La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 LA SCHEDA n. 13 E LA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO Snp edifici in linea (art. 15.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 LA SCHEDA n. 13 E LA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO Snp edifici in linea (art. 15."— Transcript della presentazione:

1

2 LA SCHEDA n. 13 E LA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO Snp edifici in linea (art. 15 NTA) mq 8200 Numero alloggi previsti Numero piani 3 Altezza massima ml 9,50 Snp alloggi mono, bifamiliari (art. 15 NTA) mq 3500 Numero alloggi previsti 24 Numero piani 2 Altezza massima ml 6,50 Distanza minima dalle strade ml 5,00 * Distanza minima dai confini ml 5,00 * Distanza minima di fronti finestrati ml 10,00 Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA

3 ANALISI COERENZA URBANISTICA Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA LA VARIANTE ED IL PIANO ATTUATIVO COSTITUISCONO ATTI DI GOVERNO DEL TERRITORIO AI SENSI DELLART. 65 DELLA L.R. 1/2005 e s.m.i. COERENZA ESTERNA P.T.C. PROVINCIA DI GROSSETO approvato con D.C.P. n. 30 del , in vigore dal P.I.T. REGIONE TOSCANA approvato con D.C.R pubblicato sul B.U.R.T. n. 42 del non rientra nei casi delle misure di Salvaguardia ad efficacia immediata elencati allart. 36 Lo Statuto del Territorio Toscano. Misure di Salvagurdia COERENZA INTERNA PIANO STRUTTURALE approvato con DD.C.C. n. 38 del e n. 47 del integralmente recepite le indicazioni contenute nelle N.T.A. del Piano Strutturale che, relativamente alla zona di Ribolla di che trattasi, denominato dal medesimo Rib. 1 Settore Sud REGOLAMENTO URBANISTICO approvato con D.C.C. n. 39 del in vigore dal e s.m. approvazione variante scheda di R.U. 13 Ribolla mediante D.C.C. n. 51 del (> prolungamento efficacia atto di governo del territorio ai senis dellart. 55 comma 5 L.R. 1/05 e s.m.i.)

4 ANALISI COERENZA GEOLOGICA Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA COERENZA ESTERNA P.A.I. BACINO OMBRONE P.I.T. REGIONE TOSCANA approvato con D.C.R pubblicato sul B.U.R.T. n. 42 del COERENZA INTERNA STUDI GEOLOGICI DEL PIANO STRUTTURALE Carta della pericolosità Carta del rischio idraulico Carta litotecnica REGOLAMENTO URBANISTICO Carta della fattibilità varianti al R.U.

5 SISTEMI E RISORSE AMBIENTALI Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA SUOLO CARATTERISTICHE: COLTRE ELUVIALE CONTENENTE MATERIA ORGANICA (circa un metro) FORMAZIONI DI ORIGINE ALLUVIONALE DI NATURA MISTA (argille sabbiose giallo-rossastre e frammenti lapidei ) PROVE E SAGGI: SAGGI EFFETTUATI IN SITO: NO materiali di scarto provenienti dalla passata attività mineraria geomorfologica G.3 - idraulica I.2 - idrogeologica nessuna problematica - sismica S.1 PERICOLOSITA

6 SISTEMI E RISORSE AMBIENTALI Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA ACQUA IDROGRAFIA SUPERFICIALE TORRENTE FOLLONICA – 250 m SW – quota -4/5 m TORRENTE VALLONE (affluente) – 250 m SE – quota -4/5 m FOSSO DEL BUCO – 100 m E – quota -2m PARTICOLARI CRITICITA RILEVATE (erosione accumulo fluviale): NESSUNA P.A.I. Bacino Ombrone: NO area classificata P.I.M.E. o P.I.E. SI interno dominio idraulico dei torrenti - quota altimetrica superiore a 2 metri rispetto al piede esterno dellargine NO notizie storiche di inondazioni CARTA DEL RISCHIO IDRAULICO P.S. Roccastrada: area esterna ad ambiti A e B (DCRT n. 12/00 – ex 230/94) IDROGEOLOGIA AREA DEL P.A. SU UNICA FORMAZIONE GEOLOGICA CON PERMEABILITA VARIABILE CON LA GRANULOMETRIA DEI LIVELLI OSSERVAZIONI SU POZZI ADIACENTI ALLAREA DI INTERVENTO: quota piezometrica – 5,00 metri

