La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Www.buttiandpartners.com LE DISCARICHE DI RIFIUTI avv. Federico Peres Professore a contratto di diritto dellAmbiente Università di Padova B&P Avvocati.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Www.buttiandpartners.com LE DISCARICHE DI RIFIUTI avv. Federico Peres Professore a contratto di diritto dellAmbiente Università di Padova B&P Avvocati."— Transcript della presentazione:

1 LE DISCARICHE DI RIFIUTI avv. Federico Peres Professore a contratto di diritto dellAmbiente Università di Padova B&P Avvocati Verona – Milano – Palermo

2 LA NORMATIVA D.lg. 13 gennaio 2003 n. 36 DM

3 FINALITÀ D.lg. 36/2003 Art. 1, comma 1 Per conseguire le finalità di cui all'articolo 2 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, il presente decreto stabilisce requisiti operativi e tecnici per i rifiuti e le discariche, misure, procedure e orientamenti tesi a prevenire o a ridurre il più possibile le ripercussioni negative sull'ambiente, in particolare l'inquinamento delle acque superficiali, delle acque sotterranee, del suolo e dell'atmosfera, e sull'ambiente globale, compreso l'effetto serra, nonché i rischi per la salute umana risultanti dalle discariche di rifiuti, durante l'intero ciclo di vita della discarica.

4 DEFINIZIONI D.lg. 36/2003 Art. 2, comma 1 g) "discarica": area adibita a smaltimento dei rifiuti mediante operazioni di deposito sul suolo o nel suolo, compresa la zona interna al luogo di produzione dei rifiuti adibita allo smaltimento dei medesimi da parte del produttore degli stessi, nonché qualsiasi area ove i rifiuti sono sottoposti a deposito temporaneo per più di un anno. Sono esclusi da tale definizione gli impianti in cui i rifiuti sono scaricati al fine di essere preparati per il successivo trasporto in un impianto di recupero, trattamento o smaltimento, e lo stoccaggio di rifiuti in attesa di recupero o trattamento per un periodo inferiore a tre anni come norma generale, o lo stoccaggio di rifiuti in attesa di smaltimento per un periodo inferiore a un anno;

5 DEFINIZIONI D.lg. 36/2003 Art. 2, comma 1 o) "gestore" il soggetto responsabile di una qualsiasi delle fasi di gestione di una discarica, che vanno dalla realizzazione e gestione della discarica fino al termine della gestione post-operativa compresa; tale soggetto può variare dalla fase di preparazione a quella di gestione successiva alla chiusura della discarica;

6 TIPOLOGIE DI DISCARICHE Classificazione a seconda della qualità merceologica dei rifiuti conferiti: DISCARICHE PER RIFIUTI INERTI DISCARICHE PER RIFIUTI PERICOLOSI DISCARICHE PER RIFIUTI NON PERICOLOSI

7 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (ART. 8) Necessario presentare piani e progetti: piano di gestione operativa della discarica; piano di gestione post-operativa della discarica; piano di sorveglianza e controllo (fase operativa e post-operativa); piano finanziario (copertura costi di realizzazione, esercizio, costituzione della garanzia finanziaria, gestione post-operativa) piano di ripristino ambientale del sito a chiusura della discarica

8 CONDIZIONI PER IL RILASCIO DELLAUTORIZZAZIONE (ART. 9) Condizioni: a)progetto di discarica che rispetti le prescrizioni contenute negli Allegati 1 e 2; b)affidamento della gestione operativa a persone fisiche tecnicamente competenti; c)inserimento, nel piano di sorveglianza e controllo, delle misure necessarie per prevenire gli incidenti e limitarne le conseguenze; d)prestazione di garanzie finanziarie accettate dalla Regione; e)coerenza con il piano regionale di gestione dei rifiuti; f)previsione nel progetto del ripristino ambientale dopo la chiusura; g)impegno ad eseguire una campagna di monitoraggio delle acque sotterranee prima dell'avviamento dell'impianto.

9 CONFERIMENTO DEI RIFIUTI IN DISCARICA (art. 11) Il conferimento dei rifiuti in discarica richiede adempimenti a carico di: DETENTORE DEI RIFIUTI indicazioni sulle caratteristiche del rifiuto documentazione attestante lammissibilità in discarica PRODUTTORE DEI RIFIUTI caratterizzazione di base GESTORE DEI RIFIUTI verifica di conformità ispezione visiva (verifica in loco)

10 GARANZIE FINANZIARIE (art. 14) Obbligo derivante dallart. 8 della Direttiva 1999/31/CE Due garanzie per due fasi: a)attivazione e gestione operativa compresa la chiusura; b)gestione successiva alla chiusura (o post-operativa) Tre forme: 1.polizza fideiussoria (rilasciata da una Compagnia di assicurazione) 2.fideiussione bancaria (rilasciata da un istituto di credito) 3.cauzione garantita da ipoteca

11 GARANZIE FINANZIARIE (art. 14) DISCARICA Rifiuti inerti Rifiuti pericolosi Rifiuti non pericolosi piano di gestione operativa piano di gestione post-operativa piano di sorveglianza piano finanziario piano di ripristino autorizzazione GESTIONE OPERATIVA GESTIONE POST-OPERATIVA garanzia Fideiussoria Bancaria Cauzione e ipoteca CONFERIMENTO Caratterizzazione di base Verifica di conformità Verifica in loco


Scaricare ppt "Www.buttiandpartners.com LE DISCARICHE DI RIFIUTI avv. Federico Peres Professore a contratto di diritto dellAmbiente Università di Padova B&P Avvocati."

Presentazioni simili


Annunci Google