La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Dante Le opere. Perché Dante è così importante –È il primo che costruisce un complesso di opere in volgare che riassumono la mentalità medioevale –È il.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Dante Le opere. Perché Dante è così importante –È il primo che costruisce un complesso di opere in volgare che riassumono la mentalità medioevale –È il."— Transcript della presentazione:

1 Dante Le opere

2 Perché Dante è così importante –È il primo che costruisce un complesso di opere in volgare che riassumono la mentalità medioevale –È il primo a teorizzare luso del volgare in letteratura(DE VULGARI ELOQUENTIA) –È il primo intellettuale consapevole del proprio ruolo e funzione (intellettuale comunale) –È un intellettuale militante (poeta politica) Non è il primo poeta in volgare ma

3 La situazione a Firenze e in Italia ai tempi di Dante In Italia perdurano per tutto il XII secolo e parte del XIII i conflitti tra papato e impero. Al tempo di Federico II (fino al 1250) limpero è in fase di affermazione. Con la sua morte limpero si indebolisce A Firenze si crea un governo comunale guidato da un Capitano del popolo e affiancato da un consiglio di rappresentanti delle ARTI. In un primo tempo i ghibellini, guidati da Farinata degli Uberti, nella battaglia di Montaperti vincono. Ma dopo il 1266 gli eredi di Federico II sono sconfitti da Carlo dAngiò, re di Francia chiamato in Italia dal papa. Dovunque i guelfi riprendono vigore. Nel 1289 a Campaldino i guelfi fiorentini sconfiggono aretini e senesi (ghibellini) Comuni Lotte tra guelfi e ghibellini Incremento delle attività mercantili e manifatturiere Sviluppo della borghesia

4 Guelfi Bianchi e Neri Dal 1251 Firenze è comune, fino allascesa dei Medici nel 1434 Governano dapprima laristocrazia poi i grandi borghesi esponenti delle professioni. Si scontrano due fazioni del partito guelfo –bianchi (capeggiati dai Cerchi-moderati) –Neri (guelfi filoaristocratici) – nella contesa si inserisce papa Bonifacio VIII, sostenendo i Neri

5 Dante Alighieri Una famiglia di piccola nobiltà (non feudale)

6 Cronologia delle opere di Dante esilio

7 La teorizzazione delluso del volgare –Illustra una tradizione poetica allinterno della quale egli si colloca –Crea la prima storia della letteratura in volgare e un CANONE degli autori –Usa consapevolmente il volgare per elargire il sapere a un più vasto pubblico, contro la tradizione dellepoca che vedeva nel latino la lingua della cultura De vulgari eloquentia

8 La vita nuova Raccoglie rime precedentemente composte, assemblate in una cornice narrativa da parti in prosa Libello \ capitoli 31 testi poetici (25 sonetti, 5 canzoni, 1 ballata) prosimetron Come il De consolatione philosophiae di Boezio autobiografia autoesegesi Trasfigurazione e idealizzazione degli avvenimenti biografici, interpretati in chiave simbolica tipizzazione paradigmaticità Mediante la numerologia Rielaborazione personale delle teorie stilnovistiche Da Guinizzelli: il tema del saluto-salute e della loda Da Cavalcanti: la fenomenologia damore e la sofferenza amorosa

9 Il saluto salus Dispensa salus (grazia e salvezza eterna) Infonde sentimenti di carità e umiltà, prefigurando la beatitudine celeste Trasforma lamore terreno in mezzo per avvicinarsi a Dio Quando Beatrice nega il saluto a Dante non rimane che la lode di lei

10 La loda Stilo de la loda Donne chavete intelletto damore Lamore non è brama di essere corrisposti ma gioa nel semplice lodare la perfezione di lei Dio stesso ha mandato Beatrice da cielo in terra a miracol mostrare quindi a differenza di Guinizzelli Dante non deve giustificarsi per le lodi che le tributa Amore non solo ha la sua sede naturale nel cuore gentile ma si identifica con esso: AMORE E L COR GENTIL SONO UNA COSA

11 Dante Cavalcanti Lamore regna guidato da ragione che giustamente impone di amare una donna perfetta intermediatrice con Dio Lamore è passione sconvolgente che coinvolge anima sensitiva e intellettiva e non è razionale Il progressivo distacco di Dante da lo primo del li suoi amici è sancito nel Canto X dellInferno, dove Dante incontra Cavalcante Cavalcanti fra gli eretici negatori dellimmortalità dellanima, e getta unombra di ateismo anche sul figlio

12 DANTE incontra Beatrice a nove anni, e la rivede nove anni dopo; lei lo saluta Per nascondere il suo amore ricorre per due volte allespediente della donna-schermo; ha fama così di amante volubile e Beatrice gli nega il saluto Dante decide di amarla solo attraverso la loda Presagi che alludono alla morte di Beatrice, che poi avviene Dante chiude lopera dicendo che non parlerà più di lei fino a quando non potrà dirne quello che mai non fue detto di alcuna Vita nuova: giovinezza rinnovata dallamore per BEATRICE Vita nuova

