La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LUG 2010 Cenni sulla storia del Credito Cooperativo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LUG 2010 Cenni sulla storia del Credito Cooperativo."— Transcript della presentazione:

1

2 LUG 2010

3 Cenni sulla storia del Credito Cooperativo

4 LUG 2010 Friedrich Wilhelm Raiffeisen Durante la crisi economica ed alimentare degli anni , prova a porvi rimedio fondando nel 1846 una Associazione per il pane. Il 1º dicembre 1849 fonda la Società di soccorso agli agricoltori indigenti di Flammersfeld. In questa nuova esperienza cerca di cogliere le cause del ricorso al credito dei contadini e degli artigiani. Nel 1852 si trasferisce a Heddersdorf vicino a Neuwied nella valle del Reno e fonda lAssociazione caritatevole di Heddersdorf che diventa l'Associazione "Cassa Rurale di Heddersdorf".

5 LUG 2010 NEL 1883 LEONE WOLLEMBORG FONDA A LOREGGIA LA PRIMA CASSA RURALE ITALIANA In Italia fin dalle origini il Credito Cooperativo si prefigge obiettivi di utilità sociale rispondendo alla necessità di liberare le fasce più umili della popolazione dalla miseria e contrastare lusura.

6 LUG 2010 LE CASSE RURALI CATTOLICHE Luigi Cerutti, consacrato sacerdote nel 1888, fonda a Gambarare, nel febbraio del 1890 la prima Cassa Rurale cattolica.

7 LUG 2010 Il 15 MAGGIO 1891 PAPA LEONE XIII EMANA LENCICLICA RERUM NOVARUM Con essa nasce la dottrina sociale della Chiesa, cioè lenunciazione di principi e le indicazioni del magistero cattolico in materia sociale ed economica. Lenciclica viene alla luce nel periodo in cui si è diffusa lindustrializzazione e si è sviluppata la borghesia capitalista cui si contrappone con sempre maggiore veemenza la nuova classe sociale degli operai salariati. E sbocciato il socialismo e nasce la lotta di classe.

8 LUG 2010 RERUM NOVARUM Per sintetizzare le indicazioni dellEnciclica è sufficiente rifarsi ai titoli di capitoli e paragrafi che ne esplicitano il senso: Il socialismo falso rimedio Il vero rimedio: lunione delle associazioni La proprietà privata è di diritto naturale Difesa della proprietà privata La libertà dell'uomo Difesa del lavoro Condizioni di lavoro La questione del salario Educazione al risparmio

9 LUG 2010 LA SCELTA DELLA CHIESA … è chiaro (…) come sia di estrema necessità venir in aiuto senza indugio e con opportuni provvedimenti ai proletari, che per la maggior parte si trovano in assai misere condizioni, indegne dell'uomo. Poiché, soppresse nel secolo passato le corporazioni di arti e mestieri, senza nulla sostituire in loro vece (…) avvenne che poco a poco gli operai rimanessero soli e indifesi in balda della cupidigia dei padroni e di una sfrenata concorrenza. Accrebbe il male un'usura divoratrice che (…) continua lo stesso, sotto altro colore, a causa di ingordi speculatori. Si aggiunga il monopolio della produzione e del commercio, tanto che un piccolissimo numero di straricchi hanno imposto all'infinita moltitudine dei proletari un gioco poco meno che servile. Rerum novarum - introduzione

