La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Bilancio pubblico e distribuzione personale del reddito Massimo Baldini Università di Modena e Reggio Emilia Ciclo di conferenze su Diseguaglianza, povertà

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Bilancio pubblico e distribuzione personale del reddito Massimo Baldini Università di Modena e Reggio Emilia Ciclo di conferenze su Diseguaglianza, povertà"— Transcript della presentazione:

1 Bilancio pubblico e distribuzione personale del reddito Massimo Baldini Università di Modena e Reggio Emilia Ciclo di conferenze su Diseguaglianza, povertà e politiche pubbliche Fondazione istituto Gramsci Emilia Romagna Bologna, 30 marzo 2010

2 Analisi normativa: Il ruolo dello Stato in uneconomia di mercato –Perché lo Stato interviene? –Eguaglianza ed efficienza Analisi positiva: lattività redistributiva dellintervento pubblico: strumenti ed effetti –Tassazione –Spesa pubblica in denaro e in natura –In Italia e altrove

3 Allocazione (efficienza) Redistribuzione (equità) Stabilizzazione Cosa fa lo Stato: Richard Musgrave,The Theory of Public Finance Mc Graw Hill, New York 1959 Ha schematizzato le 3 funzioni fondamentali dello Stato:

4 ALLOCAZIONE Lo Stato dovrebbe garantire lefficienza del sistema economico, superando i fallimenti del mercato, attraverso: Produzione pubblica Produzione pubblica Regolamentazione di attività privateRegolamentazione di attività private TassazioneTassazione

5 REDISTRIBUZIONE Obiettivo: realizzare una equa distribuzione delle risorse Lo Stato corregge la distribuzione delle risorse realizzata dal mercato attraverso: Trasferimenti monetari Imposte Offerta di servizi (trasferimenti in kind) : asili, scuole, sanità, …

6 STABILIZZAZIONE Lo Stato regola il livello dellattività economica, con gli obiettivi del pieno impiego e di una inflazione sotto controllo attraverso: La manovra delle spese e delle imposte Misure che incentivano lattività produttiva Musgrave scrive negli anni 50, quando domina la lezione di Keynes: grande fiducia nella capacità di G e T di influenzare il livello di attività economica

7 Lapproccio normativo: Leconomia del benessere Primo teorema delleconomia del benessere: Un equilibrio di concorrenza perfetta è efficiente (Pareto-ottimale)

8 La mano invisibile di A. Smith. Teoria dei sentimenti morali, 1759 Ricchezza delle nazioni, 1776: –Every individual...generally, indeed, neither intends to promote the public interest, nor knows how much he is promoting it. … and by directing that industry in such a manner as its produce may be of the greatest value, he intends only his own gain, and he is in this, as in many other cases, led by an invisible hand to promote an end which was no part of his intention. –It is not from the benevolence of the butcher, the brewer, or the baker, that we expect our dinner, but from their regard to their own interest. We address ourselves, not to their humanity but to their self-love, and never talk to them of our necessities but of their advantages.

9 Offerta aggregata Domanda aggregata P Q A sinistra del punto di equilibrio, il beneficio marginale di una unità di bene è superiore al suo costo marginale È socialmente efficiente aumentare Q A destra del punto di equilibrio, il beneficio marginale di una unità di bene è inferiore al suo costo marginale È socialmente efficiente diminuire Q In equilibrio, la curva di domanda (beneficio marginale) interseca la curva di offerta (costo marg.) B=C

10 A B 0 U1U1U1U1 U2U2U2U2 C La frontiera delle utilità è linsieme delle allocazioni efficienti A e C sono ottimi Paretiani B non è un ottimo Paretiano Area dei possibili miglioramenti paretiani a partire da B

11 Il primo teorema vale solo se non sono presenti fallimenti del mercato: Monopolio e altre forme di mercato non concorrenziali Beni pubblici Esternalità Asimmetrie informative

12 2 motivazioni per lintervento pubblico:

