La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

FORLI- 12 DICEMBRE 2013 1 LA GESTIONE DELL INCARICO PROFESSIONALE ALLA LUCE DELLA RIFORMA DELLA PROFESSIONI Dott. Alessandro Lini – ODCEC Pisa Fondazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "FORLI- 12 DICEMBRE 2013 1 LA GESTIONE DELL INCARICO PROFESSIONALE ALLA LUCE DELLA RIFORMA DELLA PROFESSIONI Dott. Alessandro Lini – ODCEC Pisa Fondazione."— Transcript della presentazione:

1 FORLI- 12 DICEMBRE LA GESTIONE DELL INCARICO PROFESSIONALE ALLA LUCE DELLA RIFORMA DELLA PROFESSIONI Dott. Alessandro Lini – ODCEC Pisa Fondazione Centro Studi Ungdc.

2 L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA. IL DIRITTO AL COMPENSO DEL PROFESSIONISTA. LA TUTELA DEL CREDITO. Il MANDATO PROFESSIONALE. I PARAMETRI PER LA DETERMINAZIONE GIUDIZIALE GLI ADEMPIMINTI IN TEMA DI PRIVACY DELLO STUDIO

3 L evoluzione della normativa DECRETO LEGGE n°138 del 13 AGOSTO Art. 3 comma 5 LEGGE DI CONVERSIONE N°148 del 14 SETTEMBRE LEGGE N° 183 DEL 12 NOVEMBRE 2011 (LEGGE DI STABILITA) Art. 10 DECRETO LEGGE N°1 del 24 GENNAIO 2012 – Artt. 9, 9 bis LEGGE DI CONVERSIONE N° 27 DEL 24 MARZO DECRETO MINISTERIALE N° LUGLIO D.P.R. 7 AGOSTO 2012 N°137.

4 4 DL 1 24 gennaio 2012 Art. 9 - Disposizioni sulle professioni regolamentate 1 - Sono abrogate le tariffe delle professioni regolamentate nel sistema ordinistico. 2 - Ferma restando l'abrogazione di cui al comma 1, nel caso di liquidazione da parte di un organo giurisdizionale, il compenso del professionista è determinato con riferimento a parametri stabiliti con decreto del Ministro vigilante, da adottare nel termine di 120 giorni successivi alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Entro lo stesso termine, con decreto del Ministro della Giustizia di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze sono anche stabiliti i parametri per oneri e contribuzioni alle casse professionale e agli archivi precedentemente basati sulle tariffe. Il decreto deve salvaguardare lequilibrio finanziario, anche di lungo periodo, delle casse previdenziali professionali. 3 – Le tariffe vigenti alla data di entrata in vigore del presente decreto continuano ad applicarsi, limitatamente alla liquidazione delle spese giudiziarie, fino alla data di entrata in vigore dei decreti ministeriali di cui al comma 2 e, comunque, non oltre il centoventesimo giorno dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.

5 5 DL 1 24 gennaio 2012 Art. 9 - Disposizioni sulle professioni regolamentate 4 - Il compenso per le prestazioni professionali è pattuito al momento del conferimento dell'incarico professionale. Il professionista deve rendere noto al cliente il grado di complessità dell'incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento alla conclusione dell'incarico e deve altresì indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell'esercizio dell'attività professionale. In ogni caso la misura del compenso è previamente resa nota al cliente con un preventivo di massima, deve essere adeguata all'importanza dell'opera e va pattuita indicando per le singole prestazioni TUTTE le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi. Al tirocinante è riconosciuto un rimborso spese forfettariamente concordato dopo i primi sei mesi di tirocinio. 5 - Sono abrogate le disposizioni vigenti che per la determinazione del compenso del professionista, rinviano alle tariffe di cui al comma 1.

6 6 GLI ELEMENTI ESSENZIALI Il professionista deve rendere noto al cliente il grado di complessità dell'incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento alla conclusione dell'incarico Il compenso è pattuito al momento del conferimento dell'incarico professionale.

7 7 GLI ELEMENTI ESSENZIALI - deve essere adeguata all'importanza dell'opera - va pattuita indicando per le singole prestazioni TUTTE le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi. In ogni caso la misura del compenso:

8 8 ART CODICE CIVILE Il compenso, se non è convenuto dalle parti e non può essere determinato secondo le tariffe o gli usi, è determinato dal giudice, sentito il parere dellassociazione professionale a cui il professionista appartiene. In ogni caso la misura del compenso deve essere adeguata allimportanza dellopera ed al decoro della professione.

9 9 Il Diritto Al Compenso Art ° comma dispone che In ogni caso la misura del compenso deve essere adeguata ALLIMPORTANZA DELL OPERA ed al DECORO DELLA PROFESSIONE. Natura RETRIBUTIVA del compenso del professionista.

10 La norma parla di compenso e non di corrispettivo IMPORTANZA DELLOPERA rilievo sociale della prestazione intellettuale che genera esternalità positive; gli effetti della prestazione si dispiegano non solo sul cliente ma anche sullintera collettività DECORO DELLA PROFESSIONE cioè il prestigio sociale che riveste la professione intellettuale Il compenso perciò non si calcola solo in base al risultato ottenuto, avendo cioè riguardo al solo valore economico dellopera che sta al centro del rapporto sinallagmantico tra prestazione professionale e controprestazione remuneratoria (Corrispettivo) Il Diritto Al Compenso

11 11 Tutela del credito Art. 633 c.p.c. ricorso per ingiunzione: su domanda di chi è creditore di una somma di denaro … il giudice competente pronuncia ingiunzione di pagamento … se il diritto è fatto valere da prova scritta. Utilizzando la forma scritta per la pattuizione del compenso, avendo cura di far attribuire la data certa si ottiene la prova scritta richiesta dal 633 cpc, rispettando al tempo stesso il disposto del 1° comma dellart c.c. Attenzione al rispetto del criterio della liquidità del credito Il credito deve essere precisato nel suo importo, senza la necessità di particolari conteggi, fatti salvi i conteggi aventi mera natura strumentale.

