La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ISTITUTO DISTRUZIONE SUPERIORE ELENA DI SAVOIA – LUIGI RENDINA Collegio dei docenti Lunedì 21 novembre 2011 ore 15:00 – 18:00 Collegio n. 2 a.s.: 2011/2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ISTITUTO DISTRUZIONE SUPERIORE ELENA DI SAVOIA – LUIGI RENDINA Collegio dei docenti Lunedì 21 novembre 2011 ore 15:00 – 18:00 Collegio n. 2 a.s.: 2011/2012."— Transcript della presentazione:

1 ISTITUTO DISTRUZIONE SUPERIORE ELENA DI SAVOIA – LUIGI RENDINA Collegio dei docenti Lunedì 21 novembre 2011 ore 15:00 – 18:00 Collegio n. 2 a.s.: 2011/2012

2 2 1. Lettura e approvazione verbale seduta precedente; 2. Notifica dei nominativi dei Collaboratori della Presidenza; 3. Definizione tipologia delle verifiche nelle classi del biennio; 4. Griglia di valutazione; 5. Sostituzione dei docenti assenti; 6. Commissioni; 7. Gruppo H; 8. Ora alternativa allinsegnamento della religione cattolica; 9. Proposte operative e progetti per la definizione del POF; 10. Individuazione delle aree da assegnare alle Funzioni Strumentali; 11. Criteri per lindividuazione delle Funzioni Strumentali; 12. Comitato per la valutazione dei docenti; 13. Nomina Tutor; 14. Adesione attività sportiva extra curriculare; 15. Richiesta attivazione B2 - indirizzo Turismo; 16. Varie ed eventuali; 17. Comunicazioni del Dirigente Scolastico: 1. Registro classi articolate; 2. Comunicazioni ; 3. Orario incontro Scuola Famiglia.

3 Punto n. 1 allordine del giorno Lettura ed approvazione del verbale della seduta precedente 3 Viene letto e sottoposto allapprovazione del Collegio dei Docenti il verbale della riunione precedente. (Verbale n. 1 del 1^ settembre 2011)

4 Punto n. 2 allordine del giorno 1/2 Notifica dei nominativi dei collaboratori della Presidenza 4 1. Prof. Eliseo Davide: I Collaboratore (Docente con funzione vicarie) con i seguenti incarichi: a) In caso di assenza sostituto del DS b) Rapporti con Enti esterni c) Controllo adempimenti coordinatori di classe d) Rapporti con le famiglie e) Ufficio Tecnico f) Verbale Collegio Docenti (a rotazione) g) Organizzazione attività collegiali h) Organizzazione sostituzione docenti assenti 2. Prof.ssa Saltarin Emanuela: II Collaboratore con i seguenti incarichi: a) In caso di brevi assenze sostituto del DS b) Controllo adempimenti docenti c) Controllo e riepilogo mensile delle sostituzioni d) Controllo adempimenti docenti, assistenti, alunni e famiglie relativamente al sostegno e) Verbale Collegio Docenti (a rotazione) f) Rapporti con le famiglie g) Organizzazione sostituzione docenti assenti

5 Punto n. 2 allordine del giorno 2/2 Notifica dei nominativi dei collaboratori della Presidenza 5 1. Prof.ssa Munzi Paola: Staff di Presidenza con i seguenti incarichi: a) Gestione dei permessi e del relativo recupero da parte dei docenti b) Esame documentazione alunni c) Supervisione delle operazioni delle attività collegiali d) Organizzazione corsi di recupero 2. Prof.ssa Equizi Silvia: Staff di Presidenza con i seguenti incarichi: a) Organizzazione e gestione progetti dellIstituto b) Rapporti con le famiglie c) Controllo adempimenti alunni d) Organizzazione corsi di recupero

6 Punto n. 3 allordine del giorno Definizione tipologia delle verifiche nelle classi del biennio 6 Pertanto con le tabelle allegate sono state individuate, in accordo con la Direzione generale per listruzione e formazione tecnica superiore, le tipologie di prove e le corrispondenti modalità di espressione del voto in sede di scrutini intermedi, relative a ciascun insegnamento dei primi due anni dei percorsi di istruzione secondaria di II grado. E evidente che la previsione di più voti è contemplata per le discipline nelle quali la produzione scritta, pratica o grafica sia irrinunciabile, anche alla luce delle Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento dei percorsi liceali e delle distinte Linee guida per gli istituti tecnici e per gli istituti professionali.

