La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il lavoro in Power Point La nascita del giornale è stato realizzato da un alunno diversamente abile della classe IV A Igea; esso ripercorre le tappe principali.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il lavoro in Power Point La nascita del giornale è stato realizzato da un alunno diversamente abile della classe IV A Igea; esso ripercorre le tappe principali."— Transcript della presentazione:

1 Il lavoro in Power Point La nascita del giornale è stato realizzato da un alunno diversamente abile della classe IV A Igea; esso ripercorre le tappe principali dell evoluzione della stampa dinformazione, che partendo dalla Rivista Il caffè di Pietro Verri arriva fino allodierno quotidiano.

2 LA NASCITA DEL GIORNALE

3 I QUOTIDIANI TROVANO SVILUPPO NEL CORSO DEL 1700,IN CORRISPONDENZA DELLA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE E DI QUELLA FRANCESE. LA NAZIONE CHE VEDE LA LORO MAGGIORE DIFFUSIONE E L INGHILTERRA, DOVE NASCONO LE RIVISTE,COME THE DAILY COURANT(1702)E THE DAILY JOURNAL(1720). I QUOTIDIANI TROVANO SVILUPPO NEL CORSO DEL 1700,IN CORRISPONDENZA DELLA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE E DI QUELLA FRANCESE. LA NAZIONE CHE VEDE LA LORO MAGGIORE DIFFUSIONE E L INGHILTERRA, DOVE NASCONO LE RIVISTE,COME THE DAILY COURANT(1702)E THE DAILY JOURNAL(1720).

4 IL GIORNALE ERA UN FOGLIO DI STAMPA CHE VENIVA PUBBLICATO OGNI 10 GIORNI E CONTENEVA COSE VARIE,COSE FATTE DA DIVERSI AUTORI. IL GIORNALE LETTERARIO DALLINGHILTERRA VERRA POI IMPORTATO CON SUCCESSO IN ITALIA, CON LA RIVISTA IL CAFFE DI PIETRO VERRI DEL 1764.

5 PIETRO VERRI CHIAMO QUESTA RIVISTAIL CAFFE PERCHE TUTTI I DISCORSI SI TENEVANO NON PIU NELLA TAVERNA, DOVE SI BEVEVA ILVINO MA NEI CAFFE, DOVE SI RIFLETTEVA E SI MEDITAVA. PIETRO VERRI CHIAMO QUESTA RIVISTAIL CAFFE PERCHE TUTTI I DISCORSI SI TENEVANO NON PIU NELLA TAVERNA, DOVE SI BEVEVA ILVINO MA NEI CAFFE, DOVE SI RIFLETTEVA E SI MEDITAVA. Il caffé era molto apprezzato, in quanto si pensava avesse virtù salutari.

6 LA CAFFETTERIA DIVENTO UN LUOGO DI INCONTRO E DI DISCUSSIONE. LA RIVISTA TRATTAVA MOLTI ARGOMENTI, SIA POLITICI CHE CULTURALI. LA CAFFETTERIA DIVENTO UN LUOGO DI INCONTRO E DI DISCUSSIONE. LA RIVISTA TRATTAVA MOLTI ARGOMENTI, SIA POLITICI CHE CULTURALI.

7 Questa rivista era rivolta a un pubblico alfabetizzato fatto di professionisti, artigiani e donne. Questa rivista era rivolta a un pubblico alfabetizzato fatto di professionisti, artigiani e donne.

8 Pietro Verri da argomenti come il caffè, la medicina, la coltivazione del lino, riusciva a fare riflessioni filosofiche.

9 Venivano trattati temi attuali, come il vaiolo, lorganizzazione delle poste, dei cimiteri, della sanità,ecc.

10 DA QUI PRENDE IL VIA LA STAMPA DEI GIORNALI, CHE SI DIFFONDE IN TUTTO IL MONDO GRAZIE ALL AFFERMARSI DELLA LIBERTA DI STAMPA. DA QUI PRENDE IL VIA LA STAMPA DEI GIORNALI, CHE SI DIFFONDE IN TUTTO IL MONDO GRAZIE ALL AFFERMARSI DELLA LIBERTA DI STAMPA. IL GIORNALE COME LO INTENDIAMO OGGI NASCE CON LA PENNY PRESS NEGLI U.S.A. VERSO IL 1830, DOVE IL QUOTIDIANO VENIVA VENDUTO DAGLI STRILLONI AL PREZZO DI UN PENNY. IL GIORNALE COME LO INTENDIAMO OGGI NASCE CON LA PENNY PRESS NEGLI U.S.A. VERSO IL 1830, DOVE IL QUOTIDIANO VENIVA VENDUTO DAGLI STRILLONI AL PREZZO DI UN PENNY.