12 Nella redazione del mandato occorre fare attenzione alle prestazioni che vi si comprendono. Occorre soprattutto considerare quelle prestazioni che può capitare di effettuare in maniera collaterale all incarico per le quali solitamente: Per il cliente sono comunque dovute perché le ritiene già comprese nellincarico; si tratta in genere di prestazioni modeste ma ripetitive; di solito si forniscono inconsciamente perché non adeguatamente rilevate dal professionista. Pertanto è opportuno organizzare all interno dello studio un adeguato sistema di rilevazione delle prestazioni rese La Redazione Del Mandato

13 La Rilevazione Delle Prestazioni Svolte Quando, sulla base delle rilevazioni effettuate, ci si accorge che la consulenza che stiamo prestando tende ad un cambiamento di natura sia qualitativa (nuova attività) o quantitativa (maggiore impegno richiesto), occorre verificare attentamente il mandato conferito, quindi è necessario comunicare al cliente che: La nuova attività non è prevista dal mandato ed allora è necessaria una formalizzazione di un nuovo mandato (sottoscrizione di un nuovo incarico o ampliamento di quello conferito); La nuova attività, pur prevista nel mandato originario, dovrà essere valorizzata diversamente in virtù del maggior impegno richiesto.

14 14 La Lettera dincarico Deve essere redatta nel modo più esaustivo possibile con espliciti richiami a norme del Codice Civile, del Codice deontologico ed a tutte quelle norme che hanno rilevanza per la nostra Professione (privacy, anti riciclaggio). Ha lo scopo di disciplinare adeguatamente il rapporto professionale prevedendo una serie di accordi e di obblighi tesi a tutelare al meglio sia il professionista che il cliente. Le clausole contrattuali possono suddividersi in indispensabili e opportune.

15 15 La Lettera dincarico: clausole indispensabili Le clausole indispensabili sono quelle riferibili a: oggetto dellincarico; compenso; obblighi del cliente; recesso; norme di rinvio.

16 16 La Lettera dincarico: clausole opportune Le clausole che è opportuno inserire sono quelle relative a: clausola compromissoria ; risoluzione per eccessiva onerosità (1467c.c.); risoluzione per impossibilità sopravvenuta (1463 c.c.); restituzione documentazione (diritto di ritenzione).

17 Oggetto dell incarico

18

19

20

21

22 La determinazione del compenso In funzione della natura della pratica, del tempo stimato per il suo espletamento, (eventuale dellurgenza manifestata dal cliente nella richiesta della prestazione professionale), della complessità della stessa; avuto riguardo allimportanza dellopera richiesta; tenuto conto delle prestazioni professionali che si rendono necessarie ed indispensabili per una corretta esecuzione dellincarico conferito; allo scopo di fornire al Cliente un preventivo di spesa di massima si prevede per lespletamento dellincarico in oggetto un compenso pari a ……………………... Il Compenso sarà determinato in via definitiva a conclusione dellincarico conferito, sulla base delle prestazioni professionali che si saranno rese effettivamente necessarie, quantificate secondo quanto riportato e riepilogato nella scheda di incarico professionale sopra indicata. (clausola eventuale in caso di prestazioni continuative con rinnovo tacito annuale) Il compenso così determinato sarà adeguato annualmente sulla base della variazione annuale dellindice (FOI) determinato dall ISTAT. Il Cliente prende atto che il compenso è stato pattuito al momento del conferimento dellincarico, tenuto conto della complessità dello stesso e determinato in funzione delle prestazioni ipotizzabili alla data del conferimento e, di fatto, ipotizzate, ed indicate nella scheda di incarico professionale. Il Cliente prende atto che lattività professionale qui richiamata, e finalizzata allassolvimento dellincarico conferito, è comunque funzione di una serie di attività tra loro connesse e correlate; in considerazione del fatto che non tutte queste attività sono oggettivamente prevedibili e quantificabili con precisione al momento del conferimento dellincarico e della conseguente accettazione da parte del professionista, pertanto, qualora nel corso dello svolgimento dellincarico si rendessero necessarie le seguenti prestazioni, al professionista saranno dovuti, in aggiunta ai compensi indicati alla lettera a, i seguenti compensi:

23 La determinazione del compenso Il Cliente prende atto che limporto indicato alla lettera a) non tiene conto delle spese e dei diritti che il professionista/lo studio si trovi ad anticipare per conto del Cliente stesso, in esecuzione dellincarico affidato, pertanto tali somme saranno notulati a parte, allegando i giustificativi di spesa. Al Professionista è riconosciuto, a titolo di anticipo su spese e diritti da sostenere, l'importo di euro …………………………. Il Professionista, durante il corso della prestazione, può richiedere acconti sui compensi, in misura non superiore alla percentuale del 70% sugli onorari fino a quel momento maturati, che dovranno essere saldati entro 30 giorni dallinvio della relativa notula. I compensi sopra indicati e gli eventuali compensi accessori si intendono sempre al netto dell'IVA e del contributo previdenziale. Trattandosi di unobbligazione di mezzi, lesito della pratica non condizionerà la misura del compenso pattuito.

24 Obblighi del cliente Consegna della documentazione necessaria entro i tempi concordati; Di informativa sulle variazioni intervenute rispetto al momento del conferimento dellincarico; Di collaborazione con il professionista; Di rispetto dei termini e modalità di pagamento pattuite; Dare atto di aver ricevuto le informazioni in merito alla complessità dellincarico conferito.

