La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ASSEMBLEA CONGRESSUALE CONSULTA REGIONALE PICCOLI COMUNI Relazione del Coordinatore regionale Piccoli Comuni Antonino OLIVERI Genova, 14 novembre 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ASSEMBLEA CONGRESSUALE CONSULTA REGIONALE PICCOLI COMUNI Relazione del Coordinatore regionale Piccoli Comuni Antonino OLIVERI Genova, 14 novembre 2012."— Transcript della presentazione:

1 ASSEMBLEA CONGRESSUALE CONSULTA REGIONALE PICCOLI COMUNI Relazione del Coordinatore regionale Piccoli Comuni Antonino OLIVERI Genova, 14 novembre 2012 Anci Liguria

2 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni CONSULTE REGIONALI PICCOLI COMUNI CONSULTA NAZIONALE PICCOLI COMUNI - formata dai coordinatori regionali ASSEMBLEA NAZIONALE CONSULTA PICCOLI COMUNI – istituita nel 2007, è formata da rappresentanti delle Anci regionali (10 per la Liguria) CONFERENZA NAZIONALE DEI PICCOLI COMUNI - appuntamento annuale degli amministratori dei piccoli Comuni (siamo giunti alla XII edizione) (COORDINAMENTO NAZIONALE UNIONE DI COMUNI - spesso è convocato in concomitanza con la Consulta nazionale)

3 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni CONSULTA REGIONALE PICCOLI COMUNI ANCI LIGURIA (art.11 dello statuto dellAnci) ne fanno parte i Comuni liguri fino a 5000 abitanti (183 su 235) ha un Coordinatore e un Direttivo composto da 22 membri eletti dalla propria Assemblea Congressuale cura gli interessi dei Comuni di minore dimensione demografica svolge attività di informazione, supporto e assistenza è sede di elaborazione e di confronto partecipa ai tavoli di lavoro istituzionali sulle problematiche del comparto

4 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni I principali temi di cui si è occupata la Consulta una legge per i piccoli Comuni; la chiusura delle Comunità Montane; le gestioni associate; i costi della politica; gli studi di settore; scuole e uffici postali; Voler bene allItalia; leggi finanziarie, fiscalità locale e fabbisogni standard; riassetto istituzionale

5 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni Il nodo della differenziazione Uno dei maggiori limiti dellordinamento degli Enti locali consiste nellassoluta uniformità della disciplina, nonostante le diversità radicali esistenti tra gli ottomila Comuni italiani. Unesigenza particolarmente avvertita in una regione come la Liguria dove la presenza dei piccoli Comuni è pari al 78% del totale di cui quasi la metà è sotto i mille abitanti. In Liguria il primo serio tentativo di dare un ordinamento differenziato ai piccoli Comuni si deve alliniziativa della Consulta che, dopo un anno di elaborazione e confronti, presenta alla Regione nel marzo del 2008 una organica proposta di legge.

6 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni La proposta di legge Norme a favore dei piccoli Comuni 24 articoli finalizzati a: riconoscere il ruolo e la specificità dei Comuni di minore dimensione demografica garantire i servizi di pubblica utilità anche nei piccoli centri incentivare il processo di riorganizzazione sovracomunale delle funzioni semplificazione amministrativa e criteri di perequazione a favore dei piccoli Comuni disagiati valorizzare le potenzialità turistiche e salvaguardare il patrimonio ambientale

7 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni La vicenda delle Comunità Montane e il ruolo della Consulta Il negoziato tra la Consulta e la Regione porta allinserimento di parti sostanziali della nostra proposta di legge nella L.R. 24/2008 Disciplina di riordino delle Comunità Montane, disposizioni per lo sviluppo della cooperazione intercomunale e norme e a favore dei piccoli Comuni: riduzione dei fondi alle Comunità Montane (Finanziaria 2008) riduzione del numero delle Comunità Montane da 19 a 12 ridisegno delle Comunità Montane sul modello associativo delle Unioni di Comuni (forte spinta ad associare servizi e funzioni, presenza obbligatoria dei Sindaci negli Organi) istituzione di un apposito articolato (Tit. V) dedicato ai piccoli Comuni che prevede incentivi, agevolazioni, procedure semplificate, ecc.

8 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni Con la legge regionale n. 23/2010 Disposizioni collegate alla Finanziaria 2011 viene messa la parola fine alla quarantennale esperienza delle Comunità Montane. La Liguria è la prima Regione a compiere questa scelta a seguito dellazzeramento dei fondi statali per le Comunità Montane previsto dalla Legge Finanziaria La successiva legge regionale n. 7/2011 determina in soli tre mesi il trasferimento delle funzioni delegate, la riallocazione del personale e le procedure di liquidazione.