11 IL 1°QUOTIDIANO VERO E PROPRIO FU THE SUN OF NEW YORK CHE REGISTRAVA CIÒ CHE AVVENIVA NELLA REALTA. IL 1°QUOTIDIANO VERO E PROPRIO FU THE SUN OF NEW YORK CHE REGISTRAVA CIÒ CHE AVVENIVA NELLA REALTA. QUALCHE ANNO DOPO NASCE IL NEW YORK TRIBUNE,IL GIORNALE CHE RIPORTAVA LE INTERVISTE (LE PAROLE DELL INTERVISTATO TRA VIRGOLETTE). QUALCHE ANNO DOPO NASCE IL NEW YORK TRIBUNE,IL GIORNALE CHE RIPORTAVA LE INTERVISTE (LE PAROLE DELL INTERVISTATO TRA VIRGOLETTE).

12 Con il passar del tempo il giornale abbandona il carattere letterario; diventa popolare e per i giornalisti è importante fare lo scoop, cioè scovare le notizie prima della concorrenza per vendere un numero sempre più grande di copie. Con il passar del tempo il giornale abbandona il carattere letterario; diventa popolare e per i giornalisti è importante fare lo scoop, cioè scovare le notizie prima della concorrenza per vendere un numero sempre più grande di copie.

13 I primi e veri giornali ancora oggi esistenti in Italia sorgono intorno alla metà dell800 con la Nazione,Il Secolo,Il Corriere delle sera,La Gazzetta dello sport. I primi e veri giornali ancora oggi esistenti in Italia sorgono intorno alla metà dell800 con la Nazione,Il Secolo,Il Corriere delle sera,La Gazzetta dello sport.

14 Essi erano letti la domenica da poche persone, perché la maggior parte era analfabeta (non sapeva né leggere né scrivere). Essi erano letti la domenica da poche persone, perché la maggior parte era analfabeta (non sapeva né leggere né scrivere).

15 All epoca i giornali erano formati da 4 pagine a 2 o 3 colonne; nella 1°vi erano notizie nazionali, nella 2° e 3° notizie locali e nell ultima le notizie estere. La pubblicità occupava pochissimo spazio ed era presente solo nell ultima pagina.

16 Il prezzo del giornale oscillava tra 5 e 15 centesimi mentre il salario di un operaio era di 2 lire

17 Nel 1930 si sviluppavano le rubriche dintrattenimento e di evasione e i giornali si occupavano di moda, varietà, cinema e sport. Nel 1930 si sviluppavano le rubriche dintrattenimento e di evasione e i giornali si occupavano di moda, varietà, cinema e sport.

18 In questo periodo le riviste erano piene di disegni e foto e erano dedicate al mondo femminile Nascono, così, Amica, Rakam, Annabella, Grazia e Gioia, e tuttora riscuotono un grande successo

19 La rivoluzione industriale Nella seconda metà del Settecento ebbe inizio in Inghilterra (e si diffuse gradualmente in Europa e nell'America settentrionale) un processo di industrializzazione che provocò cambiamenti tanto profondi in tutti gli aspetti della vita umana da essere definito «rivoluzione industriale». Nella seconda metà del Settecento ebbe inizio in Inghilterra (e si diffuse gradualmente in Europa e nell'America settentrionale) un processo di industrializzazione che provocò cambiamenti tanto profondi in tutti gli aspetti della vita umana da essere definito «rivoluzione industriale».

20 L'invenzione più importante fu quella della macchina a vapore,inventata da James Watt, in quanto produceva energia costante in ogni luogo, indipendentemente dalla presenza di forze naturali. L'invenzione più importante fu quella della macchina a vapore,inventata da James Watt, in quanto produceva energia costante in ogni luogo, indipendentemente dalla presenza di forze naturali. La macchina a vapore venne utilizzata soprattutto nell'industria tessile, ma anche in quella mineraria. La macchina a vapore venne utilizzata soprattutto nell'industria tessile, ma anche in quella mineraria.

21 La meccanizzazione ebbe per conseguenza la divisione del lavoro: nella fabbrica ogni operaio aveva un compito preciso e ripetitivo. La meccanizzazione ebbe per conseguenza la divisione del lavoro: nella fabbrica ogni operaio aveva un compito preciso e ripetitivo.

22 La divisione del lavoro fu sostenuta dalleconomista Adam Smith,il quale diceva: La divisione del lavoro fu sostenuta dalleconomista Adam Smith,il quale diceva: Ho veduto una piccola fabbrica di spilli ove dieci uomini soli erano impiegati e ciascuno faceva il suo lavoro. Benché fossero poveri e non avessero macchine moderne, pure riuscivano a fare 48.ooo spilli in un giorno. Se avessero lavorato separatamente e indipendentemente l' uno dall'altro, ciascuno di loro non avrebbe potuto compiere altro che 20 spilli».

23


Scaricare ppt "Il lavoro in Power Point La nascita del giornale è stato realizzato da un alunno diversamente abile della classe IV A Igea; esso ripercorre le tappe principali."

Presentazioni simili


Annunci Google