25 Disciplinare il preavviso per il professionista; Esplicitare le cause che costituiscono giusta causa di recesso per il professionista; - il mancato pagamento dei compensi secondo le modalità concordate; - il sistematico mancato utilizzo dei pareri richiesti al professionista e da questo rilasciati nei tempi concordati Disciplinare i termini di preavviso per il cliente in caso di prestazioni continuative; Prevedere eventuale risarcimento in caso di recesso del cliente.. La disciplina del recesso

26 Clausola compromissoria Devoluzione controversia a organismo di conciliazione; Eventuale ricorso allarbitrato in caso di insuccesso del tentativo di conciliazione. ATTENZIONE Valutare lopportunità di prevedere lesclusione dalla conciliazione per le controversie relative al pagamento degli onorari; «Sono espressamente escluse dalla clausola di conciliazione e arbitrato, e sono quindi devolute direttamente allautorità giudiziaria, le controversie relative al pagamento degli onorari spettanti al professionista, cosi come definiti e concordati al precedente art. __, e dell eventuale ricorso per decreto ingiuntivo.»

27 Il compenso è stato pattuito al momento del conferimento dellincarico, tenuto conto della complessità dello stesso e determinato in funzione delle prestazioni ipotizzabili alla data del conferimento e, di fatto, ipotizzate, ed indicate nella scheda di incarico professionale. Poiché lattività professionale qui richiamata è comunque funzione di una serie di attività tra loro connesse e correlate; considerato che non tutte queste attività sono oggettivamente prevedibili e quantificabili, il Professionista, qualora nel corso dello svolgimento dellincarico, rilevi che a causa di circostanze non previste o non prevedibili, si sta verificando una manifesta incongruenza tra le prestazioni ipotizzate ed espressamente indicate nella scheda di incarico professionale e quelle che si stanno rendendo effettivamente necessarie per ladempimento dellincarico stesso, deve darne tempestiva comunicazione al Cliente. Nella stessa comunicazione il Professionista dovrà evidenziare altresì l'importo dell'aumento del compenso richiesto e le motivazioni a sostegno di detta richiesta. La mancata accettazione di tale aumento da parte del Cliente, ovvero il suo rifiuto ad una rinegoziazione del compenso è causa di risoluzione del presente accordo. Risoluzione per eccessiva onerosità

28 Diritto di ritenzione Il professionista non ha il diritto di ritenzione (2235 cc). Si possono però inserire nel mandato clausole per disciplinare modalità e tempi per la restituzione dei documenti del cliente in occasione della risoluzione del rapporto. In caso di recesso da parte del cliente, solitamente non ci sono problemi; Recesso da parte del professionista, possibili difficoltà nel reperire il cliente per la restituzione della documentazione

29 RINVIO Per quanto non espressamente previsto con la presente lettera di incarico, le parti fanno esplicito riferimento alle norme di legge, alle norme deontologiche del Professionista cui è affidata lesecuzione dellincarico ed, in mancanza, agli usi e consuetudini. PRIVACY e ANTIRICICLAGGIO I dati che saranno forniti dal Cliente, per le ragioni derivanti dalla presente lettera di incarico saranno oggetto di trattamento nel rispetto del D.Lgs 196/2003 come da informativa ex art 13 fornita in allegato alla presente. In attuazione di quanto previsto dal D. Lgs 21/11/2007 n, 231 il Professionista incaricato ha lobbligo di adeguata verifica della Clientela previsti dagli art. 16 e seguenti, attenendosi alle indicazioni contenute nelle linee guida emanate dal consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e adempie a tutti gli altri obblighi previsti dal citato decreto. Di tutto ciò il Cliente è stato informato, ne prende atto e si impegna a fornire tutti i chiarimenti che il Professionista richiedesse nel corso dellincarico. PROFESSIONISTA DI RIFERIMENTO (in caso di studio associato/società professionale) Rappresentante dello studio e responsabile della pratica oggetto del presente incarico è il dott./la dott.ssa XXXXXXXXXXXXXXX YYYYYYYYY iscritto/a allAlbo dei Dottori Commercialisti e degli esperti contabili di XXXXX sez. A/B con il nr. XXXXXXXXX. Rinvio e chiusura

30 30 I PARAMETRI per la determinazione del compenso D.M. 31 LUGLIO 2012 N° 140

31 1. Lorgano giurisdizionale che deve liquidare il compenso dei professionisti di cui ai capi che seguono applica, in difetto di accordo tra le parti in ordine allo stesso compenso, le disposizioni del presente decreto. Lorgano giurisdizionale può sempre applicare analogicamente le disposizioni del presente decreto ai casi non espressamente regolati dallo stesso. 2. Nei compensi non sono comprese le spese da rimborsare secondo qualsiasi modalità, compresa quella concordata in modo forfettario. Non sono altresì compresi oneri e contributi dovuti a qualsiasi titolo. I costi degli ausiliari incaricati dal professionista sono ricompresi tra le spese dello stesso. 3. I compensi liquidati comprendono lintero corrispettivo per la prestazione professionale, incluse le attività accessorie alla stessa. 4. Nel caso di incarico collegiale il compenso è unico ma lorgano giurisdizionale può aumentarlo fino al doppio. Quando lincarico professionale è conferito a una società tra professionisti, si applica il compenso spettante a uno solo di essi anche per la stessa prestazione eseguita da più soci. 5. Per gli incarichi non conclusi, o prosecuzioni di precedenti incarichi, si tiene conto dellopera effettivamente svolta. 6. Lassenza di prova del preventivo di massima di cui allarticolo 9, comma 4, terzo periodo, del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, n. 27, costituisce elemento di valutazione negativa da parte dellorgano giurisdizionale per la liquidazione del compenso. 7. In nessun caso le soglie numeriche indicate, anche a mezzo di percentuale, sia nei minimi che nei massimi, per la liquidazione del compenso, nel presente decreto e nelle tabelle allegate, sono vincolanti per la liquidazione stessa. D.M. 31 Luglio 2012 n° 140

32 CHI ? LORGANO GIURISDIZIONALE QUANDO ? QUANDO DEVE LIQUIDARE IL COMPENSO DEI PROFESSIONISTI. SEMPRE ? NO !! SOLO IN DIFETTO DI ACCORDO TRA LE PARTI COME ? IN MODO OMNICOMPRENSIVO MA SONO ESCLUSE LE SPESE ANCHE QUELLE CONCORDATE IN MODO FORFETTARIO. D.M. 31 Luglio 2012 n° 140

