La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ALESSANDRO MANZONI. PRIMI ANNI Alessandro Manzoni nacque a Milano nel 1785 visse i suoi primi 16 anni in collegio con idee razionaliste e libertarie.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ALESSANDRO MANZONI. PRIMI ANNI Alessandro Manzoni nacque a Milano nel 1785 visse i suoi primi 16 anni in collegio con idee razionaliste e libertarie."— Transcript della presentazione:

1 ALESSANDRO MANZONI

2 PRIMI ANNI Alessandro Manzoni nacque a Milano nel 1785 visse i suoi primi 16 anni in collegio con idee razionaliste e libertarie

3 PRIME OPERE Manzoni scrisse sonetti e idilli, il più maturo di questi sembra essere Adda (1803). Nel 1804 terminò di scrivere i 4 sermoni: Amore a Delia ; Amore a Delia ; Contro i poetastri ; Contro i poetastri ; Ai pagani ; Ai pagani ; Panegirico a Trimaglione, Panegirico a Trimaglione,

4 CONVERSIONE Dopo la conversione al Cattolicesimo la sua visione della realtà fu improntata completamente alla religione, infatti smise di comporre versi dal tono classicheggiante, per dedicarsi alla stesura di Inni Sacri ( ) che aprirono la strada ad una produzione romantica

5 MORTE Manzoni morì nel 1873 a Milano. Verdi gli dedicò una Messa di Requiem nel primo anniversario della sua morte

6 PROMESSI SPOSI Con la pubblicazione dei PROMESSI SPOSI nel 1827, si può dire concluso il periodo creativo di Manzoni, che nel suo romanzo mette in primo piano la sua visione della storia

7 PROMESSI SPOSI La vicenda dei PROMESSI SPOSI è dominata dai potenti, cioè da coloro che come Don Rodrigo vogliono esercitare il proprio potere sui più deboli. In generale in tutto il romanzo i diversi personaggi, rappresentano le diverse classi sociali del XVII secolo

8 TRAMA Il romanzo è la storia di due giovani, Renzo Tramaglino e Lucia Mondella, che riescono a diventare marito e moglie soltanto dopo aver superato molti ostacoli. La loro vicenda è ambientata in un paese vicino a Lecco, al tempo della dominazione spagnola e precisamente ha inizio nel 1628.

9 LA VICENDA È la sera del 7 novembre 1628 e Don Abbondio sta passeggiando tranquillo per rientrare a casa, ma si trova davanti due Bravi che lo fermano e gli dicono: Questo matrimonio non sa da fare.Don Abbondio Bravi

10 Renzo il giorno delle nozze va da Don Abbondio ricordadogli che in giornata lui e Lucia si sarebbero dovuti sposare. Ma il prete si inventa una scusa dicendo che le carte per il matrimonio non sono ancora pronte. Renzo, però, capisce che quella di Don Abbondio è una scusa grazie alla confessione di Perpetua.

11 La mamma di Lucia si inventa un piano per far sposare Renzo e la figlia a casa di Don Abbondio : sarebbero dovuti entrare in casa con un trucco e avrebbero dovuto presentarsi davanti al parroco chiedendogli di unirli in matrimonio. Tentano limpresa, ma il curato, lanciando una tovaglia in testa a Lucia scappa, riuscendo a far fallire il matrimonio.

12 Renzo, visto che Don Abbondio non vuole celebrare il suo matrimonio va a Milano. Qui trova la popolazione in rivolta perché il prezzo del pane ha subito un nuovo rincaro che i cittadini più poveri non possono sopportare.

13 Lucia, nel frattempo, si trova a Monza nel convento di Suor Gertrude, che sarà conosciuta come la Monaca di Monza. La monaca fa uscire con una scusa dal convento Lucia, perché così le era stato chiesto dal suo amante Egidio. Lucia lungo la strada viene rapita dallInnominato che poi la lascia andare, perché si pente, grazie a Lucia, delle sue malefatte

14 Mentre i due giovani vivono separati una terribile epidemia colpisce Milano e uccide ricchi e poveri: la peste. Anche Don Rodrigo si ammala e alla fine muore a causa della malattia.

15 I due giovani si ritrovano alla fine nel lazzaretto di Milano. Qui Renzo incontra padre Cristoforo, con cui ha un toccante colloquio. Lasciato il frate, il giovane continua a vagare nel lazzaretto tra tutta la gente con la speranza di trovare Lucia. Alla fine Renzo riuscirà a trovarla. Lei, però, confida a Renzo e a padre Cristoforo di aver fatto un voto alla Madonna, in base al quale non può più sposarsi. Il padre le dice che deve annullarlo ed è sufficiente che la loro prima figlia si chiami Maria. I due innamorati finalmente si sposeranno e andranno a vivere dal cugino di Renzo a Bergamo.

16 PERSONAGGI Lucia Mondella Don Rodrigo Bravi Don Abbondio Renzo

17 LUCIA MONDELLA Lucia Mondella è la promessa sposa. Lavora come filatrice in una filanda, vive con la madre vedova, è timida e riservata ma ha un carattere molto determinato. I suoi principi derivano dalla fede.

18 RENZO Renzo Tramaglino è il promesso sposo, un filatore di seta, orfano di padre e madre. Giovane impulsivo ma generoso e di gran cuore

19 DON ABBONDIO Don Abbondio è il parroco del paese in cui vivono Renzo e Lucia, è il primo personaggio a comparire nel romanzo.

20 DON RODRIGO È il signorotto locale, prepotente e capriccioso, probabilmente uno Spagnolo trasferitosi in Lombardia. Incontra per strada Lucia e se ne invaghisce. Scommette con il cugino, il conte Attilio, di riuscire a portarla al suo castello

21 PERSONAGGI MINORI BRAVI : Sono sgherri al servizio dei signorotti, per i quali sono disposti a qualsiasi azione illegale, in cambio di salario e protezione. Il nome viene da una parola spagnola che significa selvaggi, indomiti.

22 GRILLI MATTEO CLASSE 3^C


Scaricare ppt "ALESSANDRO MANZONI. PRIMI ANNI Alessandro Manzoni nacque a Milano nel 1785 visse i suoi primi 16 anni in collegio con idee razionaliste e libertarie."

Presentazioni simili


Annunci Google