9 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni L impegno della Consulta nella fase di transizione verso il nuovo assetto istituzionale si concretizza nella presenza attiva dellAnci ai numerosi tavoli regionali con Comuni e Province per negoziare con la Regione le questioni fondamentali del passaggio al nuovo regime: riassegnazione delle funzioni delle Comunità Montane istituzione di un fondo a favore dellassociazionismo comunale utilizzo del fondo per la montagna sportelli decentrati per la gestione delle funzioni in materia di agricoltura riconoscimento del ruolo di Anci per lassistenza ai Comuni nellavvio delle gestioni associate

10 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni Le politiche associative: dalla facoltà allobbligo Con la manovra finanziaria 2010 si apre una nuova fase dellassociazionismo comunale e questo diventa il terreno di maggiore impegno della Consulta. Due anni di tormenti e di mobilitazione. Le tappe principali: d.l. n. 78 del 31 maggio 2010: introduce lobbligo della gestione associata delle funzioni fondamentali per i Comuni fino a abitanti e stabilisce tempi e modalità del percorso; d.l. n. 98 del 6 luglio 2011: prende atto dellinerzia di Regioni e Governo che avrebbero dovuto stabilire tempistiche e soglie demografiche e modifica nuovamente le regole; d.l. n. 138 del 13 agosto 2011: interviene nuovamente nella materia introducendo il famigerato art. 16 con lassurda separazione tra piccoli Comuni a seconda della soglia demografica, con la sostanziale cancellazione dei Comuni fino a mille abitanti, che hanno lobbligo di costituire Unioni che comportano la perdita di ogni autonomia organizzativa e finanziaria.

11 La battaglia dellANCI contro lart. 16 La battaglia condotta dallANCI in sede governativa, parlamentare e nelle piazze ha portato alleliminazione delle norme più irragionevoli e contraddittorie della manovra di ferragosto 2011 relative ai Comuni fino a mille abitanti. Promosso anche un ricorso alla Corte Costituzionale attraverso il coinvolgimento delle Regioni, tra queste la Regione Liguria. Denuncia della demagogia sui costi della politica riferiti ai piccoli Comuni, vero e proprio insulto alle spirito di abnegazione e al senso civico degli amministratori che operano con autentico spirito di volontariato. ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni

12 La spending review Con la conversione in legge del decreto sulla spending review (legge n. 135/2012) il processo avviato nel 2010 trova finalmente elementi di stabilità: art. 19 definisce le funzioni fondamentali dei Comuni (da 6 passano a 10); stabilisce lobbligo di esercitare in forma associata 9 delle 10 funzioni fondamentali, mediante Unioni o Convenzioni; prevede una nuova tempistica applicativa (almeno 3 funzioni entro 1/1/2013 e le restanti entro 1/1/2014) elimina lobbligo delle Unioni speciali introduce il ricorso a poteri sostitutivi per i Comuni inadempienti ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni

13 ANCI Liguria - Consulta Regionale Piccoli Comuni Sul tema dellassociazionismo comunale lANCI ha promosso numerose iniziative sul territorio regionale, organizzando a più riprese incontri di approfondimento in modo autonomo, dintesa con la Regione, in collaborazione con IFEL. Impegno che dovrà essere intensificato perché la scelta associativa non ha alternative e tutti i Comuni devono raccogliere la sfida delladeguatezza, dando prova di capacità di autogoverno nellautonoma individuazione delle aggregazioni territoriali e dei modelli associativi ritenuti più congeniali per dare migliori servizi ai cittadini.

14 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni Rapporto con la Regione In questi ultimi anni la Consulta ha consolidato il suo ruolo di interlocutore serio, credibile e propositivo nei rapporti con la Regione, particolarmente in tema di: finanziamento alle forme associative comunali (criteri, funzioni, modalità applicative); ambiti ottimali per lo svolgimento delle funzioni associate; deroghe ai limiti demografici per le Unioni di Comuni (5.000 abitanti) semplificazione delle procedure Soprattutto, costruzione di un percorso non calato dallalto ma costruito insieme ai Comuni

15 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni Il sistema di incentivazione regionale alle forme associative Contributi attraverso lutilizzo del fondo unico previsto dalla l.r. 7/2011 sul riordino delle funzioni delle soppresse Comunità Montane: Bando 2011: approccio sperimentale, criteri di flessibilità, requisiti concertati, dotazione 1 milione di euro Bando 2012: impianto sostanzialmente confermato con alcune modifiche ai criteri e alle modalità di erogazione, dotazione 1,188 milioni di euro Dei contributi 2011 hanno beneficiato 1 Unione di Comuni e 17 Convenzioni che vedono il coinvolgimento di 95 Comuni così distribuiti: 6 in provincia di Genova, 5 in provincia di Imperia, 4 in provincia di Savona e 2 in provincia di La Spezia. In tutto sono stati impegnati euro.