33 ATTENZIONE A: ASSENZA DI PROVA DEL PREVENTIVO DI MASSIMA ELEMENTO DI VALUTAZIONE NEGATIVA !!! E COMUNQUE… IN NESSUN CASO I PARAMETRI SONO VINCOLANTI PER IL GIUDICE. D.M. 31 Luglio 2012 n° 140

34 34 D.M. 31 Luglio 2012 n° 140 Capo III Disposizioni concernenti i dottori commercialisti ed esperti contabili SEZIONE PRIMA Disposizioni generali Art. 15 (Tipologia di attività) a) amministrazione e custodia; b) liquidazione di aziende; c) valutazioni, perizie e pareri; d) revisioni contabili; e) tenuta della contabilità̀; f) formazione del bilancio; g) operazioni societarie; h) consulenza contrattuale ed economico-finanziaria; i) assistenza in procedure concorsuali; l) assistenza, rappresentanza e consulenza tributaria; m) sindaco di società̀. Quando la prestazione professionale ha per oggetto attività̀ diverse da quelle elencate al comma 1, per il professionista iscritto negli albi dei dottori commercialisti e degli esperti contabili il compenso è determinato in analogia alle disposizioni del presente capo.

35 35 D.M. 31 Luglio 2012 n° 140 Ciò significa che: NON SI PUO RICORRERE A QUANTO PREVISTO DAI PARAMETRI PER GLI AVVOCATI O PER I NOTAI QUANDO LE NOSTRE PRESTAZIONI RIENTRANO ANCHE NELLE LORO COMPETENZE: ARBITRATI CESSIONI DI QUOTE DI SRL

36 36 D.M. 31 Luglio 2012 n° 140 Art. 16 definizioni a) «professionista iscritto negli albi dei dottori commercialisti e degli esperti contabili»: il dottore commercialista, il ragioniere commercialista, lesperto contabile iscritti allalbo; b) «valore della pratica»: entità numerica espressa in euro che costituisce il parametro di base per la liquidazione delle singole attività professionali; c) «componenti positivi di reddito lordi», la sommatoria dei seguenti componenti reddituali risultanti dal conto economico: 1) il valore della produzione, con esclusione delle variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti; delle variazioni dei lavori in corso su ordinazione, e degli incrementi di immobilizzazioni per lavori interni; 2) il valore complessivo dei proventi finanziari; 3) tutte le rideterminazioni dei valori, quali rivalutazioni e ripristini, dellattivo dello stato patrimoniale imputate al conto economico; 4) il valore complessivo dei proventi straordinari; d) «attività»: il valore complessivo dellattivo dello stato patrimoniale di cui allarticolo 2424 del codice civile; e) «passività»: la somma dei valori delle voci B, C, D ed E della sezione Passivo dello schema di cui allarticolo 2424 del codice civile; f) «assistenza tributaria»: la predisposizione su richiesta e nellinteresse del cliente di atti e documenti aventi rilevanza tributaria sulla base dei dati e delle analitiche informazioni trasmesse dal cliente, che non richiedono particolare elaborazione; g) «rappresentanza tributaria»: lintervento personale, quale mandatario del cliente, presso gli uffici tributari, presso le commissioni tributarie, e in qualunque altra sede anche in relazione a verifiche fiscali; h) «consulenza tributaria»: la consulenza, in qualsiasi materia tributaria, di carattere generale o specifico, prestata, in particolare, per lanalisi della legislazione, dellinterpretazione e applicazione, anche giurisprudenziale e dellamministrazione finanziaria, di disposizioni, in sede di assistenza tributaria e in sede di scelta dei comportamenti e delle difese in relazione allimposizione fiscale, anche in ambito contenzioso.

37 37 D.M. 31 Luglio 2012 n° 140 Artt e 18 Art. 16 (Definizioni) 1. Ai fini del presente decreto e per lapplicazione delle disposizioni del presente capo, si intendono per: a) «professionista iscritto negli albi dei dottori commercialisti e degli esperti contabili»: il dottore commercialista, il ragioniere commercialista, lesperto contabile iscritti allalbo; b) «valore della pratica»: entità numerica espressa in euro che costituisce il parametro di base per la liquidazione delle singole attività professionali; c) «componenti positivi di reddito lordi», la sommatoria dei seguenti componenti reddituali risultanti dal conto economico: 1) il valore della produzione, con esclusione delle variazioni delle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti; delle variazioni dei lavori in corso su ordinazione, e degli incrementi di immobilizzazioni per lavori interni; 2) il valore complessivo dei proventi finanziari; 3) tutte le rideterminazioni dei valori, quali rivalutazioni e ripristini, dellattivo dello stato patrimoniale imputate al conto economico; 4) il valore complessivo dei proventi straordinari; d) «attività»: il valore complessivo dellattivo dello stato patrimoniale di cui allarticolo 2424 del codice civile; e) «passività»: la somma dei valori delle voci B, C, D ed E della sezione Passivo dello schema di cui allarticolo 2424 del codice civile; f) «assistenza tributaria»: la predisposizione su richiesta e nellinteresse del cliente di atti e documenti aventi rilevanza tributaria sulla base dei dati e delle analitiche informazioni trasmesse dal cliente, che non richiedono particolare elaborazione; g) «rappresentanza tributaria»: lintervento personale, quale mandatario del cliente, presso gli uffici tributari, presso le commissioni tributarie, e in qualunque altra sede anche in relazione a verifiche fiscali; h) «consulenza tributaria»: la consulenza, in qualsiasi materia tributaria, di carattere generale o specifico, prestata, in particolare, per lanalisi della legislazione, dellinterpretazione e applicazione, anche giurisprudenziale e dellamministrazione finanziaria, di disposizioni, in sede di assistenza tributaria e in sede di scelta dei comportamenti e delle difese in relazione allimposizione fiscale, anche in ambito contenzioso. Art. 17 (Parametri generali) 1. Il compenso del professionista è determinato con riferimento ai seguenti parametri generali: a) valore e natura della pratica; b) importanza, difficoltà, complessità della pratica; c) condizioni durgenza per lespletamento dellincarico; d) risultati e vantaggi, anche non economici, ottenuti dal cliente; e) impegno profuso anche in termini di tempo impiegato; f) pregio dellopera prestata. 2. Il valore della pratica è determinato, in relazione alle singole attività svolte dal professionista, secondo i criteri specificati nelle disposizioni della sezione seconda del presente capo. 3. Il compenso è di regola liquidato, salve ulteriori variazioni determinate dai parametri di cui al comma 1, applicando al valore della pratica le percentuali variabili stabilite nella tabella C – Dottori commercialisti ed esperti contabili allegata, nonché utilizzando, di regola, gli ulteriori valori monetari indicati nella stessa tabella. Art. 18 (Maggiorazioni e riduzioni) 1. Per le pratiche di eccezionale importanza, complessità o difficoltà, ovvero per le prestazioni compiute in condizioni di particolare urgenza, al compenso del professionista può essere applicata una maggiorazione fino al 100 per cento rispetto a quello altrimenti liquidabile. 2. Nel caso in cui la prestazione può essere eseguita in modo spedito e non implica la soluzione di questioni rilevanti, al compenso del professionista può essere applicata una riduzione fino al 50 per cento rispetto a quello altrimenti liquidabile.