7 Punto n. 3 allordine del giorno Definizione tipologia delle verifiche nelle classi del biennio 7 Va, comunque, sottolineato che la valutazione è espressione dellautonomia professionale propria della funzione docente e che le istituzioni scolastiche potranno individuare e adottare, nella loro autonomia e nellambito delle prove previste per ciascun insegnamento (scritte, orali, pratiche e grafiche), modalità e forme di verifica che ritengano funzionali allaccertamento dei risultati di apprendimento, declinati in competenze, conoscenze e abilità, di cui ai Regolamenti di riordino e al D.M. 139/2007 relativo allobbligo distruzione. Ciò significa che, anche nel caso di insegnamenti ad una prova, il voto potrà essere espressione di una sintesi valutativa frutto di diverse forme di verifica: scritte, strutturate e non strutturate, grafiche, multimediali, laboratoriali, orali, documentali, ecc. Infatti, come già indicato nella citata circolare del 9 novembre 2010, le verifiche possono prevedere, a solo titolo di esempio e in relazione alle tipologie individuate dalle istituzioni scolastiche, modalità scritte anche nel caso di insegnamento a sola prova orale. Appare opportuno aggiungere che, in ogni caso, unampia varietà di forme di verifica concorre a valorizzare pienamente i diversi stili di apprendimento, le potenzialità e le diverse attitudini degli studenti

8 Punto n. 3 allordine del giorno Definizione tipologia delle verifiche nelle classi del biennio 8

9 Punto n. 4 allordine del giorno Griglia di valutazione 9 Gravemente insufficiente (da 1 a 3): gravi lacune nelle conoscenze; notevoli difficoltà nellesposizione e nellelaborazione dei contenuti; scarso impegno nello studio; comportamento passivo e demotivato; frequenza saltuaria. Insufficiente (4): conoscenze frammentate e lacunose; comprensione e rielaborazione non adeguate; uso approssimativo dei linguaggi specifici; impegno limitato nello studio e modesta partecipazione. Mediocre (5): conoscenze parziali o, comunque approssimative e non organiche; uso non sempre corretto dei linguaggi specifici; impegno incostante o poco fruttuoso nello studio; partecipazione relativa.

10 Punto n. 4 allordine del giorno Griglia di valutazione 10 Sufficiente (6): conoscenze e competenze solo essenziali; comprensione e rielaborazione adeguate; uso accettabile dei linguaggi specifici; sufficiente impegno nello studio e partecipazione costante. Discreto (7): conoscenze e competenze sicure; discrete capacità di comprensione; uso corretto dei linguaggi specifici; soddisfacente e costante impegno nello studio; partecipazione attiva. Buono (8-9): conoscenze ampie ed articolate; buone capacità di comprensione, rielaborazione e collegamento; uso appropriato e sicuro dei linguaggi specifici; valide capacità critiche; impegno profondo nello studio; presenza di vari interessi culturali. Ottimo (9-10): conoscenze complesse e approfondite; ottime capacità di comprensione; rielaborazione e collegamento; uso spigliato dei linguaggi specifici; valide capacità di critica e di deduzione logica; notevole impegno nello studio e presenza di vari interessi culturali; iniziative personali e partecipazione costruttiva

11 Punto n. 4 allordine del giorno Voto di comportamento VOTO 10 Frequenza assidua, puntualità in classe, partecipazione consapevole e motivata al dialogo educativo; Puntuale rispetto delle consegne e del regolamento di istituto; Rispetto di tutti coloro che operano nella scuola, rispetto degli spazi, arredi scolastici e beni altrui; Disponibilità a collaborare costruttivamente con insegnanti e compagni al raggiungimento degli obiettivi formativi. VOTO 9 Frequenza assidua, puntualità in classe, partecipazione diligente alle lezioni e alle attività curricolari proposte in orario curricolare, puntuale rispetto delle consegne e del regolamento di Istituto; Rispetto di tutti coloro che operano nella scuola, rispetto degli spazi, arredi scolastici e dei beni altrui; Disponibilità a collaborare costruttivamente con insegnanti e compagni al raggiungimento degli obiettivi formativi. VOTO 8 Frequenza nel complesso regolare, rispetto sostanziale delle consegne e del regolamento di Istituto; Rispetto di tutti coloro che operano nella scuola, rispetto degli spazi, degli arredi scolastici e dei beni altrui; Nel complesso disponibilità a collaborare con insegnanti e compagni al raggiungimento degli obiettivi formativi. IIS "Elena di Savoia - Luigi Rendina" 11