10 LUG 2010 LA RAPIDA DIFFUSIONE Diffusione delle Casse Rurali Anno 1897: 904 Anno 1905: Anno 1922: numero massimo

11 LUG 2010 IL PERIODO FASCISTA 1926 Il regime fascista crea l'Ente Nazionale Fascista della Cooperazione. La legge sulla disciplina giuridica del rapporto di lavoro impone la costituzione dell'Associazione Nazionale tra le Casse Rurali ed Enti Assimilati con un presidente per legge di nomina governativa Nasce l'Ente Nazionale delle Casse Rurali Agrarie ed Enti Ausiliari (Encra). Viene varata la Legge Bancaria Entra in vigore il Testo Unico delle casse Rurali e Artigiane (Tucra) che ne disciplina l'attività: vengono definite come società cooperative aventi per oggetto principale "l'esercizio del credito a favore di agricoltori e del credito a favore di artigiani, congiuntamente e disgiuntamente". Non favorisce l'espansione numerica delle Rurali che, dopo la caduta del regime fascista, risultano notevolmente diminuite passando da nel 1922 a 804 nel Viene sciolta la Federazione Nazionale delle Casse Rurali ed Enti Ausiliari, mentre continua ad operare l'Ente Nazionale delle Casse Rurali.

12 LUG 2010 LA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Art. 45. La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata. La legge ne promuove e favorisce l'incremento con i mezzi più idonei e ne assicura, con gli opportuni controlli, il carattere e le finalità.

13 LUG 2010 LO SVILUPPO 1950 Viene costituita la Federazione Italiana delle Casse Rurali ed Artigiane (Federcasse) che, dopo la liquidazione dell'Ente Nazionale delle Casse Rurali Agrarie ed Enti Ausiliari avvenuta nel 1979, è oggi l'unico organismo di rappresentanza del Credito Cooperativo Prende avvio un periodo di intenso sviluppo del movimento. Si ricostituiscono le Federazioni locali e si ristrutturano quelle esistenti, conferendo loro funzioni di rappresentanza, tutela ed assistenza tecnica a livello regionale ed interregionale delle Casse associate Viene fondato l'Iccrea, Istituto centrale delle CRA, con l'obiettivo di "rendere più efficace e intensa l'opera delle Casse Rurali ed Artigiane, agevolando, coordinando e incrementandone l'azione, mediante lo svolgimento di funzioni creditizie, di intermediazione tecnica ed assistenza finanziaria" (art. 2 Statuto Iccrea) Nasce la FederLUS

14 LUG 2010 LA RIVOLUZIONE DEL T.U.B. Nel 1993 con il Testo Unico delle leggi in materia bancaria e creditizia vengono cancellati i limiti di operatività fino ad allora in vigore, consentendo alle Banche di Credito Cooperativo (questa la nuova denominazione) non solo di offrire tutti i servizi e i prodotti delle altre banche, ma anche la possibilità di diventarne socio per chiunque operi nel territorio di competenza.

15 LUG 2010 IL RECENTE PASSATO E LATTUALITA 1997 Nasce il Fondo di Garanzia dei Depositanti del Credito Cooperativo (Fgd), nuovo strumento obbligatorio di tutela in linea con la direttiva dell'Unione europea, che svolge anche funzioni di prevenzione delle crisi, a differenza dell'analogo strumento operativo per il resto dell'industria bancaria Nell'ambito del XII Convegno Nazionale di Riva del Garda viene pubblicata la Carta dei valori del Credito Cooperativo La riforma del diritto societario riconosce e conferma alle BCC-CR la loro natura di cooperative a mutualità prevalente Nasce il Fondo Garanzia degli Obbligazionisti (Fgo), strumento volontario ed esclusivo delle BCC, che tutela i portatori di obbligazioni clienti delle BCC Nell'ambito del XIII Convegno Nazionale tenutosi a Parma viene pubblicata la Carta della Coesione del Credito Cooperativo Viene costituito il Fondo di Garanzia Istituzionale del Credito Cooperativo (FGI), con l'obiettivo di tutelare la clientela delle Banche di Credito Cooperativo salvaguardando la "liquidità e la solvibilità" delle Banche aderenti.