38 38 D.M. 31 Luglio 2012 n° 140 Artt. 17 e 18 Art. 17 (Parametri generali) 1.Il compenso del professionista è determinato con riferimento ai seguenti parametri generali: a) valore e natura della pratica; b) importanza, difficoltà, complessità della pratica; c) condizioni durgenza per lespletamento dellincarico; d) risultati e vantaggi, anche non economici, ottenuti dal cliente; e) impegno profuso anche in termini di tempo impiegato; f) pregio dellopera prestata. 2. Il valore della pratica è determinato, in relazione alle singole attività svolte dal professionista, secondo i criteri specificati nelle disposizioni della sezione seconda del presente capo. 3. Il compenso è di regola liquidato, salve ulteriori variazioni determinate dai parametri di cui al comma 1, applicando al valore della pratica le percentuali variabili stabilite nella tabella C – Dottori commercialisti ed esperti contabili allegata, nonché utilizzando, di regola, gli ulteriori valori monetari indicati nella stessa tabella. Art. 18 (Maggiorazioni e riduzioni) 1. Per le pratiche di eccezionale importanza, complessità o difficoltà, ovvero per le prestazioni compiute in condizioni di particolare urgenza, al compenso del professionista può essere applicata una maggiorazione fino al 100 per cento rispetto a quello altrimenti liquidabile. 2. Nel caso in cui la prestazione può essere eseguita in modo spedito e non implica la soluzione di questioni rilevanti, al compenso del professionista può essere applicata una riduzione fino al 50 per cento rispetto a quello altrimenti liquidabile.

39 39 D.M. 31 Luglio 2012 n° 140 STRUTTURA : VALORE DELLA PRATICA PERCENTUALI DA APPLICARE CON UN MINIMO ED UN MASSIMO ESEMPIO CONTABILITA 1. Il valore della pratica per la liquidazione di incarichi di tenuta della contabilità ordinaria, è determinato in funzione dei componenti positivi di reddito lordi, delle attività e delle passività risultanti dal bilancio di fine esercizio, e il compenso è liquidato, di regola, secondo quanto indicato dal riquadro 5.1 della tabella C – Dottori commercialisti ed esperti contabili. Riquadro 5 [Art. 23 1° COMMA] a) sui componenti positivi di reddito lordi: dallo 0,30% allo 0,50% b) sul totale delle attività: dallo 0,020% allo 0,060% c) sul totale delle passività risultanti dal bilancio di fine esercizio: dallo 0,020 allo 0,065%

40 1. Il valore della pratica per la liquidazione di incarichi di tenuta della contabilità ordinaria, è determinato in funzione dei componenti positivi di reddito lordi, delle attività e delle passività risultanti dal bilancio di fine esercizio, e il compenso è liquidato, di regola, secondo quanto indicato dal riquadro 5.1 della tabella C – Dottori commercialisti ed esperti contabili. Riquadro 5 [Art. 23 1° COMMA] a) sui componenti positivi di reddito lordi: dallo 0,30% allo 0,50% b) sul totale delle attività: dallo 0,020% allo 0,060% c) sul totale delle passività risultanti dal bilancio di fine esercizio: dallo 0,020 allo 0,065% DATI RICHIESTI: a) TOTALE COMPONENTI POSITIVI DI REDDITO LORDI ,00 b) TOTALE ATTIVITA' ,00 c) AMMONTARE DELLE PASSIVITA' ,00 determinazione del compenso su: MINIMOMASSIMO Componenti positivi di reddito LORDI ,000,30%0,50% 2.097, ,00 totale attività ,000,020%0,060% 60,00 180,00 Totale passività a fine esercizio ,000,020%0,065% 40,00 130,00 TOTALE compenso per tenuta di contabilità ordinaria 2.197, ,00 PER UN VALORE DELLA PRATICA PARI A: COMPONENTI POSITIVI DI REDDITO = ,00 TOTALE ATTIVITA' = ,00 AMMONTARE DELLE PASSIVITA' = ,00 D.M. 31 Luglio 2012 n° 140 ESEMPIO CONTABILITA ORDINARIA