13 Se sono presenti forme di fallimento del mercato, lintervento dello stato è giustificato per correggere lesito del mercato : * Fornitura di beni pubblici * Antitrust e regolazione dei mercati * Riduzione degli effetti negativi delle esternalità * Fornitura di b/s che non sarebbero forniti in quantità ottimale a causa delle asimmetrie informative: tra questi, anche la redistribuzione (come forma di assicurazione (velo di ignoranza)) 1) Giustificazione di efficienza

14 Quanto siamo disposti a redistribuire le risorse rispetto allallocazione prodotta dal mercato? Per trovare l ottimo sociale, cioè una allocazione che è non solo efficiente, ma anche equa, è necessario disporre di un criterio di scelta tra i punti della frontiera dellutilità 2) Giustificazione di equità Lequilibrio concorrenziale può essere efficiente, ma non è detto che sia anche equo, cioè che corrisponda ai giudizi di valore distributivi che la società esprime.

15 Se lallocazione di equilibrio concorrenziale non corrisponde allottimo sociale, come possiamo arrivarci? Secondo teorema delleconomia del benessere: Ogni allocazione Pareto-ottimale può essere raggiunta con un equilibrio concorrenziale mediante luso di imposte o trasferimenti in somma fissa (lump sum taxes)

16 Il I teorema ci dice solo che il processo di scambio concorrenziale ci porta su un punto che si trova sulla frontiera delle utilità, ma può darsi che esso non corrisponda allottimo sociale. Con imposte/trasferimenti lump sum, lo Stato può cambiare le dotazioni iniziali, dopodichè il processo di scambio porterà leconomia al punto desiderato sulla FU. E una giustificazione di equità dellintervento pubblico

17 Lump sum tax: E unimposta (o trasferimento) sul cui ammontare il contribuente (o beneficiario) non può influire modificando i propri comportamenti E una imposta non distorsiva, che non fa perdere efficienza Non altera i comportamenti individuali, perché è commisurata a fattori esogeni, al di fuori dei comportamenti individuali Non modifica i prezzi relativi

18 Esempi di Lump sum tax Imposta fissa: X euro allanno per ogni cittadino Imposta commisurata al colore degli occhi Imposta commisurata al QI Imposta legata allabilità individuale

19 Se valgono entrambi i teoremi dellEconomia del Benessere, esiste separazione logica tra efficienza ed equità: La concorrenza genera una situazione di First Best (ottimo paretiano) Utilizzando lump-sum taxes si realizza la distribuzione desiderata del benessere tra gli individui (ottimo sociale)

20 In realtà non esiste un sistema di imposte in somma fissa in grado di svolgere i compiti redistributivi richiesti dal Secondo teorema perché richiede informazioni troppo elevate: Unimposta fissa uguale per tutti sarebbe troppo iniqua Bisogna commisurare le imposte al reddito o ad altri comportamenti osservabili (consumo, ecc.), ma allora lo stato introduce distorsioni sui comportamenti individuali, provocando perdite di benessere

21 Tentativi di correggere la distribuzione prodotta dal mercato determinano inefficienze, cioè Soluzioni di Second best Cè TRADE – OFF tra efficienza ed eguaglianza

22 A 0 U1U1U1U1 U2U2U2U2 Tutti i punti sulla frontiera sono di first best A= equilibrio concorrenziale B= ottimo sociale C= miglioramento max possibile C B Gli effetti distorsivi delle imposte e dei trasferimenti impediscono di arrivare in B.

23 A 0 U1U1U1U1 U2U2U2U2 Dato il trade-off, il grado di redistribuzione dipende dalla valutazione sociale sulla giusta distribuzione del reddito Non possiamo passare da A a B a causa del trade-off B Mercato Bentham Rawls

24 Esempi del trade-off tra eguaglianza ed efficienza: Se per aumentare il benessere dei poveri introduciamo unimposta molto progressiva sul reddito, i ricchi possono reagire lavorando meno, riducendo così il reddito nazionale, o evadendo di più; cè una riduzione dellefficienza del sistema, anche se il benessere sociale aumenta perché diamo molto peso allequità. Una forte imposta indiretta sui beni di lusso: se la gente smette di comprarli, chiudono le industrie che li producono, e lo stato non incassa gettito perdita secca Sussidi contro la povertà possono ridurre lofferta di lavoro dei poveri (trappola della povertà) Alte aliquote sui redditi da capitale possono scoraggiare il risparmio e quindi linvestimento