7 SISTEMI E RISORSE AMBIENTALI Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA PRECIPITAZIONI PIOGGIA: contenute e concentrate nel periodo autunnale NEVICATE: rarissime CRITERI /OBIETTIVI PER LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI compatibilità ambientale ecoefficienza energetica confort abitativo salvaguardia della salute dei cittadini REQUISITI MINIMI OBBLIGATORI PER LA PROGETTAZIONE DEGLI EDIFICI installazione di impianti solari termici per la produzione di acqua calda sanitaria (50% fabbisogno annuale) Impianti centralizzati con contabilizzatore individuale del calore ( quattro unità immobiliari) Isolamento termico ad alte prestazioni dellinvolucro edilizio Installazione di caldaie a basse emissioni inquinanti Risparmio idrico mediante raccolta delle acque meteoriche dalle superfici impermeabili finalizzata al loro riutilizzo ENERGIA RISORSA IDRICO-POTABILE APPROVVIGIONAMENTO: Sorgente di Roccatederighi + Acquedotto rurale Pian del Bichi QUALITA: garantita da monitoraggi ed analisi da parte di Acquedotto del Fiora S.p.a. STIMA FABBISOGNO NUOVO INSEDIAMENTO: n. abitanti residenti: 3.5 abitanti residenti X 79 appartamenti : 276,5 abitanti residenti totali Fabbisogno giornaliero ad abitante: 140 litri Fabbisogno giornaliero insediamento: 140 l X 276,5 abitanti residenti : l/g

8 SISTEMI E RISORSE AMBIENTALI Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATAARIA CLIMA CLIMA: tipicamente Mediterraneo TEMPERATURE MEDIE ANNUE: 15 °C TEMPERATURE MASSIME ESTIVE: °C TEMPERATURE MINIME INVERNALI: -2/5 °C INQUINAMENTO ATMOSFERICO: Assente ACUSTICO: Assente NATURA FLORA ESSENZE E PIANTE PRESENTI NELLAREA: vegetazione spontanea piante di olivo piante di cipresso piante di eucalipto Non presenti specie di pregio FAUNA area del P.A. già inserita in contesto urbano componente faunistica non presente area del P.A. comunque adiacente ad aperta campagna RIFIUTI OTTIMIZZAZIONE DEL RITIRO TERRENI SOTTRATTI A RISCHIO ABBANDONO INCONTROLLATO STIMA PRODUZIONE RIFIUTI URBANI NUOV O INSEDIAMENTO: Produzione rifiuti ad abitante Comune di Roccastrada: 0,43 t/anno* Abitanti da insediare nel P.A. : n. 276,5 Produzione stimata annua rifiuti urbani: 276,5 ab. X 0,43 t/ab anno = 119 t/anno STIMA RACCOLTA DIFFERENZIATA NUOV O INSEDIAMENTO: Produzione raccolta differenziata ad abitante Comune di Roccastrada: 0,13 t/anno* Abitanti da insediare nel P.A. : n. 276,5 Produzione stimata annua rifiuti urbani: 276,5 ab. X 0,13 t/ab anno = 36 t/anno * Fonte Regione Toscana anno 2006

9 STATO ATTUALE DEL LUOGO E PROBABILE EVOLUZIONE SENZA LATTUAZIONE DEL PIANO Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA metri quadrati pianeggiante equilibrio idraulico e morfologico consolidati EUCALIPTO pianta non autoctona impiantata per asciugare e bonificare naturalmente i terreni Fusto molto esile: MOLTO PERICOLOSE! OLIVETO in stato di abbandono! PIANO STRUTTRALE TAV. 14 A-N Area sottoposta a Vincolo Forestale a seguito di sopralluogo da parte del Corpo Forestale dello Stato è stato appurato che sullarea non soggiace tale vincolo PROBABILE EVOLUZIONE SENZA LATTUAZIONE DEL PIANO: caratterizzazione ad area di confine abbandono rifiuti incontrollato diffondersi di vegetazione incolta ed incontrollata potenziale pericolo per la salute e lincolumità pubblica

10 IL PIANO ATTUATIVO ED I SUOI OBIETTIVI Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA STANDARD URBANSTICI D.M. 1444/1968 VOLUME TOTALE REALIZZABILE: mc DETERMINAZIONE ABITANTI EQUIVALENTI (art. 3 D.M. 1444/68) Volume totale / 80 mc/ab eq= mc / 80 mc/ab. eq. = a. e. n. 391 DETERMINAZIONE SUPERFICIE STANDARD RICHIESTI DA NORMATIVA Numero abitanti equivalenti * 24 mq/ab. eq. 391 ab. eq.* 24 mq/ab. eq.= mq 9384 SUPERFICIE STANDARD DA PROGETTO (Aree a parcheggio + aree a verde pubblico) 2968 mq mq = mq 9589 Standard richiesti da normativa mq 9384 < standard di progetto mq 9589 RIPARTIZIONE STANDARD IN PROGETTO Superfici aree a verde pubblico ( ,60) mq = 6621 mq Superfici aree a parcheggi ( ) = 2968 mq

