La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Posidonia oceanica La sentinella del Mediterraneo Alla scoperta di questa pianta La biodiversità della prateria di Posidonia Eplorazioni didattiche: costruiamo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Posidonia oceanica La sentinella del Mediterraneo Alla scoperta di questa pianta La biodiversità della prateria di Posidonia Eplorazioni didattiche: costruiamo."— Transcript della presentazione:

1 Posidonia oceanica La sentinella del Mediterraneo Alla scoperta di questa pianta La biodiversità della prateria di Posidonia Eplorazioni didattiche: costruiamo un diorama marino

2 Distribuzione del genere Posidonia

3 Idrosfera ed ambiente marino Il globo terrestre ha una superficie di circa 510 milioni di kmq di cui 361 ricoperti da mari ed oceani che contengono il 97% dellacqua disponibile sulla Terra Il globo terrestre ha una superficie di circa 510 milioni di kmq di cui 361 ricoperti da mari ed oceani che contengono il 97% dellacqua disponibile sulla Terra Le acque marine sono sistemi fortemente tamponati per la loro composizione e per la costanza chimica e termica dovuta alla enorme massa degli oceani stessi Le acque marine sono sistemi fortemente tamponati per la loro composizione e per la costanza chimica e termica dovuta alla enorme massa degli oceani stessi

4 Proprietà dellacqua di mare Temperatura: nel Mediterraneo non scende al di sotto dei 13°C valore che nellAtlantico si ritrova a 320 mt di profondità(soglia di Gibilterra).Termoclino(strato di separazione fra le acque più superficiali(più variabili) e le più profonde (meno variabili) Temperatura: nel Mediterraneo non scende al di sotto dei 13°C valore che nellAtlantico si ritrova a 320 mt di profondità(soglia di Gibilterra).Termoclino(strato di separazione fra le acque più superficiali(più variabili) e le più profonde (meno variabili) Salinità:la quantità in Sali espressa in grammi per chilo di acqua di mare.Media il 35 x mille, nel Mediteranneo il 37x mille nel mar Rosso il 40 x mille, qualche unità nel Mar Baltico. Ioni salini presenti:sodio, potassio, calcio, magnesio, cloro, zolfo Salinità:la quantità in Sali espressa in grammi per chilo di acqua di mare.Media il 35 x mille, nel Mediteranneo il 37x mille nel mar Rosso il 40 x mille, qualche unità nel Mar Baltico. Ioni salini presenti:sodio, potassio, calcio, magnesio, cloro, zolfo Nutrienti:azoto,fosforo,silicio Nutrienti:azoto,fosforo,silicio

5 Il mare come ecosistema Definiamo ecosistema un elemento distinto del paesaggio e della biosfera risultante dellinterazione in un dato ambiente delle componenti biotiche e abiotiche Definiamo ecosistema un elemento distinto del paesaggio e della biosfera risultante dellinterazione in un dato ambiente delle componenti biotiche e abiotiche Categorie biotiche: autotrofi ed eterotrofi Categorie biotiche: autotrofi ed eterotrofi Biotopo:ambiente fisico della biocenosi Biotopo:ambiente fisico della biocenosi

6 Ecosistema mare Categorie biotiche marine planctonnectonbenthos

7 Ecosistema mare Gruppi trofici produttori filtratori detritivori limivori erbivori onnivori carnivori parassiti

8 Ecosistema mare Organismi marini batterialghepiante animali

9 Piante superiori marine REGNO : PIANTE DIVISIONE: SPERMATOFITE SOTTODIVISIONE:ANGIOSPERME CLASSE: MONOCOTILEDONI

10 Fanerogame marine Le piante acquatiche sono Monocotiledoni cioè senza struttura secondaria del fusto e delle radici, il che favorisce velocità di crescita ma ostacola lispessimento ed il sostegno Le piante acquatiche sono Monocotiledoni cioè senza struttura secondaria del fusto e delle radici, il che favorisce velocità di crescita ma ostacola lispessimento ed il sostegno La velocità di crescita favorisce la diffusione ed il successo delle Fanerogame marine nella competizione con le Alghe ma questa alta differenziazione le rende sensibili allazione antropica e non permette un rapido adattamento alle modificazioni dei parametri ambientali La velocità di crescita favorisce la diffusione ed il successo delle Fanerogame marine nella competizione con le Alghe ma questa alta differenziazione le rende sensibili allazione antropica e non permette un rapido adattamento alle modificazioni dei parametri ambientali

11 Fanerogame marine Cymodocea nodosa Cymodocea nodosa Zostera marina Zostera marina Zostera nolti Zostera nolti Posidonia oceanica Posidonia oceanica

12 Le più comuni nel Mar Mediterraneo sono: Posidonia oceanica, che vive in mari limpidi, fino alla profondità di 45 – 50 metri. Cymodocea nodosa, comune nellAlto Adriatico in acque più torbide, fino a 6 – 8 metri di profondità. Zostera marina, specie caratteristica delle zone con apporti di acque dolci quali lagune e foci fluviali.

