognuno di loro, ha un significato ben preciso. Il toro rappresenta la crudeltà della guerra. La luce della lampada serve a illuminare la scena. Il cavallo che si dibatte simboleggia il popolo colpito, ovvero quello spagnolo. Il caduto esprime la sconfitta dell'uomo, mentre il fiore che tiene in mano rappresenta la speranza. Per ultimo, ma non per questo meno importante, troviamo una donna che fugge dalla sua casa, perché in fiamme, con le braccia alzate, che è posta simmetricamente rispetto al toro, rendendo il suo gesto evidente.

23 Page 22 Materia : Tecnologia

24 Page 23 La Centrale Idroelettrica trasforma l' acqua in energia elettrica. Dal bacino a monte diparte una diga, una parte dell' acqua arriva alla turbina azionando le sue pale e passando per il generatore e il trasformatore diventa energia elettrica. Invece una parte di essa viene restituita al fiume

25 Page 24 Materia : Inglese

26 Page 25 William Shakespeare (baptised 23 April 1564; died 23 April 1616) [nb 1] was an English poet and playwright, widely regarded as the greatest writer in the English language and the world's pre-eminent dramatist. [1] He is often called England's national poet and the "Bard of Avon". [2][nb 2] His surviving works, including some collaborations, consist of about 37 plays, [nb 3] 154 sonnets, two long narrative poems, and several other poems. His plays have been translated into every major living language and are performed more often than those of any other playwright. [3]baptised [nb 1] [1]national poet [2][nb 2]collaborationsplays [nb 3]sonnetsnarrative poems [3] Shakespeare was born and brought up in Stratford-upon-Avon. At the age of 18, he married Anne Hathaway, with whom he had three children: Susanna, and twins Hamnet and Judith. Between 1585 and 1592, he began a successful career in London as an actor, writer, and part owner of a playing company called the Lord Chamberlain's Men, later known as the King's Men. He appears to have retired to Stratford around 1613 at age 49, where he died three years later. Few records of Shakespeare's private life survive, and there has been considerable speculation about such matters as his physical appearance, sexuality, religious beliefs, and whether the works attributed to him were written by others. [4]Stratford-upon-AvonAnne HathawaySusannaHamnetJudithplaying companyLord Chamberlain's MenKing's Menhis physical appearance sexualityreligious beliefswritten by others [4] Shakespeare produced most of his known work between 1589 and [5][nb 4] His early plays were mainly comedies and histories, genres he raised to the peak of sophistication and artistry by the end of the 16th century. He then wrote mainly tragedies until about 1608, including Hamlet, King Lear, Othello, and Macbeth, considered some of the finest works in the English language. In his last phase, he wrote tragicomedies, also known as romances, and collaborated with other playwrights. [5][nb 4]comedieshistoriestragediesHamletKing LearOthello Macbethtragicomedies Many of his plays were published in editions of varying quality and accuracy during his lifetime. In 1623, two of his former theatrical colleagues published the First Folio, a collected edition of his dramatic works that included all but two of the plays now recognised as Shakespeare's.First Folio Shakespeare was a respected poet and playwright in his own day, but his reputation did not rise to its present heights until the 19th century. The Romantics, in particular, acclaimed Shakespeare's genius, and the Victorians worshipped Shakespeare with a reverence that George Bernard Shaw called "bardolatry". [6] In the 20th century, his work was repeatedly adopted and rediscovered by new movements in scholarship and performance. His plays remain highly popular today and are constantly studied, performed, and reinterpreted in diverse cultural and political contexts throughout the world. RomanticsVictoriansGeorge Bernard Shawbardolatry [6]

27 Page 26 PUCK If we shadows have offended, Think but this, - and all is mended, - That you have but slumber'd here While these visions did appear. And this weak and idle theme, No more yielding but a dream, Gentles, do not reprehend; If you pardon, we will mend. And, as I am an honest Puck, If we have unearned luck Now to 'scape the serpent's tongue, We will make amends ere long; Else the Puck a liar call: So, good night unto you all. Give me your hands, if we be friends, And Robin shall restore amends.

