La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Intervento studenti del terzo anno del c.d.l. Servizio Sociale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Intervento studenti del terzo anno del c.d.l. Servizio Sociale."— Transcript della presentazione:

1 Intervento studenti del terzo anno del c.d.l. Servizio Sociale

2

3 Wor Café

4 Lettura individuale documenti riguardanti la Global Agenda Rilettura in aula e prima discussione su contenuti e metodo WORLD CAFE Presentazione della galleria delle idee Le riflessioni emerse dal lavoro dellINTERO CORSO DI LAUREA Sono riassunte in questa presentazione

5 LA COSTITUZIONE Art. 2 – 3

6 Art. 19 Art. 21 Art. 18 Art. 16 Art. 13 Art. 48 LIBERTA

7 I DIRITTI Art. 4 Art. 10 Art. 24 Art. 29 Art. 32 Art. 33 Art. 38

8 I DIRITTI sono presentati nella Costituzione, ma anche in altri importanti testi normativi tra i quali : -La Dichiarazione dei diritti dellUomo e del cittadino -La DICHIARAZIONE UNIVERSALE dei DIRITTI UMANI, promossa dalle NAZIONI UNITE, firmata a Parigi nel 1948

9 Tutti gi esseri umani nascono uguali in dignità e diritti, essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza (Primo articolo Dichiarazione Universale dei Diritti Umani)

10 I Diritti fondamentali sono dunque definiti, sanciti, scritti, ma spesso restano tali…

11 non vengono garantiti a tutti gli uomini, ma solo ad alcuni, a coloro che conoscono e hanno i mezzi per pretendere la DIGNITÀ UMANA che gli spetta

12 Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate nella presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione … (secondo articolo Dichiarazione Universale dei Diritti Umani)

13 Dalle nostre riflessioni è emerso, che per permettere un effettivo e concreto ESERCIZIO dei diritti da parte di TUTTI, questi, devono per prima cosa, essere CONOSCIUTI

14 Ad ogni individuo deve essere assicurata la possibilità di CONOSCERE, di divenire CONSAPEVOLE di ciò che, in quanto essere umano, gli spetta e gli deve essere garantito

15 Un popolo consapevole è un popolo che pensa e non subisce passivamente (Mazzini 1870) Conoscere i propri diritti è una premessa per poterli esercitare, per garantire una pratica attiva della cittadinanza

16 CONSAPEVOLEZZA E CONOSCENZA possono essere ottenute con lINFORMAZIONE Il cittadino informato può decidere, il cittadino disinformato crede di decidere; disinformare è il miglior modo di dare ordini

17 INFORMARE tutti i soggetti rispetto ciò a cui hanno diritto, dovrebbe essere secondo noi compito della COLLETTIVITÀ e sicuramente dellASSISTENTE SOCIALE attraverso: - lassociazione tra colleghi - la rete - la costituzione di ununica voce

18 Solo con linformazione e la consapevolezza gli individui possono sviluppare la capacità di DECIDERE, di SCEGLIERE e di non accettare passivamente gli eventi a cui sono sottoposti pretendendo il rispetto della propria DIGNITÀ in quanto UOMINI e DONNE

19 La CULTURA e lINFORMAZIONE : Mettono a disposizione delle persone i mezzi necessari per comprendere il mondo e per esserne attori partecipi Aiutano a sostenere i valori umani che contribuiscono a determinare il BENESSERE individuale e collettivo, rendendo le persone più INDIPENDENTI, consce delle proprie OPPORTUNITÀ e dei propri DIRITTI

20 Laltra faccia della medaglia

21 Linformazione in quanto tale viene filtrata… … e troppo spesso si trasforma in disinformazione, in comunicazione superficiale e banale!

22 … per capire la storia non serve un discorso più grande; signorina cultura si spogli e dia qui le mutande … … è che il pubblico vuole si parli più semplicemente: così chiari e precisi e banali da non dire niente … Guccini … la cultura ti alza la voce; un miliardo di analfabeti per una cultura di pace … Ligabue

23 Questa DISINFORMAZIONE crea una pericolosa ALTERAZIONE DELLA PERCEZIONE DELLA REALTA LARGO AI GIOVANI TOSSICI VIOLENTI SENZA SOGNI NE' FUTURO

24 Vengono sviluppate allora politiche non fondate su verità e reali necessità della popolazione

25 Il risultato: DISUGUAGLIANZA Mina cantava: Parole, parole, parole soltanto parole … caramelle non ne voglio più!! Un insolito motto per una comunità scientifica che non vuole più vedersi addolcita la pillola da politiche diseguali, insufficienti, inadeguate ai bisogni della popolazione????