13 Cosè la Posidonia? La Posidonia (Posidonia oceanica) appartiene al gruppo delle fanerogame marine, il quale comprende diverse specie di vere e proprie piante che si sonopiante adattate a vivere nelle acque dei mari e nelle lagune costiere, preferibilmente su fondali di sabbia o fango (non è raro Incontrarla anche su detrito grossolano o roccia).

14 Qual è la sua struttura? A differenza delle alghe, la Posidonia, essendo una vera e propria pianta, è suddivisa in: Radici FustoFusto (Rizoma) Foglie Fiori Frutti

15 Tassonomia di Posidonia oceanica Regno: Piante Regno: Piante Divisione :Spermatofite Divisione :Spermatofite Sottodivisione:Angiosperme Sottodivisione:Angiosperme Classe :Monocotiledoni Classe :Monocotiledoni Sottoclasse: Elobie Sottoclasse: Elobie Ordine: Potamogetonali Ordine: Potamogetonali Famiglia:Posidoniacee Famiglia:Posidoniacee Genere:Posidonia Genere:Posidonia Specie: Posidonia oceanica Specie: Posidonia oceanica

16 Fiori

17 La foglia è un organo delle piante specializzato per la fotosintesi. Per questo scopo, una foglia è normalmente piatta e sottile, per poter così esporre i cloroplasti, contenuti nelle cellule del parenchima fotosintetico, alla luce del Sole e far sì che la luce penetri completamente nei tessuti. Le foglie sono inoltre gli organi in cui, nella maggior parte delle piante, hanno luogo la respirazione, la traspirazione ed il gocciolamento (fuoriuscita d'acqua per permettere la traspirazione quando le condizioni atmosferiche sono sfavorevoli). Foglie

18 Foglie

19 Frutti

20 Organismi appartenenti alla rete trofica dellecosistema posidonia Epifiti: Organismi che si fissano sulle foglie e sui rizomi di P. oceanica, usandola come supporto Epifiti: Organismi che si fissano sulle foglie e sui rizomi di P. oceanica, usandola come supporto

21

22

23

24 Organismi appartenenti alla rete trofica dell ecosistema posidonia Comunità animale Spugne Idrozoi Briozoi Crostacei Molluschi Pesci

25

26 Organismi appartenenti alla rete trofica dellecosistema posidonia Fauna residente:organismi che si trovano stabilmente nelle praterie Fauna residente:organismi che si trovano stabilmente nelle praterie Fauna migratoria: organismi che utilizzano le praterie come abitazione, fonte di cibo, riparo da predatori o luogo di riproduzione e deposizione delle uova Fauna migratoria: organismi che utilizzano le praterie come abitazione, fonte di cibo, riparo da predatori o luogo di riproduzione e deposizione delle uova

27 Fauna associata alle praterie Organismi: Sessili (fissi al substrato: foglie, rizomi, sedimento) Sessili (fissi al substrato: foglie, rizomi, sedimento) Vagili: si spostano in continuazione allinterno della prateria o nella colonna dacqua Vagili: si spostano in continuazione allinterno della prateria o nella colonna dacqua Infauna: vivono allinterno delle matte Infauna: vivono allinterno delle matte

28 Importanza del posidoneto Produzione di biomassa Circa 20t/ha/anno Difesa delle coste Fissazione del fondale marino incoerente Produzione di O2 14 l/mq/anno

29 La prateria di Posidonia produce dalle 15 alle 30 tonnellate di biomassa animale per ettaro. Il 30% di tale massa è utilizzato biologicamente da ecosistemi limitrofi mentre la maggior parte si trasferisce in profondità. La massa si compone di oltre 350 specie animali diverse, cui si associano componenti algali e microrganismi vari. Produzione di Biomassa

30 Radici e rizomi della prateria di Posidonia contribuiscono in maniera essenziale al consolidamento di vasti fondali marini che per la loro costituzione sabbiosa o melmosa risultano naturalmente incoerenti. Laccrescimento in senso Verticale delle matte porta nel lungo tempo al graduale sollevamento del fondale, talora con formazione di vere e proprie barriere interposte tra la riva e il mare aperto. Fissazione del fondale marino incoerente

31 Sviluppo e crescita della Posidonia Orizzontale (plagiotropo) Verticale (ortotropo) Velocità di 7 cm annui Quando lo spazio comincia ad essere limitato orizzontalmente innalzamento del fondo originando una struttura a terrazzastruttura a terrazza (in francese matte), che può raggiungere i 6 metri di altezza.