28 Page 27 Materia : Francese

29 Page 28 La Francophonie La francophonie est lensemble des pays parlant français. La plupart de ces pays appartenaient à la France quand elle possédait une empire colonial. Les principaux pays francophones sont la France, la Suisse, la Belgique, le Canada, la Tunisie, le Maroc, le Sénégal, la Côte dIvoire, le Congo, Madagascar, Haiti et lîle Maurice. La langue français est très diffusée en Afrique; cest la langue officielle de plusieurs pays, situés surtout au nord et à lOuest du continent. La Tunisie, lAlgérie et le Maroc sont des pays méditerranéens, très liés à lEurope et à la France en particulier. De culture arabe, ils sont riches dhistoire et de traditions. Au sud, leurs territoires font partie du désert du Sahara. Le Sénégal, la Côte dIvoire, Le Cameroun se trouvent sur la côte atlantique de lAfrique. Ce sont des pays en plein développement. Dakar (au Sénégal) et Abidjan (en Côte dIvoire) sont deux grandes villes modernes et évoluées. Dautres importants pays francophones sont le Gabon, qui possède dimportants gisements de pétrole, et la République du Congo, qui a un sous-sol aux grandes richesses. Madagascar est une grande île visitée par beaucoup de touristes qui admirent ses paysages et son patrimoine naturel exceptionnel. Lîle Maurice est une île connue dans le monde entier pour ses plages magnifiques. La Réunion est une île volcanique qui a un statut de Dom.

30 Page 29 Materia : Scienze e Motoria

31 Mappa concettuale : Il Sistema nervoso centrale e periferico

32 Page 31 Materia : Musica

33 Page 32 Bob Dylan, nato con il nome di Robert Allen Zimmerman (Duluth, 24 maggio 1941)n cantautore e compositore statunitense.Duluth24 maggio 1941cantautorecompositorestatunitense Distintosi anche come scrittore, poeta, pittore, attore e conduttore radiofonico, è una delle più importanti figure degli ultimi cinquant'anni nel campo musicale, in quello della cultura popolare e della letteratura. [2]scrittorepoetapittoreattoreconduttore radiofonico [2] La maggior parte delle sue canzoni più conosciute risale agli anni sessanta, quando l'artista si è posto come figura chiave del movement, il movimento di protesta americano. Canzoni come Blowin' in the Wind e The Times They Are A- Changin' [3] sono diventate gli inni dei movimenti pacifisti e per i diritti civili. I testi delle sue prime canzoni affrontano temi politici, sociali e filosofici, e risentono di influenze letterarie, sfidando le convenzioni della musica pop e appellandosi alla controcultura del tempo.Nel corso degli anni Dylan ha ampliato e personalizzato il suo stile musicale arrivando a toccare molti generi diversi come country/blues, gospel, rock and roll, rockabilly, jazz e swing, ed anche musica popolare inglese, scozzese ed irlandese [4][5].anni sessantaBlowin' in the WindThe Times They Are A- Changin' [3]innipacifistidiritti civilipoliticisocialifilosofici controculturacountryblues gospelrock and rollrockabillyjazzswinginglese scozzeseirlandese [4][5] Dylan si esibisce suonando chitarra, tastiera e armonica a bocca. Supportato da un gruppo di musicisti in continuo cambiamento, è in tournée dagli anni ottanta in quello che è chiamato Never Ending Tour. Molti grandi artisti hanno suonato con lui, tra cui John Fogerty, The Band, Tom Petty, Joan Baez, George Harrison, The Grateful Dead, Johnny Cash, Willie Nelson, Paul Simon, Eric Clapton, Patti Smith, Emmylou Harris, Bruce Springsteen, U2, The Rolling Stones, Joni Mitchell, Jack White, Merle Haggard, Jeff Lynne, Neil Young, Van Morrison, Ringo Starr, Mark Knopfler, Stevie Ray Vaughan, Carlos Santana, The Byrds, Roger McGuinn, Ramblin' Jack Elliott e Stevie Nicks. Benché i risultati come interprete di dischi e dal vivo costituiscano il nerbo della sua carriera, è la scrittura delle canzoni a essere generalmente considerata il suo più grande contributo. [6] Dylan è stato premiato più volte. I suoi album hanno ricevuto Grammy Award, Golden Globe e Academy Awards, ed egli è stato incluso nella Rock & Roll Hall of Fame, nella Nashville Songwriters Hall of Fame e nella Songwriters Hall of Fame. Nel 1999 è stato inserito dal TIME tra le cento più influenti personalità del XX secolo e nel 2004 è stato classificato come il secondo più grande artista rock di tutti i tempi dalla rivista Rolling Stone, preceduto dai Beatles. [7] Il suo album Modern Times, pubblicato il 29 agosto 2006 è stato nominato Album dell'Anno dalla rivista Rolling Stone [8].chitarratastieraarmonica a boccatournéeanni ottantaNever Ending TourJohn FogertyThe BandTom PettyJoan BaezGeorge HarrisonThe Grateful DeadJohnny CashWillie NelsonPaul SimonEric ClaptonPatti Smith Emmylou HarrisBruce SpringsteenU2The Rolling StonesJoni MitchellJack WhiteMerle HaggardJeff LynneNeil YoungVan MorrisonRingo StarrMark KnopflerStevie Ray VaughanCarlos SantanaThe ByrdsRoger McGuinn Ramblin' Jack ElliottStevie Nicks [6]Grammy AwardGolden Globe Academy AwardsRock & Roll Hall of FameSongwriters Hall of Fame1999TIMEXX secolo 2004Rolling StoneBeatles [7]Modern Times29 agosto2006Rolling Stone [8] Nel gennaio 1990 il ministro della cultura francese Jack Lang lo ha nominato Commandeur des Arts et des Lettres, nel 2000 è stato insignito del Polar Music Prize dalla Accademia Reale svedese di musica [9] e nel 2007 del Premio Principe delle Asturie. È stato proposto più volte per il Premio Nobel per la Letteratura [10][11][12] ed è stato insignito del premio Pulitzer alla carriera nel 2008gennaio1990Jack Lang Commandeur des Arts et des Lettres2000Polar Music PrizeAccademia Reale svedese di musica [9]2007Premio Principe delle AsturiePremio Nobel per la Letteratura [10][11][12]premio Pulitzer2008

