La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2070 SINS 2013-2014 Seminario Istruzione Nuovi Soci (Arezzo, 21 settembre 2013) VALORI, REGOLE, COMPORTAMENTI A cura di:

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2070 SINS 2013-2014 Seminario Istruzione Nuovi Soci (Arezzo, 21 settembre 2013) VALORI, REGOLE, COMPORTAMENTI A cura di:"— Transcript della presentazione:

1 ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2070 SINS Seminario Istruzione Nuovi Soci (Arezzo, 21 settembre 2013) VALORI, REGOLE, COMPORTAMENTI A cura di: Paolo Margara, R.C. Viareggio Versilia Istruttore distrettuale

2 OBIETTIVO Proporre un Rotary: - facile - attivo - stimolante - progettuale - utile

3 PERCORSO Percorso: presentazione di concetti semplici per mezzo di schemi efficaci che ci possano aiutare prima a conoscere e poi a realizzare un Buon Rotary

4 SISTEMI 3 sistemi interdipendenti: - sistema dei valori - sistema delle regole - sistema dei comportamenti coinvolgono, condizionano, indirizzano vita e azioni rotariane delle persone e dei gruppi di persone

5 SISTEMA DEI VALORI i Valori sono qualità positive che orientano le scelte e le decisioni delle persone e dei gruppi di persone

6 VALORI NEL ROTARY nel Rotary i valori sono ben riconoscibili nel pensiero di grandi Rotariani che hanno contribuito ad edificarlo: - tolleranza - rettitudine - cultura

7 Paul P. HARRIS - TOLLERANZA Se per intervento della Provvidenza dovessi trovarmi un giorno in piedi su un podio in qualche grande anfiteatro, guardando negli occhi ogni Rotariano presente, e mi fosse chiesto di pronunciare una sola parola, senza un istante di esitazione e con tutta la mia voce, griderei 'Tolleranza!' Paul P. HARRIS, Fondatore del Rotary International The Rotarian - January 1911, pag. 1, num. 1, vol. 1 RATIONAL ROTARIANISM (Articolo di apertura)

8 Francesco BARONE - RETTITUDINE Il Rotary è una scelta morale. Vi sono sistemi politici che non permettono la libera scelta dessere rotariani; ma per fortuna non ci sono almeno sistemi politici che obbligano ad essere rotariani. E se noi abbiamo fatto questa scelta morale, consideriamola come una cosa seria. Francesco Barone, Governatore del D. 207 del R.I. da: Assemblea Distrettuale, Giugno 1980

9 Tristano BOLELLI - CULTURA La cultura, come la scienza di cui costituisce un fondamentale presupposto, non può essere collocata a destra o a sinistra, rifiuta ogni strumentalizzazione e si sottrae ad ogni condizionamento per mirare soltanto alla ricerca della verità, al bene comune, alla diffusione del principio di solidarietà verso i più deboli, all'affermazione dei diritti umani, al rifiuto di ogni sopraffazione. Tristano Bolelli, Vice Presidente del R.I. da: Proposta di una Carta Rotariana della Cultura

10 SISTEMA DELLE REGOLE Le Regole sono riferimenti che definiscono le modalità di azione e di relazione fra persone e gruppi di persone

11 REGOLE NEL ROTARY Riferimenti fondamentali: - - Manuale di Procedura guida ai principi, alle procedure, ai programmi, viene aggiornato (ogni tre anni) a seguito delle decisioni del Consiglio di Legislazione - R.I. Code of Policies contiene la normativa generale e permanente dellorganizzazione, viene aggiornato dopo ogni riunione del Consiglio Centrale (ogni tre mesi circa)

12 DOCUMENTI NEL MANUALE Documenti costituzionali: - Statuto del Rotary International - Regolamento del Rotary International - Statuto del Rotary Club Documento legale: - Regolamento tipo del Rotary Club I primi non sono modificabili dai Club se non attraverso le decisioni del Consiglio di Legislazione Il quarto è adattabile dal Club alle leggi del paese in cui il club opera

13 SISTEMA DEI COMPORTAMENTI Le persone ed i gruppi di persone realizzano i loro obiettivi rotariani attraverso i loro comportamenti, riferendosi ai valori e rispettando le regole

14 SISTEMA DEI COMPORTAMENTI Suggerimenti: -essere semplici -essere concreti -essere efficaci ed efficienti - essere coerenti

15 SEMPLICITA Ricordiamo sempre che, prima di tutto, il Rotary ha bisogno di semplicità: le complicazioni offrono giustificazioni ai soci poco volonterosi e rischiano di far allontanare persone valide

16 CONCRETEZZA Rifuggire dal DIRE dedicando i propri sforzi al FARE con attenzione ad evitare di STRAFARE

17 EFFICACIA ed EFFICIENZA EFFICACIA capacità di raggiungere un obiettivo EFFICIENZA capacità di raggiungerlo con il minimo sforzo

18 COERENZA E il collante che raccorda gli schemi che vi ho presentato: nel corso della nostra appartenenza rotariana dobbiamo sempre verificare una corrispondenza completa e complessiva fra le nostre convinzioni e le nostre azioni

19 Federico WEBER - COERENZA Chiedo a tutti un esame di coscienza rotariano, per rendervi conto delle vostre eventuali deficienze nei confronti del Rotary e prima di tutti del Rotary che vi è più vicino: il vostro Club. Cosa gli avete tolto? E cosa gli avete dato in cambio di quel che avete ricevuto? Federico Weber, Governatore del Distretto 211 del R.I. da: Il Rotary nel pensiero di Federico Weber


Scaricare ppt "ROTARY INTERNATIONAL DISTRETTO 2070 SINS 2013-2014 Seminario Istruzione Nuovi Soci (Arezzo, 21 settembre 2013) VALORI, REGOLE, COMPORTAMENTI A cura di:"

Presentazioni simili


Annunci Google