La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Doveri tu quando io creavo la terra? Dichiaramelo se hai intelligenza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Doveri tu quando io creavo la terra? Dichiaramelo se hai intelligenza."— Transcript della presentazione:

1

2 Doveri tu quando io creavo la terra? Dichiaramelo se hai intelligenza.

3 Chi ha stabilito le sue dimensioni, se lo sai? O chi tracciò su di essa la corda per misurarla? Dove sono fissate le sue fondamenta?

4 O chi pose la sua pietra angolare, quando le stelle del mattino cantavano tutte insieme e tutti i figli di Dio mandavano grida di gioia?

5 Chi rinchiuse il mare nelle sue porte, quando proruppe, come se uscisse dal grembo materno?

6 Quando gli diedi le nubi per vestito e per fasce loscurità?

7 Quando gli tracciai un limite e gli misi sbarre e porte, e dissi: Tu arriverai fin quì, ma non oltre. Quì si arresteranno le tue onde superbe!

8 Da quando vivi hai mai comandato al mattino o insegnato allaurora il suo posto, perché essa afferri le estremità della terra e ne scuota via i malvagi?

9 Essa si trasforma come creta sotto il sigillo, e le cose spiccano come un vestito.

10 Sei forse giunto fino alle sorgenti del mare, o sei mai andato in cerca delle profondità dellabisso? Ti sono state mostrate le porte della morte, o hai forse visto le porte dellombra di morte?

11 Hai mai considerato lampiezza della terra? Dillo se sai tutto questo.

12 Dovè la via che guida alla dimora della luce? E le tenebre, dovè il loro luogo, perché tu le possa condurre al loro posto, e possa conoscere i sentieri che portano alla loro casa?

13 Sei mai entrato nei depositi della neve?

14 Hai forse visto i depositi della grandine che io tengo in serbo per i tempi di calamità, per il giorno della battaglia e della guerra?

15 Per quale via si diffonde la luce o si propaga il vento orientale sulla terra?

16 Chi ha aperto un canale al turbine, e la via ai lampi e ai tuoni?

17 Facendo piovere sulla terra disabitata, e sul deserto dove non cè nessun uomo?

18 Per dissetare la terra deserta e incolta, e per far germogliare e crescere lerba?

19 La pioggia ha forse un padre? O chi genera le gocce della rugiada?

20 Dal grembo di chi esce il ghiaccio? E la brina del cielo chi la dà alla luce? Le acque si induriscono come pietra, e la superficie dellabisso si congela.

21 Puoi tu unire insieme i legami delle Pleiadi?

22 O sciogliere le catene di Orione?

23 Puoi tu far uscire a suo tempo le costellazioni del cielo?

24 O guidare lOrsa Maggiore con i suoi piccoli?

25 Conosci tu le leggi del cielo? O puoi tu stabilire il loro dominio sulla terra?

26 Puoi tu cacciare la preda per il leone? O saziare la fame dei leoncelli, quando si accovacciano nelle loro tane, o stanno in agguato nei loro nascondigli?

27 Chi prepara al corvo il suo alimento, quando i suoi piccini gridano a Dio, e vanno errando senza cibo?

28 Conosci tu il tempo in cui figliano le capre delle rocce?

29 Hai osservato quando le cerve partoriscono? Sai tu contare i mesi in cui portano a termine la loro gravidanza, o conosci tu il tempo quando devono partorire? Si accovacciano e danno alla luce i loro piccoli, mettendo così fine alle loro doglie.

30 I loro piccoli si fanno forti, crescono allaperto; se ne vanno e non ritornano più da esse.

31 Chi lascia andare libero lonagro, chi ha sciolto i legami dellasino selvatico? Al quale ho assegnato come dimora il deserto e la terra salata per abitazione. Egli disprezza il frastuono della città e non ode grida di nessun padrone. Le ampie distese di montagna sono il suo pascolo, e va in cerca di tutto ciò che è verde.

32 Il bufalo è forse disposto a servirti o a passare la notte presso la tua mangiatoia? Puoi forse legare il bufalo con la corda, per arare nel solco? O erpicherà le valli dietro a te?

33 Ti fiderai di lui perché la sua forza è grande, e lascerai a lui il tuo lavoro? Conterai su di lui per portare a casa il tuo grano e per ammassarlo sullaia?