34 Page 33 Famosa canzone di contenuto pacifista scritta da Bob Dylan nel 1962 e pubblicata la prima volta lanno successivo nellalbum The Freewheelin Bob Dylan. «Blowin in the Wind» è da molti considerato il manifesto della generazione dei giovani statunitensi disillusi dalla politica portata avanti negli anni cinquanta e sessanta dal loro paese e sfociata dapprima nella guerra fredda e poi nella guerra del Vietnam.

35 Page 34 La musica di sottofondo che ha accompagnato questa presentazione è lAdagio in Sol Minore di :Tomaso Giovanni Albinoni (Venezia, 8 giugno 1671 – Venezia, 17 gennaio 1751) che è stato un compositore e violinista italiano, nato nella Repubblica di Venezia, appartenente alla stagione del Barocco Molti dei lavori di Albinoni andarono perduti durante la Seconda guerra mondiale per la distruzione da parte degli alleati della Libreria di Stato di Dresda. La sua musica strumentale attrasse fortemente l'attenzione di Johann Sebastian Bach, che scrisse almeno due fughe su temi di Albinoni e usò i suoi bassi per armonia (vedi basso continuo) come esercizio per i suoi studenti. Le sue opere inoltre furono sempre considerate all'altezza di altrettanto famosi compositori contemporanei come Corelli e VivaldiVenezia8 giugno1671Venezia17 gennaio1751compositoreviolinistaitalianoRepubblica di VeneziaSeconda guerra mondialeLibreria di Stato di DresdaJohann Sebastian Bachfughebassi armoniabasso continuoCorelliVivaldi

36 Page 35 Voglio concludere questa presentazione Ringraziando i miei professori, per ciò che mi hanno saputo trasmettere in questi tre splendidi anni, dal punto di vista culturale, ma soprattutto umano. Essi, insieme a questi valori, rimarranno impressi nel mio cuore. Simona Mauro Anno scolastico


Scaricare ppt "Page 1 Le guerre nel mondo Page 2 Gli accordi di Ginevra del 1954 prevedevano che il Vietnam si sarebbe dovuto riunificare con un referendum popolare,"

Presentazioni simili


Annunci Google