25 Nel tentativo di modificare le quote distributive….. …rischiamo di ridimensionare il pil

26 A. M. Okun: Equality and efficiency, The Big Tradeoff, 1975 Le società riescono a redistribuire reddito dal ricco al povero in un secchio bucato: durante il passaggio, una parte del denaro va perduto, cosicchè i poveri non ottengono tutte le risorse sottratte ai ricchi. Per trasferire 1 euro da un ricco ad un povero, quanti centesimi siamo disposti a sprecare nel passaggio? Friedman: pochi centesimi, perché lefficienza è prioritaria Rawls: anche 99 centesimi, perché lequità è prioritaria Okun: fino a 60 centesimi Non cè una risposta giusta o sbagliata, dipende dalle preferenze distributive della società.

27 Se la redistribuzione avviene non tra molto ricchi e molto poveri, ma tra redditi medio-alti e redditi medio-bassi, è ragionevole che la tolleranza per le perdite sia inferiore (Okun: indicativamente, <=15%).

28 Però: non è scontato che tra eguaglianza ed efficienza vi sia sempre un tradeoff. Vi sono molti canali attraverso cui leguaglianza (diseguaglianza) può influenzare positivamente (negativamente) la crescita. 1) Approccio della political economy: in democrazia, vince lelettore mediano; se cè poca diseguaglianza, lelettore mediano non è molto favorevole a politiche fortemente redistributive (alte aliquote fiscali, ecc.), e questo può favorire lofferta di fattori produttivi e la crescita. Viceversa, elevati livelli di diseguaglianza creano una domanda politica per la redistribuzione che può ridurre gli incentivi 2) Esternalità negative associate alla diffusione della povertà (riduzione pace sociale, peggioramento generale qualità della vita…) 3) Sostegno alla propensione al rischio: redistribuzione come assicurazione.

29 4) Differenze tra classi sociali nella propensione al risparmio. 5) Diseguaglianza e mercato dei capitali: per prendere denaro a prestito occorre avere un certo patrimonio da offrire in garanzia alle banche in società molto povere e diseguali, ai poveri può essere negato laccesso al credito perché mancano di garanzie se il credito serve per: intraprendere una piccola attività commerciale; mandare i figli a scuola; seguire un corso di formazione; comprare input per mandare avanti la piccola attività; ecc; allora, la mancanza di credito rallenta la crescita economica. 6) Diseguaglianza e investimento in capitale umano: una distribuzione più equa della ricchezza e del reddito (anche con borse di studio) permette ad un numero elevato di famiglie di investire maggiormente nella qualità dei propri figli, e di mandarli a scuola più a lungo aumento del capitale umano nazionale maggiore crescita economica

30 In un contesto di second best (cè il tradeoff), quali sono gli obiettivi dellattività redistributiva pubblica? Fornire unassicurazione contro i rischi sociali (disoccupazione, malattia, invalidità…) Ridurre la diseguaglianza nella distribuzione del reddito Ridurre la diseguaglianza nella distribuzione delle opportunità Redistribuire tra fasi diverse del ciclo di vita

31 +Redditi da lavoro +Redditi da capitale +Redditi da pensioni private –Ammortamenti (per lavoratori autonomi e imprenditori) =Reddito originario (dei fattori di produzione) +Pensioni +Altri trasferimenti monetari (anf, a3f, maternità, altre forme di ass., p. sociale, invalidità, borse, assegni alimentari, regali, liquidazioni, arretrati, disoccupazione, social card) =Reddito lordo –Contributi sociali obbligatori –Imposte dirette (Irpef, Ici, sost. sui redditi di capitale, imposte separate) =Reddito disponibile –Imposte indirette (Iva, accise) =Reddito netto +Trasferimenti in kind (istruzione, sanità, edilizia residenziale pubblica) +Reddito imputato sull'abitazione in proprietà =Reddito finale Quanta redistribuzione: dal reddito originario al reddito finale