41 D.M. 31 Luglio 2012 n° 140 ESEMPIO CONTABILITA SEMPLIFICATA 2. Il valore della pratica per la liquidazione di incarichi di tenuta della contabilità semplificata, è determinato in funzione dei componenti positivi di reddito lordi, e il compenso è liquidato, di regola, secondo quanto indicato dal riquadro 5.2 della tabella C – Dottori commercialisti ed esperti contabili. Riquadro 5.1 [Art. 23 1° Comma] - sulla sommatoria dei componenti positivi di reddito lordi: fino a euro dal 4% al 3% sul maggior valore e fino a euro dal 2% al 1% oltre euro dal 1% allo 0,5% DATI RICHIESTI: a) COMPONENTI POSTIVI DI REDDITO LORDI ,00 determinazione del compenso: MINIMOMASSIMO Fino a: ,003%4% 1.500, ,00 per il di più fino a: ,001%2% 500, ,00 per il di più oltre a: ,000,50%1% 2.995, ,00 TOTALE compenso per tenuta della contabilità semplificata PER UN VALORE DELLA PRATICA PARI A: COMPONENTI POSITIVI DI REDDITO LORDI , , ,00

42 D.M. 31 Luglio 2012 n° 140 ESEMPIO REDAZIONE BILANCIO 1. Il valore della pratica per la liquidazione relativa a incarichi per la formazione del bilancio, è determinato in funzione dei componenti positivi di reddito lordi, delle attività e delle passività, e il compenso è liquidato, di regola, secondo quanto stabilito dal riquadro 6 della tabella C – Dottori commercialisti ed esperti contabili. Riquadro 6 [Art. 24] a) sul totale dei componenti positivi di reddito lordi: dallo 0,020% allo 0,030% fino a di euro per il di più oltre dallo 0.005% allo 0.010% b) sul totale delle attività: dallo 0,050% allo 0,060% c) sullammontare delle passività: dallo 0,020% allo 0,030% DATI RICHIESTI: a) TOTALE COMPONENTI POSITIVI DI REDDITO LORDI ,00 b) TOTALE DELLE ATTIVITA' ,00 c) AMMONTARE DELLE PASSIVITA' ,00 determinazione del compenso sui componenti positivi di reddito: MINIMOMASSIMO Fino a: ,000,020%0,030% 139,80 209,70 per il di più fino a: ,000,005%0,010% - - determinazione del compenso sulle attività: ,000,05%0,06% 150,00 180,00 determinazione del compenso sulle passività: ,000,02%0,03% 40,00 60,00 TOTALE compenso per la formazione del bilancio 329,80 449,70 PER UN VALORE DELLA PRATICA PARI A: COMPONENTI POSITIVI DI REDDITO LORDI ,00 TOTALE DELLE ATTIVITA' ,00 AMMONTARE DELLE PASSIVITA' ,00

43 D.M. 31 Luglio 2012 n° 140 ESEMPIO COSTITUZIONE SOCIETA 1. Il valore della pratica di liquidazione di incarichi per la costituzione e per le successive variazioni dello statuto sociale, incluse le trasformazioni, di qualunque tipo di società, ente o associazione, è determinato in funzione del capitale sottoscritto ed è liquidato, di regola, secondo quanto indicato dal riquadro 7.1 della tabella C – Dottori commercialisti ed esperti contabili. Riquadro 7.1 [Art. 25 1° comma] - sul capitale sottoscritto: fino ad euro dallo 0,75% al 1,50% per il di più oltre (fino a?) euro dallo 0,50% allo 0,75% oltre euro dallo 0,25% allo 0,50% DATI RICHIESTI: a) CAPITALE SOTTOSCRITTO ,00 determinazione del compenso sull'attivo realizzato: MINIMOMASSIMO Fino a: ,000,75%1,50% 375,00 750,00 per il di più fino a: ,000,50%0,75% - - per il di più oltre a: ,000,25%0,50% - - TOTALE compenso per attività di costituzione e variazioni statuto sociale PER UN VALORE DELLA PRATICA PARI A: CAPITALE SOTTOSCRITTO ,00 375,00 750,00

44 D.M. 31 Luglio 2012 n° 140 ESEMPIO CONSULENZA CONTRATTUALE 1. Il valore della pratica per la liquidazione di incarichi di consulenza o assistenza nella stipulazione di tutti i tipi di contratti, anche preliminari, atti, scritture private, è determinato in funzione del corrispettivo pattuito al lordo delle eventuali passività accollate dal cessionario, e il compenso è liquidato, di regola, secondo quanto indicato dal riquadro 8.1 della tabella C – Dottori commercialisti ed esperti contabili. Riquadro 8.1 [Art. 26 1° comma] - sul corrispettivo pattuito: fino a euro dallo 0,75% al 2% oltre euro dallo 0,50% allo 0,75% DATI RICHIESTI: a) CORRISPETTIVO PATTUITO ,00 determinazione del compenso sull'attivo realizzato: MINIMOMASSIMO Fino a: ,000,75%2,00% 375, ,00 per il di più oltre a: ,000,50%0,75% - - TOTALE compenso per attività di consulenza contrattuale PER UN VALORE DELLA PRATICA PARI A: CORRISPETTIVO PATTUITO ,00 375, ,00