11 IL PIANO ATTUATIVO ED I SUOI OBIETTIVI Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA

12 IL PIANO ATTUATIVO ED I SUOI OBIETTIVI Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA

13 IL PIANO ATTUATIVO ED I SUOI OBIETTIVI Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA

14 ANALISI DELLA QUALITA URBANA Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA il tessuto urbano circostante

15 ANALISI DELLA QUALITA URBANA Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA tipologie e tipicità architettoniche del luogo ……… la vicinanza della zona di intervento all'area ove è prevista la realizzazione del Parco Minerario, così' come il rinnovato rapporto degli abitanti del paese con il passato di questi luoghi, rilanciato e valorizzato di recente anche dall'Amministrazione Comunale, ha suggerito l'adozione della suddetta tematica architettonica al fine di creare un quartiere che fosse allo stesso tempo estremamente moderno e segnatamente radicato nel passato. The new mining village, testualmente il nuovo villaggio minerario, è il nome scelto per il presente intervento edificatorio, che non poteva non essere fortemente influenzato e connotato dal recente passato minerario dell'abitato di Ribolla, del quale, purtroppo, oggi non restano molte testimonianze architettoniche…… RICERCA RICERCA patrimonio edilizio esistente straordinaria documentazione fotografica resasi disponibile a seguito delle celebrazioni per il cinquantennale dalla sciagura del 1954

16 ANALISI DELLA QUALITA URBANA Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA tipologie e tipicità architettoniche del luogo PLANIMETRIE DEGLI EDIFICI SEMPLICI ED ALLUNGATE COPERTURE GEOMETRIA SEMPLICE TIPOLOGIA A CAPANNA

17 ANALISI DELLA QUALITA URBANA Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA tipologie e tipicità architettoniche del luogo PRESENZA DI ELEMENTI CIRCOLARI SUI PROSPETTI COPERTURE PIANE EDIFICI E VOLUMI SECONDARI

18 ANALISI DELLA QUALITA URBANA Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA tipologie e tipicità architettoniche del luogo AMPIE FINESTRATURE UTILIZZO MATTONI A FACCIA VISTA PER CORNICI E PARTIZIONI PROSPETTI

19 ANALISI DELLA QUALITA URBANA Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA i nuovi organismi architettonici: tipologie e peculiarità TIPOLOGIA IN LINEA ARGENTA appartamenti 3 – esemplari 5 snp 486 mq - volume 1616,88 mc SAN FERIOLO appartamenti 4 – esemplari 2 snp 486,46 mq - volume 1749,12 mc

20 ANALISI DELLA QUALITA URBANA Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA i nuovi organismi architettonici: tipologie e peculiarità TIPOLOGIA IN LINEA COSTANTINO appartamenti 4 – esemplari 5 snp 645,78 mq - volume 2155,19 mc 5 OVEST appartamenti 6 – esemplari 2 snp 715 mq - volume 2556,28 mc

21 ANALISI DELLA QUALITA URBANA Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA i nuovi organismi architettonici: tipologie e peculiarità TIPOLOGIA MONO-BIFAMILIARE SANTA BARBARA appartamenti 2 – esemplari 12 snp 291,40 mq - volume 972,63 mc

22 SOTTOSERVIZI ESISTENTI E NUOVE PREVISIONI Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA STIMA ABITANTI EQUIVALENTI 310* * Calcolo secondo Linee guida ARPAT scarichi non in pubblica fognatura

23 SOTTOSERVIZI ESISTENTI E NUOVE PREVISIONI Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA

24 SOTTOSERVIZI ESISTENTI E NUOVE PREVISIONI Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA

25 EFFETTI DEL PIANO ATTUATIVO SULLAMBIENTE EFFETTI DEL PIANO ATTUATIVO SULLAMBIENTE Regolamento Urbanistico - Scheda progetto n. 13 Ribolla - Variante e Piano Attuativo DPGRT 9 febbraio 2007, Regolamento n. 4/R PROCESSO DI VALUTAZIONE INTEGRATA PARAMETRO EDIFICAZIONE NUOVA VIABILITA BIOEDILIZIA ENERGIE RINNOVABILI PERCORSI PEDONALI E CICLABILI NUOVE AREE A VERDE COMPONENTE AMBIENTALE BIODIVERSITAIRRILEVANTI POPOLAZIONEPOSITIVIMOLTO POSITIVI SALUTE UMANAIRRILEVANTI POSITIVIMOLTO POSITIVI FLORA E FAUNAIRRILEVANTI SUOLOIRRILEVANTI IRRILEAVANTIPOSITIVI ARIAIRRILEVANTI POSITIVI PAESAGGIOPOSITIVI IRRILEVANTEMOLTO POSITIVIPOSITIVI PATRIMONIO ARCHEOLOGICO ARCHITETTONICO E CULTURALE POSITIVIMOLTO POSITIVIIRRILEVANTIPOSITIVIIRRILEVANTI FATTORI CLIMATICIIRRILEVANTI POSITIVIIRRILEVANTI


Scaricare ppt "1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 LA SCHEDA n. 13 E LA VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO Snp edifici in linea (art. 15."

Presentazioni simili


Annunci Google