34 Hai dato tu le meravigliose ali al pavone reale?

35 Hai dato tu le ali e le piume allo struzzo? Esso infatti abbandona le proprie uova per terra, e le lascia riscaldare nella polvere, dimenticando che un piede li può schiacciare, o una bestia dei campi calpestarle.

36 Tratta duramente i suoi piccoli, come se non fossero suoi, ma la sua fatica senza alcun interesse è vana; perché Dio lha privato di sapienza, e non gli ha dato intelligenza. Ma quando si alza in piedi per scappare, si beffa del cavallo e del suo cavaliere.

37 Hai dato tu la forza al cavallo? E hai rivestito il suo collo con una fremente criniera?

38 Sei tu che lo fai saltare come una locusta? Il fiero suo nitrito incute spavento. Scalpita nella valle rallegrandosi della sua forza, e si slancia in mezzo alla mischia delle armi.

39 Sprezza la paura e non teme, nè indietreggia davanti alla spada. Su di lui risuona la faretra, la folgorante lancia e il giavellotto. Con ardore e impeto divora le distanze e non sta più fermo quando suona la tromba.

40 É forse per la tua intelligenza che si alza in volo lo sparviero e spiega le sue ali verso il sud?

41 É al tuo comando che laquila si leva in alto e fa il suo nido nei luoghi alti?

42 Abita sulle rocce, e rimane su rupi scoscese.

43 Da lassù spia la preda e i suoi occhi scrutano lontano.

44 I suoi piccoli succhiano sangue e dove sono gli uccisi, là essa si trova.

45 Guarda il behemoth, che ho fatto al pari di te; esso mangia lerba come il bue. Ecco la sua forza è nei suoi lombi, e la sua potenza nei muscoli del suo ventre.

46 Fa oscillare la sua coda come un cedro, i nervi delle sue cosce sono saldamente intrecciati. Le sue ossa sono forti come bronzo, e le sue membra come sbarre di ferro.

47 Esso è la prima delle opere di Dio, solo colui che lo fece può avvicinarsi a lui con la sua spada. I monti producono lerba per lui; e ogni bestia del campo ruzzola là.

48 Si sdraia sotto le piante di loto, in luoghi nascosti dei canneti e delle paludi. Le piante di loto lo coprono con la loro ombra, i salici del torrente lo circondano.

49 Ecco il fiume può straripare, ma egli non ha paura; è sicuro di sè, anche se il Giordano dovesse avventarsi contro la sua stessa bocca. Chi mai potrà prenderlo per gli occhi o forargli il naso con uncini?

50 Puoi tu tirar fuori il Leviathan con lamo, o tener ferma la sua lingua con la corda? Puoi tu mettergli un giunco al naso, o forargli la mascella con un uncino?

51 Farà egli un patto con te, perché tu lo prenda come servo per sempre? Scherzerai tu con lui come con un uccello, o lo terrai al guinzaglio per le tue fanciulle?

52 Puoi tu coprire la sua pelle di dardi o la sua testa con arpioni? Mettigli le mani addosso; ti ricorderai del combattimento e non ci riproverai.

53 Chi può spogliarlo della sua corazza, e chi può avvicinarlo con una doppia briglia? Chi può aprire le porte della sua bocca circondata comè dal terrore dei suoi denti?

54 Le file dei suoi scudi sono il suo orgoglio, esse sono strettamente saldate insieme come da un sigillo. Luno è così vicino allaltro che tra loro non passa neppure laria. Sono attaccati gli uni agli altri, saldamente uniti insieme, e non possono separarsi.

55 I suoi starnuti danno guizzi di luce e i suoi occhi sono come le palpebre dellaurora. Dalla sua bocca escono vampate, sprizzano scintille di fuoco. Dalle sue narici esce fumo, come da una pentola bollente o da un calderone.

56 La spada che lo raggiunge non gli fa nulla, e neppure la lancia, la freccia e il giavellotto. Considera il ferro come paglia e il bronzo come legno tarlato. La freccia non lo mette in fuga; le pietre della fionda per lui diventano stoppia.

57 Fa bollire labisso come una caldaia e fa del mare come un vaso dunguento. Si lascia dietro una scia di luce e labisso sembra coperto di canizie. Sulla terra non cè nulla simile a lui, che è stato fatto senza paura.

58


Scaricare ppt "Doveri tu quando io creavo la terra? Dichiaramelo se hai intelligenza."

Presentazioni simili


Annunci Google