26 Il paradosso del circolo vizioso dellinformazione Richiesta di concretizzazione del diritto allinformazione Filtrato da chi detiene il potere Disinformazione e alterazione percezione della realtà Politiche SBAGLIATE e INADATTE DISUGUAGLIANZA e mancata concretizzazione del diritto

27 Reciprocità è la base essenziale per il moderno concetto di diritti umani

28 Reciprocità ciascuno ha diritti e doveri: il DIRITTO DI CIASCUNO È UN DOVERE PER LALTRO

29 Rispetto Reciprocità Libertà Uguaglianza

30 Rispetto Sentimento e comportamento informati alla consapevolezza dei diritti e dei meriti altrui, dell importanza e del valore morale, culturale di qualcuno. (Dizionario della lingua italiana, Sabatini Coletti) RICONOSCIMENTO DELLALTRO nella sua UNICITÀ e in quanto soggetto dotato di DIRITTI.

31 La professione si fonda sul valore, sulla dignità e sulla unicità di tutte le persone, sul rispetto dei loro diritti universalmente riconosciuti e delle loro qualità originarie, quali libertà, uguaglianza, socialità, solidarietà, partecipazione, nonché sulla affermazione dei principi di giustizia ed equità sociali. Art. 5 – Codice Deontologico dellAssistente Sociale

32 Osservanza puntuale di una norma, adempimento scrupoloso di un obbligo. (Dizionario della lingua italiana, Sabatini Coletti) Rispetto

33 La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo […] e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale. (Art. 2 Cost.) Diritto di voto come dovere civico Dovere di fedeltà alla Repubblica Dovere di difesa della Patria Dovere di osservare la Costituzione e le leggi Dovere di concorrere alla spesa pubblica Doveri della famiglia

34 Il rispetto di un diritto/ dovere non dovrebbe sorgere solo dalladempimento di una norma… …ma innanzitutto dal riconoscimento dellessere … UOMO e CITTADINO

35 Come uomini e cittadini… Impegniamoci a costruire relazioni umane in grado di PROMUOVERE la persona, la comunità e lo sviluppo di una solidarietà.

36 D I R I T T I E D O V E R I Reciprocità Rispetto Solidarietà

37 Per una comunità: coesa responsabile solidale

38 COSA POSSIAMO FARE NOI ASSISTENTI SOCIALI???? INFORMARE INFORMARCI ESSERE INFORMATI

39 INFORMARE CITTADINI in un ottica di prevenzione del disagio sociale ( es. coinvolgimento dell assistente sociale nei progetti scolastici sulla legalità); rispetto all offerta territoriale dei servizi (es. Carta dei Servizi); rispetto ai loro DIRITTI di cittadino e ai doveri collegati ad esso. STRANIERI rispetto ai loro DIRITTI e DOVERI, in un ottica di integrazione sociale; portare essi a conoscenza dei servizi territoriali presenti, in un ottica di supporto all inserimento sociale.

40 UTENZA in relazione all offerta dello specifico servizio; rispetto ai loro DIRITTI. SERVIZI TERRITORIALI Informazione intesa come comunicazione e collegamento costante tra i diversi servizi territoriali in un ottica di lavoro di rete. E essenziale sottolineare l importanza della conoscenza dei DIRITTI da parte dei singoli soggetti in un ottica di costruzione dell identità sociale!! Compito dell Assistente Sociale favorire questo processo di informazione!!!

41 INFORMARSI Compito degli Assistenti Sociali è quello di INFORMARSI: Sia rispetto all evoluzione e ai cambiamenti che riguardano la professione; Sia rispetto all evoluzione normativa,regionale e nazionale, che riguardano la sfera sociale; Sia rispetto alla specificità territoriale in cui il servizio è inserito. FORMAZIONE COSTANTE DELL ASSISTENTE SOCIALE!!!

42 ESSERE INFORMATI L ASSISTENTE SOCIALE DEVE ESSERE INFORMATA COSTANTAMENTE ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI

43 COSA POSSIAMO FARE NOI ASSISTENTI SOCIALI???? MACRO : GOVERNO ASSISTENTE SOCIALE Collegamento tra due mondi istituzionali lontani perché: * capacità di farsi sentire attraverso l Ordine degli A.S. * vicino ai cittadini capace di comprenderne bisogni * capacità di relazionarsi con gli organi politici e i policy makers MICRO : COMUNITA TERRITORIALE

44 COSA POSSIAMO FARE NOI ASSISTENTI SOCIALI???? FOUND RAISING SITUAZIONE ATTUALE SEGNATA DA UNA PROFONDA CRISI ECONOMICA CONSEGUENZA * INCREMENTO DEI BISOGNI DELLE PERSONE, COME SINGOLI, MA SOPRATTUTTO COME FAMIGLIE * DECREMENTO DELLE RISORSE A DISPOSIZIONE DEI SERVIZI A.S. Deve ricercare soluzioni alternative all interno del territorio mettendo in gioco la CREATIVITA!!

45 COSA POSSIAMO FARE NOI ASSISTENTI SOCIALI???? Coinvolgimento attivo dellutente nel suo progetto di cambiamento approccio coevolutivo Partecipazione Attivazione Capability approach If you are coming to help me, you are wasting your time. But if you are coming because your liberation is bound with mine, Then let us work together !!!! E M P O W E R M E N T

46


Scaricare ppt "Intervento studenti del terzo anno del c.d.l. Servizio Sociale."

Presentazioni simili


Annunci Google