45 D.M. 31 Luglio 2012 n° 140 ESEMPIO COLLEGIO SINDACALE 1. Il valore della pratica per la liquidazione della funzione di sindaco di società che svolge i controlli di legalità e sullamministrazione della società è determinato in funzione della sommatoria dei componenti positivi di reddito lordi e delle attività, e il compenso è liquidato, di regola, secondo quanto indicato nel riquadro 11 della tabella C – Dottori commercialisti ed esperti contabili. Riquadro 11 [Art. 29] sulla sommatoria dei componenti positivi di reddito lordi e delle attività: - fino a euro ,00 da euro a euro Quando la funzione di sindaco è svolta in società di semplice amministrazione di beni immobili di proprietà, in società dedicate al solo godimento di beni patrimoniali, in società in liquidazione o in procedura concorsuale, le percentuali di liquidazione stabilite in tabella per lipotesi del comma 1 sono ridotte fino alla metà. - per il di più fino a euro dallo 0,009% allo 0,010% - per il di più fino a euro dallo 0,0060% allo 0,009% 3. Quando il professionista riveste la carica di sindaco unico le percentuali di liquidazione stabilite in tabella per lipotesi del comma 1 sono aumentate fino al 100 per cento. Quando il professionista riveste la carica di presidente del collegio sindacale le percentuali di liquidazione stabilite in tabella per lipotesi del comma 1 sono aumentate fino al 50 per cento. - per il di più fino a euro dallo 0,005% allo 0,006% - per ogni euro di valore in più o frazione, rispetto a euro una maggiorazione da euro ad euro DATI RICHIESTI: SOMMATORIA COMPONENTI POSITIVI DI REDDITO LORDI E DELLE ATTIVITA' ,00 per l'inserimento dei dati utilizzare il formato 0,xx RIDUZIONE 2° COMMA ? (S/N) N % di < IPOTESI DI SINDACO UNICO? (S/N) S % di >100% PRESIDENTE COLLEGIO SINDACALE ? (S/N) % di > determinazione del compenso: MINIMOMASSIMO Fino a: , , ,00 per il di più fino a: ,000,0090%0,0100% 450,00 500,00 per il di più fino a: ,000,0060%0,0090% - - per il di più fino a: ,000,0050%0,0060% - - per il di più oltre a: , maggiorazione per incarico di sindaco unico 6.450, , TOTALE compenso per incarico di sindaco PER UN VALORE DELLA PRATICA PARI A: RICAVI LORDI + ATTIVITA' , , ,00

46 D.M. 31 Luglio 2012 n° 140 ESEMPIO REVISIONE LEGALE 1. Il valore della pratica per la liquidazione relativa a incarichi di revisioni amministrative e contabili, di ispezioni, nonché per il riordino di contabilità, per laccertamento dellattendibilità dei bilanci, previsti dalla legge o eseguiti su richiesta del cliente, dellautorità giudiziaria o amministrativa, anche ai fini della erogazione di contributi o finanziamenti pubblici, anche comunitari, nonché per laccertamento della rendicontazione dellimpiego di risorse finanziarie pubbliche, è determinato in funzione dei componenti positivi di reddito lordo e delle attività e il compenso liquidato, di regola, secondo quanto indicato nel riquadro 4 della tabella C – Dottori commercialisti ed esperti contabili. Riquadro 4 [Art. 22] a) sul totale dei componenti positivi di reddito lordi: dallo 0,10% allo 0,15% b) sul totale delle attività: dallo 0,050% allo 0,075% c) sullammontare delle passività dallo 0,050% allo 0,075% DATI RICHIESTI: a) TOTALE COMPONENTI POSITIVI DI REDDITO ,00 b) TOTALE ATTIVITA' ,00 c) AMMONTARE DELLE PASSIVITA' ,00 determinazione del compenso su: MINIMOMASSIMO Componenti positivi di reddito ,000,10%0,15% 8.000, ,00 totale attività ,000,050%0,075% 1.000, ,00 ammontare passività ,000,050%0,075% 500,00 750,00 TOTALE compenso per attività di revisione contabile 9.500, ,00 PER UN VALORE DELLA PRATICA PARI A: COMPONENTI POSITIVI DI REDDITO = ,00 TOTALE ATTIVITA' = ,00 AMMONTARE DELLE PASSIVITA' = ,00

47 Privacy - Normativa LEGGE n° 675 disciplina del trattamento dei dati personali D. Lgs n° 196 Codice in materia di protezione dei dati personali DECRETO LEGGE n° 5 9 febbraio 2012 (cd. Dl semplificazioni) LEGGE DI CONVERSIONE n° 35 DEL 4 aprile ha disposto la soppressione art. 34 D.Lsg 196/2003 ovvero dell obbligo di redazione e aggiornamento annuale del DPS MA Restano in vigore tutti gli altri adempimenti

48 Privacy - Normativa TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI art. 4. TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI art. 4. Operazioni di raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, consultazione, elaborazione, modificazione diffusione, cancellazione distruzione DATI SENSIBILI : stato di salute Vita sessuale Opinioni politico/sindacali Convinzioni religiose/filosofiche Origine razziale ed etnica DATI SENSIBILI : stato di salute Vita sessuale Opinioni politico/sindacali Convinzioni religiose/filosofiche Origine razziale ed etnica DATI GIUDIZIARI : Qualità di imputato o di indagato artt. 60 e 61 cpp Dati idonei a rivelare provvedimenti che devono essere iscritti nel Casellario giudiziale DATI GIUDIZIARI : Qualità di imputato o di indagato artt. 60 e 61 cpp Dati idonei a rivelare provvedimenti che devono essere iscritti nel Casellario giudiziale

49 Privacy – dati giudiziari SONO ESCLUSI DALLA NOZIONE DI DATI GIUDIZIARI La dichiarazione di fallimento, di omologa del concordato fallimentare, di chiusura e di riabilitazione del fallito I provvedimenti in materia di interdizione e inabilitazione (che tuttavia se adottati per motivi di salute divengono dati sensibili) SONO ESCLUSI DALLA NOZIONE DI DATI GIUDIZIARI La dichiarazione di fallimento, di omologa del concordato fallimentare, di chiusura e di riabilitazione del fallito I provvedimenti in materia di interdizione e inabilitazione (che tuttavia se adottati per motivi di salute divengono dati sensibili) INDAGATO: tutti gli atti relativi alle indagini preliminari INDAGATO: tutti gli atti relativi alle indagini preliminari Provvedimenti da iscrivere nel casellario giudiziale: - sentenze e decreti penali di condanna -di applicazione di pene accessorie -di amnistia, indulto, grazia, dichiarazione di abitualità di professionalità o di tendenza a delinquere -di proscioglimento o di non luogo a procedere -di riabilitazione Provvedimenti da iscrivere nel casellario giudiziale: - sentenze e decreti penali di condanna -di applicazione di pene accessorie -di amnistia, indulto, grazia, dichiarazione di abitualità di professionalità o di tendenza a delinquere -di proscioglimento o di non luogo a procedere -di riabilitazione IMPUTATO: richiesta di rinvio a giudizio giudizio immediato Decreto penale di condanna Patteggiamento Citazione a giudizio Giudizio direttissimo IMPUTATO: richiesta di rinvio a giudizio giudizio immediato Decreto penale di condanna Patteggiamento Citazione a giudizio Giudizio direttissimo