32

33

34 Il primo meccanismo di difesa delle coste è costituito dal forte freno alle onde ed alle correnti, portato dalla superficie fogliare del posidonieto: si calcola che le onde vengano frenate del 30-40% della loro energia e le correnti fino al 60-70%. Il secondo meccanismo di protezione consiste nella stratificazione, poco sopra la battigia, di grandi quantità di foglie che offrono una valida difesa contro le onde. Difesa delle coste

35 Provincia Di Cosenza Isola di Dino Sud e Nord San Nicola Arcella Isola di Cirella Belvedere Marittimo (Capo Tirone)Capo Tirone CariatiSan Giacomo

36 Regressione delle praterie di Posidonia oceanica A partire dagli anni 50, molti studi hanno evidenziato una progressiva diminuzione dellestensione delle praterie di Posidonia nel Mediterraneo, le cause sono molteplici compreso un disadattamento progressivo allambiente Mediterraneo che porta ad una rarefazione naturale come è stato verificato lungo le coste settentrionali, ma le principali cause sono da collegarsi alla crescente pressione antropica lungo le coste con aumento della torbidità che ne diminuisce la capacità fotosintetica. A partire dagli anni 50, molti studi hanno evidenziato una progressiva diminuzione dellestensione delle praterie di Posidonia nel Mediterraneo, le cause sono molteplici compreso un disadattamento progressivo allambiente Mediterraneo che porta ad una rarefazione naturale come è stato verificato lungo le coste settentrionali, ma le principali cause sono da collegarsi alla crescente pressione antropica lungo le coste con aumento della torbidità che ne diminuisce la capacità fotosintetica.

37 Cause del regresso Processi Fisico- meccanici Processi Chimico- fisico-biologici

38 Processi fisico-meccanici Aumento della torbidità dellacqua dovuta alla pressione antropica sulla fascia costiera Aumento della torbidità dellacqua dovuta alla pressione antropica sulla fascia costiera Pesca a strascico che strappa la Posidonia dal suo substrato provocando danni a volte irreparabili Pesca a strascico che strappa la Posidonia dal suo substrato provocando danni a volte irreparabili Cambiamento del regime idroclimatico dovuto alla costruzione di porti, dighe o barriere Cambiamento del regime idroclimatico dovuto alla costruzione di porti, dighe o barriere

39 Processi chimico-biologici Alta concentrazione di inquinanti organici Alta concentrazione di inquinanti organici Presenza di sostanze chimiche di vario genere(tensioattivi, metalli pesanti, ecc.) Presenza di sostanze chimiche di vario genere(tensioattivi, metalli pesanti, ecc.) Introduzione di specie alloctone in competizione con Posidonia (es. Caulerpa) Introduzione di specie alloctone in competizione con Posidonia (es. Caulerpa)

40 Conseguenze della perdita o della regressione di Posidonia I processi fisico-meccanici e chimico-fisici appena illustrati possono generare delle conseguenze alquanto gravi. Infatti se la prateria scompare sinnesca una reazione a catena dagli effetti multipli, anche di tipo economico ancora in parte sconosciuti. In linea di massima, a fronte della perdita o della regressione di Posidonia, si individuano i seguenti effetti principali:

41 riduzione degli habitat, perdita di biodiversità, alterazione della rete trofica, riduzione della produttività e conseguente danno alla pesca. riduzione della funzionalità ecologica, della capacità di trasformazione e metabolizzazione dei carichi trofici e della conseguente capacità di risposta allinquinamento. riduzione o perdita del valore naturalistico e scientifico. riduzione della qualità ambientale, del valore turistico e del valore patrimoniale/immobiliare. riduzione della capacità di controllo dei meccanismi di erosione costiera, perditadelle spiagge, danneggiamento delle attività produttive, necessità di interventi di riequilibrio (difese/ripascimenti).

42 Misure di tutela e mitigazione dellimpatto antropico Osservanza delle limitazioni allo scarico di acque reflue. Osservanza del divieto di pesca a strascico (attuazione ed efficacia dei controlli). Realizzazione di campi boe correttamente ubicati e realizzati per lormeggio delle imbarcazioni da diporto. Valutazione dei possibili effetti indotti da interventi di ripascimento delle spiagge e dalle opere di difesa costiera ed attuazione di interventi con materiali di idonea granulometria (sabbie pulite). Divieto di realizzazione di impianti di maricoltura al di sopra e nei pressi delle praterie. Monitoraggio ambientale integrato (caratteristiche e stato ambientale, apporto sedimentario e trasporto costiero).

43 A cura della prof.ssa Mariuccia Papa I Licei di Belvedere Marittimo (CS) Bibliografia: G. Cognetti M. Sarà Biologia Marina S. Rende Posidonia oceanica (L.) Delile, fanerogama endemica del Mediterraneo Gazale Porcheddu Guida alla flora e fauna Marina della Sardegna


Scaricare ppt "Posidonia oceanica La sentinella del Mediterraneo Alla scoperta di questa pianta La biodiversità della prateria di Posidonia Eplorazioni didattiche: costruiamo."

Presentazioni simili


Annunci Google