12 Punto n. 4 allordine del giorno Voto di comportamento VOTO 7 Presenza di richiami scritti nel registro di classe; Frequenza irregolare, scarsa puntualità in classe, numerose richieste di permessi di entrata o di uscita anche in concomitanza di verifiche scritte o orali, assenze ingiustificate ripetute, frequenti inadempienze anche se non gravi alle consegne o al regolamento di Istituto; Episodica mancanza di rispetto nei confronti di coloro che operano nella scuola, nei confronti della struttura scolastica, degli arredi scolastici e dei beni altrui. VOTO 6 Presenza di più richiami scritti nel registro di classe per più infrazioni disciplinari; Ripetuta inosservanza delle consegne e del regolamento di Istituto; Comportamenti episodici che violino il rispetto e la dignità della persona (offese verbali, sottrazione di beni altrui, utilizzo improprio e/o doloso di spazi, attrezzature, strumenti elettronici, informatici e cellulari); Grave mancanza di rispetto delle strutture, degli arredi scolastici, sottrazione di beni altrui; Atti di para-bullismo. IIS "Elena di Savoia - Luigi Rendina" 12

13 Punto n. 4 allordine del giorno Voto di comportamento VOTO 5 Violazioni gravi dei regolamenti che possono anche configurare ipotesi di reato, uso o spaccio di sostanze stupefacenti negli spazi scolastici, minacce, ingiurie, violenza privata, atti che creino situazioni di pericolo per l'incolumità delle persone; Violazione dei regolamenti scolastici concernenti audio e videoregistrazioni e qualsivoglia altra violazione della privacy; Ogni altro atto penalmente perseguibile e sanzionabile; Quanto previsto dallart. 4 del D.M. 5/09 Criteri ed indicazioni per lattribuzione di una votazione insufficiente; Per offese al decoro personale, alla religione e alle istituzioni; Per offese alla morale o per oltraggio allIstituto o al corpo insegnante. IIS "Elena di Savoia - Luigi Rendina" 13

14 Punto n. 5 allordine del giorno 1/2 Sostituzione dei Docenti assenti 14 In caso di parere favorevole si invitano i docenti che siano interessati a sostituire a pagamento i colleghi assenti, a presentare domanda, su modello già predisposto, presso lufficio di segreteria docenti.

15 Punto n. 5 allordine del giorno 2/2 Sostituzione dei Docenti assenti 15 Criteri per lassegnazione delle ore a pagamento in sostituzione dei docenti assenti: 1. Docente della classe; 2. Docente della stessa materia; 3. Altro docente.

16 Punto n. 6 allordine del giorno Commissioni 16 COMMISSIONI ORIENTAMENTO Referente Dirigente Scolastico Componenti Badia Cappelletti Donati Mancini Petrellese Cervale Cicconi Lombardi VIAGGI DI ISTRUZIONE Referente Fiamma Componenti Botta Equizi Mancini

17 Punto n. 7 allordine del giorno Gruppo GLH 17 Docenti HDocentiGenitoriAlunni Tutti gli Insegnanti di sostegno in servizio Marinacci R.Alessandri G. (Giulio)Alexsandris I. (4°A li) Botta A.Di Lorenzo (Simone)Di ventura E. (3°B pr) Presidente commissione: D.S. Prof.ssa Pasqualina Tarullo Coordinatore commissione: Prof.ssa Daniela Tracanna Segretario Verbalizzante: Prof.ssa Emanuela Saltarin Fanno parte del gruppo H anche rappresentanti della ASL e del Comune.