13 Primo incontro a Nove anni (la rivede dopo altri Nove) RITRATTO di Beatrice Abbigliamento angelicazione Nomen omen Nomina sunt consequentia rerum Interpretatio nominis Sanguigno colore, umile onesto nobilissimo, convenienza (dignitas)

14 Le rime petrose Un gruppo di canzoni tra cui 2 sestine (forma praticata da Arnaut Daniel, lo miglior fabbro del parlar materno secondo Dante e lunico che nella Commedia si esprime nella sua lingua, il provenzale) –Sono dedicate a una donna che ha il nome-senhal di Petra (per indicare la sua durezza, e il fatto che non corrisponde allamore di Dante) –In esse D. sperimenta lo stile aspro con suoni duri,termini violenti o anche volgari, metafore tratte da campi semantici come la guerra, il cibo, i mestieri

15 Il Convivio il De vulgari eloquentia il Monarchia Dante Alighieri

16 Dopo la morte di Beatrice Dante si dedica agli studi filosofici (De consolatione philosophiae di Boezio) Compone canzoni allegorico-dottrinali per la donna gentile (allegoria della filosofia) –Alcune di queste canzoni furono successivamente commentate da Dante stesso nel Convivio Autoesegesi, come in Vita Nuova

17 Convivio 1304\06 primi anni di esilio enciclopedia il banchetto del sapere –Commento a canzoni dottrinali che trattavano grandi questioni filosofiche: ma è interrotto al 4° libro poiché Dante si dedica alla Commedia tutti gli uomini hanno fame del sapere come del cibo: Dante, che ha partecipato al banchetto di grandi sapienti, può offrire a coloro che non hanno il tempo o gli strumenti per costruire la propria educazione, almeno le briciole della sapienza filosofica Divulgare il sapere per le nuove classi sociali (BORGHESI)

18 De vulgari eloquentia 1304\07 Incompiuto Circolò pochissimo, si diffuse solo nel Cinquecento e ne abbiamo 3 soli esemplari In latino: perché si rivolge ai literati 4 libri: ma ne scrisse solo 1 e mezzo I ° libro: teoria del linguaggio: Lingua volgare naturale (materna), segue luso, è variabile Gramatica: il latino (lingua convenzionale e immutabile inventata per ovviare alle difficoltà di comprensione causate dalle lingua naturali Dopo la distruzione della Torre di Babele gli uomini, che prima parlavano tutti lebraico, svilupparono diverse lingue

19 I volgari italiani Li analizza per individuare il volgare adatto alla lirica di argomento elevato (VOLGARE ILLUSTRE) Teoria degli stili e congruenza materia-stile Cardinale Aulico Curiale Punto di riferimento di tutte le lingue municipali Sarebbe proprio della reggia, se ci fosse Poiché in Italia non vi è una corte nazionale, il linguaggio della corte e quello usato da tutti i grandi poeti (corte di intellettuali) Non la lingua italiana da parlare ma il linguaggio della poesia

20 Monarchia Composto forse nel 1313 In latino 3 libri Dedicato alla riflessione sulla politica e sul potere Tema : la necessità dellimpero universale a garanzia della pace e della giustizia il rapporto tra i poteri universali (papato e impero) Ogni ente creato ha un suo fine ultimo dipendente dalla sua natura (teleologismo- Aristotele) Natura umana: duplice (anima, immateriale\immortale; corpo materiale\mortale) Fine dellanima: la salvezza eterna Ad essa ci guida la Chiesa e il papa Fine del corpo: la vita ordinata e pacifica in società, secondo giustizia ad essa ci guida limperator e

21 La teoria dei due soli Tra la fine del Duecento e linizio del Trecento si riaccende il conflitto tra i poteri universali, papato e impero (entrambi in declino poiché stanno emergendo le monarchie nazionali) Teoria teocratica: il potere supremo è del Papa (Sole) diretto emissario di Cristo sulla terra Limperatore deriva il suo potere dal papa che glielo concede (come la luna, è illuminato di luce riflessa) Teoria di Dante: Imperoe papato sono entrambi soli, e il loro potere deriva direttamente da Dio che li ha preposti ciascuno al raggiungimento di uno dei fini propri delluomo

22 410 sacco di Roma (ALARICO) De civitate Dei: limpero terreno dei Romani non è una istituzione essenziale per luomo Dimostrazione della indipendenza del potere dellimpero da quello del Papa Dante Agostino Dio stesso ha promosso provvidenzialisticamente la nascita dellImpero Romano Limpero preesiste alla Chiesa Cristo è nato durante il periodo di massima fioritura dellImpero, sotto Augusto Cristo ha voluto che la sua condanna fosse sancita da un tribunale dellimpero (Pilato) legittimandolo Cristo : Date a Cesare quel che è di Cesare Vedi Paradiso, canto 6°


Scaricare ppt "Dante Le opere. Perché Dante è così importante –È il primo che costruisce un complesso di opere in volgare che riassumono la mentalità medioevale –È il."

Presentazioni simili


Annunci Google