16 LUG 2010 LE SOCIETA COOPERATIVE Le società cooperative in Italia hanno un capitale sociale costituito dalle azioni dei soci. Non hanno però come obiettivo quello di distribuire un guadagno sotto forma di dividendo, ma piuttosto quello di offrire ai soci il proprio prodotto o il proprio servizio a condizioni 'vantaggiose'. La cooperativa è quindi una società che persegue ovviamente obiettivi di natura economica, dal momento che è sul mercato. E nel mercato potrà rimanere solo se sarà in grado di competere. Mira a raggiungere il massimo livello di produttività e redditività per assicurare, come obiettivo a lungo termine, la continuità della cooperativa. La differenza rispetto alle altre forme societarie sta nella centralità della persona, nella motivazione sociale del profitto e nel legame con valori di solidarietà, partecipazione, associazionismo.

17 LUG 2010 LE BCC SECONDO IL CODICE CIVILE Art Cooperativa a mutualità prevalente Sono società cooperative a mutualità prevalente, in ragione del tipo di scambio mutualistico, quelle che: svolgono la loro attività prevalentemente in favore dei soci, consumatori o utenti di beni o servizi;…

18 LUG 2010 COME SI MISURA LA MUTUALITA PREVALENTE Il principio della prevalenza viene rispettato quando più del 50% delle attività di rischio (i prestiti) è destinato ai soci e/o ad attività prive di rischio.

19 LUG 2010 LA BCC OGGI E….

20 LUG 2010 BANCA COOPERATIVA Le Banche di Credito Cooperativo devono costituirsi sotto forma di società cooperative per azioni. La denominazione deve contenere l'espressione 'Credito Cooperativo'. I soci devono essere almeno 200. Ciascun socio ha diritto ad un solo voto, a prescindere dall'entità della partecipazione posseduta, che non può essere superiore, per valore nominale, a 50 mila euro (si vuole impedire che una disparità tra soci possa essere di ostacolo al raggiungimento degli scopi mutualistici).

21 LUG 2010 BANCA LOCALE Le BCC-CR sono banche locali, ovvero banche del territorio (i soci sono espressione del contesto in cui l'azienda opera); per il territorio (il risparmio raccolto sostiene e finanzia lo sviluppo dell'economia reale); nel territorio (appartengono al contesto locale al quale sono legate da un rapporto di reciprocità). Zona di competenza territoriale. Comprende i comuni nei quali la banca ha la sede legale, le succursali e i comuni limitrofi, in modo che ci sia tra questi contiguità territoriale. Per i comuni non contigui possono essere istituite sedi distaccate. Attività di rischio. La maggior parte (cioè non meno del 95%) delle attività di rischio (prestiti) delle Banche di Credito Cooperativo deve essere effettuata nella zona di competenza territoriale.

22 LUG 2010 BANCA MUTUALISTICA Le Banche di Credito Cooperativo sono banche mutualistiche, in quanto società cooperative che erogano il credito principalmente ai soci. Non perseguono scopi di profitto bensì obiettivi di utilità sociale. Le Banche di Credito Cooperativo devono destinare almeno il 70% degli utili netti annuali a riserva legale; una quota pari al 3% degli utili netti annuali deve essere corrisposta ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione. La quota di utili rimanenti deve essere destinata a fini di beneficenza o mutualità.

23 LUG 2010 IDEE NUOVE, IDEALI ANTICHI PER UN MODO DIVERSO DI ESSERE BANCA

24 LUG 2010 FRA DNA E PROGETTO Art. 2 Principi ispiratori Nellesercizio della sua attività, la Società si ispira ai principi dellinsegnamento sociale cristiano e ai principi cooperativi della mutualità senza fini di speculazione privata. La Società ha lo scopo di favorire i soci e gli appartenenti alle comunità locali nelle operazioni e nei servizi di banca, perseguendo il miglioramento delle condizioni morali, culturali ed economiche degli stessi e promuovendo lo sviluppo della cooperazione, leducazione al risparmio e alla previdenza, nonché la coesione sociale e la crescita responsabile e sostenibile del territorio nel quale opera. La Società si distingue per il proprio orientamento sociale e per la scelta di costruire il bene comune. E altresì impegnata ad agire in coerenza con la Carta dei Valori del Credito Cooperativo e a rendere effettivi forme adeguate di democrazia economico-finanziaria e lo scambio mutualistico tra i soci.

