La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

INCONTRO N.2 LE TRASFORMAZIONI RIVERGARO, 20 APRILE 2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "INCONTRO N.2 LE TRASFORMAZIONI RIVERGARO, 20 APRILE 2009."— Transcript della presentazione:

1 INCONTRO N.2 LE TRASFORMAZIONI RIVERGARO, 20 APRILE 2009

2 DEFINIZIONI Tutti i cambiamenti di stato dei corpi che non ne alterano la composizione sono di dominio della fisica. Tutti i cambiamenti delle condizioni dei corpi che sono accompagnati dal mutamento della loro composizione riguardano il campo della chimica. Tuttavia queste due classi di fenomeni sono così strettamente uniti tra loro che è impossibile tracciare un netto confine ODLING (1863) da Jurij Solovev Levoluzione del pensiero chimico dal 600 ai giorni nostri Mondadori (MI 1976)

3 PROBLEMA Identificazione della natura chimica delle sostanze prima e dopo la trasformazione per verificarne la natura: PROBLEMA TECNOLOGICO IDENTIFICAZIONE PROVVISORIA IN NATURA NON SI TROVANO SOSTANZE PURE MA SOLO MISCUGLI

4 Le TRASFORMAZIONI: FENOMENI FISICI GHIACCIOACQUA VAPORE ACQUEO SOLIDOLIQUIDOVAPORE

5 ACQUA GHIACCIO VAPORE ACQUEO DURO FREDDO VOLUME DEFINITO FORMA DEFINITA SOLIDO VOLUME DEFINITO FORMA VARIABILE LIQUIDO FORMA VARIABILE VOLUME VARIABILE VAPORE MOBILE LIQUIDA

6 TRASFORMAZIONI CHIMICHE DA SOSTANZE INIZIALI A, B C…. (REAGENTI) SI OTTENGONO SOSTANZE DIVERSE X, Y, Z… (PRODOTTI) ma Come posso verificare che A, B, C… = da X, Y, Z?

7 DEFINIZIONE OPERATIVA Con la definizione operativa si fa coincidere una grandezza fisica con la procedura sperimentale seguita per la sua misurazione. Percy W. Bridgman La definizione propria di un concetto va data non in termini di proprietà, ma in termini di operazioni effettive La definizione, dunque, di un fenomeno va vista e sarà valida esclusivamente nel contesto sperimentale che lha generata, al cambiare del contesto (strumenti e modalità di misurazione ecc…) potrà/dovrà variare anche la definizione CONTESTI SPERIMENTALI DIVERSI GENERANO DEFINIZIONI DIVERSE

8 UN ESEMPIO: DEFINIZIONE DI SOSTANZA PURA Sostanza pura: un corpo che possiede proprietà chimiche e fisiche ben definite, ad esempio: punto di fusione e densità (in certe condizioni), solubilità (in certi solventi). Una sostanza è pura a livello macroscopico quando permangono le stesse proprietà se sottoposta a ripetuti processi di purificazione (ad es. cristallizzazioni). Una sostanza è pura a livello microscopico se è costituita in ogni sua parte (di dimensioni adeguate) da insiemi identici di particelle microscopiche, molecole, atomi, ioni. è elementare una sostanza che non può essere ulteriormente decomposta (Lavoisier) /Iter3.htm

9 Concetto di reazione le reazioni degli elementi fra di loro dimostrano inequivocabilmente l'emergere di nuove proprietà CONSEGUENZE DIDATTICHE Possiamo verificare (parzialmente) solo laspetto macroscopico Dobbiamo individuare quali fenomeni ci fanno ipotizzare lavvenuta reazione: cambiamento di colore sviluppo di gas cambiamento di stato (attenzione! Controverso)


Scaricare ppt "INCONTRO N.2 LE TRASFORMAZIONI RIVERGARO, 20 APRILE 2009."

Presentazioni simili


Annunci Google