50 Privacy Controlli sull EFFETTIVA APPLICAZIONE delle misure di cui all art. 31 e allegato B. Procedure di autenticazione informatica e gestione delle credenziali. Adozione di un sistema di autorizzazione. Aggiornamento periodico delle autorizzazioni agli incaricati. Protezione strumentazioni elettroniche da accessi non consentiti ed adozione di sistemi anti intrusione. Aggiornamento dotazioni elettroniche. Adozione di procedure di custodia copie di sicurezza e di ripristino dei dati. Adozione di specifiche misure per dati sensibili e giudiziari. Predisposizione di idonee attestazioni di conformità da far sottoscrivere a soggetti esterni sul rispetto delle disposizioni nellambito dei loro interventi. Adozione di altre idonee misure in caso di utilizzo di strumenti non elettronici.

51 Privacy – Intermediari telematici Controlli in materia di privacy presso gli intermediari abilitati al servizio entratel. -Si tratta di attività concorrente e non sostitutiva della vigilanza svolta dal Garante della Privacy. -Viene svolta dalle sezioni di Audit istituite presso le Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate. -Oggetto del controllo è la corretta applicazione da parte degli intermediari abilitati delle disposizioni previste Codice in materia di protezione dei dati personali. -Il mancato rispetto da parte dellintermediario degli obblighi di sicurezza può costituire causa di revoca dellabilitazione entratel.

52 Privacy: controllo sugli intermediari Comunicato Agenzia delle Entrate del 3 agosto 2011: Struttura organizzativa dellintermediario. Esistenza del DPS (fino al 9 febbraio 2012, poi adempimento soppresso). Designazione degli incaricati: Sensibilizzazione dei soggetti che trattano i dati Verifica dellesistenza e dellimplementazione delle procedure di controllo e del rispetto delle misure minime di sicurezza Verifica della corretta gestione: Delle credenziali di autenticazione. Dei profili di autorizzazione Dei soggetti esterni che a vario titolo accedono ai dati conservati

53 Privacy STRUTTURA ORGANIZZATIVA TITOLARE DEL TRATTAMENTO RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO DESIGNAZIONE DEGLI INCARICATI (esistenza del mansionario) TITOLARE DEL TRATTAMENTO RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO DESIGNAZIONE DEGLI INCARICATI (esistenza del mansionario) SENSIBILIZZAZIONE INCARICATI SENSIBILIZZAZIONE INCARICATI PRECISE ISTRUZIONI ATTIVITA DI FORMAZIONE DEGLI INCARICATI PRECISE ISTRUZIONI ATTIVITA DI FORMAZIONE DEGLI INCARICATI PROCEDURE DI CONTROLLO ADOZIONE DI ADEGUATE PROCEDURE DI CONTROLLO

54 Privacy : verifica della piena applicazione delle misure minime di sicurezza Backup dati almeno settimanale Aggiornamento software antivirus Installazione di dispositivi di firewall Opportune tecniche di cifratura dati Accesso alla rete Accesso agli applicativi Accesso ad Entratel User id e Password per ciascun incaricato Gestione credenziali Gestione profili autorizzazio ne su più livelli Misure di sicurezza informatich e Se sono previste reti wireless

55 Privacy : gestione password Incarico ad uno o più soggetti di amministrare le utenze daccesso Credenziali di accesso nominative note solo al responsabile della loro conservazione PASSWORD: Almeno otto caratteri Se assegnata dal sistema modificata dallutente al primo accesso Modificata ogni sei mesi ovvero ogni tre in presenza di dati sensibili o giudiziari PASSWORD: Almeno otto caratteri Se assegnata dal sistema modificata dallutente al primo accesso Modificata ogni sei mesi ovvero ogni tre in presenza di dati sensibili o giudiziari SOCIETA ESTERNE: nomina come responsabili del trattamento (ad esempio società che svolge servizio di assistenza tecnica su hw e sw), se ed in quanto per tali operazioni si possa implicare il trattamento dei dati SOCIETA ESTERNE: nomina come responsabili del trattamento (ad esempio società che svolge servizio di assistenza tecnica su hw e sw), se ed in quanto per tali operazioni si possa implicare il trattamento dei dati PROTEZIONE POSTAZIONI DI LAVORO: Adozione di idonee misure di protezione per postazioni di lavoro (pc client), server ed infrastruttura di rete. Blocco automatico delle stazioni di lavoro dopo un tempo di inattività delloperatore. PROTEZIONE POSTAZIONI DI LAVORO: Adozione di idonee misure di protezione per postazioni di lavoro (pc client), server ed infrastruttura di rete. Blocco automatico delle stazioni di lavoro dopo un tempo di inattività delloperatore.

56 Privacy Le dichiarazioni e la relativa documentazione devono essere conservati separatamente dalla documentazione acquisita per altri incarichi La documentazione fiscale deve essere conservata secondo le modalità e per il tempo previsto dalle vigenti disposizioni Qualora il soggetto abilitato non svolga tutto da solo ma abbia creato una struttura articolata esistenza di procedure per laccesso a per la gestione degli archivi I documenti contenenti i dati sensibili devono essere conservati separatamente dal resto della documentazione archiviata I documenti relativi allattività di trasmissione delle dichiarazioni ed i supporti magnetici contenenti i back up dei dati devono essere conservati in spazi idonei ed accessibili SOLO al personale autorizzato

57 GRAZIE PER LATTENZIONE.


Scaricare ppt "FORLI- 12 DICEMBRE 2013 1 LA GESTIONE DELL INCARICO PROFESSIONALE ALLA LUCE DELLA RIFORMA DELLA PROFESSIONI Dott. Alessandro Lini – ODCEC Pisa Fondazione."

Presentazioni simili


Annunci Google