18 Punto n. 8 allordine del giorno Attività alternativa allora di religione 18

19 Punto n. 8 allordine del giorno Attività alternativa allora di religione 19

20 Punto n. 8 allordine del giorno Attività alternativa allora di religione 20

21 Punto n. 9 allordine del giorno Proposte operative e progetti per la definizione del POF 21 Ulteriori progetti da inserire nel POF per il corrente anno scolastico dovranno essere presentati, presso la segreteria alunni, entro mercoledì 30 novembre I modelli sono reperibili presso la segreteria suddetta.

22 Punto n. 9 allordine del giorno Proposte operative e progetti per la definizione del POF 22 Criteri di priorità dei progetti: 1. Prosecuzione dei progetti in atto 2. Finanziamento esterno 3. Coinvolgimento di maggiore numero di alunni e di classi 4. Equa distribuzione tra i vari indirizzi

23 Punto n. 10 allordine del giorno Individuazione delle aree da assegnare alle Funzioni Strumentali POF 2. Orientamento e Sito web 3. Nuove tecnologie e gestione laboratori 4. Progetto ScuolaMia e Scrutinio elettronico 5. Scuola aperta

24 Punto n. 11 allordine del giorno Criteri per lindividuazione delle Funzioni Strumentali Docente di ruolo (punti 1 per ogni anno) 2. Segretario o coordinatore del consiglio di classe (punti 2 totali) 3. Membro del Consiglio di Istituto (punti 2 totali) 4. Collaboratore del Dirigente Scolastico (punti 2 totali) 5. Referente o membro di commissioni o di progetti (punti 2 totali).

25 Punto n. 11 allordine del giorno Criteri per lindividuazione delle Funzioni Strumentali 25 I progetti per lassegnazione delle Funzioni Strumentali, per il corrente anno scolastico dovranno essere presentati, presso la segreteria alunni, entro mercoledì 30 novembre 2011 I modelli sono reperibili presso la segreteria suddetta.

26 Punto n. 12 allordine del giorno Comitato per la valutazione dei docenti 26 Titolari: 1. Prof. ssa Di Stefano Clara 2. Prof.ssa Botta Annamaria Supplenti: 1. Prof.ssa Donati Francesca Saveria

27 Punto n. 13 allordine del giorno Nomina Tutor 27 Docente anno di prova: Prof.ssa Panzanaro Valentina Tutor: Prof.ssa Cervale Clementina Supplente Tutor: Prof.ssa Croce Lore

28 Punto n. 14 allordine del giorno Adesione attività sportiva extra curriculare 28 Partecipazione ai Centri Sportivi Studenteschi (attività esterne pomeridiane): Impegno per 1 o 2 giorni settimanali max Orario dalle 14:00 alle 17:00 Attività: corsa campestre, calcio, rugby, pallavolo, orienteering, sci, atletica. Su ogni attività numero minimo alunni partecipanti: 15

29 Punto n. 15 allordine del giorno Richiesta attivazione indirizzo Turismo 29 Il Collegio deve esprimere parere sullattivazione del corso Turismo ed eventualmente demandare al Dirigente Scolastico le procedure necessarie per la richiesta.

30 Punto n. 16 allordine del giorno Varie ed eventuali 30 Relativamente alle classi articolate si stabilisce: lappello, in caso di sdoppiamento, verrà fatto congiuntamente dai docenti della prima ora La parte meno numerosa, accompagnata dal docente, si recherà in unaltra aula In caso di evacuazione, il controllo degli alunni verrà effettuato tramite il registro di classe o attraverso il registro personale del Docente presente. (I docenti coinvolti sono invitati a inserire nel proprio registro i moduli predisposti) Si notifica che per motivi tecnici le comunicazioni via verranno sospese Comunicazione orario incontro scuola famiglia dei docenti impegnati o con orario inferiore alle 18 ore settimanali

31 Fine IIS "Elena di Savoia - Luigi Rendina" 31 Grazie per lattenzione


Scaricare ppt "ISTITUTO DISTRUZIONE SUPERIORE ELENA DI SAVOIA – LUIGI RENDINA Collegio dei docenti Lunedì 21 novembre 2011 ore 15:00 – 18:00 Collegio n. 2 a.s.: 2011/2012."

Presentazioni simili


Annunci Google