16 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni Dal dire al fare Non si tratta solo di risorse. Un conto sono le norme legislative, un conto sono i concreti processi di riorganizzazione delle macchine comunali. Alcuni nodi da sciogliere: capire cosa cè dentro ogni funzione fondamentale per trarne in modo consapevole tutte le implicazioni; il problema dellintegrazione del personale (sistema contrattuale, posizioni organizzative, assunzioni, contenimento della spesa, ecc.) il problema di armonizzare bilanci, procedure, regolamenti, regimi tariffari, ecc. il rapporto con i Comuni che non hanno lobbligo di associare ma che in molti casi sono essenziali per dar vita ad aggregazioni sostenibili lintreccio tra spending review e assetti organizzativi regionali (ad esempio in materia di servizi sociali).

17 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni Limpatto delle norme finanziarie nazionali Estensione dal 1/1/2013 del Patto di Stabilità ai Comuni dai ai abitanti. Norma dagli effetti dirompenti sia dal punto di vista tecnico che da quello della programmazione finanziaria delle opere pubbliche; Ulteriori tagli al fondo di riequilibrio in applicazione del decreto sulla spending review; Trasformazione dellIMU da imposta a carattere municipale in unimposta di fatto statale In particolare il Patto di Stabilità risulta del tutto incompatibile con il processo delle gestioni associate obbligatorie che andrà anchesso a regime nel 2013.

18 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni I cambiamenti dello scenario istituzionale Il 2013 sarà un anno fortemente problematico anche per leffetto dei radicali mutamenti dellassetto degli enti locali: Accorpamento delle Province di Savona e Imperia; Istituzione della Città Metropolitana di Genova; Evidenti le ricadute sui piccoli Comuni. Con il riordino delle Province si è raschiato il fondo del barile: solo per la Provincia di Genova il taglio di 27 milioni nel 2013 avrà pesanti ripercussioni sulla tenuta di servizi essenziali (già ne abbiamo avuto le prime avvisaglie con la sospensione delle convenzioni per lo sgombero neve sulle strade comunali).

19 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni Inoltre rimangono aperti i problemi: A chi e con quali risorse verranno trasferite le funzioni delegate alle Province dalla Regione; A chi e con quali risorse verranno assegnate le funzioni già di competenza statale esercitate dalle Province; Che impatto avrà il processo di unificazione delle Province di Savona e Imperia; Come reggerà la Provincia di La Spezia Come verrà attuato il processo istitutivo della Città Metropolitana di Genova

20 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni La piattaforma dellANCI Sul piano nazionale: esclusione dal Patto di Stabilità dei Comuni con popolazione compresa tra i e i abitanti; tavolo di confronto permanente con il Ministero dellInterno per monitorare lapplicazione delle riforme e dirimere le questioni più controverse (funzioni, personale, procedure, incentivi, ecc.); rilancio della mobilitazione: manifestazione a Milano il 21 novembre Sul piano regionale: definizione ambiti territoriali ottimali delle gestioni associate; stabilizzazione dei fondi per lincentivazione dellassociazionismo; supporto tecnico amministrativo ai Comuni per la definizione di modelli gestionali per lesercizio associato delle funzioni; priorità dei piccoli Comuni e delle relative aggregazioni nella gestione del Patto di Stabilità regionalizzato.

21 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni Ringraziamenti Pierluigi VINAI - Segretario Generale Luca PETRALIA - Vice Segretario Fiorella BIANCHI Elena COCCHI Frida MARCHI Staff Salone delle identità territoriali Valentina BRUZZONE Francesca MORESCO Erica VALLLE

22 ANCI Liguria – Consulta Regionale Piccoli Comuni FINE della presentazione e considerazioni conclusive …….


Scaricare ppt "ASSEMBLEA CONGRESSUALE CONSULTA REGIONALE PICCOLI COMUNI Relazione del Coordinatore regionale Piccoli Comuni Antonino OLIVERI Genova, 14 novembre 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google