32 Il peso delle imposte dirette sul reddito familiare: Rapporto tra imposte dirette (Irpef e contributi a carico dei lavoratori) e reddito familiare Fonte: Oecd, Growing Unequal? 2008

33 La progressività delle imposte sul reddito: Quota delle imposte sul reddito (Irpef e cs a carico dei lavoratori) pagate dal 10% più ricco delle famiglie

34 Quota del reddito di mercato percepito dal 10% più ricco delle famiglie

35 Progressività del sistema delle imposte dirette (Irpef + cs sui lavoratori) = quota dellimposta pagata dal 10% + ricco / quota del reddito percepito dal 10% più ricco Lindert 2004

36 Limpatto redistributivo complessivo delle imposte dirette (Irpef e cs lavoratori): Riduzione percentuale della diseguaglianza nel passaggio dal reddito di mercato al reddito disponibile

37

38 Quota dei trasferimenti cash pubblici che va al 20% più povero delle famiglie

39 In genere, i trasferimenti monetari pubblici hanno un effetto redistributivo in media doppio rispetto alle imposte dirette (Irpef + cs lavoratori) In Italia limpatto dei trasferimenti monetari è inferiore alla media (per il peso molto elevato delle pensioni, poco redistributive), mentre è superiore alla media quello delle imposte dirette Gli Usa sono lunico caso in cui le imposte sul reddito hanno un effetto maggiore di quello dei trasferimenti in moneta

40 Trasferimenti monetari vs trasferimenti in natura Lo Stato esercita unattività redistributiva anche con i trasferimenti in natura, cioè servizi Meglio redistribuire trasferendo denaro o direttamente beni o servizi? –Ai poveri: dare denaro oppure un buono che permetta di acquistare cibo (food stamps)? –Ai non autosufficienti: denaro oppure case protette? –Ai bambini appena nati: denaro oppure un posto al nido?

41 Teoria neoclassica: il trasferimento in denaro realizza un aumento di utilità per il beneficiario che è almeno pari a quello conseguente al trasferimento in natura, e di solito è maggiore.

42 Allora perché si redistribuisce spesso in natura? 1) Garanzia per i contribuenti che il beneficiario consumi proprio determinati b/s e non sprechi il denaro ricevuto (sigarette / pannolini). 2) Servizi consentono di soddisfare bisogni più articolati e complessi, di garantire/verificare la qualità della prestazione 3) Asimmetrie informative: è più probabile che solo i soggetti davvero bisognosi facciano domanda (es. case popolari): –Trasferimento in denaro: i soggetti produttivi potrebbero fingere di essere poco produttivi per ricevere il trasferimento –Trasferimento in natura: solo i soggetti che davvero hanno bisogno di un certo servizio fanno domanda

43 Molti servizi pubblici tendono ad essere offerti in modo uniforme ed universale (sanità, scuola dellobbligo). Se vengono valutati al costo di produzione, il loro effetto redistributivo è molto forte, perché una stessa somma rappresenta una % alta del reddito dei poveri, bassa di quello dei ricchi

44 Limpatto redistributivo dei trasferimenti in natura: sanità, istruzione, case popolari Rapporto tra il reddito medio del 20% + ricco delle famiglie ed il 20% + povero, prima e dopo i trasferimenti in natura

45 12345totale Reddito originario 0.3%3%15%26%55%100.0% Reddito lordo 5%11%16%23%45%100.0% Reddito disponibile 7%13%17%23%40%100.0% Reddito netto 6%12%17%23%42%100.0% Reddito finale 9%14%18%22%37%100.0% Quote dei vari tipi di reddito equivalente possedute da ciascun quintile delle famiglie Qualche dato in più sullItalia