25 LUG 2010 IL SISTEMA DELLE RELAZIONI

26 LUG 2010 IL SISTEMA DELLE RELAZIONI Per una banca cooperativa, mutualistica e locale è vitale il sistema delle relazioni. Gli interlocutori principali di ogni BCC sono: I SOCI I COLLABORATORI I CLIENTI LA COMUNITA LOCALE IL SISTEMA DEL CREDITO COOPERATIVO

27 LUG 2010 I NUMERI DEL CREDITO COOPERATIVO OGGI Il Credito Cooperativo occupa una posizione di primo piano nel sistema bancario italiano sotto vari profili: la presenza sul territorio, la solidità patrimoniale e finanziaria, i volumi intermediati, i ritmi di crescita. Impieghi: 123,2 miliardi di euro (+ 8,4% annuo contro il + 1,9% del sistema bancario) Patrimonio: 18,6 miliardi di euro con una crescita del 8%; Raccolta diretta: 144,8 miliardi di euro (+ 10,7% annuo contro il +10,4% del sistema bancario). Gli impieghi erogati dalle BCC italiane rappresentano il 17,1% del totale dei crediti alle Famiglie produttrici, il 9,5% alle Famiglie consumatrici, l11,1% del totale dei crediti alle Istituzioni senza scopo di lucro (Terzo Settore). *Dati al 309/2009. Informazioni provvisorie – Fonte: Matrici di Vigilanza

28 LUG 2010 LA STRUTTURA ASSOCIATIVA FEDERAZIONI LOCALI FEDERCASSE associa a livello nazionale le Federazioni locali e gli altri Enti e Società del Credito Cooperativo ART. 4 La Società aderisce alla Federazione del Lazio, Umbria e Sardegna e per il tramite di questa alla Federazione Nazionale e alla associazione nazionale di rappresentanza del movimento cooperativo alla quale questa, a sua volta, aderisce.

29 LUG 2010 LA STRUTTURA IMPRENDITORIALE Segmento Istitutional GRUPPO BANCARIO ICCREA Il Gruppo Bancario Iccrea è costituita da un insieme di Società che forniscono, in esclusiva, prodotti e servizi alle BCC-CR ICCREA HOLDING Iccrea Holding è la Società Capogruppo Segmento CorporateSegmento Retail Prodotti e servizi per le imprese clienti delle BCC-CR Prodotti e servizi per le BCC-CR Prodotti e servizi per le famiglie clienti delle BCC-CR ART.4 La Società si avvale preferenzialmente dei servizi bancari e finanziari offerti dagli organismi promossi dalla categoria, nel rispetto delle norme poste a tutela della concorrenza

30 LUG 2010 LA STRUTTURA IMPRENDITORIALE Segmento Istitutional Segmento Corporate Segmento Retail Iccrea Banca, BCC Gestione Crediti, BCC Multimedia Banca Agrileasing, BCC Factoring, BCC Lease, BCC Private Equity Aureo Gestioni, BCC Vita, Iccrea Banca ICCREA HOLDING

31 LUG 2010 BIBLIOGRAFIA Le Casse Rurali Italiane. Note storiche-statistiche – Giuseppe Micheli, 1898 Manuale pratico per le Casse Rurali di prestiti - Don Luigi Cerutti Le Casse Rurali ed Artigiane nel sistema bancario – Mario Zane, 1988 La solidarietà efficiente – Pietro Cafaro, 2001 www. creditocooperativo.it

32 LUG 2010 FINE


Scaricare ppt "LUG 2010 Cenni sulla storia del Credito Cooperativo."

Presentazioni simili


Annunci Google