46 Prima dellintervento pubblico: Reddito originario 0.57 Dopo le pensioni e gli altri trasferimenti monetari: Reddito lordo 0.39 Dopo le imposte dirette: Reddito disponibile 0.33 Dopo le imposte indirette: Reddito netto 0.36 Dopo i trasferimenti in natura: Reddito finale 0.28 Come lintervento pubblico modifica la diseguaglianza nella distribuzione del reddito Indice di diseguaglianza di Gini

47 Incidenza delle imposte sul reddito lordo, per quintili di reddito disponibile equivalente

48 In UK ai poveri va ancora peggio: Glennerster 2009

49 Italia: Incidenza dei trasferimenti in natura per sanità e istruzione sul reddito lordo delle famiglie, ordinate per quintili di reddito disponibile

50 In sintesi: Incidenza di imposte e trasferimenti sul reddito lordo delle famiglie, ordinate per quintili di reddito disponibile

51 In Italia: Le imposte sono ben poco redistributive: le indirette annullano quasi leffetto delle dirette. Anche i trasferimenti monetari lo sono poco, a causa del peso dominante delle pensioni, in genere legate alla storia retributiva individuale. Forte effetto redistributivo dei trasferimenti in natura. Problema qualità.

52 Le tendenze recenti nei paesi ricchi ampliamento della base imponibile (quindi riduzione spazi esenzione / elusione) riduzione aliquote e numero scaglioni riduzione progressività aumento area esente (no tax area) forme di imposta negativa

53 La pressione fiscale sul pil

54 % famiglie incapienti per decile di reddito disponibile eq.

55 Possibile soluzione: limposta negativa Al di sotto di un certo livello di reddito, limposta diventa negativa, cioè un trasferimento monetario. NellIrpef, richiederebbe lintegrazione tra detrazioni e assegno familiare

56 Y O B C D A giorni di lavoro reddito sussidio Per ridurre leffetto di disincentivo: schemi tipo EITC: Earned Income Tax Credit Ricevo il sussidio solo se lavoro Non cè trade-off tra equità ed efficienza, perché lEitc redistribuisce il reddito E incoraggia il lavoro La redistribuzione non interferisce con il mercato

57 Commissione Onofri (1997): Universalismo selettivo: Scelta di un modello di riforma ispirato a principi di universalismo quanto ai beneficiari, ma selettivo nellerogazione Valutazione di un peso troppo ridotto della spesa per assistenza (in particolare rispetto a quella pensionistica) Ridurre la spesa pensionistica a favore di maggiore spesa per lavoro e assistenza Meno trasferimenti monetari e più servizi Maggiore decentramento Conferma di un sistema sanitario integrato Una Legge quadro per lassistenza Decentramento dellofferta dei servizi Cosa è stato fatto negli ultimi 15 anni

58 I governi di centrosinistra negli anni 90: Riforma delle pensioni nel 95 Sperimentazione del RMI Programmi per famiglie con tre figli Introduzione dellIse Fondo per laffitto Leggi Treu sul mercato del lavoro Legge generale sullassistenza Aumento detrazioni per figli

59 Il secondo governo Prodi ( ) Riforma della riforma Maroni Aumento pensioni basse Aumento aliquote contributive per autonomi e precari TFR alla previdenza complementare Ridisegno Irpef Ridisegno e aumento ANF Fondo Nidi Fondo NA Aumento indennità disoccupazione Aumento detrazioni affitto Edilizia residenziale Bonus incapienti Riduzione Ici

60 Attuale governo Berlusconi: Abolizione ICI prima casa Riduzione (poi abolita) tassazione straordinari Social Card Bonus famiglia Aumento temporaneo risorse per ammortizzatori sociali

61 Variazione percentuale del reddito disponibile equivalente al netto del fiscal drag per decili – tutte le famiglie

62 Ripartizione dei guadagni di reddito disponibile per decili

63 Incidenza dellIci sulla prima casa e dei due interventi di riforma.


Scaricare ppt "Bilancio pubblico e distribuzione personale del reddito Massimo Baldini Università di Modena e Reggio Emilia Ciclo di conferenze su Diseguaglianza, povertà"

Presentazioni simili


Annunci Google